Neurologia Ospedale Savona

 
3.5 (7)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Neurologia dell'Ospedale San Paolo di Savona, situato in Via Genova 30, ha come Direttore responsabile il Dott. Fabio Bandini. Il reparto è una Struttura Complessa cui afferiscono le seguenti Strutture Semplici: S.S. Servizio di Neuropsicologia; S.S. Servizio di Neurofisiopatologia; S.S. Servizio di diagnosi e cura delle cefalee. Ambulatori dedicati: Neurologia (Alzheimer, epilessia, cefalee, Parkinson, sclerosi multipla); Elettromiografia - Ambulatorio malattie sistema nervoso periferico; Potenziali evocati. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Dott. Emanuele Arena, Dott.ssa Lucia Baruzzo, Dott.ssa Daniela Currò, Dott.ssa Luca Daniele, Dott. Francesco De Merra, Dott. Marcello Manzino, Dott. Giuseppe Mauro, Dott. Angelo Guido Oneto, Dott. Matteo Pizzorno.

Recensioni dei pazienti

7 recensioni

 
(3)
 
(2)
3 stelle
 
(0)
 
(2)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.5
 
3.3  (7)
 
3.4  (7)
 
3.9  (7)
 
3.6  (7)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Grazie

Mio zio di 86 anni è stato recentemente ricoverato in seguito ad episodi ischemici transitori. Nonostante l'età e il quadro non ottimale, le terapie intraprese hanno permesso di stabilizzare una situazione che virava al peggio.
Un ringraziamento soprattutto al Dr. Pizzorno, sempre presente in reparto -festività comprese- disponibile a interfacciarsi con pazienti e familiari con cortesia e competenza.
Un grazie IMMENSO alla OSS croata alta, bionda e con le codine -purtroppo non ricordo il nome- perché è stata costantemente fonte di buon umore per mio zio e ritengo per tutti i degenti: sorridente, positiva, educata, gentile, ironica, simpatica senza essere invadente o volgare, professionale e osservante delle regole ma capace di venire incontro alle singole esigenze quando necessario, sempre energica nello svolgere le proprie mansioni, grata e rispettosa del proprio lavoro, senza mai far trasparire le giornate "no".
Ricorderemo con affetto anche l'infermiere alto con i capelli ricci neri e la collega di Cosseria, entrambi sempre pazienti ed educati.
In generale tutto il personale infermieristico/ oss è gentile e attento, come in ogni ambiente non mancano le eccezioni (alcuni trattano i parenti come se fossero scolaretti delle elementari e un attimo dopo maneggiano il cellulare personale con i guanti con cui nel frattempo stanno cambiando i malati... probabilmente i ciuffi di capelli blu/ viola creano lacune sulle norme di igiene e buon senso) ma basta cambiare turno per veder tornare di nuovo il sole.
Un grazie sentito anche ai volontari, in particolare al Sig. Gibi, che ha spesso tenuto compagnia a mio zio ascoltando le sue storie "infinite" finendo per impararle a memoria...
Nella speranza di non dover tornare, almeno presto, grazie a tutti loro l'ospedale ci fa un po' meno paura!

Patologia trattata
TIA.



Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Reparto neurologia

Ritengo importante e doveroso fare i complimenti all'intero staff del reparto di neurologia dell'ospedale di Savona. Gentili ed efficienti dal primo all'ultimo, e soprattutto molto umani e comprensivi! Ho, purtroppo, "frequentato" spesso il reparto nell'ultimo anno e dal primo approccio ho avuto questa sensazione, confermata di volta in volta.
Complimenti al primario: ha uno staff meraviglioso!

Patologia trattata
Cerebrale.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Atrofia multisistemica

Ho ricoverato mio marito alla fine del 2011 ed ho sofferto insieme a lui le conseguenze della scarsa sensibilità,
della supponenza del personale medico e della ridotta considerazione verso la condizione grave malato.
Questa valutazione negativa è anche data dal confronto con altre strutture, nelle quali ha fortunatamente trovato assistenza. Quando sollevavo reclami e chiedevo più attenzione, venivo trattata come persona incapace di capire che non ci fosse nulla da fare; come se sostenere un malato nel suo travaglio fosse solo questione di chimica.

Patologia trattata
Atrofia multisistemica (MSA), parkinsonismo.

Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

assistenza per Parkinsom

Le diagnosi del medico A.T. appare sbrigativa e superficiale, in quanto descrive "marcata rigidità di arti etcetera" nei riguardi di una paziente che ogni giorno passeggia circa un'oretta e che possiede una cultura equivalente al magistero... Sono perlomeno perplesso.

Patologia trattata
Parkinson.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Cortesia e competenza- dott. Bandini

Grazie a tutta l'equipe del reparto di neurologia ed in particolare al Dott. Bandini Fabio per la cortesia e la competenza dimostrate!!

Patologia trattata
Ictus cerebrale.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Maleducazione

Nel 2008 ho portato in Neuro la nonna di mio marito per un episodio di Attacco Ischemico Transitorio. La cosa che mi ha colpita maggiormente è la maleducazione di alcuni medici.. Gli infermieri si sono invece sempre mostrati gentili e competenti.. parliamo comunque di una paziente totalmente autosufficiente...
Spero che ora le cose con il nuovo primario siano cambiate. L'approcio al paziente è importante.

Patologia trattata
Attacco Ischemico Transitorio (TIA).
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Neurologia

Nel 2003 ho portato in questo reparto mio padre, malato terminale per un glioblastoma multicentrico. Ho riscontrato una rara insensibilità e scortesia da parte del personale medico, ma quel che è più grave è che gli infermieri durante la notte non si prendono cura dei malati, che rimangono completamente abbandonati a loro stessi, anche quelli gravi e incoscienti come mio padre. La mattina dopo aver ricoverato mio padre, ancora cosciente, l'ho ritrovato piegato su se stesso per il dolore nonostante fosse in coma vigile, per il dolore cagionatogli da un catetere messo malamente dagli infermieri. Ho fatto notare all'infermiera che la sacca era piena di sangue, ma secondo loro era normale. Mio padre da quel momento è entrato definitivamente in coma e nonostante ciò ha sofferto le pene dell'inferno a causa di quell'infezione urinaria che gli ha fatto venire la febbre. Sono rimasta accanto a lui tutte le notti, ma non ho mai visto il personale infermieristico fare il giro per vigilare sui pazienti. Esperienza terribile da dimenticare.

Patologia trattata
Glioblastoma multicentrico.


Altri contenuti interessanti su QSalute