Gastroenterologia Galliera

 
3.5 (19)
Scrivi Recensione
Il reparto di Gastroenterologia dell'Ospedale Galliera di Genova, situato in Mura delle Cappuccine 14, ha come Direttore responsabile il Dott. Gianni Coccia. Il reparto si occupa di colonscopia, di ERCP, di endoscopia diagnostica, funzionale ed operativa. Svolge attività in regime di ricovero, di Day Hospital, eseguendo percorsi diagnostici programmati, biopsie epatiche eco-guidate, paracentesi ed endoscopie operative maggiori, ed in regime ambulatoriale tramite gli ambulatori di Endoscopia digestiva, Gastroenterologia, Epatologia, Terapie anti-virali, Cirrosi, Celiachia, Malattie infiammatorie croniche intestinali. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici Dott.ssa Annaglays Allegretti, Dott. Paolo Massa, Dott. Massimo Oppezzi, Dott.ssa Paola Romagnoli, Dott. Ettore Vallarino, Dott. Andrea Parodi.

Recensioni dei pazienti

19 recensioni

 
(9)
 
(2)
 
(1)
 
(7)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.5
 
3.2  (19)
 
3.3  (19)
 
4.1  (19)
 
3.5  (19)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Mai più

Visita di primo accesso con il Dott. Vallarino: mi sono presentata spiegando i problemi che ho da ormai qualche mese (dolori addominali), non mi ha quasi degnata di uno sguardo, figurarsi visitarmi e toccare la pancia per verificare... Una “visita” di due minuti di orologio per scrivere due righe e prescrivere due ricette, una per una colonscopia e un’altra per rivederci dopo la colonscopia. Beh una cosa è certa: non spenderò altri 30,66 € di ticket per ritornare qui.

Patologia trattata
Crampi alla pancia, dissenteria alternata a stipsi.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Colonscopia da dimenticare..

Colonscopia molto dolorosa perché fatta in presenza di una infiammazione dei diverticoli.
Mai una colonscopia al Galliera! Mi sono trovata malissimo, cosa che non mi era mai successa negli altri reparti di questo ottimo ospedale!

Patologia trattata
Colonscopia per presenza diverticoli.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Gastrite atrofica autoimmune

Mi sono rivolta al Dott. Coccia privatamente con in mano esami del sangue dove risultavo positiva agli anticorpi antiparietali e negativa a quelli per la celiachia. La visita è costata € 150,00 per la durata di 3 minuti, il dottore non mi ha chiesto nulla, non si è appuntato nulla, mi ha detto solo che dovevo fare una gastroscopia (altri € 90,00). Con l'esito in mano sono andata in reparto dove, davanti a tutta la sala d'aspetto, mi ha liquidato in 30 secondi dicendomi che sono celiaca, di fare un anno senza glutine e tornare. Vista l'insoddisfazione di tutto, mi sono rivolta al mio endocrinologo (prof. Bagnasco del San Martino) che ha assolutamente escluso la celiachia. Ora sono in cura con la Prof.ssa Bodini e la Dott.saa Marabotto del San Martino che, rifacendomi la gastroscopia, mi hanno riscontrato la gastrite atrofica autoimmune (come gli esami del sangue già dicevano, peccato che il Dott. Coccia non li abbia guardati).

Patologia trattata
Errata diagnosi di celiachia.

Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Colonscopia

Non è una lamentela.
Non sono medico, ma mi chiedo per quale motivo abbiano fatto fare gli esami del sangue a mia moglie (per una eventuale sedazione), quando al momento opportuno (difficoltà a superare il sigma) hanno interrotto il controllo non procedendo alla sedazione. Non siamo in un ospedale?

Patologia trattata
Controllo per familiarità.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Colonscopia

Nulla da eccepire: cortesia e professionalità, puntualità nell'orario fissato. Complimenti!

Patologia trattata
Dolori intestinali.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Professionalità

Ottimo medico il dottor Coccia, professionale ed umano, capace di cogliere le sfaccettature più riservate.

Patologia trattata
Posizionamento e rimozione del palloncino intragastrico (BIB)
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Visita gastroenterologica

Oggi mia figlia ha fatto una visita col dottor Mauro dalla Libera e ci siam trovate malissimo sia come cortesia, sia a livello umano. Soddisfazione zero, aveva la luna storta e poca voglia di lavorare; riguardo a quello che ci è stato detto, potevamo andare in una comune farmacia e non solo ci avrebbero detto detto la stessa cosa, ma avremmo anche risparmiato i 30.66 euro. Esperienza negativa da non ripetere.

Patologia trattata
Visita gastroenterologica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie dott. Vallarino

Diversi anni fa soffrivo di gravi disturbi intestinali. Ho fatto visite e mi sono state prescritte cure da vari medici gastroenterologi dei vari ospedali di Genova. Senza ottenere alcun risultato. Tre anni fa mi hanno consigliato il dott. Ettore Vallarino dell'Ospedale Galliera e ho provato senza tante speranze e aspettative. Mi sono dovuta ricredere perchè davvero il dott. Vallarino è un medico "vecchio stampo". Competente, cordiale, mi ha risolto il problema dopo anni di sofferenza. L'ho consigliato ai miei conoscenti (anche per esami più complessi), e tutti mi hanno ringraziato perchè sono rimasti estremamente soddisfatti.
Grazie doc!

Patologia trattata
Colite ulcerosa.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

COLONSCOPIA

Il giorno 2/12/14 mi sono sottoposta a colonscopia totale, durante la quale mi hanno anche asportato due polipi. E' stata eseguita dal dr. Coccia e dall'I.P. Nicoletta Sciancalepore, che si sono dimostrati, oltre che competenti, anche gentilissimi, umani e comprensivi, qualità particolarmente importanti per chi si deve sottoporre a questo tipo di esame, che sicuramente in alcuni momenti può essere particolarmente doloroso, ma se fatto con abilità e cura si ridimensiona notevolmente. Tenete conto, tra l'altro, che io l'ho fatto, per mia scelta, senza farmi aiutare con il Valium nè con l'antidolorifico... ma se si preferisce si può addirittura fare una leggera anestesia.
Grazie davvero a entrambi.

Patologia trattata
Indagine per familiarità per polipi.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Colonscopia

Stamane ho effettuato presso il Galliera di genova una colonscopia, fortunatamente ho trovato personale preparatissimo e che mette a proprio agio il paziente.
La mia vera sorpresa e' stata che non ho sentito nessun tipo di dolore, senza Valium o anestesia...
Lasciatemi fare un ringraziamento particolare alla Sig.ra Bova, disponibile, educata e preparata.
Grazie.

Patologia trattata
Colonscopia.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Vomito e diarrea da mesi

La dottoressa Allegretti è semplicemente spettacolare!

Patologia trattata
Reflusso gastrico, svuotamento esofago, infiammazione intestinale.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

ERCP stent biliare per tumore ai dotti

Premetto che mia nonna era diabetica dall'età di 50 anni circa e da parecchi anni era insulinodipendente, di conseguenza i suoi reni non erano in ottimo stato e da tempo assumeva diuretici per scongiurare l'insufficienza renale.
A settembre 2013 si sottopone a esami del sangue e la cosa che ci salta subito all'occhio e ci fa rizzare i capelli sono le gammaGT alle stelle. Dopo tac, risonanze eccetera, il verdetto: tumore ai dotti biliari. Il medico di famiglia consiglia di rivolgerci a un suo amico gastroenterologo del Galliera, il quale propone uno stent applicato tramite Colangio-pancreatografia endoscopica retrograda (ERCP) per ridurre la stenosi dei dotti provocata dal tumore. Da subito abbiamo detto al dottore che non ci sembrava il caso far operare la nonna, già compromessa fisicamente e che, anche se sapevamo che le restavano pochi mesi, non ci piaceva l'idea di torturarla con procedure che tanto sapevamo non essere curative, ma solo palliative. Il dottore sembrava quasi stupito dalle nostre affermazioni, quasi ci ha fatto sentire in colpa, come se stessimo facendo del male alla nonna, affermando: "eh ma signora lo stent è da fare! Almeno per rendere dignitosa la vita che ancora le rimane!". E così decidiamo di farle mettere questo stent. Il 29 ottobre mia nonna viene ricoverata dapprima in day hospital e portata in sala operatoria. Ci tengo a precisare che mia nonna ha sempre avuto un discreto appetito e che quella mattina voleva una brioche alla crema! Dopo l'intervento esce un medico che ci spiega che la situazione era peggio di quello che si aspettavano e che secondo lui era necessario applicare un drenaggio esterno, ma che avrebbero valutato la cosa nei giorni successivi. Dopo 3/4 giorni tramite ecografia vedono che lo stent era tappato, infatti la bilirubina nel sangue si alzava invece di scendere (prima del ricovero era 2,3, in pochi giorni è arrivata a 13 e passa). Passano i giorni e tutto tace, continuano a prelevare sangue ma 'sto benedetto drenaggio continua a non essere fatto e intanto la bilirubina si alzava e i suoi reni soffrivano. Dopo 10 giorni dall'intervento mia nonna comincia a vomitare ad avere conati e a non alzarsi più dal letto, diventa inappetente, ma nessuno si preoccupa di niente, anzi, davamo fastidio quando chiedevamo spiegazioni! Eh è normale! Cosa pretendete... Come dicevo all'inizio, mia nonna assumeva regolarmente diuretici perché rischiava insufficienza renale grave ed edema polmonare, prendeva il lasics più un diuretico più forte che si chiama zaroxolyn. La cosa curiosa è che i medici non sapevano cosa fosse lo zaroxolyn e non ne avevano a disposizione, così abbiamo provveduto a portare il farmaco da casa poiché a maggio, in seguito alla sospensione di questo farmaco, aveva avuto uno scompenso e quindi ci siamo raccomandati più volte che nonna doveva assolutamente prendere lo zaroxolyn. Ebbene, parlando con un'infermiera (una delle poche disponibili) ho scoperto che erano giorni che mia nonna non prendeva più il suddetto farmaco, avevano modificato la terapia e le davano solo il lasics. Dopo una ventina di giorni dall'intervento le mettono il drenaggio esterno che drena la bilirubina all'esterno e che fa il suo effetto; infatti il colorito diventa meno giallo e lei accusa meno nausea e prurito. Troppo tardi però, ormai la bilirubina l'aveva intossicata e i suoi reni hanno smesso di funzionare, per giorni è stata alimentata con le sacche, le hanno applicato il cerotto di morfina, l'hanno riempita di sedativi e antidolorifici! Il 20 novembre alle 18.40 mia nonna ha chiuso gli occhi per sempre.
Sono consapevole del fatto che sarebbe morta lo stesso, ma credo anche che se non si fossero accaniti tanto, avremmo trascorso ancora un Natale insieme e lei avrebbe avuto la sua brioche alla crema! Quella che ha fatto secondo loro è una morte dignitosa??? Imbottita di morfina e sedativi??? E perché hanno interrotto la sua abituale terapia senza informarci???
Concludo parlando del personale infermieristico, su tutti ce n'erano due che svolgevano il loro lavoro con professionalità; le altre si mostravano scocciate alle nostre richieste e si infastidivano perché chiedevamo di farle le notti.

Patologia trattata
Tumore ai dotti biliari in paziente di anni 85 diabetica.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Grazie Dott. Coccia

Nel 2010 mi sono sentita male e per ben 6 mesi nessuno è riuscito a capire che cosa avessi, nonostante fossi stata da molti dottori di altri ospedali. Molte volte sono andata al pronto soccorso (di ben due ospedali diversi che non nomino), perchè avevo continue scariche ed emorragie, ma la causa per loro era sempre la stessa: emorroidi o intestino irritato (ma tutto questo espresso a voce, perchè non mi hanno mai fatto nessun controllo). Sono arrivata a un punto in cui non mi reggevo in piedi, fino a quando mi hanno consigliato il Dott. Coccia dell'ospedale Galliera. Ho fatto la visita e nel momento in cui gli ho solo descritto i sintomi, il dottore mi ha detto innanzitutto che era necessaria una colonscopia (che in 6 mesi nessuno mi aveva consigliato), dicendomi che secondo lui avevo una Retto Colite Ulcerosa. Così è stato e dopo tre giorni ho fatto la colonscopia + biopsia (devo essere sincera, avevo molta paura di fare questo controllo, ma l'infermiera e il dottore sono stati molto bravi e gentili, adesso se dovessi rifarla non avrei nessun problema), dove mi è stata diagnostica definitivamente una RCU. Il dott. Coccia mi ha aiutata tantissimo e dopo la cura ad oggi mi sento molto meglio. Lo consiglio a tutti perchè è un dottore competente.

Patologia trattata
Rettocolite Ulcerosa.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Grazie Dott. Massa

E' qui che nel 2008 mi hanno salvata, è qui che finalmente, dopo anni in cui mi sono sentita dire che avevo di tutto, dal colon irritabile, alla gastrite, alle crisi di panico, mi hanno dato una diagnosi.
Sono arrivata al Galliera con un'emorragia in corso che in altra struttura genovese, qualche ora prima, avevano valutato come emorroidi. Ho passato 20 gg. nel reparto di gastroenterologia del Galliera e qui ho conosciuto il Dott. Massa. Da allora non ho più voluto essere seguita da nessun altro. Questo SIGNOR GASTROENTEROLOGO mi ha salvata due volte, nel corso di questi anni di malattia è riuscito a non farmi operare, mi ha portata con pazienza, professionalità e umanità alla remissione.
Mi è stato vicino in tutti i modi possibili.
Non potrò mai ringraziarlo abbastanza per aver dato un nome alle mie sofferenze e aver così iniziato a curarmi. Non potrò mai ringraziarlo abbastanza per aver compreso subito, dai segnali che gli riportavo, che c'era da indagare anche altro e infatti il Crohn non è l'unica malattia da cui sono affetta. Sono serena su ogni sua scelta, mi fido di lui ciecamente, so di essere in ottime, straordinarie mani.
Detto questo, non posso non spendere due parole sull'intero reparto, dove ahimè ho soggiornato diverse volte, dopo quell'emorragia. Anche il resto dell'equipe medica mi ha seguita con scrupolo e cura sempre, in particolare il Dott. Coccia, primario del reparto.
Il meraviglioso Staff infermieristico, tutti davvero gentili, disponibili, umani e dediti al loro lavoro. Li ho visti passare una quantità di tempo indefinibile a nutrire una nonnina di 102 anni, cosa che non facevano i suoi stessi figli. Potrei raccontare un'infinità di storie positive su questi professionisti che mi hanno assistita e spesso coccolata.
Anche a loro va il mio profondo grazie.

