Scompenso Cardiaco Ospedale Pisa

Scompenso Cardiaco Ospedale Pisa

 
4.9 (2)
Scrivi Recensione
Il reparto di Scompenso e Continuità Assistenziale dell'Ospedale di Pisa, Azienda Ospedaliero-Universitaria situata in Via Roma 67, afferisce alla U.O. Cardiologia 1 . Il reparto, ubicato nello Stabilimento di Cisanello, si occupa ambulatorialmente di pazienti con Scompenso Cardiaco in fase di stabilizzazione clinica, di accertamento eziologico o di necessità di procedure invasive. Lo Scompenso Cardiaco (SC) è sindrome clinica complessa derivante da un gran numero di patologie strutturali o funzionali che alterano le capacità di contrazione o rilassamento dei ventricoli. Lo SC è patologia cronica ad elevato impatto clinico e sociale a causa dell'elevata morbilità e mortalità. Il trattamento dello scompenso cardiaco ha tre obiettivi fondamentali: rallentare la progressione della patologia; ridurre le ospedalizzazioni e aumentare la sopravvivenza; ridurre i sintomi, al fine di migliorare la qualità della vita.

Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
4.9
Competenza 
 
5.0  (2)
Assistenza 
 
5.0  (2)
Pulizia 
 
5.0  (2)
Servizi 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Visite cardiologiche

Uomo di grande personalità, professionalità e sensibilità il dott. Lorenzo Rondinini, lo conosco da 18 anni ed ha scoperto la mia ipertensione arteriosa a 53 anni. Una mente eccelsa, un ufficiale signore "con gli attributi".

Patologia trattata
Ipertensione arteriosa (dal 2005).


Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Una eccellenza da preservare e potenziare

Competenza, professionalità, disponibilità, cortesia.
Mia madre (classe 1924, cardiopatica cronica) è probabilmente stata salvata, e adesso è seguita con assistenza domiciliare continuativa dall'equipe del centro. Il monitoraggio con gli aggiustamenti continui delle terapie ha permesso prima di stabilizzarla, e quindi di mantenerla a un livello che le ha restituito una buona qualità di vita.

Patologia trattata
Cardiopatie varie dovute in parte all'età, tra cui insufficienza valvolare, fibrillazione atriale.
Asma bronchiale.