Chirurgia dello Scompenso San Filippo Neri

Chirurgia dello Scompenso San Filippo Neri

 
1.0 (2)
Scrivi Recensione
Il reparto di Chirurgia dello Scompenso dell'Ospedale San Filippo Neri di Roma, situato in via Martinotti 20, ha come Dirigente Responsabile il Prof. Paolo Sordini. Il reparto, ubicato al secondo piano dell'edificio B, è una Struttura Semplice Dipartimentale che si occupa dell'insufficienza cardiaca di cui lo scompenso è l'espressione clinica più importante, intervenendo con attività chirurgica nel momento in cui il trattamento farmacologico ha esaurito ogni possibilità di recupero. Fanno parte dell'equipe medica dell'unità operativa i dottori Alberto Alois, Giulio Cappucci, Roberto Cini, Alberto Costantino, Rocco Gallo, Carlo Gentili, Saverio Leonardi, Vincenzo Loiaconi.

Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0  (2)
Assistenza 
 
1.0  (2)
Pulizia 
 
1.0  (2)
Servizi 
 
1.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

esperienza negativa

Mio padre, ancora giovane, aveva dilatate sia l'aorta ascendente che la valvola. Senza un dialogo con i medici, senza sapere chi avrebbe operato se non dopo, alla fine abbiamo saputo che l'operazione era stata fatta ma a meta', ovvero solo sull'aorta, senza contare le conseguenze ad altri livelli che per una persona giovane e' tragico. Non parliamo della competenza infermieristica, dopo nemmeno dodici ore dall'operazione, tornato in reparto, gli hanno dato troppo da mangiare con il risultato di un ritorno per svariati giorni in terapia intensiva. Le terapie sono state date in maniera superficiale fino a che non sono state da loro stessi corrette. Gli ecocolordoppler successivi hanno rilevato tutti che c'e' l'urgenza di un'altra operazione perche' il ventricolo sin. si dilata sempre piu' ed il rigurgito provocato dalla dilatazione valvolare puo' provocare l'irreparabile.

Patologia trattata
aneurisma aorta ascendente e valvola mitralica dilatata.



Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Alla faccia dello scompenso

Mia madre, operata in questo Nosocomio, ha patito i disagi più totali, cominciando dall'intervento, mal riuscito, alla cattiva gestione del post operatorio da parte del personale infermieristico e medico, che ha dimostrato secondo me troppo poca umanità.
Reparto inoltre poco pulito.

Patologia trattata
Insufficienza mitralica cronica e scompenso cardiaco


Altri contenuti interessanti su QSalute