Ortopedia A Policlinico Tor Vergata

 
4.3 (10)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Ortopedia e Traumatologia A del Policlinico Ospedaliero Universitario Tor Vergata di Roma, situato in Viale Oxford 81, ha come Direttore il Prof. Pasquale FARSETTI. Il reparto eroga prestazioni inerentemente alle seguenti aree di eccellenza: Ortopedia e Traumatologia Pediatrica; Correzione malformazioni congenite degli arti superiori ed inferiori; Allungamento degli arti; Lussazione congenita dell'anca; Piede torto congenito; Malattia di Perthes - Malattia di Blount; Epifiosi dell'Anca; Ipercifosi - Scoliosi - Spondilolisi e spondilolistesi; Traumatologia pediatrica arto inferiore e superiore; Fratture del gomito del bambino; Traumatologia dell'Apparato Locomotore; Chiurgia della colonna vertebrale; Chirurgia artroscopica; Chirurgia della caviglia e del piede; Chirurgia e Traumatologia della mano; Chirurgia protesica; Chirurgia dei tumori e delle malattie similtumorali dell'Apparato Locomotore. Fanno parte dell'equipe medica: Prof. Caterini Roberto, Dr. Benedetti Matteo, Dr. De Luna Vincenzo, Dr. De Maio Fernando, Dr. Potenza Vito, Dr. Tudisco Cosimo.

Recensioni dei pazienti

10 recensioni

 
(7)
 
(2)
3 stelle
 
(0)
 
(1)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.3
 
4.4  (10)
 
4.4  (10)
 
4.1  (10)
 
4.4  (10)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
4.0

Esperienza difficile da dimenticare

Mi sono recata al p.s. del PTV il 17/05/2018 per una frattura al polso destro composta dell'epifisi distale del radio destro. Mi viene applicato dal dott. Cannata un apparecchio gessato in VTR brachiometacarpale con mano in iperflessione molto forzata con ingessatura ipercompressiva. Mi accorgo subito che la cosa non andava bene, mi faceva molto male e il mio corpo la rifiutava. Chiedo al dottore se fosse normale e lui mi risponde che va bene così e di ritornare dopo 10 giorni. Premetto che non ho preconcetti sul modo di lavorare, ma l’atteggiamento di non ascolto non mi è piaciuto. Dopo 10 giorni di dolore e di notti in bianco, ritorno in ospedale e ritrovo il dott. Cannata, che controlla la rx appena fatta e mi comunica che tutto procede bene e mi saluta. Io provo educatamente a dirgli che il gesso mi fa molto male e che ho le dita gonfie, calde, con la sensazione di avere gli spilli nei polpastrelli e un dolore bruciante in mezzo alle dita. Lui mi dice che alla visita successiva di controllo avrebbe ridotto il gesso. Dopo 15 giorni ritorno e trovo il dott. Valentini, sperando che mi visitasse e mi ascoltasse; dopo avermi ridotto il gesso, chiedo al dottore come mai sentissi tanto dolore anche solo a sfiorare la mano, anche senza muovere le dita. La cosa però non interessava neanche a lui. .A quanto pare bisogna strillare, andare fuori le righe, ma tutto ciò non è nella mia educazione (adesso dico, purtroppo!). Ritorno a casa e mi dico di stringere i denti fino alla fine. Il 28/06/2018 ritorno in ospedale, rifaccio la lastra, mi tolgono il gesso e il dolore è stato spropositato. Vado in visita e ritrovo il dott. Valentini, che di spalle guardando la lastra mi chiede “allora tutto bene!”. Io gli rispondo che questa è stata l’esperienza più brutta della mia vita. Sapete cosa mi dice prima di andare via? Signora, noi stiamo sempre qui, poteva venire e se ne va dicendo a due medici specializzandi di prescrivermi 10 fisioterapie. Dopo 2 giorni con una mano gonfissima ed edematosa con produzione pilifera, pelle traslucida e dolorante che la fisioterapista non riusciva nemmeno a sfiorare per farla drenare, e dopo suo suggerimento, mi faccio visitare da un ortopedico, che con una visita di 10 minuti mi fa la diagnosi CRPS algodistrofia, mi prescrive i farmaci, fisioterapia e magnetoterapia. Sono passati 6 mesi, sto molto meglio, ma ancora non guarisco del tutto. Fortunatamente ho iniziato subito, anche perché importante è la diagnosi precoce per sperare di guarire.

Patologia trattata
Frattura composta polso.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ottimo lavoro

Non posso che definire ottimo il lavoro svolto dal professor Farsetti e dalla sua equipe, e anche dal personale infermieristico dell'ambulatorio ortopedico. Il mio bambino è nato con il piede destro torto. E' stato seguito dal professor Farsetti e dal personale dell'ambulatorio, che con competenza, professionalità e molta umanità hanno gestito un bimbo di poche settimane fino alla tenotomia e alla successiva gestione del tutore Ponseti. Un'ottima squadra per una patologia trattata da pochissimi altri medici in Italia. Alla faccia di chi consiglia di andare in Spagna!

