Villa Papa Giovanni XXIII Pianezza

 
2.4 (51)
Scrivi Recensione
Indirizzo
via San Gillio 75, Pianezza (TO)
Telefono
011 9675075
La Casa Di Cura privata Villa Papa Giovanni XXIII è situata in via San Gillio 75 a Pianezza in provincia di Torino ed è una struttura aperta dal 1981. La struttura sorge al centro di un'ampia distesa verde di circa 80.000 metri quadri, destinata in parte a giardino e in parte a parco. La casa di cura è specializzata in riabilitazione, neurochirurgia ed ortopedia, eseguendo trattamenti di rieducazione funzionale e rieducazione neuromotoria, per la quale dispone di una grande palestra che si avvale di apparecchiature all'avanguardia per le terapie strumentali.

Recensioni dei pazienti

51 recensioni

 
(6)
 
(9)
 
(4)
 
(14)
 
(18)
Voto medio 
 
2.4
 
2.5  (51)
 
2.3  (51)
 
2.5  (51)
 
2.1  (51)
Visualizza tutte le recensioni

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Esperienza più che buona

Mia madre è stata ricoverata per 40 giorni per recupero post ricovero al Mauriziano. Si tratta di una persona affetta da demenza e altre patologie. Ha fatto fisioterapia, si è trovata benissimo sia col personale che col fisioterapista. Ottima anche l'asssistenza del Dott. Guadagnuolo. L'unico problema è stato il rientro a casa: a Pianezza stava decisamente meglio!

Patologia trattata
Demenza, Parkinson.



Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Figlia di paziente

Ho un genitore qui ricoverato da sette giorni.
Da tre cerco di parlare con fisiatra sia per telefono che di presenza, ma rispondono che ci sono le ferie!
Ma gli anziani non vanno in ferie e si meritano un'assistenza migliore!
La riabilitazione è al minimo, le OSS e infermiere fanno come possono essendo sotto dimensionate per un livello uno rispetto al numero di pazienti e le patologie di persone molto anziane.
Il colmo è che tutte le strutture a livello uno sono fuori Torino e non ci sono alternative.
Vorrei sapere chi decide cosa!

Patologia trattata
Riabilitazione.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Riabilitazione

Uso questo spazio per riportare la mia esperienza, purtroppo negativa... Mia nonna un mese fa, a seguito di una frattura al femore, dopo l'intervento in ospedale a Ciriè è stata trasferita nella "casa di cura Papa Giovanni XXIII" dove, dopo un primo periodo di collaborazione, ha iniziato a non collaborare più perché emotivamente abbattuta e in un iniziale stato depressivo... Dalla scorsa settimana ha iniziato anche a non mangiare e non bere più e, nonostante le richieste di noi parenti nel richiedere una maggior cura o una visita specialistica per poterla aiutare, non abbiamo avuto alcun riscontro, anzi: ci è stato detto di star tranquilli perché mia nonna si sarebbe ripresa. Morale della favola oggi, 14 giugno 2018, alle ore 8.30 siamo stati contattati dalla struttura che ci ha detto che mia nonna sarebbe stata trasferita all'ospedale di Rivoli per una TAC, visto che non riusciva più a muovere neanche un dito.
Il 14 sera l'ospedale di Rivoli ha emesso il referto della TAC e delle relative analisi:
•embolia polmonare
•mancanza di ferro
•mancanza di potassio
•disidratazione

Volevo fare, personalmente, i ringraziamenti alla struttura per aver lasciato che mia nonna finisse nel giro di una settimana in questo stato medico disastroso. Seguiranno mie ulteriori lamentele all'Asl a chi di competenza.

Patologia trattata
Riabilitazione post frattura femore.

Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Incredibile

La zia di mio marito è stara ricoverata per la riabilitazione, ha 84 anni ed è caduta in casa; quindi ci hanno consigliato questa struttura. Dopo 4 giorni di ricovero all'interno della struttura si è rotta il femore ed è stata portata all'ospedale di Rivoli. Peccato che nessun parente sia stato avvisato della cosa! Per fortuna un nipote ha telefonato ed è stato informato di quanto è successo ed invece di riprenderla per la degenza e la riabilitazione, hanno chiuso la pratica senza dire niente! Ora la zia è stata dimessa dall'ospedale e quindi dobbiamo fare tutte le pratiche di nuovo.. Sinceramente spero non la rimandino qui, visto la solerzia che hanno avuto nell'avvisare i famigliari!

Patologia trattata
Riabilitazione.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pessima esperienza

Ricoverato mio padre di 84 anni semi autosufficiente per riabilitazione motoria e respiratoria.
Dopo 10 giorni ho dovuto portarlo via perchè peggiorato a causa della degenza in questa struttura.
Odore di urina sempre e ovunque. Anziani abbandonati a sè stessi che in breve tempo diventano completamente non autosufficienti e allettati.
Sedazione costante. Fisioterapia quasi inesistente (a mia domanda sulle ragioni per cui mio padre non era stato portato più volte a fare fisioterapia, sono state addotte scuse quali la mancanza di tempo o la non volontà di andarci da parte di mio padre - impossibile perchè era l'unica cosa che desiderava).
Personale ridotto al minimo, sovraccaricato e dopo le 19.00 ulteriormente ridotto, sino a una sola persona per 40 pazienti, di notte.
Ho dovuto far assistere mio padre giorno e notte, tranne la mattina in quanto OBBLIGANO CHI ASSISTE A NON STARE CON IL PAZIENTE, senza che ve ne sia ragione.

Patologia trattata
Degenza post operatoria a seguito di versamento pleurico.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

OTTIMA ESPERIENZA

Ho vissuto la mia prima esperienza riabilitativa in questa clinica completamente immersa nel verde, tra personale medico ed infermieristico competente e disponibile. Un team di fisioterapisti qualificati ha reso possibile una ripresa repentina di tono muscolare ed elasticità articolare. Umanità e spirito di collaborazione del personale rappresentano i punti di forza di questa clinica.

Patologia trattata
ESITI DI POLITRAUMA.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Non la consiglio

Solo una cosa vorrei dire: se avete parenti anziani, non portateli a Papa Giovanni XXIII. Altrimenti in qualche giorno vedrete il declino di una persona che amate (amiamo..).
Dieci anni fa anch'io sono stata ricoverata qui ed ho firmato per ANDARE VIA! E avevo 42 anni..
Li lasciano a loro stessi, e poco importa se voi state con i vostri cari 6/12 ore, perchè il resto del tempo sono SOLI. SOLI, SPORCHI, DEPRESSI, CONFUSI.

Patologia trattata
Riabilitazione.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Riabilitazione

Ringrazio tutto il personale della struttura per l'ottima assistenza medica e infermieristica prestata a mia nonna per riabilitazione post frattura femore!

Patologia trattata
Frattura femore.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Degenza di mio papà

Non riesco a capire come mai vengano fatte recensioni negative su Villa Papa Giovanni.
Questo non vuol dire che io, figlio della persona ricoverata, non abbia avuto problemi, anzi, fin dal primo giorno ho riscontrato la maggior parte dei problemi segnalati da altri utenti, ma non ho aspettato a fare recensioni negative a fine ricovero di mio papà, bensì mi sono subito rivolto alle splendide persone della direzione e del direttore sanitario per discutere dei problemi.
Sono stato accolto con tanta gentilezza, sono stati disposti ad ascoltarmi, a prendere nota dei problemi e delle persone segnalate e, visti i cambiamenti in reparto, presumo che una tirata di orecchie sia stata fatta a chi di dovere. Perciò ribadisco il fatto di non aspettare che le cose cambino, quando magari ai vertici le cose non vengono segnalate.

Patologia trattata
Focolai polmonite.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pessima esperienza

Mio padre di 81 anni è stato ricoverato per riabilitazione post protesi femorale dopo intervento al CTO. Entrato l'8 settembre 2016, era in carrozzella e camminava con il girello. Mangiava da solo, parlava. ERA VISPO, con alternati momenti di lucidità poiché affetto da Alzheimer. Avrebbe dovuto fare riabilitazione e niente altro. Dopo tre giorni hanno incatenato la carrozzella con lucchetto e catena, perché a detta loro mio padre andava in giro a disturbare. Il quarto giorno lo abbiamo ritrovato sedato pesantemente nel letto. Non parlava più. Le due dottoresse rispondevano a monosillabi che stava bene e che era sedato per il suo bene. Il pannolone non veniva quasi mai cambiato, sempre intriso di pipì tutto il giorno. Nessun riguardo, nessuna assistenza, nessuna umanita'. Dopo solo 8 giorni, vedendolo in questo stato, ho chiamato i carabinieri e ieri l'ho portato via con ambulanza privata e dimissioni volontarie (perché le due fantastiche dottoresse dicevano che stava bene) al pronto soccorso delle Molinette. Mio padre ora è grave, ricoverato con sepsi, piaghe da decubito all'osso sacrale e ossigeno. Tutto questo in soli 9 giorni. Nessuna riabilitazione, ANZI, PARE ADDIRITTURA CHE LA PROTESI SI SIA SPOSTATA.
Farò esposto alle autorità di competenza.

Patologia trattata
Protesi anca femore.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Ricovero da paziente

Esperienza negativa in tutti i servizi, tranne il mio fisioterapista. Medici inesistenti, OSS e infermiere quasi tutte maleducate, menefreghiste, non efficienti. Poi business per l'acqua, non servita ai pazienti come tutti gli ospedali a pranzo e a cena: ci consegnavano a loro voglia lavorativa e piacere, caraffe d'acqua da depuratore e alla richiesta del riceverla nei giusti orari e tempi, ci veniva risposto "quando avrò tempo verrà distribuita" (anche se eri senza acqua). Credo che tutto questo (stessa storia poi per per il cibo, pessimo), portasse benefici economici al bar e alle macchinette. Un centro riabilitativo cosi non lo ho mai visto, oltretutto c'erano pazienti con problemi più gravi dei miei che venivano lasciati soli. Centro riabilitativo privo di assistenza di prima degenza.

Patologia trattata
Riabilitazione muscolare.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Degenza di mio padre

Mio papà è tornato a casa oggi, dopo il periodo di riabilitazione post frattura/intervento al femore. Il cibo lascia molto a desiderare, e i medici sono poco presenti e soprattutto poco gentili. Nulla da dire sugli infermieri e sui fisioterapisti. Il mio ringraziamento sentito e di cuore va a Tudor, Patrizia, Franco e Victoria: questi sono gli infermieri di cui conosco il nome e di cui posso parlare solo bene per competenza, professionalità, educazione e gentilezza, ma tutto lo staff infermieristico è all'altezza. Un grazie sincero anche a Stefano, il fisioterapista che, con tanta pazienza, ha spronato ed aiutato mio padre a rimettersi in sesto.

Patologia trattata
Riabilitazione post frattura femore sx.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti

Professionalità, gentilezza, cura e attenzione verso il paziente caratterizzano il personale.
Un ringraziamento al Dott. Guadagnuolo, a tutta l'equipe del secondo piano, in particolare alla signora Maria.
Grazie per tutto ciò che avete fatto per la mia mamma.

Patologia trattata
Frattura della teca cranica in sede frontale dx con emorragia subdurale frontale omolaterale.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

INCURIA e DEBILITAZIONE

La definizione "casa di cura e riabilitazione" è assolutamente fuorviante.
L'ischemia non aveva colpito nessun nessun organo motorio o sensorio, la paziente camminava normalmente e parlava, era a volte in stato confusionale e fuori dalla realtà.
Dopo due bronchiti, due infezioni intestinali da clostridium, in sedazione quasi permanete, su una carrozzina per tutto il giorno e dopo aver perso almeno sette chili, mia mamma è stata dimessa che: non camminava più, parlava biascicando e lo stato confusionale era quasi permanente.. E' mancata, a casa, dopo venti giorni senza più riprendersi.
Personale, assistenza sanitaria, vitto, alloggio... "Siamo allineati con quanto richiesto dalle disposizioni e regolamenti" , cioè del tutto inadeguato, insufficiente e limitato all'essenziale o possibilmente meno.
Soltanto una dolcissima infermiera filippina e una più che materna assistente OSS, hanno cercato di rendere più accettabili le condizioni di degenza, nessun'altro e niente altro.
SEGNALARE alle autorità competenti.

Patologia trattata
Esiti da ischemia.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Assistenza mamma

Volevo ringraziare e complimentarmi con tutto il personale per la professionalità e l'umanità dimostrate verso mia mamma, deceduta l'11 maggio 2016 in seguito ad un ictus ischemico cerebrale molto violento, che ha reso la mamma ad uno stato vegetativo.
La mamma è sempre stata assistita in maniera inappuntabile, mai in quasi 2 mesi di degenza ho trovato la mamma non cambiata o lenzuola sporche; anche i bendaggi per le piaghe antidecubito venivano sostituite regolarmente. E poi l'umanità: tutti si sono dimostrati sempre disponibili. Grazie ancora.

Patologia trattata
Ictus ischemico.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pochezza assistenziale in struttura di recupero

Capisco i tagli, d'accordo, lo sappiamo, ma qui si tratta di colpevole e totale mancanza di una degna professionalità, sia da parte soprattutto dei medici, che gentilmente interrogati, col cappello in mano, appaiono apatici, sbadiglianti ed assenti, seppur loro si contestino argomenti appropriati. Domanda?- Risposta: "Eh, ma io non conosco la storia clinica della paziente, non posso certo intervenire più di tanto..".
Nulla incide, come reazione da parte di chi cerca di farsi le proprie ragioni, è come fossero dentro un'aura speciale che li salvaguarda da ogni errore, che fanno sempre gli altri, sia di natura strettamente clinica che di valutazione generale. Mia madre, per esempio, ottantaduenne con problemi innanzitutto depressivi e di non capacità di alimentarsi autonomamente causa tremori sempre più forti, è stata internata in un reparto che definire allucinante risulta ottimistico: persone abbandonate al loro letto che urlano frasi sconnesse, poverine, notte e giorno tra l'indifferenza generale, le quali dovrebbero come minimo essere imboccate quando è l'ora del pasto, che tra l'altro inviterei tutti ad assaggiare, invece le inservienti hanno sempre altro da fare, e quindi il pasto resta sempre a raffreddarsi sul tetro comodino. Ogni loro continua e palese inadempienza, quella di quelle persone che per contratto di lavoro devono occuparsi di queste persone non autosufficienti, dovrebbe essere registrata e documentata, non solo vista dagli occhi dei parenti dei ricoverati. Fare un lavoro del genere è certo difficile e poco piacevole, ma fai sempre in tempo a cercartene un altro, prima di diventare aggressiva, acida e prepotente con persone che hanno la sola colpa di non essere purtroppo più autosufficienti. Parere stranegativo, ultra mega negativo.
Guardatevi bene di portare i vostri cari qui.
Sono Massimo Lamberti, con mamma andata via firmando, dopo aver perso due kg. in dieci giorni, lunedi' 14 Marzo.
Attendo querele con impazienza, sempre che riusciate a provare che quel che affermo è assolutamente falso.

Patologia trattata
Depressione, disordini e difficoltà alimentari.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Lasciate ogni speranza o voi ch'entrate!

Dimessa dal San Luigi d'Orbassano, la signora è stata abbandonata al Papa Giovanni XXIII di Pianezza; nonostante conoscessimo la pessima reputazione del luogo, ci siamo illuse che il soggiorno potesse giovarle.
Oh, illacrimata speme!
Nella permanenza di due settimane e mezza la signora:
- È stata lavata una volta sola
- Le lenzuola non sono MAI state cambiate
- La medicazione alla gamba ricevuta all'ospedale è stata cambiata dopo tre giorni
- Ha ricevuto UNA volta sola la visita del medico
- Un giorno non le è stata data la medicina prevista dalla sua cura perché era "finita"
- Doveva dormire sulla sedia a rotelle perché non era reperibile un materasso adatto a lei e alla sua patologia
- Non le è stato fornito un cuscino in più da sistemare dietro la schiena per alleviarle il dolore
- Le sono state tolte il giorno seguente all'arrivo le calze antitrombo (prescritte dall'ospedale) per un motivo ignoto
- È stata notata sia dalla Signora che dai parenti una grande MALEDUCAZIONE e INCOMPETENZA da parte del personale medico e di servizio
- Tornata a casa la Signora non riusciva più a camminare totalmente ed il suo umore era molto peggiorato.

Cordiali saluti, signora e famiglia.

P.S.: ci piacerebbe sapere quale norma igienica prevede che i pannolini debbano essere riempiti tre volte prima di essere sostituiti, alla faccia dell'igiene.

Patologia trattata
Riabilitazione motoria.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Visite on line..

Sulla Papa Giovanni XXIII nulla da dire per quanto riguarda l'assistenza e pulizia, struttura accogliente, operatori sempre in movimento sobbarcati di lavoro al limite della sopportazione! Una infermiera e due OSS per reparto, composto da 30 pazienti per l'80% allettati.. per cui l'opera del personale e' piu' da lodare, fanno quello che possono e lo fanno bene anche se con il cuore nel cassetto al riparo da emozioni. L'organizzazione e' ottima, dopo di che andiamo nel difficile quando parliamo di competenza e voglia di lavorare da parte dei medici. Non a caso ho chiamato la struttura non Papa Giovanni, ma "visita on line": questa e' l'impressione che si ha. Il medico ti visita almeno nel reparto nel quale sono stato circa tre mesi e mezzo con un metodo bizzarro ossia: sulla soglia della stanza con in mano la cartella clinica decide la terapia ed anche se stai bene pochissime domande, anzi, si puo' dire niente. A questo punto vale la pena abbonarsi a queste pagine mediche on line secondo me, ci seguirebbero meglio.. Sì perche' anche dal vivo ti seguono a distanza e quando fai qualche domanda piu' specifica sembrano scendere dalle nuvole. Dico questo perche' dopo l'amputazione nessuno si e' accorto che il mio moncone non andava bene a causa di sporgenza ossea, la quale non mi permette di camminare bene. Io sto tentando di non rioperarmi, sono nelle mani del tecnico ortopedico con la speranza che con qualche modifica alla gamba riesca a farmi camminare ed evitare l'operazione. Non parliamo dei fisiatra, fantasmi ed anche poco competenti. Bravini invece i fisioterapisti, ma sono piu' degli allenatori meccanici, non vanno oltre, hanno una visione ristretta del loro compito rispetto alla riabilitazione deambulatoria, al di fuori della concezione meccanica non sanno dove mettere le mani. Questa colpa io la attribuisco ai fisiatri, pressoche' assenti sotto l'aspetto diagnostico e curativo. Per il resto vengono ogni giorno in palestra per la presenza e la solita visita on line. Forse se invece di tagliare le spese pensassero ai pazienti, forse gli stessi operatori, medici compresi, ritroverebbero la loro scienza mi auguro. Così voglio pensare, sarebbe assurdo credere che siano davvero così. Se sei mentalmente attivo forse te la cavi, diversamente sei alla loro mercè, ma questo credo sia una cosa che appartenga al proprio cuore. Ahh già, ho prima detto con il cuore nel cassetto..
FERRIERI GIANCARLO

Patologia trattata
Riabilitazione per amputazione arto sinistro, artereopatia cronica ostruttiva polivalente con claudicazio intermittentis arto destro da relativa trombosi pregressa arto destro.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Assolutamente no

Il personale fa quello che può, visto che da 2 mesi lavora senza essere pagato, quindi complimenti a tutti per il volontariato.

Patologia trattata
Frattura femore.
Punti di forza
il personale.
Punti deboli
pulizia, mancanza di personale, cibo.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Assistenza ottima

In seguito ad un intervento di endoprotesi, mia mamma è stata ricoverata per riabilitazione. Cercando informazioni tra le strutture che mi erano state indicate dall'ospedale presso il quale l'intervento è stato effettuato, ho notato che questa struttura era molto consigliata, quindi ho voluto verificare. E' stata un'ottima scelta poichè: tutto il personale medico e paramedico è risultato competente, eccellente e gentile con i pazienti. Penso che tutto ciò sia dovuto all'ottima organizzazione di chi è a capo della struttura. Quindi ringrazio e consiglio ad altri questa casa di cura.

Patologia trattata
Riabilitazione in seguito ad intervento di endoprotesi all'anca.
Punti di forza
medici; personale infermieristico eccezionale; fisioterapisti.
Punti deboli
personale insufficiente.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Non la consiglio

Abbiamo portato mia mamma per riabilitazione dopo operazione per frattura del femore, senza possibilità di scelta, in questa struttura di cui avevo già sentito parlare in modo negativo, ma non credevo fino a questo punto. Personale OSS impreparato, personale infermieristico ineducato, scortese e aggressivo. Nessuna umiltà verso i pazienti. I medici: chi li ha mai visti? Mai più per nessuno dei miei parenti, la sconsiglio assolutamente.

Patologia trattata
Riabilitazione post operatoria frattura femore.
Punti di forza
Direi proprio nessuno.
Punti deboli
non ho trovato nulla di positivo.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Deprecabile

Spero che questo mio sfogo faccia capire che è meglio non portare i nostri cari presso questa struttura: il 17 ottobre abbiamo portato mia suocera per riabilitazione dopo intervento per frattura del femore sinistro. Mio suocero, che stava con lei dalle 12.00 alle 19.00, mi riferiva che il reparto era mal organizzato, vi era poco personale e soprattutto avevano solo una bomboletta di ossigeno (quelle piccole da passeggio) a disposizione; infatti una volta che mio suocero aveva portato la moglie giù al bar, è arrivato l'infermiere dicendo che doveva prenderle la bomboletta che serviva ad un altro paziente! Inoltre mia suocera aveva le calze antitrombo e mio suocero glie le ha tolte poi a casa il 28 novembre, scoprendo così che aveva un tallone in necrosi!!!!! mai controllato.
Poi le è venuta la polmonite e dopo 6 giorni è stata portata al p.s. e non è più tornata a casa!!!

Patologia trattata
Riabilitazione post frattura femore.
Punti di forza
possiamo dire il bar.
Punti deboli
attrezzature; presidi medici; presenza medica; umanità (non permettevano a mio suocero di entrare prima del pasto per aiutarla, così il più delle volte, non riuscendo a mettersi la dentiera, non mangiava!); pulizia pazienti: li lavavano pochissime volte ai cambi pannoloni.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Soggiorno mamma per riabilitazione

Dopo un mese di ospedale mamma e' stata mandata per riabilitazione motoria, nostro malgrado e senza possibilita' di scelta, in questa struttura ed ora la mia impressione:
personale OSS impreparato, maleducato; infermiere (tolto due persone) poco attente.
Medici troppo lenti nel fare una diagnosi con conseguenze per quei poveri anziani con patologie diverse. Nemmeno confrontarsi con il medico di ospedale che nelle dimissioni ha scritto la terapia in corso: che cosa costa alzare il telefono e chiedere notizie dirette del ricoverato? E queste strutture vengono pagate da tutti noi, non mi stupisco che la sanita' sia in crisi, ma lasciare certe persone in queste strutture e' a dir poco vergognoso e poco gratificante per chi lavora seriamente nella sanita' pubblica.

Patologia trattata
Problemi respiratori, deambulazione, esiti di TVA.
Punti di forza
Direi il bar che si trova all'interno, ma anche qui strappare un sorriso e' stato inutile.
Punti deboli
Poco personale, e quel poco dovrebbe avere un po' più di umiltà verso i pazienti che hanno bisogno di conforto e di essere seguiti con con cortesia.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Sistemazione di una 85enne operata al femore

Mia madre 85enne proveniente, dopo un intervento per rottura del femore e parte dell'anca, dall'ospedale Maria Vittoria di Torino per effettuare la riabilitazione necessaria post operatoria, viene sistemata al terzo piano della strutture dove sono presenti ospiti con patologie psichiche.
Il personale infermieristico - pur gentile - è impotente di fronte alle decisioni organizzative della direzione sanitaria e ci consiglia di non prestare attenzione all'ospite con evidenti disturbi psichici che condivide la stanza con mia madre, perchè "non è pericolosa". Mi viene il dubbio che, pur di prendere ospiti e quindi sovvenzioni pubbliche, si perda di vista l'aspetto umano degli ospiti che dovrebbero essere sistemati in reparti idonei rispetto alle patologie e la rieducazione che necessitano. Non sto parlando di discriminazione, ma di rispetto dell'ospite che, dopo un'operazione dolorosa e difficile, dovrebbe trovare in queste strutture oltre che la professionalità, anche la tranquillità durante la residenza per poter effettuare la riabilitazione serenamente. Senza contare che quando mia madre all'atto dell'accettazione medica ha fatto presente di avere un problema circolatorio e venoso con ulcere varicose, le è stato risposto che a loro non interessava questo aspetto.
La struttura è molto "coreografica": ci sono i cartoni con le foto a dimensioni reali dei medici responsabili dei reparti, alla reception la signorina è molto gentile, ma nelle camere anche l'arredamento è vecchio e non funzionale (comodini rotti, per farli accomodare occorre una segnalazione da parte del personale all'ufficio manutenzione...)
Riguardo i pannoloni per gli ospiti che soffrono - anche solo momentaneamente - di incontinenza, viene avvisato gentilmente che possono "pisciare 3 volte" prima che il pannolone sia da cambiare e comunque anche per il cambio occorre attendere: infatti il cambio avviene in orari prestabiliti. Ovvio che se l'ospite purtroppo "piscia" malauguratamente 5 volte o defeca, finchè non arriva l'orario del "cambio", sta a mollo nell'urina o nelle feci.

Patologia trattata
Riabilitazione post operatoria a seguito di frattura del femore.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Ineducazione personale infermieristico

Ho trovato la casa di cura ben curata all'ingresso e poi, giunta al piano. ho trovato personale infermieristico ineducato, scortese e aggressivo. Sul personale medico non posso esprimere giudizio perché non ne ho visto uno..

Patologia trattata
Riabilitazione post frattura femore.
Punti di forza
L'albero di natale esposto all'entrata.
Punti deboli
Ineducazione personale infermieristico.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Ringraziamento Dr. Di Francesca Massimiliano

Sono rimasta sorpresa della presa in carico della paziente, mia zia, soprattutto per l'intervento psicologico previsto all'interno del reparto di riabilitazione fisiatrica in cui è stata allocata.
Il Dott. Di Francesca Massimiliano ha ottimizzato una terapia farmacologica e ha creato una alleanza e compliance terapeutica degna di nota.

Patologia trattata
Difficoltà di deambulazione.
Punti di forza
Intervento psicologico, accuratezza e competenza nella fase psicodiagnostica per la stesura di un piano psico-farmacologico specifico per quel paziente e non solo focalizzato sul sintomo.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

SCONSIGLIATISSIMO

Dico solo che mio zio e' entrato lucido il 02/10/2013 con femore da riabilitare, ed è uscito il 29/10/2013 in condizioni disastrose. Il 30 ottobre e' mancato. Purtroppo, data la lontananza, le visite erano poche, ma in quelle poche occasioni ho constatato OSS e infermiere sgarbatissime, maleducate e incuranti dei pazienti lasciati a sè stessi.. e non esagero !!! Medici... e chi li ha mai visti?? MAI PIU' PER NESSUNO DEI MIEI PARENTI.

Patologia trattata
Esisti da frattura femore.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

ESPERIENZA DA DIMENTICARE

Premesso che mio padre è stato mandato in questa struttura direttamente dall'Ospedale San Luigi per una presunta riabilitazione motoria, per far fronte all'aggravamento della sua malattia, e che quindi poco ha a che fare con quanto offre la struttura stessa, ringrazio per la possibilità che mi è stata data di conoscere il posto e il personale all'interno. Grazie a chi non è in grado di assistere persone anziane, grazie alla OSS che alla mia richiesta di cambiare mio padre ha risposto che ora sta così perchè passano col cibo (non ho chiesto io di indurlo a sporcare.. ndr), grazie alla maleducazione di quasi tutto il personale (eccetto una o due persone), anche all'infermiera che nonostante il mio saluto di buongiorno e buonasera al suo intervento per somministrare farmaci, non ha MAI risposto (si tratta di semplice educazione), grazie per avermi fatto capire il motivo per cui non si entra il mattino (quando l'ho fatto, causa trasferimento per visita, ho visto tanti anziani abbandonati a sè stessi), GRAZIE PER AVERMI FATTO CAPIRE IL MOTIVO PER CUI BISOGNA USCIRE DALLA STANZA AL MOMENTO DEL CAMBIO PANNOLONE (semplicemente non vengono lavati!!!), grazie per avermelo portato all'esasperazione, fino al cedimento (siamo entrati che faceva ancora passi, usciti in carrozzina totale), grazie per averlo lasciato il giorno delle dimissioni FORZATE (GRAZIE A DIO, ormai) senza prepararlo all'arrivo dell'ambulanza (e guai se lo facevamo noi!) e soprattutto... grazie per avermelo fatto riportare a casa... e nel lavarlo scoprire che avevano lasciato anche la cannula per le flebo ancora nelle vene. Ho chiamato il nostro medico. Grazie.
p.s. non lasciate oggetti di valore in stanza, mi raccomando, neanche CREME, LOZIONI DOPOBARBA, perchè pare siano piaciute molto, quando sono sparite insieme agli occhiali da riposo nuovi...

Patologia trattata
Cirrosi epatica con versamento ascitico e vasculopatia cerebrale.
Punti di forza
La Dottoressa Pennisi, che nonostante le mie segnalazioni, è riuscita a farmi desistere dal richiedere un intervento molto SERIO.
Le due/tre OSS che fanno il proprio lavoro con cura e serietà. Ma non bastano per 32 persone a piano.
Punti deboli
Pulizia, organizzazione, personale, servizi, devo andare avanti? I miei recapiti li avete.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
2.0

Riabilitazione

Purtroppo mia nonna è stata mandata in questa clinica per riabilitazione, ma dopo un solo giorno me la sono portata a casa perché la trattavano male, e non è l'unica... Premetto che avevo letto queste recensioni, ma credevo che magari dipendesse da medico a medico, ma purtroppo tutto quanto si è dimostrato essere veritiero. I termosifoni sono spenti e ci sono odori insopportabili... da non crederci.
La vicina di mia nonna delle volte suonava e nessuno arrivava e facevano attendere. Lasciavano gli anziani fare i bisogni sia secondari mettendo una traversina che dopo ore cambiavano..

Patologia trattata
Esiti da intervento all'anca in paziente anziano.
Punti di forza

Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Riabilitazione post frattura femore

Un nostro caro amico di famiglia si trova presso questa struttura da oltre un mese. Io vado praticamente tutti i giorni da lui, quindi ho modo di verificare quotidianamente la situazione. Ad eccezione di un paio di OSS e di un'infermiera particolarmente sgarbate e prepotenti nei confronti dei degenti (è capitato per esempio che una di queste OSS svegliasse i degenti urlando la mattina, levando materialmente via le coperte - e nessuno si deve permettere di trattare così le persone anziane e indifese, privandole della loro dignità di esseri umani). Comunque a parte alcuni spiacevoli episodi e alcuni "personaggi", ci siamo trovati bene. Ci sono OSS e infermiere dolcissime, umane, pazienti e disponibili che nulla hanno a che vedere con le arpie di cui ho parlato prima. Questo posto è immerso nel verde, c'è un bel bar al piano terra ed anche una cappella dove seguire la S. Messa al sabato pomeriggio se non sbaglio.

Patologia trattata
Riabilitazione post frattura femore.
Punti di forza
alcune OSS e infermiere molto umane e dolcissime nei confronti delle persone anziane.
Punti deboli
un paio di OSS e infermiere prepotenti e davvero poco disponibili;
pulizia bagno e stanza quasi inesistente;
mancanza di personale (per ogni piano due OSS e un'infermiera che devono fare di tutto e di più).
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Inqualificabile..

Condivido tutto quello che ha scritto la signora Marianna, mia madre è stata mandata qui per una riabilitazione post frattura femore, il lavoro dei fisioterapisti è stato eccellente (dipendono da una cooperativa e non dalla struttura per fortuna). Ma peccato che quando mia madre stava ottenendo buoni risultati, due "signore" tanto gentili del personale (nessuno italiano) per metterla a letto- peraltro contro la sua volontà- le hanno fratturato la gamba in più punti; ed ovviamente loro negano. Faccio presente che mia madre ha 89 anni e dopo questa vicenda ha avuto un grosso calo fisico e psicologico. Comunque personale maleducato, medici compresi.
Poi a mia madre in tre mesi è stata fatta una solo doccia e le sono state sottratte, per non dire un'altra parola, molte cose personali.. a voi le considerazioni!!!!

Patologia trattata
Frattura femore.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Struttura pessima

Struttura non adeguata e poco consigliabile, sia in ambito infermieristico (in quanto, quasi nessuno di loro è italiano) e sia in ambito medico. Mio papà, 66 enne, veniva cambiato solo in orari da loro prestabiliti oppure in cambio di monete /soldi. Tra l altro, è stato dimesso in stato confusionale e disidrato (poi ricoverato successivamente in maniera molto più adeguata presso altro ospedale). Sono sgarbati e professionalmente scarsi!

Patologia trattata
Neoplasia polmonare.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

PURTROPPO NON CI SONO ALTERNATIVE..

Mia mamma, 85 anni, dopo un ricovero al Maria Vittoria per Ictus viene mandata (senza scelta) per la riabilitazione al Papa Giovanni.
Le sue condizioni peggiorano con il passare dei giorni: incompetenza medica evidente, personale carente in numero e in preparazione per sostenere le condizioni dei malati, pulizia dei pazienti molto sommaria, vomito continuo e flebo continue.
Le sole persone efficienti e preparate (ma sono malpagate rispetto all'importanza e al lavoro svolto) sono i fisioterapisti.
Questa struttura é pagata con i nostri soldi, é una vergogna!

Patologia trattata
Esiti da ictus ischemico.
Punti di forza
La fisioterapia, svolta da una cooperativa esterna.
Punti deboli
La struttura fa acqua da tutti le parti, soprattutto a livello dirigenziale e organizzativo medico.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

PESSIMO!!!

INDECENTE. NON HO ALTRE PAROLE!!
PAZIENTI ABBANDONATI, PERSONALE NON ALL'ALTEZZA, PULIZIA INESISTENTE E CIBO DAVVERO ORRENDO!!!

Patologia trattata
INCLINAZIONE VERTEBRALE.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Rimesso in piedi

Il 23 gennaio viene ricoverato mio padre, 86 anni, per una riabilitazione dopo ricovero per broncopolmonite al Mauriziano.
Lo hanno rimesso in piedi grazie al personale infermieristico e assistenziale, gentile ma energico, ed alla Dr.ssa Artesani.

Patologia trattata
Riabilitazione Post Broncopolmonite.
Punti di forza
Struttura e personale validi.
Punti deboli
Il cibo.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Pessima esperienza

Scarsa competenza in qualsiasi campo.
Medici difficilmente reperibili se non telefonicamente.
Personale infermieristico molto poco preparato e oserei dire in molti casi maleducato.
I pazienti non autosufficienti lasciati la maggior parte della giornata nel letto, e cambiati non al bisogno ma solo a orari prestabiliti.
Alle dimissioni non era presente nessun medico ad illustrare la situazione e eventuali cure da proseguire a casa.

Patologia trattata
Riabilitazione dopo lungo periodo di allettamento.
Punti di forza
Fisioterapisti.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Esperienza molto molto negativa

Mio padre, 89 anni, inizio di Parkinson, ipovedente, è stato ricoverato a Villa Papa Giovanni per circa due mesi, a seguito di una brutta caduta e dopo un ricovero di già 15 giorni all'ospedale Maria Vittoria.
Il soggiorno nella struttura è stato un periodo di pura sopravvivenza, durante il quale le informazioni che ci sono state date dai medici sono state minime e mai esaustive. L'assistenza molto scarsa, anche se il personale tutto sommato si è sempre dimostrato abbastanza gentile, basti dire che gli hanno fatto una doccia in due mesi.
In due mesi non l'abbiamo più visto camminare, anche se loro sostenevano che lo faceva e stava migiorando.
Il pezzo forte viene adesso. Il 5 novembre doveva rientrare a casa. Nel pomeriggio del 30 ottobre febbre alta, nessuna reazione, bocca storta. Qualsiasi profano avrebbe riconosciuto un inizio di ictus.... la dottoressa lo vede e, dopo nostre insistenze, alle 17.00 prescrive tachipirina. Alla mia richiesta di trasporto in ospedale mi dice che sono i sintomi della febbre e che è meglio non spostarlo, altrimenti perdiamo il posto in casa di cura!!!!!
Alle 19.00, su mia insistenza, ritorna la stessa giovane dottoressa e, invece di chiamare un'ambulanza, gli mette una flebo di antibiotico. Ci mandano a casa. Il mattino dopo, oltre le 10.00, quindi nemmeno appena preso servizio la dottoressa titolare del piano, viene finalmente trasportano in ospedale... referto: ICTUS!!!! Complimenti dottoressa! Mio padre è morto in ospedale il 5 di novembre!

Patologia trattata
Riabilitazione a seguito di caduta.
Punti di forza
L'orario di visita.
Punti deboli
Struttura mal servita dai mezzi pubblici.
Personale scarso, assistenza ai malati minima.
Personale medico non all'altezza.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pessima struttura

Mia nonna è stata ricoverata presso questa struttura tramite il servizio sanitario per circa due mesi, a seguito di un ricovero in ospedale per una polmonite ed altre patologie. Nel tempo, invece di migliorare peggiorava, ma i medici da noi interpellati continuavano a dire fosse tutto a posto, anzi, che si stava rimettendo a vista d'occhio. E' stata dimessa (senza possibilità di prorogare il ricovero, neanche a pagamento) dopo che da giorni aveva di nuovo la febbre, in condizioni a dir poco pietose. Dopo due ore dalla sua dimissione, siamo stati costretti a chiamare il 118, è stata ricoverata in ospedale ed è deceduta dopo una quindicina di giorni.

Patologia trattata
Riabilitazione post polmonite ed altre patologie in paziente anziana.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Non ho parole!!

Per fortuna io e i miei fratelli tutti i giorni ci siamo recati da nostro padre per sostenerlo moralmente e controllare che tutto procedesse per il meglio (riabilitazione della gamba, rapporti con le infermiere, stato di salute, ecc.), anche perchè ha 80 anni ed un inizio di Alzheimer.
Dopo un mese di permanenza ha iniziato ad essere strano, sembrava intontito, come se avesse preso sedativi in eccesso; finchè una sera l'ho trovato nel letto che sembrava in coma, non riuscivo a svegliarlo. Dopo qualche ora hanno chiamato un'ambulanza e l'hanno portato all'ospedale di Rivoli.
La mattina seguente mio fratello è tornato per prendergli un cambio del vestiario ed ha trovato il letto occupato da un altro e la roba di mio papà ce l'hanno fatta trovare dentro un sacco nero, come se fosse morto!!.... molto delicati, come del resto lo sono stati per tutta la permanenza in reparto.
Non ho parole, spero solo che chi legga questo commento possa seguire il proprio congiunto tutti i giorni con gli occhi bene aperti.

Patologia trattata
Riabilitazione post frattura femore.
Punti deboli
Igiene e cura dei pazienti: inesistenti.
Nei reparti ristagna una puzza di urina insopportabile, la situazione migliora quando le stanze vengono lavate.
Se i congiunti lavorano, possono colloquiare con i medici una volta a settimana; in un mese di degenza mai visto il medico girare in reparto!
Personale molto sgarbato, soprattutto con gli anziani.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

ottimo luogo per lungodegenti

il posto e' bello e ben tenuto. Non c'e' sovraffollameno. E' decisamente un luogo adatto alla lungodegenza.

Patologia trattata
Post operatorio per frattura prima e dislocazione del femore poi; carcinoma alla mammella.
Punti di forza
medici competenti, che hanno provveduto subito a far avere alla nonna il materassino antidecubito; fisioterapisti preparati; possibilita' con un piccolo supplemento di avere una camera singola grande e con bagno.
Punti deboli
l'eta' media dei pazienti e' molto alta e le patologie spesso molto complesse sono accentuate dalla senilita'.
L'ambiente e' piuttosto triste.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

postoperatorio dislocazione femore

la mamma, proveniente dal CTO e, in precvedenza da Villa Iris, a Pianezza, dove la diponibilta' dei medici lascia molto a desiderare, si trova ora in una struttura molto ben tenuta, all'interno di un parco, con medici e personale in genere, disponibili, attenti, solari. Mi sento molto piu' tranquilla rispetto a tutte le altre strutture nelle quali la mamma e' stata ricoverata in precedenza.

Patologia trattata
postoperatorio dislocazione femore.
Punti di forza
Ottimi fisiatri, visite accurate, personale preparato e disponibile secondo piano, ottima posizione.
Punti deboli
un pochino labirintico, ma in un giorno ci si orienta.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

esperienza negativa

Una degenza che forse si poteva risolvere in poco tempo è stata protratta con la storia di una presunta micro frattura alla tibia. Il percorso post operatorio di mia madre, ricoverata in questa struttura, è stata un'esperienza molto negativa sotto tutti i punti di vista. La competenza del personale medico si è rivelata mediocre. L'assistenza del personale OSS è scadente, vuoi per il numero di operatori, vuoi per la competenza professionale e la loro educazione. Mia madre era assistita, per l'igiene personale, da noi familiari visto che il personale non si preoccupava neanche di cambiare la biancheria intima. In 42 giorni di degenza mia madre ha potuto fare due docce!!! Più volte sono stato costretto ad alzare la voce per ottenere che il riscaldamento restasse in funzione, per evitare che mia madre venisse messa a letto alle ore 19:30, per pretendere la pulizia del bagno. In 42 giorni di degenza (sono andato in struttura tutti i giorni) ho visto saletta di ritrovo del 1° piano Unità 5 non pulita per giorni e giorni, corridoi sporchi con macchie che controllavo di giorno in giorno, ausilii usati nel bagno (rialzo del water) sporco di escrementi usato in comune con più bagni. Per concludere, ho firmato le dimissioni e portato via mia madre con un inizio di piaga nella zona sacrale.

Patologia trattata
RIABILITAZIONE POST FRATTURA FEMORE.
Punti di forza
Se ci sono io non li ho notati.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Dimissioni affrettate

faccio i miei più sentiti complimenti per come vengono trattati i pazienti dai medici che, nella cartella di dimissioni, dichiarano che mio padre era in grado di camminare: peccato che non si riusciva neanche ad alzare dalla carrozzella, dove era messo la mattina fino alla sera, tranne che quando veniva cambiato e pulito.
Il medico del IV piano ha dichiarato che mio padre era dimissibile, infatti lo stesso giorno abbiamo dovuto portarlo nuovamente in ospedale...
Non consiglio questa clinica per la difficoltà di mettersi in comunicazione con i medici e per il fatto che, in occasione delle dimissioni, non ci hanno fornito aiuto (nel senso di spiegarci che mio padre non era in grado di stare a casa) e, soprattutto, ci hanno invitato in modo poco gentile a liberare la camera, perchè loro dovevano ospitare altri pazienti e, nonostante sapessero benissimo le condizioni di mio padre, non ci hanno consigliato di farlo portare nuovamente in ospedale. Cosa che invece abbiamo dovuto fare NOI FAMILIARI, la sera stessa, in quanto mio padre non era assolutamente in grado di essere assistito a casa, per via della patologia e per i problemi assistenziali che aveva mia madre, signora di 80 anni.
Che delusione.

Patologia trattata
tumore alla prostata e riabilitazione.
Punti di forza
il personale infermieristico ed OSS del 4 piano, davvero gentile.
Punti deboli
difficoltà di mettersi in comunicazione con i medici.
dimissioni affrettate.
assenza di informazioni su come gestire il paziente una volta a casa.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

programma di riabilitazione

Mio padre, 67 anni, proveniva da una struttura di secondo livello (permanenza 3 mesi) ed è stato trasferito al Papa Giovanni per un programma di riabilitazione di 45 giorni. La fisioterapia ha sortito buonissimi effetti, i miglioramenti sono stati evidenti. Il personale medico e i fisioterapisti sono ad un buonissimo livello. La struttura è accogliente ed il personale gentile. C'è da dire che comunque il personale infermieristico è numericamente insufficiente per gestire tutti i pazienti, numerosi, del reparto e a volte capitano ritardi o "inefficienze". In ogni caso con buon senso ed educazione si può andare avanti e tutte le richieste fatte, con un po' di pazienza, sono state esaudite. In reparto ci sono veramente pazienti di ogni tipo, non autosufficienti, da controllare, cambiare ecc. e le infermiere fanno il possibile.
Il parco è molto bello e il bar al piano terra molto utile per fare un break. Anche l'orario di visita, dalle 12.30 alle 19.30 permette ai parenti di fare buona compagnia al proprio famigliare o amico, cosa molto importante perchè non si senta abbandonato.
In generale comunque l'opinione è positiva. Ovviamente ci vuole sempre un certo spirito di adattamento di base e buona educazione.

Patologia trattata
Esiti da ictus.
Punti di forza
Fisioterapisti.
Punti deboli
Poco personale infermieristico di reparto, che deve fare tutto (pulizie, servire i pasti, cambiare i pazienti, dare le medicine).
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

esperienza molto molto molto negativa

Ho mia zia ricoverata in questa struttura, dieci giorni dopo il ricovero ovviamente durante la mia unica assenza le sono stati tagliati i capelli, tranciandoli dalla coda con la quale, di abitudine, ero solita a pettinarla. Ho informato dell'accaduto il medico, la capo sala e il primario chiedendo anche il nome della persona che si era permessa di compiere il gesto. Nonostante all'inizio siano stati tutti di parte, chiedendomi anche scusa per l'accaduto non essendo mai capitato e rassicurandomi che avrebbero preso provvedimenti disciplinari, alla fine mi hanno risposto che sanno chi è la persona ma che non sono tenuti a darmi il nominativo e non sono certa che abbiano preso dei provvedimenti. Le somministravano pasti senza protesi dentaria, l'igiene è pessima ed è sempre intontita. E' vero che mia zia ha la demenza senile, ma non per questo devono approfittarsi di lei.....

SONO MOLTO DELUSA! MA E' QUESTA LA FINE CHE CI ASPETTA?

Patologia trattata
riabilitazione a seguito rottura del femore.
Punti di forza
posizione della struttura.
Guarda tutte le opinioni degli utenti


Altri contenuti interessanti su QSalute