Cardiologia 1 Policlinico Gemelli

 
4.4 (12)
Scrivi Recensione
Il reparto di Cardiologia 1 dell'Ospedale Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma, situato in Largo Agostino Gemelli 8, ha come Direttore responsabile il Prof. Filippo Crea. Il reparto, ubicato all'ottavo piano dell'Ala L/M e dotato di 20 posti letto, accoglie sia pazienti provenienti dal Dipartimento di Urgenza ed Emergenza, con particolare riguardo ai pazienti affetti da problematiche aritmologiche complesse e/o da cardiomiopatie dilatative idiopatiche o valvolari, sia pazienti elettivi provenienti dal proprio domicilio, con indicazione ad accertamenti cardiologici specifici, soprattutto invasivi. Presso il reparto vengono affrontati diversi aspetti delle patologie cardiovascolari, dalle più diffuse e comuni a forme rare. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Prof.ssa Giovanna Liuzzo, Dott.ssa Nadia Aspromonte, Dott. Gianluca Comerci, Dott. Domenico D'amario, Dott.ssa Carolina Ierardi, Dott. Fabio Infusino, Dott. Antonio Maria Leone, Dott.ssa Alessia Rabini, Dott.ssa Marinica Savino, Dott. Marcello Vaccarella.

Recensioni dei pazienti

12 recensioni

 
(9)
4 stelle
 
(0)
 
(2)
 
(1)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.4
 
4.4  (12)
 
4.2  (12)
 
4.7  (12)
 
4.2  (12)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Quando un Medico rincuora!

Il dott. Marcello Vaccarella ha dimostrato, nei fatti, di svolgere la sua professione con estrema attenzione e competenza verso la Persona che si rivolge a lui! Sono evidenti la sua dedizione, l'amore e l'impegno con cui ha scelto di svolgere la sua professione. È ormai raro trovare un Medico che, già con il suo prezioso ascolto, ti rassicuri e ti permetta d'affrontare con maggior fiducia quanto necessario per prevenire, innanzitutto, il peggio, ed intervenire poi su problemi di salute già presenti!

Patologia trattata
Cardiopatia.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Visita di controllo

Il 2 Febbraio 2021 ho effettuato una visita di controllo cardiologico con il dott. Domenico D’Amario, a seguito di tre precedenti interventi di angioplastica coronarica, l’ultimo dei quali per retro-stenosi sub occlusiva della coronaria destra.
Nel corso della visita ho sottoposto le analisi ed i referti dei controlli effettuati nel periodo successivo alla precedente visita cardiologica.
L’attenzione del mio cardiologo, in particolare, è caduta sui dati di un ecocolordoppler carotideo effettuato il 21/01/2021 che denuncia una stenosi da placca fibrocistica della biforcazione, estesa al tratto bulbare dell’arteria carotide interna sinistra, del 68% con VPS fino a 240 cm/sec.
Preoccupato sia del dato velocità che dell’incremento della stenosi, comparata con il precedente esame ecografico (55% -132 cm/sec), e considerando tra l’altro la mia terapia farmacologica in corso, il dott. D’Amario telefonava seduta stante alla dott.ssa Francesca De Nigris (Chirurgia Vascolare) che mi convocava per un controllo il 3 Febbraio 2021 (cioè la mattina successiva!!!).
Nel corso di questo, dopo verifica ecografica, veniva confermava la necessità di NON dover effettuare l’intervento.

Anche se mi definisco un “affezionato cliente” di questo Ospedale per i giudizi positivi espressi al termine di miei precedenti ricoveri, quest’ultimo evento mi ha ulteriormente confermato non solo l’efficienza della struttura, ma anche la professionalità e il senso di responsabilità con la quale questi medici operano.
Non si tratta, infatti, solo di svolgere il proprio lavoro, ma di porsi in gioco a fianco del paziente con intelligenza, senso di responsabilità, efficienza, professionalità, cordialità e al di là di ogni procedura sempre a tutela della salute del paziente.

Patologia trattata
Visita di controllo cardiologica successiva a tre precedenti interventi di angioplastica coronarica, l'ultimo dei quali per retro-stenosi sub occlusiva della coronaria destra.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Un immenso GRAZIE!

Senza alcun sintomo o dolori, ma per una vena varicosa evidente e trascurata, ho fatto esame Eco-colorDoppler agli arti inferiori prima e, a seguire, EcocolorDoppler ai tronchi sovraortici. Tali esami mostravano grosse problematiche di circolazione del sangue. Altri esami: Ecocardiogramma TT, TAC arti inferiori e tronchi sovraortici, Scintigrafia miocardica. Una situazione seria e pericolosa.
Conclusione: pessimo stato di tutta la circolazione del sangue e per porvi riparo il prof. Yamume Tshomba, primario Chirurgia Vascolare, e il prof. Filippo Crea, primario Cardiologia, decidevano per intervento di Angioplastica coronarica percutanea (effettuato il 25/11/2020) e intervento di Endoarteriectomia carotidea sinistra per eversione (effettuato l’11/01/2021).
Ora sono in attesa del prossimo intervento sulla carotide destra e sento di dover dire GRAZIE al prof. Filippo Crea e a tutti i suoi collaboratori (medici, infermieri e tutto il personale) non solo per la loro professionalità, ma anche per il lato umano, perche’ considerano i malati prima persone e poi pazienti.
Ancora GRAZIE!

Patologia trattata
Angioplastica coronarica percutanea.


Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Ottimo reparto

Sono stato trattato con angioplastica e, sin da quando sono entrato nel pronto soccorso, tutti si sono prodigati velocemente e con competenza a risolvere il mio caso.

Patologia trattata
Infarto del miocardio.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamento

Febbraio, il covid-19 iniziava a fare paura e nello stesso momento papà iniziava a stare molto male. Era già stato operato anni fa per sostituzione valvolare e 4 by-pass, paziente con altre importanti comorbilita’, anziano. Non riusciva a camminare perché si stancava, respirava male. Si stava spegnendo lentamente perché il cuore non riceveva più sangue sufficiente. Io dovevo sposarmi e papà mi aveva promesso che mi avrebbe accompagnata all’altare. Lo portiamo a fare una visita con il professor Massetti, la situazione non era facile, l’intervento rischioso, ma l’unico modo per poter farlo stare meglio. Ricordo ancora la disperazione di quel giorno, la paura. Ci troviamo difronte ad una scelta: portare papà a Roma (viviamo in puglia) con il covid che nel frattempo era al picco ed esporlo a questo pericolo enorme, oltre che a quello dell’intervento che poteva non andare perché difficile, oppure lasciare papà così, a casa, protetto da tutto ma sempre più debole e fragile. Come assumersi questa responsabilità? Andai a parlare con il Professor Massetti e chiesi a lui cosa avrebbe fatto se si fosse trovato al mio posto. Grazie alla sua decisione e alle sue parole, che non dimenticherò mai, papà è stato operato.

L’ospedale era nel pieno dell’emergenza covid-19, ciò nonostante papà ha subìto intervento e cure d’eccellenza come se nulla attorno stesse accadendo. Ad operarlo è stato il Dottor Trani, emodinamista, a cui devo rivolgere la mia gratitudine immensa.
Stessi ringraziamenti devo fare al dottor Lauria, che ha seguito dal principio la storia di papà dalla sua prima visita, ed alla terapia intensiva cardiologica, dove papà è stato per una settimana dopo l’intervento.

Concludo ringraziando il reparto di Cardiologia diretto dal professor Filippo Crea, che è stato la casa di papà per 2 settimane. Mi sento di dire la casa per le attenzioni e le cure che ha ricevuto, in particolare dal dottor Alessandro, che ha curato papà come una persona di famiglia e ha aiutato me a superare tutte le mie infinite paure. Papà lo ha adorato. Grazie a queste persone e a tante altre che non ho nominato ma che hanno reso possibile tutto. Grazie per averci aiutato in questo modo così speciale, grazie per aver dato la possibilità a papà di stare meglio. Mi sono sposata e papà c’era. Questo lo avete reso possibile voi.

Patologia trattata
Sostituzione valvola aortica TAVI.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Eccellenza per organizzazione e professionalità

Mia mamma (81 anni), è stata ricoverata nel reparto del Prof. Filippo Crea, trasferita da altro ospedale romano con indicazione di cardiochirurgia con doppia sostituzione valvolare. Desidero condividere con tutti la alta organizzazione all'interno del reparto e professionalità del personale infermieristico tutto, e della caposala. Alta competenza dei medici strutturati e specializzandi, un particolare grazie alla dr.ssa Marinica Savino e al Dr. Cribrai. Il paziente viene preso in carico sotto tutti gli aspetti da una equipe qualificata, umana, efficiente e organizzata. A seguito di accurate indagini e dopo consulto multidisciplinare, mamma rientra a casa con un trattamento farmacologico adeguato, riprendendo la sua normale vita quotidiana. Sarà ovviamente monitorata dall'ambulatorio valvulopatie. Davvero il paziente e la famiglia si sentono protetti, in quanto gestiti nel migliore dei modi. Complimenti, siete una eccellenza.

Patologia trattata
Dispnea da sforzi minimi e dispnea parossistica notturna.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Angioplastica alle coronarie

Il Prof. Crea, con la sua equipe, ha eseguito una coronarografia, nel corso della quale si è evidenziata la necessità di un intervento di angioplastica con il posizionamento di due stent nelle mie coronarie. L'intervento è stato eseguito in anestesia locale.
Il Prof. Crea nel corso dell'intervento mi spiegava accuratamente ed esaustivamente la situazione e il tipo di intervento che stava per eseguire. Il tutto è avvenuto con estrema professionalità e in totale sicurezza, senza trascurare la rassicurante umanità e simpatia del Prof. Crea.

