Rianimazione Trapianti Ospedale Pisa

Rianimazione Trapianti Ospedale Pisa

 
5.0 (1)
Scrivi Recensione
Il reparto di Anestesia e Rianimazione Trapianti dell'Ospedale di Pisa, Azienda Ospedaliero-Universitaria situata in Via Roma 67, ha come Direttore il Prof. Gianni Biancofiore. Il reparto, ubicato nello Stabilimento di Cisanello, si occupa dell'assistenza anestesiologica ed intensivistica dei pazienti sottoposti a Trapianto di Fegato o chirurgia epatica, con i 6 posti letto della Unità di Terapia Intensiva comunque a disposizione per l'assistenza di qualunque tipologia di malato che necessiti di cure intensive. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Dr.ssa Bindi Maria (responsabile Terapia Intensiva), Dr.ssa Amorese Gabriella, Dr. Belfiore Jacopo, Dr. Bisà Massimo, Dr. Consani Giovanni, Dr. Esposito Vangone Massimo, Dr. Di Matteo Simone, Dr. Mazzanti Tommaso, Dr.ssa Mazzei Alda, Dr. Meacci Luca, Dr. Mozzo Roberto, Dr.ssa Pelati Erika, Dr.ssa Pratesi Giorgia, Dr.ssa Puccini Francesca, Dr. Ruschi Stefano, Dr.ssa Spelta Alicia, Dr. Troiani Riccardo.

Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0  (1)
Assistenza 
 
5.0  (1)
Pulizia 
 
5.0  (1)
Servizi 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Terapia intensiva trapianti

1/12/2022: un anno dal trapianto.
Ho vissuto un percorso molto difficile e complicato prima di giungere all'ospedale di Cisanello a Pisa: due resezioni per epatocarcinoma, la prima nel 2015, la seconda nel 2017, e una termoablazione nel 2021. Finalmente sono arrivata al primario del reparto Chirurgia Epatica e del Trapianto di Fegato. Dopo una settimana di controlli ed esami non facili da sostenere, sono entrata in lista di attesa. Il 28 novembre 2021, nel pomeriggio, è arrivata all’improvviso la telefonata da Pisa in cui mi si diceva che era disponibile un fegato compatibile. Partita in autoambulanza, sono arrivata in ospedale in nottata. Il 29 sono entrata in sala operatoria in tarda mattinata e, dopo poco più di cinque ore di intervento, tutto sembrava procedere bene, come previsto dai medici. Ma, purtroppo, il nuovo fegato non si è avviato e i parametri sono schizzati alle stelle; dunque occorreva intervenire urgentemente con un nuovo trapianto. Nel giro di 48 ore è arrivato in ospedale un nuovo organo e sono rientrata in sala operatoria in tarda mattinata del 1 dicembre. Tutto sembrava andare per il meglio, ma si è manifestata una infiammazione all'encefalo che ha comportato sedazione ed intubazione per ben due volte. Credo che, se non mi fossi trovata in quella Terapia Intensiva così professionale ed umana allo stesso tempo, sarei morta. Un immenso grazie al primario prof. Biancofiore, ai medici e a tutti gli infermieri.

Patologia trattata
Trapianto di fegato.