Patologia trattata
Piede torto congenito.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Visite ortopediche - ambulatorio

Disorganizzazione e approssimazione sono le caratteristiche che personalmente ho riscontrato questo reparto. Mai che mi abbiano rispettato un orario di un appuntamento; in un ambulatorio dove transitano numerosi pazienti vittime di traumi, non ci sono nemmeno le sedie sufficienti per sedersi; mai una continuità terapeutica.. ogni volta che vengo trovo un dottore diverso che dice la sua. Ma il responsabile dell'ambulatorio sa che funziona così?

Patologia trattata
Visita ortopedica per una patologia alla schiena.


Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Eccellenti!!

Eccellente perla della sanità pubblica.

Patologia trattata
Stenosi rachide e stabilizzazione L4-L5.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
5.0

Riconoscimento prof. Pasquale Farsetti

Il mio giudizio nei confronti del prof. Pasquale Farsetti non può che essere eccellente... E' un vero professionista in tutto e per tutto.

Patologia trattata
Piede torto bilaterale.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Una gamba salvata per miracolo!

Sono arrivata al Policlinico Tor Vergata il 17 agosto 2010 con una gamba divisa in due a seguito di un incidente stradale e… mi ritengo fortunata! Fortunata perché nonostante il periodo estivo ho trovato un medico eccezionale, sia per professionalità che per umanità: il Dott. Vito Potenza che, contro tutti e tutto, ha deciso e fatto di tutto per salvarmi la gamba rimettendola insieme (e non solo).
Oltre allo splendido lavoro fatto in sala operatoria mi ha seguita, sOpportata, sUpportata ed incoraggiata per tutta la lunga degenza (5 mesi e mezzo dei quali 3 nel suo reparto di ortopedia).
E’ stato un percorso lunghissimo e faticoso per tutti ma devo dire che grazie a tutta l’equipe, Caposala, infermieri, ausiliari, medici ed in primis il Dott. Potenza, ho ancora tutte e due le gambe…
Purtroppo il mio “calvario” non è ancora finito ma… so che se dovessi ancora aver bisogno di qualsiasi cosa a livello ortopedico posso contare sul Dott. Potenza che per me resta uno dei miei angeli custodi!!
Grazie ancora di tutto a tutti…

Patologia trattata
Sub amputazione gamba.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Una nuova vita

Buongiorno, sono una ragazza di 21 anni. A novembre del 2012 ho avuto un incidente molto grave e non ho camminato per un anno intero; stando ferma si e' formata una calcificazione all'anca destra, visto che ero bloccata e non potevo stare dritta in piedi. Grazie al prof. Ernesto Ippolito, il quale a settembre 2013 mi ha operato, oggi posso di nuovo essere io e sorridere alla vita. Grazie prof. Ippolito e alla sua squadra!!

Patologia trattata
Trauma post cranico cerebrale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Decompressione e stabilizzazione

Ho conosciuto circa un anno fa il dott. Federico Mancini, conosciuto per caso, cercavo un medico specializzato nella patologia della colonna... Dopo varie visite, con dovute cure e fisioterapia, il dottore ha deciso per l'intervento. Nel giro di qualche mese è stato fatto, sono uscita due giorni fa dopo 6 giorni dall'operazione. Per quanto sia possibile dopo 4 ore e 30 di solo intervento, sto bene, cammino tranquillamente e sono sicura che dopo il decorso della giusta convalescenza sarò come un fringuello. Sono una donna e ho quasi 64 anni. Grazie dott. Mancini..: anche nelle difficoltà che si incontrano lavorando presso gli ospedali, in questo momento di crisi, la sua professionalità non è mai venuta meno... Grazie ancora di vero cuore.

Patologia trattata
Decompressione e stabilizzazione vertebrale.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Cura piede torto

Siamo stati all'ospedale di Tor Vergata nel 2006. Mio figlio Lorenzo ha subìto la tenotomia percutanea. È uno dei pochi ospedali italinani dove si esegue questo intervento a cielo chiuso e non in maniera invasiva. Ci siamo trovati bene. A quei tempi c'era anche una saletta dove potevano sostare i familiari.

Patologia trattata
Piede torto congenito.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Piede torto congenito e metodo Ponseti

Mio figlio, nato con PTC bilaterale, curato ottimamente con il metodo Ponseti, ha eseguito la tenotomia nel maggio 2010 nel reparto del Prof. Ernesto Ippolito. Anzitutto devo sottolineare che il personale infermieristico è disponibilissimo e competente, a disposizione dei piccoli pazienti e delle esigenze dei genitori. Per pazienti pediatrici sono riservate due stanze singole, spaziose e allegre, con la possibilità per i genitori di pernottare. Per quanto concerne l'intervento, il bambino è accompagnato dalla mamma sino al tavolo operatorio; appena eseguita la tenotomia il piccolo viene tenuto in osservazione e la mamma può stare con lui. Chiaramente l'esito post operatorio è stato ottimo e l'assistenza più che eccellente, basti dire che la Caposala era più preoccupata di me e s'informava continuamente delle condizioni del bambino. In conclusione consiglio questa struttura perché utilizza il metodo Ponseti nella cura del PTC, che è risolutivo e per niente invasivo, pur prevedendo la tenotomia, che altro non è che un interventino per via percutanea al tendine d'achille, la cui cicatrice è invisibile.

Patologia trattata
Piede torto congenito.


Altri contenuti interessanti su QSalute