Patologia trattata
Stenosi coronarica in stato avanzato.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Sostituzione pacemaker

Mio padre è stato tenuto dalle 11.00 alle 16.00 in reparto senza né cibo né acqua per un intervento di cambio di pacemaker; poi quando è salito in reparto ha dovuto attendere più di due ore per una stanza. Ha più di 80 anni ed era veramente provato. Infine lo hanno dimesso il giorno successivo dopo avergli fatto più prelievi (infatti era molto debole); non è un trattamento da riservare ad una persona anziana

Patologia trattata
Cambio pacemaker.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Coronarografia

Su indicazione della Dott.ssa Carolina Ierardi, sono stato ricoverato nel reparto dal 4 all'11 maggio per una coronarografia,(dopo aver fatto una scintigrafia). Dopo 4 giorni, domenica 7 sono stato preparato per l'intervento da fare il giorno successivo. Sono rimasto in attesa per circa 4 giorni con una flebo di bicarbonato - la ricerca della vena ha prodotto 4 buchi con i relativi ematomi e una flebite al braccio.. - e con l'assunzione di tanti medicinali antiallergici ed altri per fluidificare il sangue (sono un fibrillante cronico e miastenico, più volte operato alle carotidi e con BYPASS coronarico (2003) occluso).
Desidero solo capire perché sono stato sottoposto ad uno stress che il mio fisico debilitato non è in grado di sopportare. Perché ho dovuto attendere 8 giorni per risolvere un problema che altri ricoverati in reparto hanno fatto in 3 giorni. Il reparto, nei tristi giorni di attesa, si è svuotato e ricomposto per circa due volte. Vi prego di darmi una spiegazione. Si parlava degli alti costi della sanità... il mio è uno dei principali motivi di tanto spreco. Nessuno in ospedale è riuscito a darmi spiegazioni logiche. Ringrazio comunque il mio medico di riferimento, la dott.sa Ierardi, in servizio in altro settore, ed il dott. Infantino. In modo particolare ringrazio la sig.ra Gianvecchio per la sensibilità e vicinanza in quei giorni di sofferenza morale.
Luigi Fasani

Patologia trattata
Coronarografia.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Visita aritmologica

Sono andato al Gemelli dopo aver letto i commenti molto positivi, per avere una progressione diagnostica che non c'è stata.
Il Dottore che mi ha ricevuto, molto giovane, si è limitato a riproporre quanto già scritto da un altro medico in un altro ospedale, dopo aver letto le carte.
Ma essendo che questi non mi aveva risolto il problema, ho buttato via 134 € di spese intramoenia + 3€ di metro + 30€ di autobus ed una giornata intera per venire appositamente a Roma.
Sono nero come il carbone, non tanto per la spesa, ma per il fatto che ho perso solo tempo che potevo impiegare al meglio recandomi in un altro ospedale.
Ho lo ST rigido sottolivellato per una insufficienza coronarica da sforzo. Mi è stato dato di nuovo un betabloccante che non serve a risolvere il problema e che in passato mi ha costretto a chiamare l'ambulanza perché ero prossimo al blocco cardiaco. Ero arrivato a 43 battiti per minuto.
Io quando lavoro offro sempre tutta la mia professionalità e ascolto ogni dettaglio di ciò che mi viene riferito, perché a volte capitano dei casi particolari e complessi.
Questo oggi con me non è avvenuto, ma era quello che avrei voluto che avvenisse.
Nessuna proposta per ulteriori indagini, nessun altro esame da fare, niente di niente, nonostante ho spiegato chiaramente che la mia situazione peggiora col tempo.
In pratica devo aspettare che muoia.
Tanti auguri al Policlinico Gemelli, ma per me è la prima e l'ultima volta che ci metto piede.

Patologia trattata
Ho lo ST rigido sottolivellato per una insufficienza coronarica da sforzo (mi è stato dato di nuovo un betabloccante che non ha risolto).
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ECCELLENZA MEDICA - PROF. BELLOCCI

LA TEMPESTIVITà DEL PROF. BELLOCCI MI HA SALVATA DA UN SICURO INFARTO. COMPLIMENTI PER LA SUA GRANDE PROFESSIONALITà E PER ESSERE CONTORNATO DA UNA EQUIPE MEDICA DEGNA DI TANTA ECCELLENZA. NON C'E' BISOGNO DI ANDARE LONTANO, L'ECCELLENZA CARDIOLOGICA E' QUI. GRAZIE A TUTTI.

Patologia trattata
CARDIOPATIA ISCHEMICA.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

grazie prof. Fulvio Bellocci ed equipe

Mio marito Paolo Ricci ha avuto dolori al petto, invece era un arresto cardiaco. In arrivo da Civitavecchia, fu trasferito all'Ospedale Gemelli poi, dopo accertamenti clinici, hanno realizzato un eccellente intervento di angioplastica con le nuovissime tecniche degli ultimi 10 anni. Ringrazio tutta l'equipe medica (in particolare il professore Fulvio Bellocci) e tutti i collaboratori del reparto di cardiologia 1, che lavorano con la massima efficienza e serietà.
Auguro a tutti loro un buon anno nuovo da parte del vostro paziente Paolo Ricci.
Grazie grazie grazie dal profondo del mio cuore.
Ladispoli, RM, 30.12.2011.

Patologia trattata
infarto miocardico acuto.


Altri contenuti interessanti su QSalute