Ospedale Lancisi di Ancona

 
2.4 (2)
Scrivi Recensione

Giudizio dei pazienti

Voto ospedale
 
2.4 (2)
Voto reparti
 
4.6 (47)
Indirizzo
Via Conca 71, Ancona
L'Ospedale Monospecialistico Cardiologico G.M. Lancisi è situato ad Ancona in Via Conca 71. La struttura fa parte dell'Azienda Ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti assieme al Presidio pediatrico Salesi e all'Ospedale Umberto I. Dispone di circa 125 posti letto e svolge attività di cardiologia ad alta specializzazione, erogando le proprie prestazioni nelle seguenti principali unità operative: Emodinamica, Anestesia e Rianimazione, Cardiochirurgia, Cardiologia, Anestesia e Rianimazione Cardiochirurgica.

Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
2.4
Competenza 
 
4.0  (2)
Assistenza 
 
1.5  (2)
Pulizia 
 
3.0  (2)
Servizi 
 
1.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Tomoscintigrafia miocardica sotto sforzo

Fermo restando l'eccellenza del "Lancisi" in generale, e la professionalità di medici, emodinamisti ed alcuni infermieri, vorrei evidenziare la sensazione che ho avuto da quando frequento questi reparti (4 anni circa), in merito alla efficienza/efficacia della strumentazione e dei tecnici che ne curano la manutenzione e che dovrebbero garantirne il funzionamento. In sintesi, in questi anni, su tre volte che mi sono presentato per fare una tomoscintigrafia miocardica, solo una volta è andato tutto a buon fine: la prima volta nel 2016 dopo preparazione con contrasto radioattivo in vena, il macchinario (che all'epoca funzionava a pazienti alterni) decide di non funzionare con me, quindi tutto rimandato ad aprile dello stesso anno, allorché tutto è andato bene. Oggi 2 settembre '19 ho vissuto un "odissea" con due infermiere che non trovano la vena e mi bucano entrambe le braccia quasi contemporaneamente, per poi optare sulla vena della mano (notoriamente più fragile e di sezione ridotta)... salgo sul tapis roulant e dopo i primi passi si accorgono che sul monitor non compare un dato importante (la frequenza cardiaca). Mentre continuo a faticare procedono manualmente ed artificiosamente a rilevare il dato, chiedono aiuto ad altri colleghi che però non si ritengono in grado di risolvere il problema. Si decide quindi di iniettarmi il liquido radioattivo a contrasto ed a questo punto (ciliegina sulla torta) il liquido iniettato, a mio avviso troppo rapidamente per essere ricevuto da una vena della mano, ha generato una pressione troppo alta nel "diffusore" da farne saltare il tappo, con conseguente sversamento, fuori vena ed in terra, del 80% del contenuto radioattivo. Tentano lo stesso di vedere se quel poco di contrasto finito in circolo può dare qualche risultato, ma niente da fare... tutti a casa e tutto da rifare, come se niente fosse. Poiché per fare questo esame bisogna stare tre giorni senza alcuni farmaci salva vita e poiché ho una coronaria che tre anni fa risultava intasata oltre 40% ed oggi è una incognita, ritengo che nel transitorio ho corso e correrò rischi dei quali avrei fatto volentieri a meno. Volendo anche ammettere una particolare "malasorte" nei miei confronti, considerato che anche il 3 ottobre 2015, dopo tre giorni di attesa e preparazione a digiuno, quando finalmente riesco ad andare in sala operatoria, durante l'applicazione di uno stent il monitor ha smesso di funzionare, lasciando la pur brava emodinamista al buio... Anche in questo caso, tutti a casa e tutto da rifare; se fossi responsabile degli assetti tecnologici del Lancisi, qualche domanda me la farei.

Patologia trattata
Disfunzione cardiaca.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Reparto cardiochirurgia: brutta esperienza

Dopo 4 giorni dall'intervento, sono stato riportato in sala operatoria perchè si era riaperto lo sterno a causa della forte tosse, presa molto sottogamba dal personale medico e infermieristico. Dopo vari giorni si è scoperto che, facendomi l'aerosol, stavo bene!!! Alle dimissioni per trasferimento alla clinica di riabilitazione avevo l'Enfisema polmonare!! Se n'è accorto il Dr. Bucari, a cui mia moglie aveva riferito di sentire un fischio nel mio respiro. L'infermiera del turno di notte metteva il campanello distante, per paura che io lo suonassi. Ho visto il personale in turno di notte, dentro il gabbiotto, dormire sulla barella, mentre uno/a vegliava. Complessivamente sono rimasto, fra intervento e riabilitazione, per ben 32 giorni ricoverato. Se dovessi avere a che fare di nuovo e potessi scegliere, non andrei in questo ospedale.

Patologia trattata
By-pass coronarico
Punti di forza
Esecuzione a regola da parte del Dr. Bucari, cardiochirurgo.
Punti deboli
Assistenza medica post operatoria assolutamente superficiale. Assistenza infermieristica (tranne la signora Alfia e un altro infermiere di cui non ricordo il nome) da perseguire penalmente.


Altri contenuti interessanti su QSalute