Trasfusionale Galliera

 
4.9 (2)
Scrivi Recensione
Il reparto di Immunoematologia e trasfusionale (SIT) dell'Ospedale Galliera di Genova, situato in Mura delle Cappuccine 14, ha come Direttore il Dott. Giovanni Imberciadori. Il reparto ha come scopo principale la gestione del donatore di sangue, al fine di conseguire l'autosufficienza sia a livello aziendale che regionale, gestendo anche i rapporti con le associazioni di volontariato, risultando oggi il secondo produttore in Liguria e primo per quanto riguarda le donazioni in Sede. Particolare attenzione è dedicata ai donatori ed ai loro famigliari. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Dott.ssa Maria Paola Campanella, Dott. Alessandro Cocchella, Dott.ssa Laura Mitscheunig, Dott.ssa Maria Gabriella Ficai (dirigente biologo).

Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
4.9
Competenza 
 
5.0  (2)
Assistenza 
 
5.0  (2)
Pulizia 
 
5.0  (2)
Servizi 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Donazione sangue

Mi sono sentita accolta, assistita e seguita con attenzione e professionalità.

Patologia trattata
Donazione sangue.


Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Era più umano prima

Sono donatore da più di 30 anni, mi fa piacere donare per aiutare il prossimo e, nonostante esentato, parecchie volte ho rinunciato alla giornata di riposo.
Ora però è tutto diventato più impersonale, troppe regole e pochi sorrisi, sembra che dia quasi fastidio... Una volta si aveva diritto a visite di controllo per vedere se si poteva donare, ora nulla, solo domande nel triage.
Nessun problema dal punto di vista dei prelievi, ragazze poche ma che lavorano bene, tutto sempre ben sterilizzato. Manca solo una accoglienza migliore al donatore, che fa una opera di bene e andrebbe premiato.
Nessuna attenzione supplementare al donatore e ai suoi familiari.

Patologia trattata
Donazione sangue.