Urologia Ospedale di Monselice

 
5.0 (21)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Urologia del nuovo Ospedale Unico Bassa Padovana - Schiavonia "Ospedali Riuniti Padova Sud Madre Teresa Di Calcutta", situato a Monselice in località Schiavonia, ha come Direttore il Dott. Antonino Calabrò. Il reparto vanta tra gli elementi qualificanti: Trattamento integrato delle neoplasie prostatiche sia con la chirurgia standard che con tecniche mini-invasive come l'HIFU; Trattamento mini-invasivo delle lesioni renali; Trattamento integrato mini-invasivo della calcolosi urinaria. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici Bombieri Leonardo, Mazzucato Francesca, Mostaccio Giuseppe, Piccolotti David, Santacatterina Ugo, Zin Massimiliano, Mastrocinque Giuseppe, Raguso Giuseppe.

Recensioni dei pazienti

21 recensioni

 
(21)
4 stelle
 
(0)
3 stelle
 
(0)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
5.0
 
5.0  (21)
 
5.0  (21)
 
5.0  (21)
 
5.0  (21)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Intervento tumore alla prostata - HIFU

Il 20 novembre 2018 il Dott. Antonino Calabrò, Primario del Reparto di Urologia presso l'Ospedale di Schiavonia, ha effettuato un intervento per la rimozione di una neoplasia prostatica bilaterale con score 8/10 secondo Gleason mediante un trattamento HIFU. Un'operazione molto impegnativa, che ha però avuto un esito per me insperato.
Dopo oltre un anno dall'intervento stesso, mi sento in dovere di rinnovare i miei più sentiti ringraziamenti al Dott. Calabrò ed esprimere il mio profondo apprezzamento per la sua alta professionalità, unito a doti non comuni di umanità, che mi hanno permesso di superare in serenità un momento molto difficile della mia lunga vita (sono prossimo agli 80 anni).
Gli sono molto grato per non aver mai sofferto né durante, né dopo il ricovero, peraltro brevissimo, meno di due giorni.
Non ho patito nessuno dei postumi e delle menomazioni che nel sentire comune sono associati ad un intervento alla prostata, soprattutto considerando la gravità del tumore maligno trattato e la mia età avanzata. Nonostante quest'ultima, sono una persona molto attiva come consulente internazionale e ciò comporta frequenti viaggi transcontinentali, che sono continuati senza alcuna restrizione.
Quanto sopra mi porta a concludere che il Dott. Calabrò rappresenta una vera eccellenza nel campo della chirurgia non solo a livello nazionale.
I ringraziamenti e l'apprezzamento vanno estesi anche a tutto il reparto di Urologia, così magistralmente diretto dal Dott. Calabrò, per la professionalità dei suoi collaboratori a tutti i livelli, nonchè la loro disponibilità e cortesia, doti che si riscontrano raramente nei nosocomi.
Concludo augurando al Dott. Calabrò di poter mantenere nel tempo questo livello di perfezione, raggiunto grazie alla sua professionalità ed al suo costante impegno.
Renzo Medeot

Patologia trattata
Tumore maligno alla prostata.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Intervento di prostatectomia radicale

Sono stato sottoposto ad intervento di prostatectomia radicale per un adenocarcinoma - dal Prof. Calabrò - che è perfettamente riuscito. La degenza nel reparto Urologia è stata ottima e tutto lo staff del citato reparto, medici, infermieri e assistenti, si è dimostrato estremamente professionale, amichevole, sempre disponibile a richieste e nell'assistenza. Il Direttore Dr. Calabrò è molto disponibile e veramente bravo come, anzidetto, tutto il personale, che collabora con lui a dare veramente lustro alla struttura. Grazie molte!!!

Patologia trattata
ADENOCARCINOMA ALLA PROSTATA.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Cistoscopia

Dopo 10 anni da un intervento per carcinoma alla vescica, vengo annualmente contattato dall'U.O.S. di Endoscopia urologica per accertamenti. Anno dopo anno la cistoscopia che mi viene effettuata risulta sempre meno fastidiosa, sopportabile e veloce.
Un grazie di cuore agli ottimi medici e infermieri per la loro professionalità e gentilezza.

Patologia trattata
K vescica.

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

TURP e ernia inguinale in unico intervento

Mi hanno trovato posto così presto che ho dovuto chiedere una proroga per impegni di lavoro e sono stato operato il 22/03/2019.
Sui medici, Prof. Calabrò compreso, solo lodi per i risultati!
Gentilissimo il personale OSS e infermieristico, pronto e disponibile anche in ore notturne. Volentieri scambiavano una parola coi pazienti in attesa di dimissione, anche durante le medicazioni.
Grazie, mi sono sentito coccolato.

Patologia trattata
Ipertrofia Prostatica ed ernia inguinale dx.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Intervento calcolosi ureterale

Il 17 luglio sono stato operato per una calcolosi ureterale destra. Un ringraziamento enorme e doveroso a tutto il personale del day surgery del week surgery, a partire dal dott. Bombieri che ha eseguito l'intervento, a tutte le infermiere che con umanità discrezione e gentilezza non comuni mi hanno accudito durante il breve ricovero in reparto. In particolare un ringraziamento affettuoso all'infermiera Rosella, Chiara, Giulia e a tutte le altre infermiere delle quali purtroppo non sono riuscito a leggere il nome del cartellino, ma che con gentilezza discrezione e umanità hanno saputo rendere la breve degenza un po' più leggera, sdrammatizzando a volte anche con simpatia. Un grande grazie anche al personale della sala operatoria, che con professionalità e umanità mi ha spiegato con chiarezza tutte le fasi dell'intervento prima di entrare in sala operatoria. Concludo dicendo che per fortuna esistono ancora persone così che fanno il loro lavoro con dedizione serietà e umanità verso chi entra in ospedale. Grazie di cuore a tutta l'equipe del dott. Calabrò, siete grandi.

Patologia trattata
Calcolosi ureterale destra.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ADENOCARCINOMA ALLA PROSTATA

SONO STATO OPERATO DAL DOTT. CALABRO' ALLA PROSTATA.
Dalla Sicilia con amore, a tutti un abbraccio con furore.
Ho atteso qualche mese per ringraziare il N.H. Cav. Dott. Calabrò per le sue qualita' umane e professionali, nonchè tutto il suo staff per le continue premure nel seguire i pazienti che partono da lontano con tanti sacrifici affidandosi alle sue mani miracolose, certi di risolvere i loro problemi.
Lui con il suo sorriso, con la pacca sulla spalla, incoraggia a star bene chi sta male, rendendo sereno il paziente. La sanita' ha bisogno di tanti uomini come lui. Altresì, non posso dimenticare la bravura di tutti gli infermieri, dolcissimi nel parlare, pronti e disponibili ai bisogni dei pazienti, il loro sorriso sulle labbra aiutava a star meglio.
GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE A TUTTI. Un grazie alla infermiera Cristina, ultima ad accudirmi prima di andare via.
UN BACIONE SICILIANO.

Patologia trattata
K PROSTATA.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Sarebbe bastato guardare la cartella del paziente

