Trapianto Fegato Ospedale San Martino Genova

Trapianto Fegato Ospedale San Martino Genova

 
4.7 (8)
Scrivi Recensione
Il reparto di Chirurgia epatobiliare e dei trapianti di fegato dell'Ospedale San Martino e Cliniche Universitarie Convenzionate di Genova, situato in Largo Rosanna Benzi 10, ha come Responsabile il Dott. Enzo Andorno. Il reparto afferisce al Dipartimento di Chirurgia generale, specialistica ed oncologica ed ha come funzione specifica la diagnosi e cura delle malattie del fegato, vie biliari e pancreas con specifico riguardo per l’insufficienza epatica terminale acuta e cronica. L’interesse di ricerca riguarda il trapianto di fegato eseguito sia con tecnica di organo intero sia con tecnica di trapianto di graft epatico parziale (split liver) con particolare riferimento allo studio dei meccanismi che favoriscono la rigenerazione epatica e le metodiche volte ad ottimizzare la ripresa funzionale di graft marginali. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Bottino Giuliano, Cariati Andrea, De Negri Antonella, Diviacco Pietro.

Recensioni dei pazienti

8 recensioni

 
(7)
4 stelle
 
(0)
 
(1)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.7
 
4.8  (8)
 
4.6  (8)
 
4.6  (8)
 
4.6  (8)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Asportazione totale stomaco e parziale pancreas

Mio marito a novembre scorso ha subìto un intervento chirurgico per l'asportazione totale dello stomaco in quanto, dopo una Tac che evidenziava la presenza di una formazione nodulare in prossimità dell'area gastrica e nella porzione prossimale e craniale del corpo pancreatico, ed una successiva Pet che aveva evidenziato assenza di malattia nel tratto prossimale/craniale del corpo pancreatico e, infine, una gastroscopia aveva rilevato la presenza di un carcinoma nello stomaco. E' stato pertanto operato dal Dott. Enzo Andorno per togliere completamente lo stomaco. Durante l'intervento i chirurghi hanno dovuto togliere anche tutti i linfonodi che erano risultati intaccati dal tumore e parte del pancreas (corpo e coda) in quanto il tumore aveva infiltrato anche questo organo. (la PET però era negativa …. inspiegabile!).
Dopo 8 ore e mezzo sotto i ferri, mio marito è stato trasferito in terapia intensiva del Pronto Soccorso (personale medico e infermieristico meraviglioso) dove è rimasto 13 giorni e non ha mai avuto febbre e accusato dolori addominali, nonostante l'intervento chirurgico decisamente invasivo. Siccome si era un pochino ripreso, il dott. Andorno lo ha trasferito presso il suo reparto, dove però durante gli 11 giorni in cui è stato ricoverato ha preso immediatamente due batteri (candida e un altro che mi pare di aver capito fosse l'enterococco). Così ha avuto quotidianamente la febbre, per culminare il 15 dicembre in una grave situazione di sepsi per cui è stato deciso di rimandarlo in terapia intensiva (questa volta al 4° piano del Monoblocco, dove anche qui ho trovato personale professionalmente preparato). Sono sopraggiunte ulteriori complicanze che hanno reso necessario l'inserimento di uno stent a causa della formazione di due piccoli fori in corrispondenza delle suture che hanno messo in comunicazione la parte terminale dell'esofago con la parte iniziale dell'intestino. Si è altresì riscontrata la formazione di una fistola pancreatica che ha complicato ulteriormente la situazione e, dopo la permanenza in terapia intensiva per 20 giorni, mio marito il 4 gennaio scorso è purtroppo deceduto dopo essere stato in sedazione una decina di giorni. Le critiche che mi sento di muovere nei confronti del dott. Andorno e della sua equipe riguardano il fatto che un malato come mio marito, a mio parere, non avrebbe dovuto essere trasferito in un reparto di degenza "normale", e cioè con malati praticamente autosufficienti e con patologie decisamente meno gravi della sua, ma tenuto ancora sotto osservazione in terapia intensiva (o magari trasferito alla sub intensiva visto che esiste anche quella al piano dove ha sede l'unità operativa del dott. Andorno) almeno ancora una settimana/dieci giorni, tenuto conto che nel reparto di degenza vi era poco personale infermieristico che, per forza di cose, non poteva dedicarsi pienamente ad un malato, che non è praticamente mai riuscito ad alzarsi da letto durante tutta la degenza e sino al suo decesso.
Inoltre, alla mia segnalazione di un problema ripetutosi più volte con il catetere, è stata richiesta una visita urologica solo dopo aver esercitato pressioni per verificare l'anomalia che avevo riscontrato.
Contesto inoltre la scarsa o meglio, quasi nulla, empatia nei confronti dei familiari del paziente in quanto, per avere informazioni sullo stato di salute di mio marito, ho dovuto spesso "cercare" i medici che talvolta ho trovato anche un po' sfuggenti e distaccati. Infine, a conferma della scarsa empatia, voglio dire ancora questo: mio marito è spirato il 4 gennaio scorso e il dott. Andorno, che lo aveva seguito nei giorni precedenti devo dire con una maggiore presenza, non ha pensato minimamente di farmi le condoglianze.

Patologia trattata
Carcinoma allo stomaco e al pancreas.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie prof. Andorno

Caro Prof. Enzo Andorno, sono a Lei per ringraziarla per avermi dato la possibilità di festeggiare questo quarto santo NATALE! Le auguro di cuore Buone Feste (anche se so che Lei non si risparmierebbe neanche in questo periodo).

Patologia trattata
Recuperato dopo un intervento di colecistectomia male eseguito il 22/11/2016.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Riconoscenza

Non finirò mai di lodare la sua umanità e la sua professionalità: parlo del Prof. Enzo Andorno naturalmente.

Patologia trattata
Spandimento biliare / riparazione degli errori altrui.

Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Duodenocefalopancreasectomia

Intervento di duodenocefalopancreasectomia: solo il prof. Enzo Andorno e il dott. Giuliano Bottino possono eseguirlo.
Il prof. Andorno è una persona enorme.
Grazie a tutti.

Patologia trattata
Pancreatite.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Colecistectomia

Operata dal grandissimo professor Enzo Andorno, uscita dalla sala operatoria alle 10.30, alle 15.30 ero già in piedi. Nessun dolore post operatorio. Solamente tre buchini. Nessun fastidio. Reparto stupendo. Personale gentilissimo, preparato e presente. Medici competenti e sempre presenti anche loro. Mi sono fatta 100 km. per essere operata in questo reparto, ma ne è valsa la pena. Grandissima professionalità in tutti i sensi. Non finirò mai di ringraziarvi.
Grazie grazie grazie!

Patologia trattata
Colecistectomia.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ESPERIENZA TRAPIANTO DI FEGATO 2007

MASSIMA SODDISFAZIONE. REPARTO OTTIMO SOTTO OGNI PUNTO DI VISTA.

Patologia trattata
EPATITE AUTOIMMUNE.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Prof. Andorno: altissimo livello

Il dott. Andorno è professore di altissimo livello, che collabora molto bene con un altro professore molto, ma molto competente, il PROFESSORE ANTONINO PICCIOTTO, PER LA DIAGNOSI E LA CURA DELLE EPATITI.

Patologia trattata
Epatocarcinoma per cirrosi epatica (resezione).
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ECCELLENTE IL DOTT. ENZO ANDORNO

OVAZIONE PER IL DOTT. ENZO ANDORNO A DIRETTORE DEL REPARTO TRAPIANTI. IL PROF. ANDORNO, OLTRE AD ESSER UN ECCELLENTE CHIRURGO, E' UNA SPLENDIDA PERSONA E DIRIGE EGREGIAMENTE IL REPARTO DI CHIRURGIA DI TRAPIANTO DI FEGATO. FORZA PROFESSORE CE LA FARAI.

PS: E' UNA VERGOGNA CHE CI SIANO INVECE PERSONE CHE, PER FAVORIRE LE LOBBIES POLITICHE E IL CLIENTELISMO, DETERMINO LE TEMPISTICHE PER PERSONE IN ATTESA DI TRAPIANTO.

Patologia trattata
CIRROSI BILIARE PRIMITIVA.


Altri contenuti interessanti su QSalute