Dettagli Recensione

 
Ospedale Umberto I di Torino
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Mai Più

Sono Sara,
ho partorito al Mauriziano il 15 Febbraio del 2014.
Credo che la cosa più difficile da affrontare non sia stata nè il parto, nè il post-parto, ma tutto ciò che è successo durante e dopo il parto sia a livello di competenza professionale che di gentilezza e comprensione "umana" da parte del personale medico, ostetrico, infermieristico e oss.
Senza andare per le lunghe, mi hanno indotto il travaglio, perchè oltre il termine, con gel.
Mi hanno lasciata sola in travaglio a camminare in corridoio.
Non c'è una ostetrica che ti prende in carico ma capiti con chi trovi.
A travaglio avviato ti lasciano in un camerino... sola con tuo marito e premetto col dire che 'sto stanzino, che somiglia ad uno sgabuzzino, si trova vicino la sala visite dove ci sono tutte le altre donne che si recano lì per visite di routine.
Per cui vi lascio immaginare cosa vedono e cosa sentono...
Mi han rotto le acque a sei centimetri senza motivo, convinte che essendo il secondo figlio avrei partorito velocemente; peccato che sono stata una ora e mezza in sala parto a spingere dopo avermi aiutato a dilatare velocemente con ossitocina, pur non sentendo le spinte.
Alla fine ho chiesto il cesareo per i dolori lancinanti e perchè non sentivo progredire il mio bambino. Oltre allo sfinimento e alla fatica... dopo il cesareo mi hanno trattata male facendomi sentire in colpa per quello che era successo, il personale mi faceva battute ed era scortese..
Comunque alla fine la mia ginecologa, dopo che le presentai il referto delle dimissioni, mi disse che il bambino trovandosi in presentazione cefalica sacrale, ed essendo molto grosso, non poteva che finire in cesareo.
Ma questo in Ospedale non mi è mai stato detto.

Patologia trattata
Parto.

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute