Centro Diagnosi e Terapia Linfomi Ospedale Pescara

Centro Diagnosi e Terapia Linfomi Ospedale Pescara

 
1.8 (1)
Scrivi Recensione
Il reparto Centro Diagnosi e Terapia Linfomi dell'Ospedale Civile Spirito Santo di Pescara, situato in Via Fonte Romana 8, ha Responsabile il Dott. Angrilli Francesco. Il reparto è una Unità Operativa Semplice Dipartimentale che svolge attività di diagnosi e terapia delle neoplasie linfoproliferative su pazienti provenienti dalla regione Abruzzo e da regioni limitrofe. Il CDTL è collegato, attraverso la rete del Gruppo Abruzzese Linfomi (GAL), con i principali ospedali della regione, con cui collabora in modalità “Hub and Spoke”, mettendo a disposizione collaborazione e know-how nell’interesse primario dei pazienti. E' inoltre svolta attività di ricerca clinica nel campo delle neoplasie linfoproliferative applicando protocolli di trattamento sperimentali nazionali e internazional. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Finolezzi Erica e Falorio Simona.

Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0  (1)
Assistenza 
 
1.0  (1)
Pulizia 
 
3.0  (1)
Servizi 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Linfoma non hodking follicolare

Si parla di Pescara come un grande centro ematologico, ma per me non è affatto così. Il dottor Angrilli mi ha detto che il mio linfoma era mutato e dovevo fare chemioterapia Chop 6 cicli. Io sono cardiopatica e convivo con questa malattia da 20 anni. Ho già fatto chemioterapia 20 anni fa con grave tossicità neuroimmunogastrointestinale e quindi sospesa due volte. Sono andata avanti con anticorpi monoclonali che addirittura ho dovuto sospendere per effetti collaterali, quindi non avrei potuto affrontare quel tipo di chemioterapia così aggressiva e forte. Inoltre, mentre ero in day hospital per infusione di gazyvaro, ora sospeso per effetti avversi gravi, non hanno somministrato correttamente la medicazione con l'antistaminico e il cortisone necessario, esponendomi quindi ad un grave pericolo: ho avuto spasmi muscolari e febbre alta.
Non consiglio questo reparto, anche perché non ci sono nuove terapie, ma solo standard esistenti 20 anni fa e forse anche più. Nel day hospital tutti nei corridoi ammassati per mancanza di letti; e manca anche il personale!!!

Patologia trattata
Linfoma non hodking follicolare con mutazione in grandi cellule B.





Altri contenuti interessanti su QSalute