Psichiatria Ospedale Belluno

Psichiatria Ospedale Belluno

 
3.9 (3)
Scrivi Recensione
Il reparto Psichiatrico di Diagnosi e Cura SPDC dell'Ospedale San Martino di Belluno, situato in Viale Europa 22, ha come Direttore il Dott. Bruno Forti. Il reparto è la parte ospedaliera del dipartimento di salute mentale (DSM) ed è la sede dei ricoveri ordinari sia in regime volontario che in Trattamento Sanitario Obbligatorio. Si caratterizza per una elevata efficienza mirata e limitata alla fase diagnostica e terapeutica delle acuzie. Ha la funzione di fornire l'assistenza alle persone affette da disturbi o disagi psichici. Viene fornita da parte del personale medico consulenza per il pronto soccorso, per i reparti ospedalieri e per il territorio. Patologie prevalenti di cui si occupa il servizio: Psicosi acute, croniche e riacutizzazioni; disturbi dell'umore; crisi suicidarie; disturbi di personalità; occasionalmente disturbi del comportamento e ansia. Fanno parte dell'equipe medica: dr. Mario Menegardi (responsabile SPDC), dr. Alessandro Sterpone, dr.ssa Francesca Gambaro.

Recensioni dei pazienti

3 recensioni

Voto medio 
 
3.9
Competenza 
 
4.0  (3)
Assistenza 
 
3.7  (3)
Pulizia 
 
4.3  (3)
Servizi 
 
3.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Esperienze varie

Tutti i medici e gli infermieri sono molto preparati, molto disponibili e pazienti!!!

Patologia trattata
Depressione, disturbo d'ansia acuto e di personalità.


Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Esperienza da rimuovere dalla mente

L'esperienza che ho vissuto in questa struttura è al limite del paradosso Kafkiano.
Ho percepito durante il ricovero una incomprensione verso il mio stato psichiatrico tanto che oggi, a distanza di 3 anni, non posso nemmeno ripensare all'episodio di quei giorni.
Dopo aver lasciato dei fogli presso la mia abitazione dove esprimevo la volontà e le motivazioni di quello che sarebbe stato il mio gesto, durante la notte sono stato ricoverato presso questa struttura psichiatrica a seguito del mio tentativo.
Il mattino seguente, volendo avvisare i familiari che da lì a poco avrebbero trovato le righe scritte, portandoli a conoscenza di dove mi trovassi, da parte dell'infermiere di turno c'è stata una continua negazione (a toni molto accesi) di una telefonata di rassicurazione a casa dal telefono del reparto, o di qualsiasi concessione del mio cellulare chiuso in un armadio; inoltre, ancora più paradossale, nemmeno il mio portafoglio per prendere di una moneta da utilizzare nella cabina pubblica collocata all'interno del reparto.
Sono state ore molto difficili, che ricordo con dolore.. Di nascosto, grazie ad un paziente che mi ha prestato 50 centesimi, sono riuscito a contattare i miei familiari, che mi hanno trasferito in altra struttura.

Patologia trattata
Psicosi acuta, tentato suicidio.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Umanità

Spero ed auguro alla Dottoressa Gambaro di fare ritorno al più presto all'interno di questa struttura. Dottori come lei... sono davvero rari.

Patologia trattata
Depressione reattiva.




Altri contenuti interessanti su QSalute