Trapianti San Raffaele

 
4.3 (1)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Medicina interna e dei Trapianti dell'Ospedale San Raffaele di Milano, Istituto Scientifico Universitario situato in Via Olgettina 60, ha come Responsabile il dott. Antonio Secchi. Il reparto, in collaborazione con la Chirurgia Metabolico-Bariatrica e dei Trapianti, ha come obiettivo la cura di gravi patologie, quali il diabete mellito e la nefropatia cronica, che si associano a insufficienze d’organo (pancreas endocrino, rene). Per quanto concerne la persona con diabete, l’Unità è in grado di offrire, in base alle caratteristiche del paziente e secondo linee guida nazionali e internazionali, trattamenti specifici e altamente specializzati quali: il trapianto di isole pancreatiche (del Langerhans) isolate o dopo trapianto di rene, il trapianto di pancreas, il trapianto simultaneo di rene e pancreas. Fanno parte dell'equipe medica: Dott.ssa Rossana Caldara (responsabile Unità Trapianto Rene), Dott.ssa Paola Maffi (responsabile Unità Trapianto Pancreas e Isole Pancreatiche), Dott.ssa Chiara Gremizzi, Dott.ssa Caterina Conte, Dott.ssa Vera Paloschi (nefrologa), Dott. Stefano Tentori (nefrologo), Dott.ssa Marta Lepore (nefrologa).

Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0  (1)
Assistenza 
 
5.0  (1)
Pulizia 
 
3.0  (1)
Servizi 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

sarà possibile conoscere il donatore?

Buona professionalità e rispetto umano riscontrati in tutto il reparto.
Trattata per un diabete mellito di tipo 1, ho subìto un trapianto.
Chissà se un giorno sarà possibile conoscere chi è stato il donatore?

Patologia trattata
diabete mellito tipo 1 con trapianto.




Altri contenuti interessanti su QSalute