Cure Palliative Ospedale San Martino Genova

Cure Palliative Ospedale San Martino Genova

 
4.4 (5)
Scrivi Recensione
Il reparto di Hospice e cure palliative dell'Ospedale San Martino e Cliniche Universitarie Convenzionate di Genova, situato in Largo Rosanna Benzi 10, ha come Responsabile il Dott. Gallucci Michele. Il reparto, ubicato al quarto piano del Padiglione Maragliano, è una Struttura Semplice Dipartimentale (S.S.D.) che svolge attività di degenza in hospice, ambulatorio di cure palliative, consulenza di cure palliative per i malati ricoverati in reparti dell’Istituto. Collabora inoltre con il personale delle varie U.O. del San Martino nella gestione di situazioni critiche caratterizzate da dolore incoercibile e da altri sintomi incontrollabili, ai fini di garantire il miglior controllo della sofferenza anche nelle ultime fasi di vita. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici Abrignani Mirella, Roy Maria Teresa, Villani Letizia.

Recensioni dei pazienti

5 recensioni

Voto medio 
 
4.4
Competenza 
 
4.0  (5)
Assistenza 
 
4.2  (5)
Pulizia 
 
5.0  (5)
Servizi 
 
4.4  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti, ma non solo

Solo pochi giorni, purtroppo, di degenza di mio padre malato terminale, sono sufficienti a ringraziare il personale del reparto della premura e della gentilezza, la psicologa e i Braccialetti Bianchi, angeli di corsia. Tutte persone che mi hanno fatto sentire accolta e che meritano la mia riconoscenza. Non così il primario, che si è mostrato con me una persona con assenza empatia ed ha avuto un atteggiamento presupponente ed emotivamente aggressivo. Mi ha fatto provare una sensazione di colpevolezza ed inadeguatezza con un comportamento a tutti gli effetti sterile al fine dell'elaborazione di un lutto. Anche perché trattare i parenti con manifesta superiorità non aiuta a far sì che accompagnino il morente con serenità.

Patologia trattata
K prostatico metastatizzato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Il personale, la forza del reparto

A parte il primario che ti fa le condoglianze appena entri senza nemmeno mai vedere il paziente, piuttosto basandosi sulla cartella clinica, spero, e universalizzando la tecnica di approccio per rendere consapevoli i parenti che lì dentro si va a morire, il personale è qualificato è molto competente e, insieme ai braccialetti bianchi, sono la forza del reparto. Dio benedica loro è tutta la gente dotata di cuore.

Patologia trattata
Metastasi tumorali, sclerosi multipla.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie

Sento anche io di ringraziare gli operatori e i professionisti del reparto Hospice del policlinico; medici, infermieri, assistenti e collaboratori tutti, compresi i volontari dei Braccialetti bianchi. Mio papà è stato ricoverato in fase terminale, affetto da un feroce carcinoma, ha trovato un ambiente e personale accogliente e preparato in modo eccellente. Il lavoro e la dedizione di tutti lo hanno sollevato dalle sofferenze dei suoi ultimi giorni, Non ci sono parole per definire la gratitudine nei confronti di tutto il reparto che unisce la professionalità e la passione per un lavoro davvero, davvero difficile. Grazie di cuore.

Patologia trattata
Carcinoma del sigma.

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Esperienza positiva

Mia madre e' stata ricoverata presso l'Hospice del Maragliano per oltre 50 giorni in seguito alle complicanze di un intervento di mastectomia per carcinoma mammario.
Contrariamente ai giudizi sotto espressi, circa i quali non mi permetto di obbiettare, mi limito a riferire quella che e' stata la nostra esperienza. L'assistenza prestata fino alla fine e' stata, a mio avviso, di prim'ordine. Il trattamento farmacologico ha preservato mia madre da sofferenze difficilmente tollerabili. Mai ho riscontrato carenze sul piano professionale da parte di medici e paramedici, costantemente presenti ed attenti ad ogni aspetto del trattamento, incluso l'aspetto psicologico ed umano. Encomiabile il supporto da parte dei volontari " Braccialetti bianchi " sempre disponibili a confortare e coadiuvare il personale ad esempio durante la somministrazione dei pasti per gli impossibilitati a nutrirsi autonomamente. Mai ci siamo sentiti soli o prevaricati da scelte cliniche discutibili.
Ritengo pertanto che mia madre sia stata accompagnata con simpatia, dignità e amore fino al termine del percorso e di questo saro' sempre grato a tutto il personale sanitario e volontario.

Giampaolo Delucchi

Patologia trattata
Carcinoma mammario.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

UN'ESPERIENZA TRAUMATICA

In questo luogo vige il totem- divinità- PROTOCOLLO stabilito in modo ferreo dal primario, con il quale mi sono trovata MALISSIMO, MALISSIMO, per la sua incapacità di ascoltare i parenti dei pazienti e modo perentorio di comunicare e imporre le sue decisioni mediche a persone duramente provate dalla sofferenza, senza alcuna delicatezza (a mia madre in coma vigile è stata non solo negata l'alimentazione parenterale ma, ciò che è assai più grave a mio parere, anche l'idratazione endovena, e ho ritenuto questo eticamente inaccettabile e assai discutibile, anche perché mia madre non sarebbe mai stata d'accordo). Se lo avessi saputo prima, se mi avessero informata compiutamente prima, se i medici che mi hanno convinta a portarla in Hospice mi avessero detto la verità, se non mi fossi fidata di loro, GIAMMAI avrei portato mia madre in Hospice, MAI.
La mia esperienza è negativa al massimo, mi pento mille volte di aver portata mia madre in questa struttura e dovrò convivere per tutta la vita con questo scrupolo di coscienza e trauma.

Patologia trattata
Recidiva di K all'endometrio.


Altri contenuti interessanti su QSalute