Dettagli Recensione

 
Ospedali e case di cura a Torino
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Ortopedia

Tralasciamo l'agonia che tutti i pazienti passano per gli esami preoperatori a qualche settimana dall'intervento a causa della PESSIMA organizzazione: ho aspettato 9 ore per fare un ecg, un prelievo del sangue e un superficiale colloquio con l'anestesista durato 2 minuti (per caritá, fortunatamente era tutto ok e va bene così).

Se penso ai due giorni passati all'interno della clinica mi sale sempre l'ansia! Consiglio al personale in generale, ma in particolare alla giovane anestesista, lezioni di approccio al paziente, che male non fa! L'intervento è riuscito bene a detta dei dottori, sono ancora in fase di recupero al momento. Comunque mi è stato 'dimenticato' un punto all'interno della ferita, di cui mi sono accorta solo quando ha fatto infezione... Pazienza, capita. La cicatrice è brutta (confrontandola con quelle di altre operazioni uguali a questa) e ancora molto evidente a quasi tre mesi dall'operazione. Mi sono stati graffettati anche i drenaggi e ancora qualcuno deve spiegarmi il perchè, non sto a spiegarvi il dolore che ho provato al mattino quando il medico ha cercato di strapparli dal ginocchio APPENA operato e senza anestesia. Il medico (che tra l'altro non era neanche il mio) e gli infermieri sono stati abbastanza sgradevoli durante la mia degenza, sempre pronti a giudicare le mie reazioni in un momento di fragilità a cui si è aggiunto un blocco della vescica (e lì ci sarebbe un'altra storia ancora).
Il mio letto era rotto e lo schienale stava su, per tutto il giorno ogni volta che passava qualcuno chiedevo gentilmente, cercando di non rompere ulteriormente le scatole al personale già di suo scocciato, di capire se si poteva aggiustare in qualche modo, almeno per poter passare una notte tranquilla per quanto fosse già di suo impossibile, e tutti mi hanno risposto "è rotto", andandosene poi via.
La mattina del secondo giorno ero davvero provata, tanto che il medico, che continuava a non essere il mio, non mi ha firmato il consenso per uscire. Sta di fatto che una volta tolti i drenaggi e atteso con pazienza il fisioterapista che doveva guardarmi mentre mi alzavo, ero pronta IO ad andarmene via stavolta! Un'altra notte lì proprio no!
Spero di aver risolto una volta per tutte questo problema, in ogni caso qui non ci tornerei.

Patologia trattata
Lesione LCA.

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute