Diabetologia Ospedale Pescara

 
3.0 (1)
Scrivi Recensione
Il reparto di Diabetologia dell'Ospedale Civile Spirito Santo di Pescara, situato in Via Fonte Romana 8, ha come Responsabile la Dott.ssa Elena Antonacci. Il reparto è una Unità Operativa Semplice afferente a quella complessa di Endocrinologia e Malattie Metaboliche diretta dal Dott. Agostino Consoli, professore ordinario di endocrinologia all'Università di Chieti e direttore dell'unità di ricerca di diabetologia e metabolismo della Fondazione Università d'Annunzio. Il servizio è specializzato per la diagnosi e la cura del diabete mellito. Afferiscono al reparto l'ambulatorio di Diabetologia, l'ambulatorio di allergologia e l'ambulatorio di endocrinologia. Attività principale: visite diabetologiche, consulenze presso i reparti; Educazione sanitaria ed alimentare; Curva da carico standard ed in gravidanza, curva insulinemica, Test al glucagone; Medicazioni; Esami ematochimici (prelievi capillari e venosi, glicemia capillare, profilo glicemico, raccolta delle urine anche per chetonuria); Biotesiometria; Antropometria; Valutazione neuropatia autonomica; Studio delle complicanze; Certificazioni diabetologiche (patenti, invalidità, esenzioni ticket); Piani terapeutici; Organizzazione prenotazioni per consulenze varie; Valutazione esami.

Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
3.0  (1)
Assistenza 
 
3.0  (1)
Pulizia 
 
3.0  (1)
Servizi 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Distribuzione materiale consumo

Non è la prima volta che l'addetto alla distribuzione di striscette reattive e aghi per diabetici si comporta con arroganza e scarso (o niente) rispetto nei confronti delle persone che si recano presso quel magazzino per il ritiro di tale materiale, provocando rabbia e non poco risentimento.
Ciò posto, sarebbe il caso - ritenendo che al "signore" incaricato ancora non sia chiaro che il posto che occupa è pagato con le tasse dei cittadini, che la "baracca" non è sua e che nessuno lo autorizza a tenere simili atteggiamenti col prossimo - di indottrinarlo affinchè simili episodi non abbiano a ripetersi. Grazie.

Patologia trattata
Diabete.




Altri contenuti interessanti su QSalute