Malattie Infettive e Immunologia Ospedale Cotugno

Malattie Infettive e Immunologia Ospedale Cotugno

 
4.3 (6)
Scrivi Recensione
Il reparto Malattie Infettive ad indirizzo generale ed immunologico dell'Ospedale Cotugno di Napoli, situato in Via Quagliariello 54, ha come Direttore il Dott. Oreste Perrella. La Settima Divisione si occupa principalmente della diagnosi e terapia nell'ambito delle epatiti virali acute e croniche, cirrosi epatiche, epatocarcinoma, infezioni virali croniche e di monitoraggio immunologico delle infezioni da HIV, consulenze specialistiche di Immunologia delle Malattie Infettive intra ed extra ospedaliere. Il reparto consta di 31 posti degenze e 6 di Day Hospital e ad esso sono inoltre aggregate le Strutture Semplici di Immunologia clinica e di Follow-up delle infezioni virali croniche.

Recensioni dei pazienti

6 recensioni

 
(3)
 
(3)
3 stelle
 
(0)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.3
 
5.0  (6)
 
4.8  (6)
 
3.5  (6)
 
3.8  (6)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Equipe fatta di angeli

Sono stata ricoverata sabato 2 giugno presso la sesta divisione, 5° piano, per morbillo.
MI HA SEGUITA IL PRIMARIO ED IL DOTT. MORELLI, un dottore paterno ed eccezionale nei modi!
Ho 33 anni, quindi mi avevano detto che correvo grossi rischi per la salute. Venivo da una mattinata alla Betania (clinica di Ponticelli) e al Loreto Mare. Alla Betania non avevano riconosciuto il morbillo, bensì una reazione allergica e mi hanno "prontamente" iniettato un antistaminico al pronto soccorso... dicendomi che non sapevano distinguere un morbillo da una rosolia perchè non li avevano mai visti!!! Assurdo!!!
Alle 15.00, dopo essere peggiorata di ora in ora, corro al Loreto Crispi, ma lì non mi ha guardato nessuno, neanche alla guardia medica. Nel frattempo mi sentivo stringere in gola... e siamo corsi in macchina al Loreto Mare.
Al Loreto Mare al pronto soccorso l'equipe medica scappava da me come fossi una appestata... si erano almeno accorti che avevo il morbillo e mi dicevano che era pericoloso e mortale, e che si allontanavano da me perchè loro non l'avevano avuto!
Mi sono sentita un'appestata!
Dopo che non volevano accogliermi in ospedale e mi dicevano di andare con i miei mezzi al Cotugno, abbiamo fatto i "NAPOLETANI": ABBIAMO URLATO E DETTO CHE DA LI NON CI MUOVEVAMO E CHE DOVEVANO ALMENO FARMI UN PRELIEVO PER CAPIRE COSA AVESSI! Poi, grazie a conoscenze in famiglia, abbiamo avuto la grazia dopo ore di essere trasferiti in ambulanza al Cotugno.
Un'altra ora al pronto soccorso... poi alle 20.00 sono riuscita ad ottenere un ricovero. Che odissea!
Ma arrivati al 5° piano ho conosciuto prima una dottoressa dolcissima (di cui non ricordo il nome) e poi nei giorni successivi mi ha seguita il dottor Giuseppe Morelli.
Sono felicissima di aver incontrato questi angeli che mi sono stati vicini e mi hanno dato aiuto e conforto.
Un encomio era doveroso.
GRAZIE A TUTTI, MA UN GRAZIE PARTICOLARE AL DOTT. MORELLI.
Anita Eldorre

Patologia trattata
Morbillo.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

...l'umanità vince sempre !

Sono stato ricoverato 15 giorni per un'allergopatia da farmaco. Complimenti per l'accoglienza al Pronto Soccorso, per l'umanità di infermieri e medici. Grande competenza e cordialità di tutto lo staff coordinato dal dottor Perrella.

