Medicina interna Ospedale Perugia

Medicina interna Ospedale Perugia

 
3.3 (8)
Scrivi Recensione
Il reparto di Medicina interna dell'Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, Azienda Ospedaliera situata in Piazzale Giorgio Menghini nella zona di Sant'Andrea delle Fratte e San Sisto, ha come Direttore F.F. la Prof.ssa Leonella Pasqualini. Il reparto si occupa di tutte le patologie di interesse della Medicina Interna ed è specializzata nella diagnosi e nel trattamento di malattie cardio-vascolari (ipertensione arteriosa, insufficienza cardiaca, arteriopatie, flebopatie, tromboembolismo arterioso e venoso), di malattie cerebro-vascolari, di malattie dismetaboliche e del sistema endocrino (diabete, tiroide etc.), di malattie degenerative del sistema nervoso (malattia di Parkinson e parkinsonismi, di malattie del metabolismo osseo (Centro Osteoporosi), di emoreologia e prevenzione della trombosi, di angiologia e diagnostica vascolare, dell'ipertensione arteriosa e delle sue complicanze. E' inoltre Centro di riferimento regionale per le malattie del metabolismo lipidico. Equipe medica di reparto: Giampaolo Bucaneve, Errico Capodicasa, Francesco Cavicchi, Giovanni Ciuffetti, Patrizio Dragani, Paolo Furno, Francesco Grignani, Salvatore Innocente, Graziana Lupattelli, Massimo Raffaele Mannarino, Giuseppe Oliverio, Lucio Patoia, Matteo Pirro, Anna Rita Roscini, Anna Maria Scarponi, Gaetano Vaudo.

Recensioni dei pazienti

8 recensioni

 
(2)
 
(2)
 
(2)
 
(2)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.3
 
2.5  (8)
 
3.1  (8)
 
4.4  (8)
 
3.1  (8)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Il paziente andava sedato e monitorato h 24

Hanno lasciato mio padre urlare senza sedarlo per giorni e giorni. Chiamavi un infermiere e se arrivava lo faceva dopo mezz'ora, il virus encefalico ha fatto sì che il babbo urlasse dalla mattina alla sera, finendo per deteriorare la sua attività cerebrale. Non è stato mai monitorato. Solo visite mediche e risposte maleducate. Il primo giorno il babbo era tutto sporco di feci, dalla testa ai piedi, e non è arrivato nessuno FINO A CHE MI È VENUTO UN ATTACCO ISTERICO. Mio padre aveva solo 64 anni e quando lo hanno passato in Oncologia era già troppo tardi. Lui non ce l'ha fatta più. Ovviamente non farò nomi, non tutti sono così in questo reparto.

Patologia trattata
Virus encefalico da herpes 6.



Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Mancanza assoluta di comunicazione

Probabilmente fino a qualche anno fa il reparto era migliore (lo intuisco non per esperienza diretta ma leggendo le recensioni).. ma ora nel 2017 le cose sono molto diverse.
Non voglio insinuare che i medici non siano competenti e professionali, ma non paiono interessati al rapporto con il paziente o la relazione con chi fa assistenza.
Confusione generale in reparto, il braccio destro non sa cosa fa il sinistro, mancanza di comunicazione tra medici.

Patologia trattata
Polmonite.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Nessuna diagnosi

Mi sono stati fatti molti esami clinici, ma non mi sono stati riferiti i relativi risultati. Non ho capito se non ho nulla o....

Patologia trattata
Sconosciuta.

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

MIAMA il migliore

Sono stato qualche anno fa al M.I.A.M.A. per un controllo, che mi è stato effettuato dallo stesso professor Mannarino e da un suo collaboratore. SONO STATI SEMPLICEMENTE PERFETTI.

Patologia trattata
Visita di controllo.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ottimo reparto- dott. D'Agostino e staff

Devo assolutamente complimentarmi con l'equipe medica e infermieristica per l'ottimo lavoro svolto! Martedì 12 dicembre porto mia madre, di 87 anni, al pronto soccorso, diagnosi: TIA. Ricoverata in questo reparto, mia mamma si è immediatamente ripresa ed il 18 viene dimessa! Un grazie di cuore a tutti i dottori del reparto e, in particolar modo, grazie al dott. D'Agostino per la sua disponibilità e gentilezza (scontata la sua professionalità)! Tutto questo non può che rendere merito alla struttura ospedaliera di Perugia!
Amalia Mormile

Patologia trattata
Ischemia transitoria.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Delusa

Mi ero rivolta al Centro Osteoporosi del reparto per curare la mia osteoporosi, ma non ne sono stati capaci e con il tempo la malattia è peggiorata..
Non hanno svolto neanche tutti gli esami necessari, e credo dovuti, quando si tratta di questa patologia.
Sto male e sento che mi hanno "abbandonata"..
Sono abbattuta, ho paura e soprattutto sono delusa.

Patologia trattata
Osteoporosi.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Molto scarsa

Buongiorno a tutti, sono una paziente ricoverata da lunedì in gastroenterologia dove tutti sono stati sempre molto disponibili ed educati; per un caso di una paziente molto grave mi e' stato chiesto di essere trasferita in questo reparto. Appena trasferita ho trovato dei medici e delle infermiere molto brave e disponibili... ma quando la mattina e' passato il professor Mannarino, non ha avuto nei miei confroni un minimo di delicatezza ed oggi, venerdi, ha deciso di dimettermi non sapendo la mia malattia e dicendomi che con il foglio dell'ospedale devo andare dal mio medico curante per farmi dare la cura. No comment.

Patologia trattata
Meteorismo con dolori addominali.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Nessuna diagnosi

Il reparto di Medicina interna, angiologia e malattie da arteriosclerosi dell'ospedale di Perugia, detto MIAMA, risulta accogliente e il personale è pronto a ricevere i pazienti, però alla fine, almeno nella mia esperienza personale, risulta inconcludente. Ai modi familiari e piacevoli iniziali segue poi una incapacità che si conclude con un nulla di fatto. Il personale mantiene sempre calma e gentilezza, ma non ha la competenza che ci si aspetterebbe da un reparto specialistico.
Alla fine il paziente esce dall'ambulatorio senza una diagnosi (cioè sapere che malattia ha) però allo stesso malato vengono prescritti farmaci.

Patologia trattata
malattia sconosciuta.


Altri contenuti interessanti su QSalute