Sono un paziente di 60 anni, siciliano (precisamente di Catania) e affetto da k vescicale, scoperto nel novembre 2017 e seguito dal gennaio 2018 dal reparto di urologia del prof. Calabro'.
Nulla da dire per quel che riguardano competenze e professionalita', sia da parte dei medici che del personale sanitario. Nulla da dire fino al 27/06/2019, giorno in cui sono stato convocato, previa telefonata giorni prima, per la preospedalizzazione per eseguire la biopsia vescicale e della prostata, sopraggiunta anche dopo, per valori di PSA elevati nonostante la terapia antinfiammatoria. Premetto che sono portatore di due stent cardiaci, il primo collocato nel 2010 e il secondo nel novembre 2018 e per il quale sono ancora in trattamento con doppio antiaggregante, e precisamente Plavix e cardioaspirina. Da portatore quale sono, so che ogni qualvolta devo affrontare piccoli interventi (anche per esempio il dentista) sospendo il trattamento due/tre giorni prima, comportamento che avevo adottato anche in questo caso. Affrontare un viaggio dalla Sicilia in Veneto comporta per me e mia moglie un'organizzazione non indifferente in termini economici, biglietti aerei comprati a prezzi esorbitanti (considerato il periodo) collocazione in b&b, nonche' organizzazione familiare e lavorativa per me e mia moglie. Ma a tutto questo diciamo che ci eravamo abituati, perche' per me era importante sentirmi tranquillo. Il 27/06/2019 mi presento, come riferitomi telefonicamente dal personale addetto a tale servizio nei giorni precedenti, e mi viene fatta la preospedalizzazione, mi vengono eseguiti gli esami clinici, compresi di radiografia del torace, visita cardiologica, elettrocardiogramma ed ecocardio piu' visita anestesiologica. Alle 12.00 circa vengo inviato in reparto e "preparato" per la sala operatoria, dove mi aspetta la Dr.ssa Mazzuccato per l'intervento. Lei guarda la mia cartella e vedendo la terapia antiaggregante che faccio, mi chiede da quanti giorni io l'abbia sospesa, rispondo da due /tre come ho sempre fatto, lei allora si scusa semplicemente dicendomi che non puo' eseguire la biopsia in quanto ad alto rischio di emorragia poiche' la sospensione avrebbe dovuto essere da almeno dieci giorni prima e non tre. Riportato in reparto mi hanno dimesso dicendomi di ritornare per il 05/07/2019. Scrivo tutta la mia rimostranza per essere stato trattato in questo modo, senza tenere minimamente in considerazione il fatto che venissi dalla Sicilia, e tutto cio' che questo abbia comportato in termini economici, organizzativi, psicologici. Abbiamo speso cifre esorbitanti per biglietti aerei, spostamenti dall'aeroporto a Monselice ecc. e tutto questo per non concludere nulla. Sarebbe bastata solo un po' di accortezza, prima di chiamare telefonicamente, guardare la cartella, vedere che tipo di trattamento farmacologico facessi e riferirmi come avrei dovuto prepararmi. Quello che avevo sempre ritenuto un reparto eccellente, devo dire e mi spiace molto essersi rivelato una delusione. La comunicazione in questo lavoro (come in tutti i lavori) è di fondamentale importanza, perchè alla fine quello che ha la peggio è sempre il paziente, in questo caso io che ho affrontato un viaggio insieme a mia moglie per ritornarmene in Sicilia senza aver risolto nulla, psicologicamente a terra perche' avrei voluto rassicurarmi sul mio stato di malattia, e invece nulla di fatto e dovrò ricominciare daccapo. DOVE?

Patologia trattata
K vescicale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Eccellente

Da anni soffrivo di prostatite che curavo con urorec, ogni notte mi alzavo dalle tre alle quattro volte per urinare con molta difficoltà e stavo anche 5 minuti davanti al water aspettando di svuotare la vescica. Spesso mi capitava all'improvviso di avere impellente necessità di urinare e se ero fuori dovevo cercare subito un bagno. Alla fine di ottobre mi facevo visitare dal bravissimo Dott. Calabrò che, viste le mie condizioni, mi disse che mi dovevo operare. Così il 30 novembre mi ha operato di resezione endoscopica transuretrale presso l'ospedale madre Teresa di Calcutta in Monselice. L'intervento è perfettamente riuscito, ora sono in convalescenza e sto molto meglio. Grazie di cuore al dott. Calabrò ed alla sua equipe, fatta di medici ed infermiere molto professionali, efficientissimi, comprensivi, umili e sempre pronti ad aiutarmi nei momenti più critici.
Complimenti, un reparto così è un esempio di umanità ed eccellenza.

Patologia trattata
Resezione endoscopica transuretrale prostatica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Dall'inferno al paradiso

Soffrivo ormai da anni di ipertrofia prostatica che mi dava molto spesso problemi di parziale e a volte doloroso svuotamento della vescica e, non avendola mai curata, ho avuto un improvviso blocco urinario che ha necessitato l'inserimento immediato di un catetere. Dopo una settimana mi recavo a Bassano per tentare di urinare senza catetere, ma purtroppo tutto è stato vano, malgrado la cura effettuata per tentare di sbloccare questa situazione. Rimesso un nuovo catetere, mi era stato detto che dovevo essere operato, nel frattempo trascorrevo tutto il mese di luglio 2018 con continue sofferenze, finchè mia moglie prendeva appuntamento con il prof. Antonino Calabrò, primario del reparto di urologia dell'ospedale Madre Teresa di Calcutta in Monselice. Con estrema urgenza il professore mi ha fatto fare gli esami preoperatori ed il giorno 3 di Agosto 2018 entravo in ospedale per essere operato per primo con l'intervento di resezione endoscopica di prostata (Turp).
Venivo dimesso il 9/8, dopo sei giorni di cure straordinarie dove oltre alla grande professionalità di tutta l'equipe del prof. Calabrò, ritrovavo finalmente subito dopo l'estrazione del catetere il ritorno della minzione, dopo quasi due mesi di blocco. Oggi, 10 ottobre, mi sento rinato come ai tempi della giovinezza!!
Un ospedale moderno a misura d'uomo, personale medico e paramedico preparatissimo ed efficientissimo, comprensione ed estrema professionalità.
Non posso che ringraziare sentitamente il prof. Calabrò e la sua straordinaria equipe per avermi guarito e ridonato la gioia di vivere!!

Patologia trattata
Ipertrofia prostatica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ospedale e reparto di eccellente professionalità

Sono stato operato di ipertrofia prostatica nel mese di ottobre 2017, dopo anni di sofferenza e mal curata presso le strutture private e pubbliche della mia città. Sono dovuto ricorrere con urgenza alle cure del Professore Antonino Calabrò perchè ho avuto un blocco urinario con conseguente necessità di catetere. Dopo essere stato visitato sono stato ricoverato presso il reparto Urologia dell'ospedale Madre Teresa di Calcutta di Monselice, dove sono stato sottoposto a resezione endoscopica di prostata (TURP). L'intervento è andato benissimo, senza nessun problema durante e nel post-operatorio. Sono rinato! Sono riconoscente per la professionalità e l'impegno nei miei confronti. Devo ringraziare il Primario Prof. Antonino Calabrò, la sua équipe medica, il personale infermieristico e quello tecnico-amministrativo e ausiliario che mi hanno garantito l'assistenza e una pronta guarigione. Voglio anche menzionare l'ospedale in quanto struttura all'avanguardia e a misura umana e di malato.

Patologia trattata
Ipertrofia prostatica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Un reparto di assoluta eccellenza

Il 3 aprile scorso, a seguito di alcuni episodi di ematuria e dopo precedenti accertamenti diagnostici eseguiti presso il reparto di Urologia dell’Ospedale “Madre Teresa di Calcutta” di Schiavonia-Monselice, diretto dal dott. Antonino Calabrò, torno nello stesso reparto per un ricovero programmato oltre un mese prima. Gli ulteriori approfondimenti diagnostici richiesti dagli urologi ed effettuati con grande puntualità ed efficienza evidenziano la presenza di una neoformazione al rene.
Il giorno dopo sono sottoposto a un delicato intervento chirurgico, che viene eseguito, con perizia, accuratezza ed alta professionalità, dal dott. Calabrò e dall’équipe di bravissimi urologi che collaborano con lui. Bravura e professionalità che io conosco molto bene, perché sono le stesse – anzi, se possibile, ancora migliorate con il tempo – con le quali nel 2010 è stato trattato il mio carcinoma vescicale, consentendomi, con la creazione di una neovescica, di condurre una vita del tutto normale. La ripresa, dopo l’intervento, è stata abbastanza rapida e il giorno 11 aprile sono stato dimesso.
E’ quindi del tutto naturale che io ringrazi di vero cuore il dott. Calabrò e i medici dell’U.O.C. di Urologia per quello che hanno fatto, anche in questa occasione, per risolvere i miei problemi di salute. E per come lo hanno fatto: infatti, oltre che per la loro professionalità, voglio ringraziarli anche per la disponibilità, per i modi non superficiali né sbrigativi con cui si rapportano con i degenti, per la pazienza con cui rispondono alle domande, ai dubbi, alle insicurezze, alle ansie che tutti i pazienti vivono in una corsia d’ospedale, per la meticolosa applicazione con cui seguono i percorsi postoperatori.
Si tratta, dunque, a mio parere, di un reparto di eccellenza.
Che è tale anche per diverse altre ragioni: logistiche (ospedale nuovo, con stanze pulite, ariose, luminose e con pochi letti) e soprattutto umane. Il personale infermieristico è infatti di primissimo livello: disponibile, premuroso, attento ai bisogni dei pazienti, puntuale nell’assistenza, nella somministrazione dei farmaci e nell’esecuzione/ controllo delle terapie prescritte. In una parola, assolutamente professionale.
Così come il personale ausiliario, scrupoloso e instancabile nello svolgimento delle funzioni alle quali è preposto.
A tutti loro va quindi la mia più sincera gratitudine.
Francesco Amata

Patologia trattata
K renale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Eccellenza a Schiavonia

Il mio nome è Antonello Antoniucci.
Pochi giorni fa sono stato ricoverato nel Reparto di Urologia dell'Ospedale di Monselice Schiavonia.
In tempi in cui si parla spessissimo (e a volte con ragione) di mala sanità, mi corre l'obbligo di segnalare questo Reparto (e questo Ospedale) nel quale tutto funziona come ci si aspetta che sia e che debba essere.
Un esempio tra tanti:
Appuntamento per il ricovero alle ore 7.00.
Alle sette e due minuti sono stato prontamente accompagnato in una spaziosa camera a due letti; appena il tempo di spogliarmi e mi hanno portato in sala operatoria.
Quindi niente tempi morti e immediato sintomo di efficienza,
Sono stato operato dal dottor Calabrò e dalla sua equipe.
A tutti loro va il mio sincero e sentito ringraziamento non solo per la competenza, ma anche per l'efficienza, la solerzia, la cortesia e la pazienza con le quali rispondono ai vari quesiti dei pazienti (ho avuto modo di osservare anche il comportamento con gli altri), l'umanità con la quale, sia pure senza nulla nascondere, cercano di tranquillizzare i pazienti stessi.
Il paziente viene trattato come una persona e non come una pratica da sbrigare nel più breve tempo possibile!
Una menzione positiva poi va rivolta anche a tutto il personale paramedico con il quale, ovviamente ho trascorso più tempo.
Nel corso della mia vita ho conosciuto più di un altro Ospedale, ma i paramedici che mi hanno assistito qui (senza nessuna eccezione) sono stati un esempio di cortesia,di efficienza,di solerzia e (aggiungo ancora una volta) di umanità.
Forse l'Ospedale dovrebbe munirli di... pattini!
Non stanno mai fermi e corrono sempre!
Ma non perchè vi sia disorganizzazione, anzi, l'impressione che se ne ricava è l'opposto, ma per il palese e manifesto desiderio di adempier presto e bene a tutte le funzioni cui sono addetti.
Un convinto plauso ed un caloroso ringraziamento, nonchè vivi complimenti al dottor Calabrò, alla equipe medica e a tutto il personale paramedico.
Grazie!
Antonello Antoniucci

Patologia trattata
Ostruzione cervico-uretrale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

NE E' VALSA LA PENA

Sono stato appena dimesso dal reparto di Urologia dell'ospedale Schiavonia- Monselice e devo fare un plauso alla competenza del dr. Calabrò e di tutto lo staff, all'organizzazione, alla pulizia e anche alla simpatia del personale, nessuno escluso. La struttura è moderna e funzionale al massimo (ad eccezione delle docce, senza la pendenza giusta del pavimento); infatti entrando non si ha proprio l'idea di accedere ad un ospedale. Non so ancora nei prossimi giorni come sarà il mio stato di salute, dal momento che siamo in attesa dell'esame istologico, ma mi sento di dire che ne è valsa la pena fare 1.000 km. circa per essere curato da queste persone. Grazie, grazie e ancora grazie a tutti.
Fernando Buttazzo

Patologia trattata
Polipo vescicale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Cinque stelle non bastano

Dopo aver sofferto per anni a causa di una forma acuta di ipertrofia prostatica – che negli ultimi tempi mi aveva reso impossibile la conduzione di una normale vita quotidiana – lo scorso mese di novembre mi sono ricoverato nel reparto di Urologia dell’Ospedale Riuniti Padova Sud “Madre Teresa di Calcutta” di Monselice, dove ho subito un intervento di resezione endoscopica della prostata da parte dell’équipe guidata dal primario dott. Antonino Calabrò.
Oggi, a distanza di alcuni mesi, non posso non rilevare con soddisfazione l’ottimo esito di tale intervento: la sofferenza post-operatoria è stata minima (ricoverato il 15 novembre, venivo dimesso dopo soli quattro giorni) e la convalescenza si è svolta nel miglior modo possibile (dopo due mesi tutte le normali funzioni erano pienamente reintegrate). A ciò si aggiunga lo straordinario livello del reparto quanto a logistica e igiene (tutte le stanze, pulitissime e ariose, sono a due letti) e soprattutto ad efficienza, cortesia e umanità del personale. In particolar modo, mantengo un vivo sentimento di ammirazione per la delicatezza e la bravura con cui le infermiere mi hanno aiutato a superare i momenti meno facili della degenza.
Per tutto questo, desidero esprimere la mia gratitudine al dottor Calabrò e al personale tutto del reparto.

Gioacchino Bartolone

Patologia trattata
Ipertrofia prostatica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Un centro d'eccellenza, un modello di civiltà

Mi chiamo Santi Fedele, ho 67 anni e insegno nell'Università di Messina. L'8 marzo 2017 mi sono ricoverato presso il reparto Urologia dell'ospedale Madre Teresa di Calcutta di Monselice, dove il giorno successivo sono stato sottoposto a Resezione endoscopica di prostata (TURP). L'intervento è perfettamente riuscito, il decorso post-operatorio è stato regolare e la convalescenza procede bene. Professionalità, alto senso del dovere, efficienza, rispetto del malato e compenetrazione nei suoi stati d'animo e nelle sue esigenze, è quello che ho sperimentato in questa struttura sanitaria. Ragione per la quale esprimo un sentimento che è al contempo di sincera ammirazione e di profonda gratitudine nei confronti del Primario dott. Antonino Calabrò e della sua équipe medica, del personale infermieristico e di quello tecnico-amministrativo e ausiliario. Dalla mia personale esperienza ho maturato la convinzione che il reparto di Urologia dell'ospedale di Monselice non è soltanto una struttura sanitaria d'eccellenza ma anche un luminoso esempio di civiltà e di umanità.

Patologia trattata
Ipertrofia prostatica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti infiniti

Sono stato operato di prostatectomia radicale dal Dott. Calabrò e non sono mai abbastanza le parole per rendere merito al lui, al suo staff medico ed infermieristico dell'alta professionalità che ogni giorno mettono in campo. Questo reparto di Urologia rappresenta un fiore all'occhiello della Sanità italiana, non c'è alcun dubbio! E' fantastico ed emozionante parlare di loro ed ogni volta che mi reco per i soliti controlli di routine sento il dovere ed il piacere di mostrare gratitudine e riconoscenza nei loro confronti. Sono tutti straordinari!! Grazie di esistere!

Patologia trattata
Tumore alla prostata.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ottima sanità e ringraziamenti

Abito a Trieste, sono stato FORTUNATAMENTE consigliato a contattare il dott. Calabrò presso l'ospedale di Schiavonia dove, dopo aver effettuato la cistoscopia in dicembre 2015, mi è stato consigliato e proposto l'intervento TURP, effettuato il 2 maggio 2016 con esito e riscontro positivo.
Vorrei sottolineare e precisare alcuni aspetti che non dimenticherò nelle giornate trascorse nel reparto di Urologia di suddetto Ospedale.
La perfetta organizzazione del reparto.
L'umanità e la professionalità di tutte le persone operanti nel reparto, non soltanto nei miei confronti ma verso tutti i pazienti.
Per tale ragione desidero ringraziare tutto il reparto di Urologia per aver contribuito a migliorare le mie condizioni di salute!!
Grazie di cuore.
Franco Grasso