Patologia trattata
Allergopatia da farmaco.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

dott. Giuseppe Morelli

Sono stata ricoverata all’ospedale D. Cotugno nel 1986 per una epatite acuta susseguente ad una trasfusione avuta durante un intervento chirurgico di gastrectomia parziale per ulcera peptica perforata. In quell’ospedale conobbi il dott. Giuseppe Morelli (allora giovane medico in servizio presso la divisione in cui ero degente) che subito mi tranquillizzò, spiegandomi che una epatite Non A Non B (come allora veniva denominata, oggi viene detta epatite C) aveva alte probabilità di guarigione completa, se le transaminasi all’esordio erano molto alte come nel mio caso.
Ed infatti le transaminasi, una volta normalizzatesi, son così rimaste per tutti questi anni, come pure è stata negativa la presenza del virus nel sangue da quando questa analisi si è resa disponibile.
Recentemente, a seguito di dolori alla schiena, ho effettuato una radiografia alla colonna che ha mostrato una frattura ad una vertebra dorsale.
Consultati vari medici, mi era stata prospettata una ipotesi tumorale, che cioè quella frattura potesse essere una metastasi. Figuratevi il mio morale: a pezzi.
Ho quindi chiesto al CUP dell’ospedale Cotugno una visita ambulatoriale con il dott. Giuseppe Morelli, che mi ha sottoposto a varie analisi.
Sono risultata portatrice di un grosso deficit di Vitamina D con un lieve iperparatiroidismo secondario, ho effettuato quindi una Mineralometria ossea che ha evidenziato una osteoporosi elevata.
Il dott. Morelli mi ha poi spiegato che il deficit di Vitamina D, molto diffuso nelle popolazione, in me era più marcato a causa dell’operazione di gastrectomia a cui venni sottoposta.
Ho iniziato così la cura per l’osteoporosi, per morire c’è sempre tempo..

Patologia trattata
Epatica.

Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Febbre di natura sconosciuta

Mi chiamo Luigi e vengo da Frattamaggiore. Da maggio ho iniziato questo enorme calvario, giorno dopo giorno mi sentivo sempre più male: mancanza di forze, febbre alta a 40, sudorazione, brividi di freddo, dolori interni addominali. Dopo aver cambiato 4 ospedali, e consultato molti dottori (facendomi esami, tac, ecografie addominali, hanno deciso di farmi una biopsia al fegato perchè sospettavano degli linfonoduli. Sospettavano addirittura che avessi medastosi per tutto il corpo, praticamente dovevo morire. Con il risultato della biopsia mi hanno detto che avevo un virus virale, volevano trasferirmi al Vomero ( mio figlio ha poi girato più ospedali, ma nessuno voleva ricoverarmi...).Siamo andati al Cotugno, abbiamo deciso che era l'ultima speranza e quel giorno di Agosto abbiamo incontrato un bravissimo dottore di nome Giuseppe Morelli con una grande coscienza ed esperienza. Dopo avermi visitato e letto tutti i miei referti medici, ha deciso subito di farmi una pet tac ed esami approfonditi. Lui ha scoperto che avevo un linfoma nel sangue. In 10 giorni il dott. Giuseppe Morelli mi ha poi quindi fatto trasferire al CARDARELLI (quindi bastavano 10 giorni per scoprire cosa avessi... ma altri ci hanno impiegato 4 lunghi mesi..).
Rringrazio il dott. GIUSEPPE MORELLI E TUTTI GLI INFERMIERI.

Patologia trattata
Febbre di natura sconosciuta.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Ricovero- dott. Morelli

Sono stata ricoverata presso questa struttura nel periodo luglio/agosto 2008 per un'epatite provocata da un farmaco. Ho ricevuto un'ottima assistenza medica ed infermieristica, ho avuto la fortuna di incontrare il dott. Morelli Giuseppe che ha individuato e curato il mio problema con estrema professionalità.

Patologia trattata
Epatite da farmaco.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ospedale cotugno di napoli

sono Aniello e se sono ancora vivo è solo grazie a questi splendidi dottori che mi hanno curato una forte infezione alla gamba... Per questo ringrazio i dottori Pergola e Morelli e tutti gli infermieri che hanno preso a cuore il mio caso...

Patologia trattata
infezione arto inferiore


Altri contenuti interessanti su QSalute