Dettagli Recensione

 
Ospedale Bolognini di Seriate
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

FUORI DAL TUNNEL

Si sa, i tunnel prima o poi finiscono. Ma la vicenda di mio padre ad un certo punto ci ha fatto pensare che nel tunnel si potesse anche restare intrappolati. Dopo due anni di calvario, di deludenti rimbalzi tra uno “specialista” e l’altro, in balia di uffici, carte, tentativi e mancanza di responsabilità e avendo capito e vissuto da vicino quella che chiamano “mala sanità”, che sembra qualcosa di inconcepibile fino a che non colpisce anche te, il tunnel si è spalancato e lo abbiamo murato, ma da fuori stavolta. Grazie ad Dott. Tonino Mascitti, prima di tutto un Uomo pieno di rispetto per la dignità del paziente e di immensa conoscenza e professionalità. Non è facile in poche righe spiegare la rabbia e la profonda delusione, poi trasformate, grazie al Dott. Mascitti in gioia pura e “risoluzione”, ma è doveroso raccontare per essere testimoni delle persone e delle strutture che funzionano.
Viviamo in Abruzzo, in provincia di Chieti, dove, pensando di poter risolvere il caso di papà, ci siamo mossi tra le strutture e gli specialisti esistenti e consigliati. Partendo da una malattia autoimmune della pelle che all’improvviso ha colpito mio padre, che mai ha avuto nulla della vita, ha iniziato delle cure che per ben due volte lo hanno portato in ospedale in condizioni gravi e causando, la seconda volta, uno scompenso cardiaco, un diabete altissimo, una micosi esofagea ed altre conseguenze che mi è complesso descrivere e, come se tutto ciò non bastasse, gli effetti collaterali di queste cure hanno provocato anche una coxartrosi sinistra di grado severo e crollo vertebrale (ritrascrivo dai referti ovviamente). La conseguenza di tutto questo è che mio padre è finito su una sedia a rotelle con l’impossibilità di dormire steso e pertanto passando le ore notturne sempre in posizione seduta con conseguente comparsa di piaghe da decubito e ritenzione, gonfiore eccessivo ed edemi agli arti inferiori curati pazientemente e con competenza da un angelo di infermiera in ADI per otto mesi consecutivi. Cercando di tamponare tutte queste situazioni insieme, era indispensabile cercare anche di operare la coxartrosi che nel frattempo peggiorava e per la posizione il femore stava tendendo a perforare il bacino. E via alla ricerca del chirurgo ortopedico disposto a risolvere il caso complesso. Ma i rifiuti sono stati tre facendo trascorrere del tempo prezioso in cui la situazione delle ossa stava velocemente aggravandosi. Il fatto di dire no può anche starci, se un medico decide di non “poter” assumersi il rischio con giustificati motivi però. I primi due in un certo senso lo hanno fatto. Il terzo invece, proprio non lo abbiamo capito, perché a visita intramoenia ha subito detto sì. Mio padre è stato anche sottoposto a tutte le procedure di preparazione dell’intervento, ma arrivata la data dell’operazione il “professore” si è rifiutato di procedere per “alto rischio di vita”. Ma non l’aveva capita prima questa cosa? E qui mi fermo…
Lo sconforto e la paura sono diventate le nostre compagne, fino a che il caso, ma mi piace immaginare che sia stata una forza Superiore, ci ha fatto incontrare il Dott. Mascitti in Abruzzo che, con competenza, decisione, risolutezza, organizzazione, estrema professionalità e soprattutto assunzione del rischio ci ha suggerito di seguirlo nell’Ospedale Bolognini di Seriate (Bg) dove fino al 2013 circa è stato Primario. Grazie all’accordo del nuovo Primario, che ringraziamo ancora sentitamente per la disponibilità, il Dott. Mascitti ha potuto operare mio padre, con la sua équipe di un tempo, nella Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia che non finiremo mai di ringraziare, insieme al personale infermieristico e il personale OSS, tutti competenti, professionali e disponibili. Intervento molto complesso, rischioso e lungo, ma pienamente riuscito.
Il Dott. Mascitti e l’équipe che ha operato con lui hanno onorato il Giuramento di Ippocrate e mio padre, dopo due anni è tornato a vivere e ridere alla vita e la sua famiglia con lui. Dottore GRAZIE, una piccola parola, che racchiude una vita.

Patologia trattata
Intervento di artroprotesi anca sinistra stelo CLS + TMT multiforo + augmentation.

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute