Unità Spinale Ospedale Ancona

 
4.9 (4)
Scrivi Recensione
Il reparto Unità Spinale dell'Ospedale Umberto I di Ancona, Azienda Ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti situata in Via Conca 71 in località Torrette, ha come Responsabile la Dott.ssa Recchioni Maria Antonietta. Il reparto prende in carico Persone con lesione midollare acuta, a partire dalle fasi più precoci dell'evento lesivo, fino al completamento del percorso diagnostico-terapeutico-riabilitativo. L'intervento riabilitativo/sanitario si sviluppa attraverso la prevenzione delle complicanze immediate, accompagnando il paziente nel percorso di raggiungimento del massimo livello possibile di autonomia e, dove possibile, fino al reinserimento nel proprio domicilio. La struttura permette di accogliere pazienti con lesione midollare acuta da trauma vertebro-midollare cervicale, dorsale o lombare, con paraplegia o tetraplegia, completa od incompleta, e con lesione midollare acuta non traumatica, con paraplegia o tetraplegia completa od incompleta per patologia spinale tumorale, infettivo-flogistica, vascolare ed emorragica, sottoposti anche ad intervento chirurgico. Gestisce inoltre rientri per complicanze terziarie della lesione midollare (trattamento della grave spasticità e dolore neuropatico, complicanze tardive vertebro midollari, complicanze legate a vescica ed intestino neurologici e cutanee). Equipe medica: Dott. Capeci William e Dott.ssa Cicconi Barbara.

Recensioni dei pazienti

4 recensioni

Voto medio 
 
4.9
Competenza 
 
5.0  (4)
Assistenza 
 
5.0  (4)
Pulizia 
 
5.0  (4)
Servizi 
 
4.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie di cuore

Sono stata in unità spinale per 4 mesi con mio figlio Simone di 16 anni che ha avuto una lesione midollare a livello D5-D6 per un incidente in moto.
Ho trovato non un reparto ospedaliero, ma una vera e propria famiglia che con competenza e comprensione ha rimesso "in piedi" mio figlio. Lo ha preparato ad una nuova vita ed indipendenza.
Un grazie da madre che non sarà mai abbastanza!!

Patologia trattata
Paraplegia.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Eccellenza sotto ogni profilo

Ho avuto mio padre ricoverato poco più di un mese presso l'unità spinale, dopo un un paio di trasferimenti all'interno dell'ospedale di Torrette, causa una mielolesione al livello C3-C7.
Anche io descrivo questo reparto come una seconda famiglia, anzi, nello specifico data l'età di mio padre (81 anni) lo hanno letteralmente coccolato, un senso di umanità e familiarità mai visto in in una struttura ospedaliera (ne ho avute di esperienze).
Reparto di vera eccellenza e competenza sotto ogni aspetto, composto da uno staff di una quindicina di persone tra medici, fisioterapisti, infermieri ed OSS, mossi da un altissimo senso del rispetto della dignità umana e da obiettivi chiari e trasparenti.

Patologia trattata
Tetraplegia.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Come mi sono trovato io

Ciao sono Valentino e mi sono trovato molto bene, il miglior reparto ospedaliero in cui sia mai stato. Ho fatto parte dell’unità spinale per 6 mesi, ma con loro sono passati molto bene e in serenità. Questo grazie a un personale composto da bravissimi medici, fisioterapisti, terapisti occupazionali e OSS super disponibili e di altissimo livello.
Inoltre da aggiungere assolutamente tutti gli infermieri, personale ad altissimo livello e super disponibile.

Patologia trattata
Lesione midollare, vertebra dorsale 5.


Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Piccolo centro ultra qualificato

Ancona splendida città sul mare, ma l'Unità è situata dentro l'ospedale regionale di Torrette. Un piccolo centro con solo 6 posti letto, ma mi hanno preso in carico già dalla rianimazione, perciò ho messo un po' ad uscirne, ma quando sono arrivato su in reparto mi andava di rinascere. Lì ho affrontato le prime delusioni e difficoltà, supportato da un team riabilitativo sempre presente, e da degli infermieri infaticabili che hanno sopportato le mie intemperanze. Una seconda famiglia.
Certo, magari qualche intoppo legato alla po' a disponibilità di posti letto, ma ho trovato, ripeto, una seconda famiglia.

Patologia trattata
Paraplegia.


Altri contenuti interessanti su QSalute