Psichiatria 1 Molinette

 
4.4 (6)
Scrivi Recensione
Il reparto di Psichiatria universitaria - Centro esperto regionale DCA dell'Ospedale Universitario Molinette San Giovanni Battista di Torino, situato in corso Bramante 88/90, ha come Responsabile il Prof. Giovanni ABBATE DAGA (pro tempore). Il reparto è una Struttura Complessa situata presso la palazzina del Dipartimento di Neuroscienze, con ingresso dal n. 11 di via Cherasco, che si articola in un ambulatorio, dotato di un proprio Servizio di Accettazione e di un Reparto di Degenza con 14 posti letto. Si occupa principalmente delle patologie seguenti: psichiatria generale, disturbi di personalità, disturbi cognitivi, disturbi depressivi e d'ansia, disturbi del comportamento alimentare, psicodiagnostica, psichiatria di consultazione e sessuologia. La Psichiatria 1 è integrata nel Dipartimento Interaziendale di Salute Mentale TO1 Sud e l'accesso ai Servizi Ambulatoriali avviene attraverso prenotazione diretta o telefonica presso il Centro di Accettazione dell'Ambulatorio. L'accesso al Reparto di Degenza avviene invece per prenotazione dopo visita ambulatoriale o, per le urgenze, attraverso il DEA.

Recensioni dei pazienti

6 recensioni

 
(4)
 
(2)
3 stelle
 
(0)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.4
 
4.8  (6)
 
4.3  (6)
 
4.2  (6)
 
4.2  (6)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Reparto di eccellenza per la cura dei DCA

Forse sembra scontato dire che da parte dei medici c'è tanta comprensione e umanità, perché hanno capito che i disturbi alimentari non si curano con le imposizioni.
Il mondo dei DCA è così complesso...
Penso che ci sia anche una parte di volontà che risulta fondamentale nel decidere da che parte stare, se rimanere adagiati nella malattia o decidere che ne vale la pena (di vivere).
L'affetto e la comprensione sono antidoti contro la mancanza di motivazioni e la paura di cambiare. Per questo è possibile guarire solo grazie a un rapporto di fiducia con i propri curanti.
Chiaramente nelle situazioni che lo richiedono, essendo un reparto per i casi acuti, dal punto di vista alimentare si cerca di portare il paziente in uno stato nutrizionale adeguato. Questo viene però fatto nel rispetto delle proprie paure, supportando la persona dal punto di vista psicologico.
Questo reparto è un'eccellenza per quanto riguarda la competenza dei medici.

Patologia trattata
Anoressia.


Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Esperienza positiva

Il reparto di Psichiatria 1 é un luogo molto protetto e tranquillo, l'ideale per chi ha bisogno di allontanarsi almeno fisicamente da una situazione di vita opprimente. I medici, gli infermieri (menzione d'onore per Omar e Manuela) e le Oss sanno essere gentili e disponibili senza risultare soffocanti, e hanno un occhio di riguardo per i pazienti più giovani.
Ottima la possibilità di avere un vitto ad personam che viene accordata ai pazienti DCA. L'unica pecca é la quasi totale mancanza di attività gruppali e ricreative. In conclusione, il ricovero é stato un'esperienza ben piú che positiva, e neanche la ricaduta che ha seguito le mie dimissioni riuscirà a offuscare il ricordo dei momenti che vi ho passato e delle meravigliose persone che ho conosciuto.

Patologia trattata
Depressione maggiore, bulimia nervosa.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti

Sono stato salvato da una sicura morte da uno scienziato in materia psichiatrica, il professore Donato Munno.

Patologia trattata
Depressione maggiore grave.


Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
3.0

Prof. Bogetto

Mi sono trovato molto bene, il personale infermieristico è molto competente ed il professor Bogetto è straordinario, ottimo medico e persona meravigliosa.
Alcuni specializzandi sono dei bravi professionisti.
Una volta ricoverati in questo reparto si riescono a superare molti problemi, se però si arriva già pronti a voler intraprendere un percorso di cura.

Patologia trattata
Disturbo del comportamento.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Grazie dott. Bertetto per come mi segue e cura

Dal 1997 ho iniziato a soffrire di depressione; per anni ho molto sofferto e di conseguenza ho coinvolto nel calvario la mia famiglia, senza riuscire a trovare la cura adatta e lo specialista utile per curarmi. Poi sono finalmente entrata in psichiatria 1 ed ora sto bene e sono contenta. Sono stata ricoverata 3 volte ed ogni mese circa effettuo una visita di controllo per verificare lo stato di salute e la giusta dose dei farmaci. Se ho urgenza di parlare col medico sono in grado di reperirlo a più numeri. Inoltre per le urgenze c'è il pronto soccorso psichiatrico, molto valido. Mi sento molto protetta e seguita trattata finalmente come essere umano e non come peso della società che non ha voglia di fare nulla!!! Ho già raccomandato questo centro a diverse persone che anche loro sono state soddisfatte. Conosco ormai bene il mio disturbo e quindi lo tengo sotto controllo.

Patologia trattata
Disturbo bipolare.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Grazie dott. Maina. Ma la depressione va e viene..

E' un piccolo reparto, gestito dal prof. Maina e dai suoi dottorandi. Il ricovero in genere dura 15 giorni e consiste in cure farmacologiche e colloqui individuali quotidiani. L'unica pecca è che spesso questi colloqui sono fatti con specializzandi, spesso non ancora pronti a determinati problemi. Ma dopo 4 o 5 giorni al massimo si sta molto meglio, e l'ho verificato non solo su di me. Il clima è molto tranquillo, a volte allegro. Per la depressione è un vero toccasana. Ma dopo 15 giorni si torna a casa e tutto torna come prima, per questo i medici consigliano un periodo di convalescenza, ma su questo preferirei non esprimere pareri: credo siano poche, pochissime le case di cure all'altezza del reparto e, per quel che ne so, sono rimasti molto indietro...
E non ho fiducia, cosa fondamentale per un depresso, che ha proprio bisogno di sentirsi protetto e non analizzato, o peggio, riempito di psicofarmaci.

Patologia trattata
Abuso farmacologico a causa di depressione maggiore.


Altri contenuti interessanti su QSalute