Gastroenterologia Ospedale Vicenza

 
3.5 (3)
Scrivi Recensione
Il reparto di Gastroenterologia dell'Ospedale San Bortolo di Vicenza, situato in via Rodolfi 37, ha come Direttore il Dott. Prof. Mario Salvagnini. Il reparto si occupa di endoscopia digestiva, fisiopatologia digestiva, diagnostiche e terapeutiche, malattie delle prime vie digestive, malattie infiammatorie intestinali, epatologia, malassorbimento, pancreopatie. Fanno parte dell'equipe medica di reparto i dirigenti medici Dr.ssa Tosca Bertin, Dr.ssa Valeria Bertoncello, Dr. Roberto Castaman, Dr. Giovanni Cataudella, Dr. Lucio Cuoco, Dr. Alessandro D'Alessandro, Dr.ssa Daniela Di Muzio, Dr.ssa Maria Cristina Fanton, Dr.ssa Luisa Milan.

Recensioni dei pazienti

3 recensioni

Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
3.7  (3)
Assistenza 
 
3.0  (3)
Pulizia 
 
4.0  (3)
Servizi 
 
3.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Visita ambulatoriale- dott. Cuoco

Ambulatorio affollato ma efficiente.
Distanza fisica tra ufficio ticket e ufficio prenotazioni dell'ambulatorio disarticolata e da razionalizzare, anche con una segnaletica migliore.
Da migliorare inoltre l'illuminazione della sala attesa dell'ambulatorio.
Ottimo il medico (dr. Cuoco) che mi ha visitata ed ottimo l'infermiere assistente.

Patologia trattata
Gastrite.



Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

errore sostituzione PEG

consiglio di evitare la dottoressa che ha fatto un errore di tecnica nella sostituzione di una PEG (operazione semplice a detta del personale medico dell'ospedale) ed ha inflitto una sofferenza incommensurabile ad una paziente che attualmente soffre tantissimo. non si è degnata neanche di accompagnare la paziente fuori dalla sala dell'intervento (20 passi) e l'ha riconsegnata ai familiari, che la accompagnavano tramite una infermiera, senza dire NIENTE. nelle prime 24 ore le complicanze per errore di tecnica non sono state chiarite da nessuno dei suoi colleghi, chiamati a remediare la situatione in quanto gravissima. l'evidenza dell'errore è stata sempre negata da tutti e si è evitato di dare una risposta chiara per definire lo stato della paziente. in piu l'eta della paziente fa scattare 'un tasto' che fa partire una frase (detta da tutti):'Se fosse mia madre io non lo farei. Io la lascerei cosi'. Questa fraze è stata sentita in altre due occasioni di visite di controllo nello stesso ospedale. Altro fatto: il continuo voler "disfarsi" della paziente rimandandola al domicilio in condizioni gravissime (nonostante la richiesta dei familiari di trattenerla sotto osservazione fino sera) per poi riportarla d'urgenza dopo qualche ora (due volte in 24 ore). cio che doveva essere un'operazione banale è stata gestita con troppa leggerezza a parer mio, con conseguenze che coinvolgono e cambiano la vita all'improviso anche alle tante persone vicine alla paziente.

Patologia trattata
sostituzione PEG.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ambulatorio Alcologia, ben diretto e gestito.

Ottimo ambulatorio: nella grande struttura. Dicono della malasanità, questo è un esempio di quella buona "sanità".
distinti saluti, roberto scalco.

Patologia trattata
cirrosi epatica.



Altri contenuti interessanti su QSalute