Dettagli Recensione

 
Ospedale Umberto I di Torino
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie ad una grande équipe

Mio cugino Vittorio non ce l'ha più fatta. Dopo quattordici mesi di ospedale e due interventi di sostituzione della valvola andati a buon fine, è stato necessario intervenire di nuovo d'urgenza per un'endocardite massiva che non gli ha dato scampo.
Io ringrazio con tutto il cuore il dott. Gianluca Bardi e l'équipe che lo ha affiancato, e l'anestesista dott. Bianchi. Prima dell'intervento mi ha parlato con molta chiarezza: le condizioni del paziente erano disperate e il suo organismo ormai molto provato, e io lo sapevo perfettamente. Ma Vittorio era ancora relativamente giovane (57 anni) ed era giusto dargli ancora un'opportunità. Questo mi ha detto il dott. Bardi, pur sapendo che l'intervento era ad alto rischio, e mi ha trovata assolutamente d'accordo. Ho trovato l'approccio del dott. Bardi molto corretto e ne ho apprezzato la competenza, l'amabilità, l'empatia.
Dopo sette ore, a intervento finito, l'ho rivisto e gli ho letto in viso tutto... la fatica, lo stress, l'impegno immenso. Mi sono resa conto di quanto logorante sia questa professione e con quanta passione e determinazione lottino questi medici ogni giorno per salvare vite.
Dopo qualche giorno Vittorio se n'è andato perché ormai il suo destino era segnato, e noi ne eravamo consapevoli.
Che lotta, dott. Bardi! Grazie, grandi uomini che combattete ogni giorno. Grazie di cuore. Siete voi i veri eroi dei nostri tempi.

Patologia trattata
Endocardite severa.

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute