Pronto Soccorso Ospedale G. Di Cristina

 
2.5 (6)
Scrivi Recensione
Il reparto di Pediatria d'Urgenza e Pronto Soccorso Pediatrico dell'Ospedale Pediatrico Giovanni Di Cristina di Palermo, situato in piazza Montalto 2, ha come Direttore responsabile la dottoressa Fortunata Fucà. Il reparto esegue visite mediche specialistiche pediatriche, stabilizzazione dei pazienti critici, esecuzione di procedure diagnostiche e terapeutiche specifiche, gestione del ricovero nei reparti di degenza per la prosecuzione delle cure. Dispone inoltre di una sezione di Osservazione Breve per i pazienti provenienti dal pronto soccorso che richiedono un tempo breve di valutazione e per un rapido inquadramento diagnostico terapeutico. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici dott. Giuseppe Bellini, dott. Paola Colicchia, dott. Alessandro Campagna, dott. Michele Coniglio, dott. Valeria Conte, dott. Francesca D’Aiuto, dott. Valentina Frascapolara, dott. Caterina Lo Duca, dott. Antonio Ilardi, dott. Loredana Meschis, dott. Roberta Parrino, dott. Matilde Tantillo, dott. Simona Terrana, dott. Rossella Vinciguerra.

Recensioni dei pazienti

6 recensioni

5 stelle
 
(0)
 
(1)
 
(2)
 
(2)
 
(1)
Voto medio 
 
2.5
 
3.0  (6)
 
2.3  (6)
 
2.3  (6)
 
2.2  (6)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Senza parole

Mi sono recata domenica in ospedale perché la bambina di 4 anni accusava fortissimi dolori alle orecchie, oltre alle convulsione e apnee avute durante la notte, e la febbre... Dopo 3 ore circa di attesa (erano solo 6 i codici verdi e nessun codice giallo), entro e visitano mia figlia, mi comunicano che aveva una lieve otite e solo un po' di tosse, ma nulla di che. Io insisto che voglio far controllare la bambina da un otorino, essendo che ha adenoidi di 4° grado e da 3 settimane che prende antibiotico, nurofen, tachipirina e altre cose.. Mi dicono che non c'è nè l'urgenza e nè il bisogno che la bambina vada dallo specialista e mi prescrivono un altro antibiotico con atri spry nasali e gocce per l'orecchio. Me ne vado. Il giorno dopo la porto dall'otorino: le ha diagnosticato una otite bollosa emorragica, una sordità al 50% in un orecchio, bronchite e adenoidi di 4° grado. La bambina è da operare. Mi ha chiesto come mai i medici non hanno visto la gravità della situazione e non l'hanno ricoverata!?

Patologia trattata
Otite lieve.



Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Molto bene

Vorrei ringraziare il dottor Michele Coniglio perchè ha curato bene mia figlia.

Patologia trattata
Vomito.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Professionalità

Vorrei segnalare la professionalità e la dedizione del Dott. Michele Coniglio che con grande attenzione e bravura ha curato mio figlio affetto da bronchiolite, sono veramente soddisfatta.

Patologia trattata
Bronchiolite.

Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Soddisfatto

Ho trovato competenza e professionalità elevata, soprattutto nel Dott. Michele Coniglio, che con molta cura e perizia ha curato mio figlio dopo che aveva la febbre da 7 giorni e nessuno mi diceva niente.

Patologia trattata
Polmonite.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Amareggiato

Il 7 gennaio u.s. i miei figli gemelli di appena tre mesi hanno avuto problemi respiratori serissimi causa bronchiolite sospetta e curata. La pediatra consiglia massima urgenza con ricovero presso ospedale e mia moglie, disperata, si avventura presso la struttura in esame. Uno dei gemelli era in sincope, sembrava svenuto e aveva la bava alla bocca. Mia moglie si precipita al terzo piano dell'ospedale presso l'astanteria e lì assiste ad una pressochè totale e disarmante indifferenza: alcuni medici erano impegnati a prestare soccorso ad un altro paziente e ce n'era uno libero, Dr. Coniglio Michele pediatra, che con molta freddezza invitava mia moglie a non insistere alla richiesta di soccorso perchè altrimenti chiamava la "guardia" e le toglieva il bimbo. Mia moglie era in preda alla totale disperazione, si sentiva abbandonata e il bimbo pare non reagisse.. e con la bava alla bocca. Allora lei insisteva, ma il pediatra di cui prima, urlando e offendendo, cercava di intimorire mia moglie minacciando l'intervento delle forze dell'ordine, allorchè prende in mano il cellulare e poi mia moglie assiste d'improvviso stupita ad un capovolgimento di fronte: l'equipe medica distratta e il medico prendono in mano la situazione, finalmente! Sapete che lo stesso medico, solo dopo due giorni di ricovero, voleva dimettere i bimbi che non si erano ancora ripresi e che solo con nostra insistenza abbiamo ottenuto il diritto ad una cura di sei giorni presso la struttura a base di antibiotici e aerosol?
Il resto della terapia la stiamo proseguendo con ottimi risultati a casa.

Patologia trattata
Bronchiolite neonatale.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Indignata

premetto che non sono per gli affollamenti dei pronti soccorsi e quindi dopo varie crisi respiratorie tra la notte di lunedì e la mattinata di martedì della mia bambina, mi vedo, ahimè, costretta a portarla appunto al pronto soccorso nel pomeriggio con diagnosi, anticipata dalla mia pediatra, di polmonite.
arrivo, come dimostrato nel foglio che loro ti rilasciano all'accoglienza dopo una visita superficiale,alle ore 16.
Nel frattempo la bambina aveva ripreso a respirare meglio ma continuava ad avere una forte tosse quasi come si affogasse ogni qualvolta.
Raccontai delle crisi respiratorie, del parere della mia pediatra ma per loro l'unica cosa che conta all'ingresso è la saturazione, che in quel momento era ok, e quindi mi liquidano con un codice verde assegnato anche ai bambini con la sesta malattia che venivano al pronto soccorso solo perchè la pediatra non era di turno in quel momento e non si poteva aspettare l'indomani (ma questa è tutta un'altra storia!).
Bene... mi accomodo in quella che loro definiscono sala d'attesa.
E' mai possibile che dove devono attendere dei bambini tutto è sporco? i pavimenti con le chewingum attaccate? niente riscaldamenti? la corrente e gli spifferi d'aria?
faccio pazienza e mi accomodo sperando che la mia bambina nel frattempo non contragga altre infenzioni.

Patologia trattata
polmonite.


Altri contenuti interessanti su QSalute