Dettagli Recensione

 
Ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

La mia esperienza di interruzione di gravidanza

Non avrei mai immaginato di dovermi trovare un giorno a dover affrontare una decisione così lacerante per la mia anima come quella dell’interruzione volontaria di gravidanza. Sentivo di non poter decidere diversamente per la situazione in cui mi trovavo, ma al tempo stesso la mia anima non avrebbe mai e poi mai voluto prendere una tale decisione.
Non ho mai sofferto così tanto in vita mia, ho vissuto tutto lo smarrimento, la paura e il dolore di una croce che, ancora oggi, mi sembra davvero molto pesante da sopportare. Il pensiero di trovare una persona che potesse essere giudicata "umana" e in grado di mettere a proprio agio il paziente era la cosa più importante per me, era proprio quell'elemento che avrebbe determinato la scelta del medico a cui desideravo affidarmi.
L’idea che io avevo di “persona umana in grado di mettere a proprio agio le persone” era per me, prima che incontrassi il dottor Mario Riccio, qualcosa di astratto e vago. L’incontro con lui, avvenuto nella fase della formale procedura di accettazione, è qualcosa che posso indicare solo servendomi di un’immagine dei Vangeli nella quale è descritta la figura di Simone di Cirene che, sulla via del Calvario che conduceva al Golgota, aiuta il Cristo Gesù a portare la pesante Croce. È così che ho percepito, nel suo modo di accogliermi, di comprendermi e di tendermi la mano, la sua umanità, la sua fraternità.
Un’altra cosa che non avrei mai potuto immaginare è stato il colloquio con la psicologa, prima del quale lo valutavo qualcosa di puramente inquisitorio e formale. La realtà dei fatti ha capovolto completamente la mia idea. La dottoressa Barbara Riccio, psicologa, non solo non mi ha mai giudicata per la decisione presa, ma, al contrario, mi ha da subito capita e aiutata nell'affrontare una così dolorosa scelta. È stata molto disponibile ed umana e il suo sostegno è stato vitale affinché entrassi in sala operatoria tranquilla.
Ora mi rendo ben conto di quanto sia necessario il sostegno psicologico in ospedale, soprattutto in situazioni così delicate! Grazie a lei ho trovato la forza di entrare in sala operatoria senza sensi di colpa, ma con la consapevolezza che quella che stavo compiendo era una scelta (valutata e rivalutata più e più volte) legata a delle necessità del momento, una scelta dovuta ad una serie di problemi che mi impedivano di diventare mamma. Grazie a lei ho trovato la forza di non giudicarmi, ma di comprendermi. Questo è stato ciò che mi ha toccato e segnato profondamente.
L’incontro con delle persone dotate di profonda umanità e al tempo stesso di una grande professionalità. Allo stesso modo ho percepito anche il personale che coadiuva il dottor Riccio.
Oltre a sentire di volerli ringraziare profondamente per questo gesto di pura gratuità e disponibilità umana, sentivo di non poter fare a meno di dare una testimonianza di quanto il loro aiuto è stato per me importante.

Patologia trattata
Interruzione di gravidanza.

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute