Ospedale Oftalmico Torino

 
3.1 (51)
Scrivi Recensione
Indirizzo
via Filippo Juvarra 19, Torino
Telefono
011 5661566
L'Ospedale Oftalmico Sperino di Torino, situato in via Juvarra 19, è stato rinnovato nel 1984. Deve il suo nome a Casimiro Sperino (1812-1894), pioniere dell'oftalmologia a Torino nel XIX secolo e fondatore dell'Ospedale Oftalmico lo Sperino nel 1838, sul viale del Re a Porta Nuova. L'Ospedale Oftalmico è Presidio Ospedaliero Specialistico con funzioni di riferimento Regionale per: Oftalmologia Infantile, Glaucomi, Traumatologia, Retina, Patologie Corneali, Ipovisione, Oftalmologia Plastica e Ricostruttiva, oltre che Sede di grandi attrezzature ed Ospedale Clinicizzato. Il Dipartimento di Malattie Oculistiche è composto di 5 Unità operative oculistiche, di cui 4 a Direzione Ospedaliera (con 22 posti letto per ricovero ordinario) e 1 a Direzione Universitaria (con 25 posti letto per ricovero ordinario), 1 Unità di Day Surgery con 25 posti letto, 1 Unità operativa d'Anestesia e Rianimazione, 1 Unità operativa di Laboratorio Analisi, 1 Unità Operativa di Radiologia, 1 Unità operativa di Malattie Metaboliche e Diabetologia (2 posti letto di Day Hospital), 1 Servizio di Medicina Generale.

Recensioni dei pazienti

51 recensioni

 
(14)
 
(7)
 
(5)
 
(22)
 
(3)
Voto medio 
 
3.1
 
3.2  (51)
 
2.8  (51)
 
3.7  (51)
 
2.6  (51)
Visualizza tutte le recensioni

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Insoddisfatta

Mi sono recata per la prima volta presso il centro di ipovisione nel luglio 2018, per un problema di diplopia in seguito ad intervento neurochirurgico. Eseguita visita oculistica c.V. F.O., sono ritornata altre volte ed ho fatto gli stessi esami e quello che piu' mi sconcerta è che non ho mai avuto un referto... Mai.
A febbraio 2019, esternando i miei dubbi sulla difficoltà di visione in tardo pomeriggio e in auto, mi è stato risposto di non guidare se non riesco; non ho una diagnosi però a riguardo e quello che loro chiamano relazione da dare al neurochirurgo, èp un foglietto senza timbro e con uno "scarabocchio" come firma...

Patologia trattata
DISTURBO DI TIPO IPOVISIVO.



Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Cardiologia ambulatorio

Volevo davvero complimentarmi con le figure sanitarie, per il lavoro che svolgono con cuore e passione, all’interno dell ambulatorio di Cardiologia sito al primo piano dell’ospedale Oftalmico in Torino.
Da subito siamo stati accolti io e la mia compagna, con un sorriso ed estrema puntualità. La mia è stata una visita cardiologica, da subito come primo passaggio ho eseguito un elettrocardiogramma. L'infermiere, il signore Pilla, preparato, gentile, attento scrupoloso nel suo fare e nel suo dire, mai vista tanta pazienza e cordialità, ha eseguito lo stesso, preparandomi e tranquillizzandomi, accompagnandomi in un secondo momento alla visita dove sono stato accolto dalla dottoressa Paglia Irene, una giovane dottoressa svelta nel suo fare ma chiara, e professionale. La mia esperienza non può essere che positiva ed il mio giudizio ottimo. Se proprio vi è da migliorare qualcosa, è la comunicazione interna con la parte centralino/ingresso, dove le informazioni sono confuse e non corrette.

Consiglio il reparto di Cardiologia.

Patologia trattata
Tachicardia.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Professionalità

Operato di cataratta, ho trovato dottori, anestesisti ed infermieri con alta professionalità, cortesia e competenza.
Lo consiglio.
L'unico neo sono i tempi di attesa.

Patologia trattata
Cataratta.

Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Tempistiche assurde

Sono entrato alle ore 11.30 della mattina e alle ore 16.45 devo ancora entrare per la visita. Una vergogna, anche perché la paziente è mia figlia di 6 anni!

Patologia trattata
Annebbiamento improvviso occhio dx.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Operazione alla retina

Mi sono recato, da Asti, con urgenza per distacco della retina dell’occhio destro. Devo ringraziare, a pochi giorni dall’intervento, tutto il personale della struttura per la gentilezza e preparazione mostrate nei miei confronti. In particolare grazie al dott. Serra Umberto per la bravura dimostrata nell’operazione stessa e per la pazienza nei miei confronti.
Massimo Morra

Patologia trattata
Strappo alla retina occhio dx.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

MAI DI NOTTE

La mattina dell'11/11/2017 alle ore 1.00, mi sono recata presso questo nosocomio perché temevo di aver rotto la lente a contatto e qualche pezzettino fosse rimasto nell'occhio. Nonostante non ci fosse nessuno in attesa nella sala d'aspetto, prima di essere visitata ho dovuto attendere piu' di 30 minuti; ma la cosa piu' sgradevole è stata l'accoglienza che mi è stata riservata dal personale presente, sembrava che le avessi disturbate a casa loro. L'unica persona gentile è stata una ausiliaria che si è offerta, senza atteggiamenti scontrosi, di darmi alcune spiegazioni. Sono tornata a Roma pensando che in fondo tutto il mondo è paese.

Patologia trattata
Occhio irritato.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Parere personale sulla struttura

La mia mamma, dopo una attesa di più di dodici mesi, è stata operata il 7 maggio 2017 per la cataratta. Apparentemente il risultato subito ci è sembrato scarso, tanto che dopo tre mesi ancora la visione era completamente ondulata. Dopo tre mesi appunto si verifica il distacco della retina, ci rechiamo al pronto soccorso ed il medico ci dice che bisogna intervenire. Noi cerchiamo il medico che ha fatto il primo intervento, ma è in ferie, allora si decide di fare intervenire il primario. Il giorno dopo si fa l'intervento, poi a casa in attesa. Alla visita di controllo il medico afferma che "l'occhio non va solo bene, va benissimo".
Oggi 8 ottobre 2017 è avvenuto un nuovo distacco della retina, per la seconda volta.
Denuncio questo fatto per evitare che altre persone possano cadere in situazioni di questo tipo.
Non porterò mai più mia madre in questa struttura, e saprò come relazionare a chi mi chiederà informazioni sui medici che hanno operato.
A chi volesse commentare che le mie sono affermazioni inventate, dispongo di tutta la documentazione firmata dai relativi medici che non menziono per educazione, ed a cui chiederei volentieri i danni se vivessimo in un Paese dove esiste la giustizia.

Patologia trattata
Primo intervento cataratta e cristallino; secondo intervento distacco della retina a tre mesi dal primo intervento; distacco della retina a tre mesi dal secondo intervento.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Pronto soccorso oftalmico torino

Da qualche giorno mia figlia aveva un gonfiore su una palpebra; per circa una settimana lo abbiamo trattato come se fosse stato un orzaiolo, ma visto che la situazione non migliorava con il passare dei giorni, il medico curante ha voluto rivederla e ci ha comunicato che non si trattava di orzaiolo, ma di calazio.
Visto che probabilmente era necessario asportarlo chirurgicamente, ci ha suggerito di recarci al pronto soccorso dell'ospedale Oftalmico di Torino. Così nel tardo pomeriggio di ieri, venerdì 30 giugno, ci siamo andate. Premetto che non ero mai stata in questa struttura ospedaliera.
Naturalmente il Pronto Soccorso era affollato di gente, circa una cinquantina di persone, quindi dopo aver registrato l’accesso ci siamo armate di pazienza ed abbiamo aspettato il nostro turno.
L’attesa non è stata breve, circa un’ora dopo di noi si è presentata una zingara con due ragazzini di 10-12 anni. Il maschietto non faceva altro che correre nella sala e nei corridoi, e non appena rientrava nella sala d’attesa non perdeva occasione per premere il pulsante che elargiva i biglietti per l’accesso al triage.
Naturalmente la mamma non gli diceva niente, però è andata dall’infermiera per chiedere di passare perchè aveva da fare. E l’infermiera l’ha accontentata.
Nonostante ci fossero persone che aspettassero di essere chiamate da diverse ore, la signora ed i suoi rumorosi ragazzini sono passati per la corsia preferenziale.
Finita la visita, naturalmente senza aver pagato ticket, si è ripresentata dall’infermiera del triage a chiedere le medicine che le aveva prescritto il medico. Questa, senza batter ciglio, le ha preso 2 confezioni di farmaci e gliele ha messe in borsa.
Dopo circa 3 ore di attesa è arrivato anche il nostro turno. La visita è stata molto accurata, ci sono state date indicazioni per il trattamento della palpebra, ci è stato comunicato l’importo del ticket da pagare (25 €) e siamo uscite dalla sala visite.
Paghiamo il ticket, lo portiamo all’infermiera del triage e le chiedo anche la pomata che mi aveva prescritto il medico. L’infermiera risponde che “loro non danno medicine”, ma visto che le contesto che alla zingara di prima gliene aveva date ben 2 confezioni, mi risponde “no, non ce l’abbiamo”.
Ora, chiarissimo che l’atteggiamento che ha avuto con me è quello corretto, in quanto non credo proprio che una struttura ospedaliera debba passare pomate o pastiglie di alcun genere a chi si rivolge al Pronto Soccorso, ma com’è che la legge funziona solo con chi vogliono loro?? E soprattutto, come può un’infermiera del triage decidere arbitrariamente a chi dare farmaci e a chi no?? Immagino che la regola sia tassativa per tutti, ma perchè non si riescono a controllare queste uscite di materiale di consumo destinato all'ospedale??

Poi ci chiediamo perché l’Italia va a rotoli, questa è una di quelle situazioni che non si riescono a gestire e controllare… o forse è più comodo così??? Mha… non me lo spiego!
Cinzia Somma

Patologia trattata
Calazio.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Rapido e indolore

Mi sono recata all'Ospedale Oftalmico Sperino di Torino nel pomeriggio di sabato 29 aprile, dopo che la notte prima mi ero provocata una lesione a una palpebra. Ho trovato la struttura facile da raggiungere e nel complesso ben organizzata. Un appunto che potrei fare è che la sala d'attesa non è molto grande e che non c'è un monitor su cui controllare l'avanzamento della posizione dei pazienti. Ad ogni modo l'attesa non si è prolungata per più di 20 minuti. Il dottore e la specializzanda che mi hanno visitato sono stati rapidi e professionali, forse solo un po' "rudi" nel controllare l'interno dall'occhio e nel mettermi la benda. Nel complesso mi ritengo soddisfatta. Dovrò continuare ad applicare la pomata prescritta per altri 2 giorni, ma ho percepito sollievo all'occhio già dalla prima applicazione.

Patologia trattata
Abrasione della palpebra.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Attesa infinita

Il 17 febbraio 2016 effettuo tutti gli esami per intervento di diplopia (dopo essermi sottoposto ad una visita presso lo studio del dott. Fea). Mi dicono che sarei stato chiamato da lì a tre mesi per l'intervento. Chiamato in ospedale da agosto 2016, mi viene ripetutamente detto che ci sono stati dei problemi nel reparto, ma che verrò chiamato a breve. Mi reco personalmente a metà dicembre al primo piano e una dottoressa mi dice: "Strano che sia successa questa cosa. La chiameremo entro la fine dell'anno per l'intervento." Trascorso gennaio 2017, comincio a chiamare con cadenza bisettimanale il dottore che mi ha visitato la prima volta e con cui si è deciso per l'intervento. Una volta non c'è, una volta mi dicono che verrò richiamato, una volta mi dicono che il tutto è molto strano, una volta mi dicono che ci sono stati problemi nel reparto. In conclusione, siamo oltre la metà di marzo e non si fa sentire nessuno.

Patologia trattata
Diplopia.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Infezione fungina occhio

Ottimo ospedale, efficienti, competenti e molto gentili sia i medici che il personale infermieristico.
Non deve essere assolutamente chiuso.

Patologia trattata
Infezione fungina occhio.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Efficienza

Mi sono recato il venerdì alle 17:00 al pronto soccorso perché da due giorni mi si era oscurata la vista all'occhio sinistro - sono miope dalla nascita. Dopo aver aspettato il mio turno, mi ha visitato il dott. Del Vecchio, che ha riscontrato una lesione della retina. Mi fa il foglio per il ricovero e per l'intervento d'urgenza per il lunedì mattina alle 7:00.
Il lunedì vengo operato di vitrectomia (tre ore e mezza) e dopo una notte in ospedale il mattino dopo il controllo vengo dimesso. Intervento perfettamente riuscito.
Voglio ringraziare l'equipe dei medici per la loro professionalità e gli infermieri per la gentilezza, ma soprattutto un grazie al dottor Del Vecchio per la sua schiettezza, prontezza e capacità. Grazie.

Patologia trattata
Lacerazione e distacco della retina.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Operazione cataratta precoce

Ho cercato volontariamente dove scrivere questo commento, dopo aver letto un po' di recensioni in giro.
Premesso che fui ricoverato già una volta in questo ospedale, nell'ormai lontano 1982, per un intervento urgente a seguito di un trauma ad un occhio (distacco totale di retina con tripla lesione). A suo tempo mi operò il Prof. Boles Carenini e il suo intervento regge ancora oggi.
Come mi era stato anticipato, avrei potuto avere una cataratta precoce, che puntuale si è presentata in questi anni.
Ora, a parte i tempi di attesa di circa un anno, non posso che esprimere un giudizio super positivo sulla Clinica Oculistica Universitaria del 2° Piano.
Le analisi pre-operatorie sono state effettuate in modo cordiale, professionale; i dottori sono stati molto gentili e disponibili nel darmi spiegazioni. A causa delle condizioni dell'occhio, la dottoressa che ha eseguito la visita, ortottista, ha dovuto ricorrere a procedure diverse dalla routine per completare gli esami. Super gentile e delicatissima.
Informazioni precise sulla terapia pre-operatoria ("ovvio" il collirio non lo passi il SSN).

(1° Feb. 2017) - Giorno dell'intervento, arrivo puntuale, mi assegnano la "poltroncina" con il camice, braccialetto con nome, pulizia perfetta anche nel bagno, ambiente tranquillo.
Infermieri gentili per la preparazione, aperti al dialogo, sempre con il sorriso.
Saletta preparatoria, già ero sulla barella, ma da quanto ho visto, ambiente tranquillo, pulito, musica di sottofondo, l'infermiera che mi ha preso "in carico" si è presentata, e via di colliri.
Sala operatoria: per quanto ho visto pulitissima, musica di sottofondo, anestesista nei paraggi e assistenti cordiali.
L'intervento è stato eseguito dal Dott. Claudio Panico: perfetto!
Stento ancora a crederci, ma sono uscito dalla sala operatoria, senza nessuna benda o conchiglia e... mi si è accesa la luce!
Giusto un paio d'ore in camera a "recuperare", visita in infermeria, mi consegnano la terapia, passa il Dott. Panico a controllarmi e via, dimesso. Tutto come se nulla fosse successo!
Visita di controllo il giorno dopo: 5 minuti, mi guardan l'occhio, mi consegnano il foglio con la terapia da seguire per una settimana e via.
Son ligio ogni 4 ore a spruzzarmi i vari colliri ("ovvio" anche questi non siano a carico del SSN), ma confesso di essere ancora meravigliato.
Nonostante i commenti letti e le opinioni sentite in giro, sono andato tranquillo, e compiacere scrivo questa recensione. Non penso si tratti di fortuna, ma di professionalità del personale che ho incontrato.
Vero è che si parla sempre bene quanto tutto fila liscio, ma sono convinto che in qualche modo anche noi facciamo la nostra parte. Come dico spesso, le circostanze e le persone riflettono il nostro atteggiamento e il modo in cui approcciamo gli eventi.

Patologia trattata
Cataratta precoce in stato avanzato in occhio con pregresso trauma.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Un pronto soccorso poco efficiente

In sala prelievi al mattino un solo medico e coda interminabile: tre punti gialli guasti e quindi tutti dovevano recarsi fuori, cercare una banca per pagare il ticket e rientrare. Avevamo necessità anche del Pronto Soccorso, accettazione sgarbatissima. La coda è stata accettabile, ma la visita è stata fatta da un medico giovanissimo che lavorava in pronto da una settimana, assistito da altri tre ancora più giovani e spauriti, che non ha assolutamente collegato che l'abbassamento della vista della paziente anziana fosse collegato ad un'ischemia in corso. Non posso che confermare la mia impressione della volta precedente: è un pessimo pronto soccorso.

Patologia trattata
Improvviso abbassamento della vista.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Servizio pessimo

Code e attese infinite, anche alle 5.00 di mattina con nessuno in sala!! Tra medici e Laboratorio esiste solo la competizione, e chi ne fa le spese sono i pazienti. Collaborazione e cortesia da parte di medici e collaboratori è inesistente. Risposte precarie o sarcastiche. E chi ne paga le conseguenze sono i pazienti.

Patologia trattata
Cheratite puntata.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Scandaloso

Pessimo sotto tutti i punti di vista. Sono andato due volte a distanza di un anno ed entrambi i medici non mi hanno saputo dire nulla, tranne il fatto di prescrivermi qualche medicina che NON HA RISOLTO il problema. L'ultima volta mi è stato detto "SOPPORTI CHE PASSERA'". Piuttosto andate al Maria Vittoria o da un'oculista di fiducia.

Patologia trattata
Congiuntivite.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

Tutto perfetto: fortuna?

Forse siamo stati fortunati. Se non si è trattato di fortuna, allora molte delle recensioni che ho letto sono maldicenza.
I fatti:
TRIAGE a precisa richiesta ci avvisano che sarà una lunga attesa: sono appena arrivate 3 ambulanze. Al contrario dopo una mezz'ora siamo chiamati alla visita. Immediatamente avviati alla TAC.
TAC: attesa di circa 15 minuti, TAC effettuata nei tempi
Ortottica: visita accurata. Un dubbio su una anomalia viene alla fine della visita che viene quindi ripetuta. Anomalia individuata.
Diagnosi: il medico di PS completa la diagnosi e dimette.
In tutto questo percorso abbiamo incontrato solo gente competente e gentile, persino cordiale. Un po' impaziente solo l'impiegata del TRIAGE. Vorrei vedere voi se vi trovaste imbottigliati nel traffico 7 giorni su 7.

Patologia trattata
Diplopia.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Visita di 20 secondi cronometrati

Mi sono recato alle 23.30 in quanto ho pensato che a quell'ora non avrei trovato nessuno, e cosi è stato. Al momento della visita, dopo aver detto che sono 10 giorni che ho bruciore e prurito agli occhi, la dottoressa mi rimprovera perchè mi dice che le visite si fanno al mattino, in quanto alla sera ci sono le urgenze. Io allora ho ribattuto a tono, alchè mi dice che ho gli occhi arrossati e di andare dal mio medico per prenotare una striscia congiuntivale. Neanche una goccia di collirio mi ha messo. Visita durata 20 secondi. Dico io.. almeno mettermi un qualcosa negli occhi!! Devo pagare anche un ticket di 25€ per cosa quindi? Se questi sono i servizi che danno al cittadino, bello schifo. Sono tornato a casa e sono sul divano a strofinarmi i miei occhi gonfi e arrossati. Cosa ho risolto? Se stavo a casa risparmiavo chilometri e tempo.

Patologia trattata
Prurito e bruciore agli occhi da 10 giorni.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Pessima esperienza

Mi sono recata di domenica mattina per un offuscamento ad un occhio, dopo aver spiegato il mio problema, sottolineando l'eventualità di un legame con la malattia autoimmune di cui sono affetta, i medici in modo poco professionale mi hanno presa per "pazza" perché secondo loro avendo 10/10 non era possibile che avessi questo sintomo. Mi hanno mandata a casa rimandando ad ulteriori accertamenti successivi. I giorni seguenti, fatti gli esami prescritti, sono tornata per la visita post esami che si è conclusa con la prescrizione di un collirio. Non sicura della soluzione, sono andata all'Ospedale San Luigi, dove il trattamento è stato diametralmente opposto: tempestività, cordialità, simpatia, precisione ed estrema professionalità hanno caratterizzato il servizio. Sottolineo che con alla mano gli stessi esami visionati dai medici oftalmici, il dottore del San Luigi ha saputo subito identificare il problema che, come dubitavo, era collegato alla mia patologia.

Patologia trattata
Neurite ottica.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Pronto soccorso

Una giornata passata al pronto soccorso (9.00-17.00, che poteva durare oltre non ci fossero state le lamentele), una visita superficiale, sempre le stesse facce in sala di attesa (mi domando quali pazienti visitassero nel frattempo), una coda per ogni cosa: una per prendere il biglietto, una per il triage, una per farsi dilatare le pupille, una per una visita di pochi minuti, una per pagare e sempre gli stessi pazienti in rotazione... La scusa? un'entrata nel retro dove passavano fantomatici pazienti che saltavano ogni coda. HO perso una giornata di lavoro e non mi hanno neanche dato il giustificativo! Mi avessero avvertito per tempo avrei cambiato ospedale!!! O mi sarei rivolta ad uno specialista, tanto con le tasse che pago, con il ticket, con la giornata di lavoro perso, avrei speso sicuramente meno!!!

Patologia trattata
Infezione oculare.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Visita oculistica

Dall'ospedale di Avigliana, ove non sono idonei ad interventi a retro oculo retiniche, mi presento oggi 30-05-2016 alle 08.00, faccio l'accettazione, pago il ticket alle 08.20 ed alle 09.00 una infermiera mi porta al pronto soccorso per una valutazione delle diottrie con strumenti abbastanza obsoleti. Poi verso le 09.40 un altro dottore, molto giovane, mi dà uno sguardo agli occhi e mi mette delle gocce. Alle 12.20 finalmente un'infermiera mi chiama, mi riguarda gli occhi, tenta di passare la mia cartella clinica al dottore Del Vecchio, ma lui non la guarda e si mette e controllare un'altra paziente e l'infermiera mi dice di tornare tra sei mesi e se non riesco più a vedere di farmi visitare, magari in un'altra struttura. Se vogliono chiudere QUESTO OSPEDALE HO CAPITO PERCHE'.

Patologia trattata
RETINOPATIA.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Pronto soccorso

Sono stato ieri al pronto soccorso per un problema molto serio all'occhio destro.
Ci sarebbe molto da dire, ma riassumo tutto in poche parole.
I medici non ti ascoltano, quando gli parli guardano da un altra parte come se la cosa non gli riguardasse, e sembra che hanno fretta di liquidarti. Dopo che mi hanno fatto spendere 52.00 euro per due esami, mi hanno liquidato dicendomi che dovevo prenotare una visita molto più dettagliata da un'altra parte e che quello è solo un pronto soccorso (sto parlando di un grande ospedale, l'oftalmico di Torino) e non possono risolvermi il problema.
Devo aggiungere che ci ero già stato tre anni fa in questo ospedale perché avevo delle difficoltà visive, ma allora come ieri non mi hanno riscontrato niente.
E tre anni fa, dopo essermi rivolto ad un medico privato, mi è stata diagnosticata una cataratta precoce e subito dopo sono stato operato in una struttura privata.
Allora, se il servizio che danno è questo, lo possono chiudere anche oggi questo ospedale..

Patologia trattata
Disturbi visivi occhio destro.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Visus misurato da una infermiera

Sono stata a visita oggi, che vergogna!
Mi chiama l'infermiera, mi fa entrare nella stanza mentre il medico stava effettuando un'altra visita con altri pazienti accanto. Io con gli occhiali preciso che ho una miopia elevatissima e l'infermiera mi dice che mi vuole misurare il visus, rimango già sbalordita da ciò! (una infermiera che misura il visus?) da non crederci!
Praticamente io non riuscivo a vedere le lettere, quindi lei mi fa alzare dalla sedia e mi fa avvicinare sempre di più finché non vedo qualcosa!
Praticamente avevo il cartellone in faccia, una lettera grande come il mio viso, attaccato al viso, e mi dice e adesso vede signora?
E non è tutto.. mi fa uscire e dopo tanto attesa visita del medico di 5 minuti, mentre parlava con un'altra persona! Ha scritto il visus misurato dall'infermiera! Scandaloso! Insoddisfatta al 100 per cento.
Questo è l'ospedale oftalmico!
Sono amareggiata e delusa!
Penso di andare a Firenze, dove c'è un grande centro per chi ha seri problemi a gli occhi!

Patologia trattata
Maculopatia.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Maleducazione e scarsa professionalità

Mi sono recata questa mattina presso l'ospedale Oftalmico di Torino per effettuare un esame prescritto dal mio oculista. L'infermiera che ritirava i referti era scortese e maleducata, dava risposte molto sgarbate a qualsiasi domanda le si poneva e, inoltre, appariva palesemente "scocciata", si comportava quasi come se i pazienti fossero un fastidio per lei... Dopo due ore di attesa nel corridoio, mi decido a chiedere ad una dottoressa, ma la mia pratica non si trovava... L'infermiera di cui sopra, oltre ad essere scortese e non avere voglia di lavorare, aveva anche messo la mia richiesta nel posto sbagliato. Se non avessi chiesto (e insistito) a quest'ora sarei ancora lì.. Ma non e' finita. Un medico incomincia a chiedermi chi mi ha mandato lì, come si chiama il mio oculista e perche' mi ha prescritto quell'esame (mi ha fatto sentire come se fossi solo una che fa perdere tempo) e mi spiega frettolosamente ed in termini tecnici che secondo lui per il mio problema non servirebbe a nulla... Neanche mi fossi svegliata una mattina e, non sapendo cosa fare, avessi deciso di fare un salto in ospedale non avendo di meglio da fare!! Finalmente una dottoressa un pochino piu' cortese mi effettua l'esame (anche se le scuse per l'attesa dovuta ad un loro errore sono un optional) e me lo consegna senza darmi nessuna spiegazione e senza dirmi se fosse tutto a posto o no.. Il tutto per 52 euro di ticket. Insomma, per concludere, l'impressione che ho avuto e' quella di una grande approssimazione e disorganizzazione.

Patologia trattata
Cefalea.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Iniezioni intravitreali

Mi è spiaciuto leggere commenti non positivi sull'ospedale oftalmico, che mi ha seguito per emorragia retinica con due cicli di iniezioni intravitreali. Oltre alla bravura del dott. Angelo Bay, ho apprezzato la gentilezza del personale infermieristico incontrato nel reparto operatorio e l'attenzione verso i pazienti, spesso ultraottantenni. Unico neo, la mancanza di servizi all'interno del reparto operatorio, che diventano necessari quando l'attesa dell'intervento si prolunga eccessivamente.

Patologia trattata
Emorragia retinica.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Iniezioni per maculopatia

Mia mamma sta facendo tutta la trafila per le iniezioni per bloccare la maculopatia (87 anni ma lucidissima e attiva). La prima giornata di visite è stata lunga ma molto professionale, tranne l'ultimo step con la Dottoressa Alovisi che è stata, oltre che scontrosa e frettolosa, di una scontrosità epica. Accompagno mia madre apposta dato che sente poco, ma credo di saper rispondere in modo opportuno e competente alle domande. Lei mi ha risposto in un modo che se lo facessi io con i clienti li perderei tutti.
Venerdì visite pre-iniezioni, stesso discorso, tutti competenti e gentili, molto indaffarati ma attenti e alla fine il maleducato: tale dott. Orsi mi ha tenuto fuori dalla porta in un modo come fossi un rapinatore (LEI STIA FUORI) e quando mia mamma è uscita sono entrata per ringraziare la dott.ssa che l'aveva seguita e a momenti mi fulmina con lo sguardo. Altri gran finali?
Invece gentilissima la signora Sonia all'accettazione e anche la dottoressa, di cui cercherò il nome, che l'ha seguita venerdì.

Patologia trattata
Maculopatia.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Pronto soccorso

Mi reco sabato mattina ore 7.00 al pronto soccorso per una emorragia all'occhio. Ci sono in attesa un paio di persone. Allo sportello dell'accettazione nessun addetto. Dopo circa mezz'ora si affaccia una impiegata per la registrazione. Tutto si svolge allo sportello, nessuna privacy in quanto la signora raccoglie i miei dati allo sportello "microfonato" che diffonde in tutta la sala d'attesa.. Attesa appunto: dopo circa 45 minuti un paziente chiede alla suddetta impiegata a che ora inizino le visite. Risposta: non so.. quando arriverà il medico. Finalmente arriva il medico, per l'esattezza il dottor Gremmo. Alle 9.00 vengo visitata, se cosi si può dire. Sono preoccupata e spaventata perché il mio occhio è completamente pieno di sangue, ma il medico mi guarda sommariamente spostandomi la palpebra con un cottonfioc, non mi tranquillizza, non mi spiega niente, mi prescrive un collirio mentre la sua infermiera sta già chiamando il paziente successivo. Mi alzo, saluto e ovviamente lui non saluta come già aveva fatto quando sono entrata. Beh, una esperienza durata 5 minuti che mi ha fatto capire che non mi rivolgerò mai più a questo ospedale. Mi sono sentita veramente offesa in quanto contribuente alla sanità pubblica da 30 anni.
Tra l'altro appese in sala d'aspetto inviti alla cittadinanza a partecipare alle proteste contro il trasloco dell'ospedale in altra sede. Ma la cittadinanza sono anch'io!!
PER ME, CHIUDETELO PURE.

Patologia trattata
Emorragia sottocongiuntivale da abrasione.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Funzionalità della struttura

Mi sono trovata benissimo durante una degenza programmata nel reparto: clinica oculistica per intervento alla cornea.
Il trattamento che ho ricevuto è stato ottimo sotto ogni punto di vista, sia per la professionalità che per la "umanità" mostrate da ogni operatore.

Patologia trattata
Trapianto corneale endoteliale (DSAEK).
Punti di forza
Professionalità di ogni operatore; organizzazione impeccabile.
Punti deboli
Eccesso di riscaldamento degli ambienti.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Elogi all'ambulatorio di Cardiologia

Sono stata pochi giorni fa in visita presso la cardiologia al primo piano dell'oftalmico.
Una puntualità ed ordine come pochi.
Accolti nel massimo garbo da un gentilissimo ragazzo infermiere (Pilla Alessandro), il quale ha effettuato un ECG trasmettendomi una certa calma e tranquillità, molto preparato nel suo lavoro e sensibile, se ne trovano pochi in giro, davvero.. Gentile, ordinato e scrupoloso, ha saputo mettermi a mio agio e ad affrontare la visita in un'altra ottica.
Ringrazio il dottore Avogliero per la sua professionalità e cortesia, ha saputo creare un buon gruppo.
Auguro a queste brave persone di trovare sempre il meglio, e andrebbero in qualche maniera premiati ed incentivati.
Esistono realtà sanitarie ove ancora il tutto funziona, e bene.
I miei voti sono il massimo per voi.
Ringrazio.

Patologia trattata
Ipertensione arteriosa.
Punti di forza
Il personale: sensibile, colto e preparato.
Punti deboli
Le persone poco corrette nei piani di ingresso ed accesso all'ospedale.
La poca pulizia nell'edificio esterno
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Superficialità professionale, scarsa igiene

Ieri sera mi sono recata presso il P.S dell'ospedale oftalmico, ho fatto l'accettazione alle 20.12, ove mi hanno fatto domande superficiali in relazione al disturbo accusato e ai farmaci di cui faccio uso (l'affluenza di pazienti era scarsa); dopo poco sono stata chiamata in uno degli ambulatori, entro e vedo un uomo vestito malamente, senza camice né distintivo (per cui non so se fosse un medico o cosa altro) che mi chiede che disturbo accusassi e mi dice che devono mettermi le gocce per dilatare la pupilla. Dopo di che mi dà una pallina di cotone (non certamente sterile) per tamponare le gocce che fuoriuscivano dall'occhio e, alla mia domanda se dovevo tenere il cotone, mi risponde che serviva solo per asciugare l'occhio, di fare cosa volevo, di tornare in sala di attesa e che dopo circa 1/2 ora mi avrebbero richiamata.
Passa 1/2, passa 1 ora, passa 1 ora e 1/4 e finalmente mi richiamano in sala visita; questa volta c'è un medico, che indossava anche il camice!!!!! Mi fa sedere davanti all'apparecchiatura (non pulita tra un paziente e l'altro) e in tono abbastanza scortese mi dice che la pupilla non è ancora dilatata e che doveva rimettermi le gocce, e mi chiede se prima avevo tenuto l'occhio chiuso; io gli rispondo di no perché il collega che mi aveva vista prima non me l'aveva detto, comunque mi rimanda in sala di attesa dicendo: altro giro altro regalo!!!!
Dopo altra attesa mi richiamano e finalmente, con pupilla dilatata, procede alla visita, mi dice che si tratta di "corpi mobili vitreali". Allora io gli faccio presente che a causa di un farmaco che prendo, potrei avere dei problemi oculistici per cui devo fare dei controlli; il medico, con quella che ritengo "superficialità professionale e scarsa competenza", non mi chiede nemmeno di che farmaco si tratti e mi liquida velocemente consegnandomi il verbale di pronto soccorso.
Dopo questa visita cosi inadeguata dovrò certamente cercare un oculista più competente e scrupoloso che, oltre a fare una giusta diagnosi, sia in grado, o almeno cerchi di farlo, di capire se il mio problema è legato ai farmaci che assumo.
Oltre a quanto sopra, devo riferire la scarsa pulizia delle toilette, degli ambulatori e delle attrezzature diagnostiche.

Patologia trattata
Corpi mobili vitreali.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Scarsa professionalità

A seguito di una forte congiuntivite ho portato mio figlio per una visita di controllo presso l'Oftalmico, e ho colto occasione per fare anche un check al mio occhio destro, da cui vedo da un po' di giorni delle macchie.
Devo sottolineare la scarsa professionalità del Dott. Marco Dal Vecchio che, oltre alla sua maleducazione, non è stato in grado nè di guarire la congiuntivite di mio figlio, che oggi devo farlo visitare privatamente da uno specialista, nè formularmi una diagnosi per il mio occhio, il tutto condito da un pressapochismo e scarsa professionalità. Mi chiedo se tutto ciò abbia un senso considerato il fatto che, oltre alle tasse, si debba pagare pure un ticket per un servizio inefficiente che risulta essere solo una gran perdita di tempo.

Patologia trattata
Congiuntivite.
Punti deboli
bisogna dare spazio a dottori giovani e motivati.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0

Maleducazione e superficialità

Sono stata trattata con maleducazione e visitata con superficialità dalla dottoressa. Dopo due ore di attesa non sono stata minimamente ascoltata (solo in maniera molto approssimativa all'accettazione), ma mi è stata fatta una visita in fretta e furia e alle mie domande per capire la situazione, mi è stato risposto dall'infermiera "stia zitta, è già l'una"; e dalla dottoressa "se ha altre domande vada a farsi una visita dallo specialista". Se questa è professionalità...

Patologia trattata
Corpi mobili vitreali.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Sospetta sindrome di Tolosa Hunt e aneurisma

Purtroppo vedo non essere l'unica ad avere vissuto brutte esperienze con il p.s. dell'oftalmico.
Nel mio caso, dopo essermi imbattuta in una dottoressa decisamente poco cortese che non si è assolutamente degnata di visitarmi, sono stata liquidata in meno di un minuto per calazio e congiuntivite e gocce di betabioptal. In questo scarso minuto ha avuto anche il tempo di stamparmi il foglio del ticket, per una visita inesistente... come fossi andata solo a farmi trattare un po' da cretina e perdere un po' di tempo. In realtà io ci andai perché costretta da un dolore lancinante all'occhio destro con calo della palpebra, e dopo pochi giorni fui costretta a recarmi nuovamente al p.s., questa volta del Gradenigo, dove trovai un oculista che mi fece una scrupolosa visita di un'ora, il quale chiese consulto ad un altro specialista sospettando un problema più complesso, con gentilezza, capacità di ascolto e scrupolosità sua e di tutto il personale. Il mio problema, infatti, risultò essere di gran lunga più grave. Non è la prima volta che vivo esperienze negative al p.s. dell'oftalmico, negli anni passati, infatti, mi curarono in periodi diversi, come congiuntivite due casi di episclerite nodulare; l'ultima volta nel 2010 (sempre trattata con toni sgarbati e come una che fa di una congiuntivite una tragedia), la loro trascuratezza la fece diventare una forma grave di episclerite nodulare stafilococcica, motivo per cui rischiai grosse conseguenze. Queste informazioni, invece che invogliare la dottoressa del p.s. dell'oftalmico che mi visitò nell'agosto di quest'anno a dare maggiore attenzione al dolore lamentato, la fecero irritare ancora di più. A differenza dell'oftalmico, il p.s. del Gradenigo non mi richiese ticket, ma vi assicuro che dalla visita scrupolosa e dalla competenza e gentilezza dei medici, avrei pagato volentieri anche il triplo dell'importo. Grazie alle loro indagini, infatti, ho evitato il peggio. La mia segnalazione alle relazioni con il pubblico, al solo e unico scopo di metterli a conoscenza di cosa accade con alcuni medici del p.s. dell'oftalmico, ad oggi, non ha avuto alcun riscontro positivo, anzi.
Oltre il danno, la beffa.
PER QUESTA DOTTORESSA AVEVO UNA SEMPLICEMENTE UNA CONGIUNTIVITE CON CALAZIO!

Patologia trattata
Dolore lancinante e calo palpebra occhio dx.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Dacriocistite acuta

Scusate sarò un po' lungo, sono due anni che puntualmente ogni 2 mesi mi si gonfia l'occhio sinistro e devo correre al pronto soccorso. Diagnosi sempre congiuntivite, antibiotico, poi passa per due mesi (sono andato anche a pagamento al poliambulatorio Statuto - voto ZERO).
Ultima avventura il 29 maggio, al pronto soccorso, ove il Dottore (non metto il nome) mi diagnostica sempre congiuntivite + antibiotico. Il giorno dopo, cioè il 30, mi sveglio con l'occhio chiuso e la faccia gonfia; di nuovo pronto dove, FINALMENTE, dopo 2 anni, trovo un dottore con la D maiuscola, il Dott. Dario Damato, gentilissimo, professionale, umano, che pronuncia diagnosi di Dacriocistite acuta, prescrivendomi adeguato antibiotico per 6 giorni. Al 7° giorno controllo, 4 dottori che visitano, lui mi vede e dice al collega "questo sig. lo guardo io"; occhio guarito, mi fa il lavaggio del canale lacrimale con una professionalità rara, spiegandomi ciò che dovrò fare d'ora in poi.
Ci sono voluti 7 oculisti per scoprire una Dacriocistite.. non siamo messi tanto bene!! Al Dott. Dario Damato il mio voto è il massimo: bravo, gentile, umano, al paziente spiega tutto ciò che riguarda la sua diagnosi.. grandeeeeeee!!!

Patologia trattata
Dacriocistite acuta.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

professionalità e gentilezza

Nel giro di un mese ho avuto occasione di accompagnare mia mamma per le operazioni di entrambi gli occhi eseguite dal Prof. D'amelio. Il nostro riscontro è sicuramente positivo. In entrambi i casi il personale è stato molto gentile e disponibile, attento a monitorare tutte le patologie preesistenti. Intervento e post-operatorio ovviamente ottimi.
Unica pecca, se la si vuol trovare, possono essere i tempi di attesa fra l'ingresso in ospedale e il momento dell'intervento, in quanto rischiano di creare nel paziente un po' di tensione. Per contro però è comprensibile quanto siano necessari al personale per poter effettuare adeguatamente tutte le operazioni di controllo e preparazione all'intervento sul gran numero di pazienti operati giornalmente.

Patologia trattata
Cataratta.
Punti di forza
competenza e disponibilità.
Punti deboli
tempi di attesa un po' lunghi ma giustificati.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Terapia sbagliata

Ho fatto una visita oculistica a febbraio, ho atteso quasi 4 ore per una prestazione superflua, durata 5 minuti!! La Dott.ssa (non troppo gentile) ha fatto un esame oftalmico e una prescrizione sbagliata, mi ha fatto solo peggiorare la situazione e ritardare le CURE GIUSTE. Sono dovuta andare privatamente da un bravo oculista per risolvere il problema!! Complimenti..

Patologia trattata
Congiuntivite.
Punti deboli
Competenza; tempi d'attesa assurdi..
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Complimenti al servizio Cardiologia Oftalmico

Pochi giorni fa mi sono ritrovata a dovere fare una ECG più visita cardiologica all'ospedale oftalmico.
Voglio complimentarmi con il personale, molto professionale e vicino al malato.
Ringrazio la dottoressa Bo, che mi ha visitata, molto diligente, la signora Ornella e il ragazzo che mi ha seguito per effettuarmi l'ECG, mettendomi a mio agio, molto professionale e gentile (ne ricordo il cognome scritto sulla maglietta: Pilla).
Davvero continuate così, siete una bella equipe..

Patologia trattata
Ipertensione arteriosa con prolasso valvola mitralica.
Punti di forza
Unione e cortesia della equipe.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

CHERATOCONO

Ho subìto un intervento per cheratocono, molto ben riuscito, con l'equipe del dottor De Sanctis. Scarsa però la reperibilità del reparto prima e dopo l'intervento.

Patologia trattata
CHERATOCONO.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

COMUNICAZIONE PESSIMA

Nell'anno di attesa per un intervento di cross linking, non è stato MAI possibile parlare al telefono con qualcuno che aggiornasse sui tempi d'attesa, semplicemente perchè ai numeri di riferimento non risponde nessuno, MAI (oppure ti riattaccano subito il telefono in faccia); se chiami a un altro interno dell'oftalmico, parte uno snervante rimbalzo della chiamata che termina con lo stesso numero a cui non risponde nessuno. Al di là del fatto che possa essere utile un aggiornamento delle attese, è ALLUCINANTE che un REPARTO DI UN OSPEDALE PUBBLICO NON SIA RINTRACCIABILE IN NESSUN MODO.
Il giorno dell'intervento, al termine di questo, provo a chiedere due informazioni di gestione post-intervento (farmaci, doccia...) e mi mandano via di fretta e furia appena alzata dal lettino, senza chiarimenti. Non so giudicare la competenza, ma non mi sono mai trovata in una simile situazione; anche se un intervento è fatto benissimo, la comunicazione col paziente dovrebbe essere parte integrante della presa in carico. Mi sembra pura NEGLIGENZA, soprattutto quando basterebbe un illuminante minuto di spiegazione.
N.B. E' impossibile anche comunicare l'eventualità che per qualsiasi motivo imprevisto il paziente non possa sottoporsi all'intervento il giorno stabilito. Cioè loro ti chiamano, ma poi tu non puoi chiamarli in nessun modo.

Patologia trattata
CHERATOCONO, SERVIZIO DI FISIOPATOLOGIA CORNEALE (dott. de Sanctis).
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Come trattano il paziente

Perdono i referti.. Io sto aspettando referti della visita da più di 3 mesi.. mi dicono: non sono ancora firmati, vieni oggi, vieni domani... Ma io devo fare altre visite!!!

Patologia trattata
Malattia rara.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0

TEMPI DI ATTESA

Scrivo per conto di mia madre che aspetta da troppo tempo una terapia che fermerebbe la perdita progressiva della vista.
Ma i tempi d'attesa sono lunghi, le risposte dei responsabili, quando si riesce a parlare con qualcuno, sono "la chiameremo noi"; nel frattempo non chiamano mai.
Tutto questo ha un sapore di crudeltà.
Mi chiedo se il direttore di questo ospedale se ne renda conto.
Gianni Guglieri

Patologia trattata
Maculopatia.
Punti di forza
Competenza.
Punti deboli
Tempi di attesa.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Gli anziani vengono trattati come un fastidio

Ho avuto la sfortuna di accompagnare mia mamma ad un visita per la sua cataratta. Oltre a essere stati malamente indirizzati da un piano all'altro prima che qualcuno si decidesse a spiegarci le esatte procedure per essere visitati, alla fine siamo arrivati in tempo per l'orario concordato: le nove del mattino. Il medico si è presentato alle nove e quaranta e si è chiuso nello studio senza rivolgere la parola a nessuno. Dopo un bel po' ci siamo accorti che l'appuntamento era stato dato ad una decina di persone alla stessa ora!!!! Abbiamo dovuto aspettare due ore in piedi in un corridoio, in attesa che qualcuno dicesse qualcosa ed una infermiera raccogliesse i nominativi!!! La beffa è che appesi in tutti i corridoi si intima di non insultare il personale dell'ospedale!!!! Ma dico io, allora è prassi normale fare aspettare inutilmente i pazienti e farli uscire fuori dai gangheri perchè non sono capaci nemmeno di organizzare degli appuntamenti!!! è vergognoso!

Patologia trattata
Cataratta.
Punti deboli
Attese estenuanti, caos e menefreghismo.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Disorganizzazione e superficialità

Sarebbe un servizio utile se fosse gestito nell'interesse del paziente e non in quello dei particolarismi dei medici e primari.

Patologia trattata
Miopia grave.
Punti di forza
La localizzazione nel centro cittadino.
Punti deboli
Estrema disorganizzazione e superficialità nei rapporti coi pazienti; poca informazione e trasparenza per quanto concerne diagnosi e prognosi.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Bisognerebbe lavorare per meritocrazia

Mi sono recata questa mattina per eseguire dei raggi senza appuntamento con prescrizione medica. Al di là che sono un caso che sicuramente non si vede tutti i giorni, ho dovuto richiedere cose che di routine non fanno (chieste dal mio medico) e rinunciare ad altre. La gran cortesia da parte di tutti mi ha sbalordito; il responsabile (o Dirigente!?) del reparto è venuto a spiegare il perchè di alcune cose dicendomi, qualora ci fossero difficoltà di qualsiasi natura, da parte del medico, di mettersi in contatto con lui. Ce ne fossero di persone così!!! Tutto funzionerebbe meglio, nella sanità e non solo! Complimenti a tutti, anche alle tirocinanti e alla segretaria che accoglie con educazione e cortesia.

Patologia trattata
Esame diagnostico senza prescrizione medica.
Punti di forza
Cortesia.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Diagnosi al pronto soccorso alla domenica

Mi dispiace commentare in questo modo una Domenica al pronto soccorso dell'ospedale Oftalmico di Torino! Non mi capita mai di non sapere come passare la domenica pomeriggio..!! Per mio malgrado ho un dolore all'occhio destro, vado in Farmacia per farmi dare un'occhiata dalla dottoressa, sempre molto gentile; lei mi consiglia il pronto soccorso perchè nell'occhio sembrava che avessi un ERPES. Mi recai in ospedale. Se hai la fortuna di non trovare il pronto soccorso pieno di gente e sperare di sbrigarti, devi pregare di non capitare nel cambio turno, saluti abbracci e chiacchiere tra colleghi e tu fuori ad aspettare!! Quando è il tuo turno ti trovi in ambulatorio 3 persone e non capisci chi sia il medico; comunque questo è il meno. Ma quando chi ti visita, senza toccarti, continua a chiederti dove sia il problema, scusate tanto ma la cosa ti fa i... e molto!! Ma il medico sei tu no?! Dottore PERCHè è COSì ARRABBIATO? Un sorriso fa bene al paziente ma, soprattutto, a lei che deve passare parecchie ore con loro! Perchè noi pazienti tantissime volte veniamo trattati come eterni cretini? Spiegatemelo, grazie.

Patologia trattata
Calazio (!).
Punti deboli
SGARBATI E MOLTO LENTI.
Guarda tutte le opinioni degli utenti


Altri contenuti interessanti su QSalute