Oncologia Ospedale Rovigo

 
3.1 (6)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia Medica dell'Ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo, situato in Viale Tre Martiri 140, ha come Responsabile la Dott.ssa Cristina Oliani. Il reparto si occupa del paziente neoplastico con attenzione a tutti gli aspetti della patologia oncologica e al suo evolversi, compresi i problemi psicologici e sociali. Esegue le proprie prestazioni in regime di ricovero, di Day Hospital oncologico ed ambulatoriale, svolgendo attività di diagnosi, di cura antitumorale e di gestione di tossicità severe da terapia, attivazione di percorsi di continuità di cura con il Domicilio (ADO) e con l’Hospice mediante ricovero programmato, da accesso da Pronto Soccorso o da trasferimento da altri reparti. Ambulatori: Prima visita, Visita di Rivalutazione, Visita di Follow up, Visita per Terapia endovena, Visita per terapia antitumorale per via orale, Visita per terapia antitumorale, Valutazione psicologica, Valutazione endocrinologica-oncologica, Valutazione integrata Cure simultanee e Palliative precoci, Valutazione presso l'Ambulatorio Familiarità Neoplastica per valutazione e presa in carico di persone con predisposizione ereditaria ai tumori. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Modena Yasmina, Barile Carmen, Crepaldi Giorgio, Manunta Silvia, Menon Daniela, Stievano Laura.

Recensioni dei pazienti

6 recensioni

 
(1)
 
(2)
3 stelle
 
(0)
 
(3)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.1
 
2.8  (6)
 
2.8  (6)
 
3.8  (6)
 
2.8  (6)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Paziente

Tutti meravigliosi, dai medici a, soprattutto, gli infermieri, sia a livello di competenze che di umanità e vicinanza a paziente.
FANTASTICI.

Patologia trattata
Tumore al seno.


Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Felice di essere rimasta qui

Grazie dottor Crepaldi di avermi aiutata a credere di essere forte e di riuscire a superare un momento molto difficile. Grazie a tutto il personale per il sorriso e le gag. Quanti abbracci...
Grazie mille di cuore.

Patologia trattata
Tumore al polmone.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Tumore polmoni mamma

Sono la figlia di una signora che nel gennaio 2015 ha avuto la diagnosi di cancro già in fase finale ai polmoni.. Dalla diagnosi, alla morte 11 giorni dopo. I medici però mi hanno detto subito che la situazione era gravissima, perciò ho passato questi 11 giorni sempre con lei, la mia cara mamma.. Ho potuto constatare come lavoravano e secondo il mio parere (anche della mamma perché ne parlavamo di questo) a parte i medici che erano "un mondo a parte", gli infermieri e il personale erano molto disponibili (poi si sa c'è sempre la pecora nera); comunque mia mamma diceva che la accudivano bene. Il giorno che se ne è andata, hanno avuto una sensibilità e una grande umiltà nel lasciare tutti noi li per quasi tutto il giorno, entrando solo ad assistere l'altra signora.
Grazie agli infermieri che si sono presi cura della mamma.

Patologia trattata
Tumore avanzato polmoni.


Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

tanta amarezza

Buongiorno a tutti,
mia madre è morta il 14 Aprile 2011 a 55 anni;
tutto iniziò un anno fa, un tumore al fegato di piccole dimensioni guaribile con successo a detta dell'oncologo.
Tante false speranze e illusioni per tutti noi che oltre al dolore ora abbiamo tanta rabbia.
A febbraio 2011 per mia madre i dolori improvvisamente si fecero più forti, insopportabili, dopo tante telefonate a vuoto, ore infinite di attesa all'ospedale e tempi lunghi per fare una colonscopia, l'oncologo suggerì di fare l'intervento di deviazione biliare presso un altro ospedale, perchè a suo parere il fegato non lavorava più.
Noi anticipammo il ricovero a sabato 9 Aprile visto l'aggravarsi delle condizioni di salute di mia madre .
Lunedì 11 Aprile ci crollò il mondo addosso perchè il primario di quest'altro ospedale ci comunicò (dalla sua consultazione della cartella clinica) che il tumore era già in metastasi dappertutto da OTTOBRE 2010 e noi non lo sapevamo, non si poteva fare nessun intervento solo aspettare la sua fine.
E' una vergogna immensa come un oncologo possa dare false speranze, è un suo dovere dire la verità.
Noi ci ritrovammo in una situazione senza punto di ritorno perchè, se ad ottobre qualcuno si fosse degnato di dirci come stavano le cose, noi avremmo tentato altre soluzioni per salvarla e se ciò non fosse stato possibile le avremmo evitato mesi di dolori crudeli, nonchè le altre 4 chemio che l'hanno distrutta.
In noi familiari ora c'è tanta amarezza ma soprattutto il pensiero che come è successo nel nostro caso, altre vite umane vengano trattate senza pietà nè umanità e abbandonate al loro destino.
VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA.
Alessandra Moretti

Patologia trattata
TUMORE AL FEGATO.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

umanità

mia moglie aveva qualche ora di vita; dopo trafila al P.S. e visita chirurgica, le trovano un posto in oncologia. Ero in sala medici per il ricovero e il dott. P. (mia moglie è sempre stata in cura da lui) non mi ha degnato di uno sguardo, di un saluto o meglio di un conforto. Lei è morta dopo sei/sette ore ed il dottore, seppur presente ed informato, non è venuto a darle un po' di assistenza, o meglio, a confortarla.. Io ero lì ad assisterla e anch'io avrei apprezzato una parola, anche se rispecchiava la cruda realtà.
Il DOTT. P. è un buon medico ma manca di umanità!

Patologia trattata
tumore genitale.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Pessimo reparto

Ho trovato la preparazione dei medici scadente in quanto per fare la stadiazione e la scelta terapeutica il medico ha dovuto consultare un libro; alla mia richiesta su nuovi farmaci in sperimentazione ha sviato dicendomi che sono centinaia; in realtà controllando su sportello cancro sono 2 o 3. Ci facevano attendere ore. Una volta, eravamo gli ultimi, alle 13.00 la dottoressa si è fermata per la pausa pranzo fino alle 14.00 e poi ci ha chiamati dentro per una visita che sarà durata si e no 15 minuti!! Non poteva visitarci all'una e fare la pausa dopo?? Ha voluto che il cardiologo mettesse per iscritto che poteva fare la chemio perchè, testuali parole, "Io di cuori non ci capisco niente"!! E potrei andare avanti ancora!!
In base alla mia esperienza, io sconsiglio di farsi curare qui.
Nota a parte meritano gli infermieri gentilissimi e disponibilissimi! Promossi a pieni voti

Patologia trattata
Adenocarcinoma polmonare III stadio.