Malattie infettive Pediatrico Bari

 
3.8 (7)
Scrivi Recensione
Il reparto Malattie infettive pediatriche dell'Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari, situato in Via Amendola 207, ha come Direttore responsabile il Dott. Cesare DI BARI. Il reparto si occupa principalmente di infezioni sistemiche dell'apparato respiratorio e dell'apparato digerente, di meningoencefaliti, di epatiti virali acute e croniche, della malattia di Kawasaki, di malattie infettive di importazione, di infezioni dell'immuno-compromesso, di HIV/AIDS, di tubercolosi. Fanno parte dell'equipe medica dell'unità operativa i dirigenti medici Dott. Domenico Larovere (vide responsabile), Dott. Giuseppe De Sario, Dott.ssa Amalia Wilma Amoruso, Dott. Vincenzo Ferlicchia, Dott. Cesare Cervinara, Dott. Vincenzo Lapia, Dott. Giacomo Sgobba, Dott. Emanuele Sperandio, Dott.ssa Annamaria Giannini, Dott.ssa Pasqua Massagli.

Recensioni dei pazienti

7 recensioni

 
(4)
4 stelle
 
(0)
 
(1)
 
(2)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.8
 
3.6  (7)
 
3.4  (7)
 
4.3  (7)
 
3.7  (7)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

FPIES

Oramai è passato un anno, dal ricovero in questo reparto del mio piccolo David, che allora aveva poco più di 5 mesi. Scambiarono per gastroenterite la sua FPIES, una allergia non IgE mediata severa alle proteine del latte e uovo. Invece di sospettare una enterocolite, hanno continuato a dare a me (che lo allattavo) una dieta astringente a base di parmigiano e latticini, peggiorando la condizione di David, invitandomi più volte a sospendere l'allattamento al seno per passare al latte formulato (come se il problema fosse il mio latte e non le proteine che inconsapevolmente gli passavo). Per fortuna non li ascoltai. Sono andata al Gemelli a Roma ed ho avuto la diagnosi, salvando mio figlio. Infermieri che, nonostante le indicazioni del medico di controllare ogni singolo pannolino di mio figlio (pieni di muco e sangue), si rifiutavano o venivano dopo ore che i pannolini stazionavano in bagno. Una volta lasciarono acceso l'interfono, stavano vedendo una partita e tutti poterono ascoltare i commenti rivolti alla mia persona. Una sola luce in quello sfacelo, la dottoressa Amoruso, che ricordo con affetto come tenace sostenitrice dell'allattamento.

Patologia trattata
Enterocolite indotta da Proteine Alimentari (FPIES).



Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Persone e personale speciali

Volevo ringraziare tutti gli operatori del reparto malattie infettive per come hanno curato e trattato mia figlia. Sono persone umili e capaci del proprio lavoro. Grazie..

Patologia trattata
Infezione da batteri.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Il batterio di cui ci si sta occupando

Le abitudini dei baresi: andare al mare fin dal mattino e permanere tutto il giorno. In questo lasso di tempo centinaia di persone non vanno alla toilette (inesistenti per chilometri), ma approfittano ad urinare in mare. Il tratto, quindi, é più concentrato del solito. I bimbi spesso, per imparare a nuotare, ingoiano acqua marina. Ritornano poi a riva e senza aver lavato le mani mangiano ció che ha preparato mamma... che . guarda caso, sono per lo piú timballi e parmigiane preparati per forza di cose ed orari la sera precedente, con macinato che sarà stato estratto già dal pomeriggio precedente dal frigo e magari anche di tipo sottocosto. I bimbi divorano il tutto anche mentre fanno i castelli di sabbia... Ma a quale povero batterio si puó attribuire la colpa?

Patologia trattata
Infezione batteriologica.

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

OTTIMA ASSISTENZA

Pur non avendo ancora dati precisi sulla patologia che ci ha costretti al ricovero della piccola ANGELA CARDANOBILE (una mia nipotina), desidero ringraziare con riconoscenza Medici e Personale tutto di questo reparto per le premure prestate alla piccola degente.
Oggi, con grande soddisfazione, appuriamo che la febbre ed altri fastidiosi sintomi sono scomparsi.
Si attendono solo gli esami dell'urina che verranno eseguiti lunedì 13 c.m.
La bimba è ricoverata da Giovedì 09 agosto.
Il Buon Dio possa anch'Egli assisterla.
Ancora un grande grazie e, in attesa di esiti rassicuranti, saluto con grande cordialità.

Patologia trattata
Malattia infettiva da diagnosticare.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Kavasaki sofferta

ho ricoverato d'urgenza mia figlia di 5 anni nel 2010 con sintomi palesemente riferibili alla kavasaki. Ci hanno messo 10 giorni di degenza prima di decidersi a trattarla con la cura adeguata (immunoglobulina) e sotto nostra pressante insistenza. Nella mia personale esperienza salvo pochi medici e pochi infermieri. E' stata poi dimessa senza certezza di diagnosi, dopo 16 giorni e nessuna assistenza per follow-up. Siamo dovuti andare al Burlo di Trieste (in un day hospital ci hanno rifatto tutti gli accertamenti che loro hanno fatto in 16 giorni) per avere la conferma della diagnosi e assistenza durante la lunga convalescenza.

Patologia trattata
sindrome di Kawasaki.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Altro che Kawasaki!

Nel 2008 proprio in questo reparto diagnosticarono a mio figlio, allora di appena tre anni, il morbo di Kawasaki e stavano per fargli una trasfusione! Una dottoressa cardiologa ci consigliò di andare subito a cercare un chirurgo al terzo piano e di non tornare più nel reparto infettivi, ed infatti mio figlio quel giorno stesso fu operato d'urgenza di peritonite! Altro che Kawasaki!

Patologia trattata
Peritonite acuta.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

grazie a chi mi ha salvato nel 1999

RINGRAZIO LO STAFF MEDICO DI QUELL'ANNO (MARZO DEL 1999) PER AVERMI SALVATO LA VITA, DIMOSTRANDO COMPETENZA E GRANDE ASSISTENZA.
chi può aiutarmi a trovare il nome del primario del reparto in quell'anno?

Patologia trattata
INFEZIONE ALLA GAMBA.


Altri contenuti interessanti su QSalute