Urologia Ospedale Brescia

 
4.0 (12)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Urologia dell'Ospedale "Spedali Civili" di Brescia, situato in Piazzale Spedali Civili 1, ha come Direttore il Dott. Claudio Simeone. Il reparto dispone di letti di degenza ordinaria e di D-H, di 2 sale operatorie per la chirurgia tradizionale e laparoscopica, di una sala di chirurgia endoscopica, una di radiourologia e di uno Stone Center, dotato delle più moderne apparecchiature per il trattamento della calcolosi renouretrale, compreso la litotrissia extracorporea e la lasertripsia. Ambulatorialmente opera tramite un ambulatorio divisionale per visite specialistiche urologiche, gli ambulatori di urodinamica, di andrologia, di ecografia ed endoscopia, tre ambulatori per medicazioni e visite urgenti e un centro per chemio e laserterapia delle lesioni neoplastiche superficiali della vescica. La cura delle neoplasie dell'apparato urinario e genitale (maschile) assorbe circa l'80% dell'attività chirurgica con oltre 1500 interventi l'anno. Fanno parte dell'equipe medica dell'unità operativa i dottori Alessandro Botturi, Alberto Cozzoli, Luca Cristinelli, Lucilla Giambroni, Paolo Martucci, Giuseppe Mirabella, Alessandra Moroni, Angelo Peroni, Mauro Scanzi, Tiziano Zanotelli.

Recensioni dei pazienti

12 recensioni

 
(7)
 
(2)
 
(1)
 
(2)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.0
 
4.4  (12)
 
3.6  (12)
 
3.9  (12)
 
4.1  (12)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
3.0

Buono forzando in tutte le parti

Troppa burocrazia, ambiente scadente, bagni uguali di quelli dei Macedoni...
Vogliono in tre giorni mandarti a casa sapendo che poi dovrai tornare.

Patologia trattata
Infezione a reni, vescica e prostata.


Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Ottimo reparto

Dopo l'accesso al pronto soccorso, l'urologa che ha esaminato l'ecografia e la TAC mi ha consigliato il ricovero in osservazione e sono stato sottoposto a terapia espulsiva, che fortunatamente ha avuto buon esito, evitando così metodi più invasivi. Il reparto a mio giudizio funziona bene, ho apprezzato la professionalità di tutto il personale, dai medici - specializzandi compresi – agli infermieri.

Patologia trattata
Calcolosi renale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Serietà e professionalità

Il medico già dalla prima visita mi ha programmato l'intervento dicendo "se l'esito biopsia é positivo, ci vorranno sei mesi, altrimenti annulliamo". Così é stato, sullo scadere del tempo mi hanno chiamato e sono stato veramente contento. Tutto è andato bene.

Patologia trattata
KA prostatico.


Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Troppa attesa per un intervento

Sono stato visitato il 20 settembre del 2016 e messo in nota per intervento. Ad oggi non sono ancora stato chiamato.

Patologia trattata
Chirurgia della prostata.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Resezione adenoma prostatico

Altissima professionalità. Reparto d'eccellenza, confermato alla grande quanto appreso da ex pazienti. Incredibile come riescano a gestire un impressionante numero di pazienti.
Un sincero grazie a tutti.

Patologia trattata
Adenoma prostatico.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ottimo reparto

Dopo una biopsia prostatica effettuata presso un'altra struttura, da cui è emersa la presenza di un carcinoma prostatico acinare, mi sono rivolto al Prof. Claudio Simeone che mi ha consigliato di sottopormi all'intervento di prostatectomia radicale robotica.
Sono entrato in reparto il 26 ottobre e lo stesso giorno sono stato operato dal dott. Angelo Peroni.
Non ho sentito alcun dolore e non ho avuto nessun problema significativo.
Sono rimasto ricoverato 3 giorni con ottima assistenza di infermieri e personale ausiliario.
Un grande ringraziamento al Prof. Simeone, al dott. Peroni e a tutto il personale del reparto.

Patologia trattata
Carcinoma prostatico acinare.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

INTERVENTO PROGRAMMATO

Nel mio intervento programmato con la robotica, ho trovato un'ottima assistenza, dall`equipe medica a quella infermieristica ed ausiliaria. Ottimo reparto sotto tutti i punti di vista. Un particolare ringraziamento al dottor Antonelli Alessandro. Complimenti a tutti e grazie.


Patologia trattata
Stenosi giunto pieloureterale e calcolosi renale a destra.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Grazie

Se ho ancora due reni funzionanti lo devo a questo reparto. Sono stato curato dal dott. Vincenzo De Luca e dal dott. Tiziano Zambolin. Li ringrazio per avermi salvato il rene sinistro, con espulsione dei calcoli per via naturale in 12 giorni degenza. BRAVI!

Patologia trattata
Calcolosi renale, rottura via escretrice - pielostomia.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
3.0

Trattamento poco umano

Io sono stato ricoverato il giorno 03 di Dicembre 2014 per una resezione alla vescica e prostata, e dimesso dopo due giorni dell'intervento.
Purtroppo, dopo 3 giorni, mi è subentrata una ematuria. Sono tornato al Pronto Soccorso dello stesso Ospedale. E da lì inizia il trattamento disumano: dopo una attesa di circa 3 ore, con in corso una ematuria intensa, protestai al personale, mi venne risposto che non trovavano un urologo disponibile. Alla mia protesta, mi inviarono al reparto (scala 4, quinto piano), mi collocarono sul lettino di visita per 1 ora senza la presenza di nessuno Dottore. Finalmente arriva un Dottore, che mi faceva presente che dovevo essere ricoverato per mettere il catetere.
Dopo una dolorosa notte del fastidio del catetere, al mattino, al passaggio della visita del medico di turno, mi si faceva presente che stavo con la prostata ingrossata e mi si dimetteva per andare a casa con il catetere, nonostante le mie urine fossero ancora rosse e il dolore insopportabile del catetere.
In quel momento io ho fatto presente al Dottore che abitavo a 80 Km. dall'Ospedale e mi sembrava una comportamento disumano dimettere un paziente nelle mie condizioni, per tornare dopo 2 giorni, per togliere catetere!!
In realtà, io mi rifiutai di una proposta che per me era fuori di qualsiasi logica, e dopo la mia protesta, il Dottore mi rispondeva seccato che lui faceva il suo lavoro.. E lo ha fatto tanto "BENE" che, tirandomi il catetere, io sono andato a casa con più dolore e con l'ematuria... peggio di come sono entrato..

Patologia trattata
Resezione della vescica e prostata.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Pessimo trattamento

Nella tarda serata del Venerdì 17 Gennaio ho accompagnato mio compagno al pronto soccorso dell’Ospedale Civile di Brescia per un’emorragia causata dal catetere che gli era stato messo dal 3 Gennaio. Dopo essere stato accolto e visitato in pronto soccorso con la massima professionalità, il personale medico ha deciso il suo ricovero nel reparto urologia.
Il medico del reparto urologia che lo ha visitato ha eseguito sul paziente, senza un minimo di preavviso di quello che avrebbe fatto, delle manovre molto brusche: ha preso con violenza il catetere con una mano, senza sostenere con l’altra mano il pene e tirandolo in su ed in fuori dal pene per qualche centimetro; lo ha poi infilato con violenza quasi tutto nell’uretra del paziente, fino all’altezza della biforcazione del tubicino del catetere, senza pulire i grumi del sangue coagulato nelle ore precedenti alla visita e che si erano formati nella parte esterna del pene e del prepuzio e anche sull’estremità esterna dell’uretra, nonché sul tubicino del catetere. Dopo di cui, sempre senza avvisare il paziente, gli ha praticato un’irrigazione della vescica. Senza un’indagine ecografica, anche se il medico sapeva che il catetere era stato messo al paziente perché il blocco delle vie urinarie aveva comportato un ritorno dell’urina nei reni, e quindi sarebbe stato interessante indagare anche su quello, il paziente è stato portato a dormire nel reparto senza neanche essergli fatta una minima igiene locale, ma anzi, lasciandogli anche il nuovo sangue che si è aggiunto dopo questa manovra sul pene e prepuzio, nonché sul tubo del catetere stesso. Avrei voluto fargli io una minima igiene, ma a causa dell’ora tarda non ho voluto disturbare il personale per chiedere i prodotti necessari per l’igiene e neanche i pazienti vicini di stanza, che dormivano già, se avessi acceso la luce...
Posso fare questa affermazione convinta del fatto che non siano state effettuate le operazioni di una minima igiene del paziente, in quanto ho potuto paragonare tutto con le procedure di igiene che sono state effettuate nell’ospedale di Desenzano del Garda, quando è stato inserito per la prima volta il catetere, sia da parte del medico, sia da parte del personale infermieristico, che poi ci hanno anche insegnato tutte le precauzioni di igiene che dovevamo assumere.
Nella speranza che il mio reclamo contribuisca ad un miglioramento del modo di operare del medico che ha lavorato nella notte del venerdì 17 gennaio 2014 nel reparto urologia e che i futuri pazienti non rischino infezioni causate dal non rispetto del protocollo dell’uso del catetere, tralascio altri aspetti riguardanti il trattamento che hanno i pazienti da parte di alcuni infermieri.. Comunque, dopo quel poco di tempo che mio compagno è stato ricoverato, ha ringraziato al cielo per la fortuna di essere stato dimesso e ha avuto un forte senso di compassione per i vicini di stanza che dovevano restare in quella corsia in cui si respirava superficialità professionale.
Spero di sbagliarmi e che queste righe non siano dovute alla mia ignoranza in materia, ma sicuramente posso affermare che quando le cose funzionano bene e c'è professionalità, ce se ne accorge pur non essendo medici...

Patologia trattata
Emorragia nell'ambito del tratto urogenitale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ricovero per carcinoma alla prostata

Presso l'Urologia degli Spedali Civili di Brescia a tutti i livelli sono stato trattato benissimo, e' un reparto eccellente sotto ogni aspetto.
Grazie.

Patologia trattata
Biopsia del carcinoma alla prostata e Trattamento con ultrasuoni HIFu della prostata.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

intervento programmato

Nella mia vicenda ho trovato un ottimo trattamento nel reparto sotto ogni aspetto, dall'equipe medica tutta, al personale infermieristico e assistenziale.
E' una struttura efficiente e ben organizzata. Complimenti e grazie.

Patologia trattata
chirurgia della prostata con tecnica laparoscopica.


Altri contenuti interessanti su QSalute