Patologia trattata
Morbo di Crohn.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Morbo di Crohn

La mia patologia è stata qui prontamente diagnosticata, informata e tranquillizzata, dopo anni di limbo presso altra struttura genovese.
Ben due ricoveri, uno dei quali per ben 20 giorni.
Ora sono sempre seguita con professionalità e rispetto sia dai medici che dagli infermieri.

Patologia trattata
Morbo di Crohn.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
3.0

Endoscopia digestiva?

Mia suocera è stata ricoverata per ben 2 volte in questo reparto, per una stenosi delle vie biliari, dove è stata sottoposta per ben 4 volte ad ERCP prima di poter giungere ad una diagnosi certa (colangiocarcinoma dell'ilo?); inoltre senza riuscire a drenare il ristagno biliare, inducendo quindi un'infezione molto grave e un forte ittero.
Oltre a dimostrare limitate capacità in endoscopia biliare, dove non avevano le competenze necessarie per operare con successo data la zona della stenosi, hanno perso tempo (quasi 3 mesi complessivi), non si riusciva a capire che cosa intendessero fare.. unitamente ad una poca disponibilità a fornire informazioni chiare ed univoche; soprattutto avrebbero potuto indicarci i centri di maggiore specializzazione per queste patologie, cosa che ho dovuto scoprire su internet.
Credo che questo non sia un modo serio di comportarsi e denuncia scarsa professionalità e scarsa sensibilità verso il paziente e i familiari.

Patologia trattata
Stenosi vie biliari.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

colonscopia

Ho letto la recensione prima su quel dottore. sono felice per l'esperienza della signora, peccato che io non possa dire altrettanto nei confronti di mia figlia di 26 anni. Le ha fatto una colonscopia senza un minimo di anestesia e, trovando una proctite erosiva, non ha nemmeno effettuato una biopsia. Poi ha pensato di farla in narcosi e con infiammazione non ha voluto eseguire una biopsia; le è stata data una terapia con cortisone e mesalazina e dimessa con colon irritabile. Dico solo che ora è seguita in un centro per le malattie croniche intestinali.

Patologia trattata
diarrea cronica (20 scariche al dì) - Malattia infiammatoria cronica intestinale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Endopscopia- Dott. Massa

Sono stata ricoverata per un day hospital presso questa struttura per eseguire una colonscopia. vorrei ringraziare il Dott. Massa (Gastroenterologo), medico di questo reparto per la sua grande Professionalità e Competenza: nonostante l'esame fosse doloroso il Dott. Massa e la Sua assistente sono stati davvero favolosi, mi hanno fatto passare la tensione, mi hanno fatto sorridere, distrarre, insomma, mi hanno accompagnata durante tutta la durata della colon facendomi sentire la loro presenza "umana", cosa che molto spesso è difficile riscontrare negli ambienti ospedalieri e che, in frangenti come questi o quando si sta male, è davvero importante sentire.
Grazie di cuore e buon lavoro.

Patologia trattata
Dolicocolon.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

diagnosi sbagliata

Mia figlia è stata seguita da un dottore di questo reparto e ha fatto per ben due volte una colonscopia senza mai eseguire una biopsia, nonostante vi fosse notevole iperemia nel colon. La diagnosi del dottore è stata di colon irritabile, terapia: mesalazina. Dopo un paio di mesi, in seguito a una colica fortissima, è stata ricoverata in un altro centro, ha dovuto ripetere la colonscopia e siamo in attesa della biopsia. Aggiungo che sono state rilevate due ulcere al retto ed è stato effettuata una eco delle anse intestinali (il dottore del Galliera mi aveva detto che l'eco non serviva ed ero solo troppo ansiosa), dove è risultato un ispessimento di un'ansa. Mi sono rivolta all'urp del Galliera per denunciare la situazione, ma loro le segnalazioni le prendono entro 60 giorni dall'accaduto. Per educazione non metto il nome del dottore che l'ha seguita.

Patologia trattata
malattia infiammatoria cronica dell'intestino.


Altri contenuti interessanti su QSalute