Patologia trattata
Ipertrofia prostatica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Elogi

Sono Salvatore Casales.
Residente in Caltanissetta. A causa di un impellente riacutizzarsi della prostatite (I.P.B.) il giorno 10 agosto del c. a.2016 sono stato ricoverato presso l'omonimo ospedale di Schiavonia M.T. di Calcutta (Padova sud) per BPH e successivo intervento di Prostatectomia Transuretrale. Sia nel periodo ante-operatorio che post-operatorio, ho avuto modo di permettermi delle considerazioni che subito ho ritenuto concrete e veritiere, nell'era dello sproloquio. Ho veduto una struttura avveniristica con materiali avanzati dell'ultima generazione. Viepiù mi hanno colpito non solamente il distinto segno del dovere di ciascun operatore, dall'ultimo tirocinante al Primario del Reparto di Urologia Dott. Nino Calabrò, ma l'umanità mostrata e che ad ogni paziente è riversata, perché costui possa superare con serenità il momento difficile. Dimesso il 16 agosto del c.a., adesso sto bene. Intervento riuscito. E allora sento, attraverso queste poche righe, di esternare un caro ringraziamento per tutti gli operatori del reparto di urologia, gente perbene, gente di grande professionalità; gente dal desiderio di lavorare e di operare e di fare della loro umiltà un distinguo, per un bene comune. Grazie,per avere migliorato le condizioni mie salutari. Grazie di non avermi mai fatto sentire solo, grazie a tutti.
F.to Salvatore Casales

Patologia trattata
IPERTROFIA PROSTATICA.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti

Sono stato sottoposto a TURP il 24/9/2015 dopo cistoscopia eseguita in maggio 2015 presso lo stesso reparto (l'urologo che mi curava in precedenza mi consigliò la cistoscopia in ambulatorio). Ho trovato tutto veramente efficiente. Il ricovero è avvenuto alle ore 7.00 di mattina (dalle mie parti non se ne parla proprio che si entri alle 7.00 in ospedale); appena entrato il personale si è messo subito all'opera, è stata molto cortese. Lo stesso il personale medico e paramedico, molto gentile e professionale, sia il Direttore che tutti i suoi collaboratori. Per motivi di salute di miei familiari, ho avuto modo di conoscere altre strutture anche definite di "eccellenza", ma in nessuna ho trovato quello che ho apprezzato nel Vostro Reparto. Grazie di cuore.
P.S. Unico neo è stato il cibo, non all'altezza di tutto il resto.
Vincenzo Lenzo

Patologia trattata
Ipertrofia prostatica benigna.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ESEMPIO DI BUONA SANITA'

Intervento effettuato il 12.5.2016 con dimissione il 20.5.
L'intervento è perfettamente riuscito, il decorso post operatorio è stato regolare e la convalescenza prosegue con costanti miglioramenti.
Il trattamento professionale e umano è stato ineccepibile e pertanto è doveroso un particolare ringraziamento al personale medico e paramedico.
Già dopo venti giorni risultano regolari le funzioni legate all'apparato.

Patologia trattata
Adenocarcinoma prostatico.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti

Nel 2012 mio padre subisce un intervento in altra struttura di prostatectomia radicale e successivo trattamento radioterapico. Da quel momento inizia un calvario di cui non enumero le tappe e il percorso doloroso sia fisicamente che psicologicamente, che si stava concludendo per mio padre con l'incapacità totale di effettuare ogni movimento. Grazie alla immediata disponibilità e la professionalità del dott. Calabrò e di tutto lo staff, personale infermieristico incluso che non enumero per timore di dimenticare qualcuno, mio padre viene prontamente seguito ed oggi deambula autonomamente di nuovo.
Eccezionale, confrontandola con le strutture a cui ci siamo rivolti precedentemente, la cura del post intervento - e non solo a livello clinico.
Sentiti ringraziamenti da parte di mio padre e dei suoi figli per avere restituito loro un padre.

Patologia trattata
Calcoli in vescica.


Altri contenuti interessanti su QSalute