Oncologia Ospedale Pescara

 
3.3 (12)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia Medica dell'Ospedale Civile Spirito Santo di Pescara, situato in Via Fonte Romana 8, ha come Direttore il Dott. Carlo GARUFI. Il reparto si occupa del ricovero di pazienti con patologie oncologiche. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Dott.ssa Cristina Amatetti, Dott.ssa Marta Caporale, Dott.ssa Alessandra Di Paol, Dott.ssa Pia Di Stefano, Dott.ssa Antonella Fragassi, Dott. Dimitri Luisi, Dott. Francesco Malorgio, Dott. Lucio Ruberto.

Recensioni dei pazienti

12 recensioni

 
(3)
 
(4)
 
(2)
2 stelle
 
(0)
 
(3)
Voto medio 
 
3.3
 
3.3  (12)
 
3.4  (12)
 
3.3  (12)
 
2.9  (12)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Oncologia

Mia madre è in cura presso l'oncologia di Pescara. Da quando è arrivato il dott. Garufi il reparto è migliorato tantissimo, ma alla base ha dei medici molto validi e personale infermieristico top. Peccato il personale sia poco e che, nonostante le tante richieste di personale, non si provveda.
Ringrazio tutti i medici del reparto di Oncologia e del day hospital e tutto il personale infermieristico, che si dimostra sempre disponibile e gentile, pur lavorando in situazione di stress.
Un grazie alla psicologa Dott.ssa Annarita Di Silvestre per il suo appoggio in questo tortuoso cammino...

Patologia trattata
K colon metastatico.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Assistenza mediocre

Il comportamento non è stato deontologicamente parlando all'altezza; assistenza scarsa, tra i vari oncologi manca comunicazione. Benessere psicologico del paziente non considerato.

Patologia trattata
Carcinoma.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Grazie di cuore

E' dal mese di agosto dello scorso anno che la vita di nostra madre è nelle mani del Dott. Natale Donato e dei sui collaboratori. Possiamo solo ringraziare lui e tutto il suo staff per la professionalità, la pazienza e l'impegno dimostrati nei confronti di nostra madre, che lotta per la vita.
Angelo, Sonia e Mirta Angelone

Patologia trattata
Carcinoma dell'ovaio.

Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Grazie di cuore a tutto lo staff

Stiamo combattendo da ormai 9 mesi la nostra battaglia.. Un grazie di cuore al Dott. NATALE che da sempre segue il nostro caso. E' un medico sempre disponibile, preciso e sa indirizzarti sempre verso la scelta giusta. Ringraziamo inoltre tutti i medici del reparto di Oncologia e del day hospital e tutto il personale infermieristico, che si dimostra sempre disponibile e gentile, pur lavorando in situazione di stress.

Patologia trattata
Adenocarcinoma metastatico del colon.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Ottimo personale

Staff infermieristico e OSS eccellenti, di una professionalità e competenza degne dei migliori ospedali.
I Medici hanno bisogno di un notevole aggiornamento sia per le cure che per le terapie del dolore.

Patologia trattata
Neoplasia.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Pelvi congelata da carcinoma alla cervice uterina

Staff infermieristico e caposala eccellenti, di una professionalità e competenza degna dei migliori ospedali.
Medici a mio avviso di competenza base, con cure da protocollo ma con la presunzione di dire di essere uguali ai medici dello IEO, lasciando però poi quasi un mese una paziente tra i dolori atroci con un sondino epigastrico, quindi con alimentazione con sacca, perchè pensavano che dipendesse da una forte gastrite causata dalla chemioterapia; invece era una occlusione intestinale causata dalla compressione del tumore.
Dopo un colloquio con i medici, mi dicono che sapevano già che non c'era nulla da fare, perche' si trattava di pelvi congelata e che erano stati EROICI A TENTARE LA CHEMIO, quando invece la pelvi congelata allo stato iniziale andava trattata con intervento di chirurgia robotica e chemio radio intraoperatoria, che a Pescara non si poteva fare. Da premettere che non hanno voluto chiedere nessun consulto esterno, quindi a mie spese ho portato la paziente a Roma da un luminare, che ha ordinato subito una stomia in modo che potesse riprendere subito l'alimentazione naturale; e cosi e' stato.
Dopo 3 giorni ricomincia a mangiare, scompaiono tutti i dolori, via l'elastometro, si alza dal letto e passeggia... ma era ormai troppo tardi, veramente troppo tardi.. e la mia donna e' morta dopo 2 settimane per shock alimentare: aveva perso 20 Kg. su 58.
Dalla diagnosi di pelvi congelata da recidiva, alla morte, sono passati 3 mesi tra sofferenze e dolori atroci..

Patologia trattata
PELVI CONGELATA DA CARCINOMA ALLA CERVICE UTERINA.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Il massimo

Grazie da noi tutti!!! Stiamo combattendo questa battaglia grazie a voi tutti!!!

Patologia trattata
Tumore papillare- tonsillare, linfonodali.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Volere è potere

Un grazie ai dottori Francesco Malorgio e Maria Teresa Leva per aver prestato le cure a mia madre, nonostante non fosse stata indirizzata nel reparto di competenza, in quanto hanno preso a cuore la situazione e si sono mostrati competenti nell'affrontare il problema, aiutandomi nelle disquisizioni tra reparti.

Patologia trattata
Scompenso cardiaco.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Come morire senza saperlo

Devo precisare una cosa... grazie al personale infermieristico del reparto; tutto il resto no!!!
Sono appena uscita da un percorso difficile e doloroso che ha visto purtroppo la morte del mio compagno Giovanni. Una morte annunciata sin dalla prima visita effettuata nel mese di ottobre 2012 e i medici, nel loro sperimentare un medicinale sul paziente, si sono dimenticati di chiedere una seconda consulenza urologica per l'asportazione del rene, al fine di dare a Giovanni un miglior tenore di vita. Il 4 giugno Giovanni è stato ricoverato per un dolore allucinate ed è stato miracolato, poichè il tumore sanguinante non ha provocato emorragia interna. Nel frattempo ho sostenuto due consulenze al di fuori, che mi hanno confermato che Giovanni doveva essere operato nei mesi addietro e che oggi era troppo tardi. Ha trascorso quasi un mese in ospedale con la sola cura di tachipirina, mentre le metastasi gli hanno distrutto i polmoni. L'umanità di questi medici è stata zero e, mentre Giovanni moriva, mi è stato detto che era stato trattato con i guanti bianchi e che li dovevo ringraziare se era vissuto 6 mesi in più...
Giudicate voi...

Patologia trattata
Tumore metastatico renale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie di cuore

Ringraziamo di cuore tutto lo staff medico e paramedico per averci aiutato a superare un periodo cosi terribile.
Grazie a tutti voi, in particolare al dott. Francesco Malorgio ed al dott. Levi Bernabei.
Giuseppina Franchi, Mario, Graziella Franchi e Sabrina franchi.

Patologia trattata
Tumore esofago pari a 8 cm.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

oncologia - pescara

Sono stata degente nel reparto di oncologia di S.Spirito di pescara, e mi ritengo una sopravvissuta!
Concordo con l'opinione precedente.

Patologia trattata
Carcinoma mammario.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

degrado oncologia Pescara

Scrivo questa opinione per denunciare il degrado in cui versa il reparto di oncologia di Pescara (sia day hospital che reparto di degenza). Mio padre è stato in cura diversi mesi lì. Alla poca competenza professionale si aggiunge la mancanza di "umanità" in un settore, come quello oncologico, in cui invece la cortesia e la disponibilità dovrebbero essere il connotato principale.
Hanno detto a mio padre, che purtroppo dopo un mese è deceduto, che il suo era un dolore "psicologico"!!!! In preda a dolori lancinanti è stato rimandato a casa con del Buscopan. Non è stato indirizzato da nessuno al centro di terapia del dolore. Inoltre il reparto ha i pavimenti sventrati, sistemati con della carta adesiva che però non è sufficiente, per cui ogni volta che vi si accede, pazienti e familiari rischiano di inciampare e farsi male. Non fanno uscire i familiari dei pazienti durante gli orari non di visita neppure per prendere un caffè, altrimenti non possono rientrare!
Nel day hospital mentre innumerevoli malati attendono in sala d'attesa, i medici (nonostante i risultati degli emocromi siano già tornati) si fanno desiderare costringendo gente che sta veramente male ad attendere ore.
Difficile descrivere in quattro righe quanto abbiamo visto... spero però che nessun altro debba vedere quello che abbiamo visto noi.

Patologia trattata
tumore metastatico fegato.


Altri contenuti interessanti su QSalute