Neurochirurgia Ospedale di Catanzaro

 
4.3 (11)
Scrivi Recensione
Il reparto di Neurochirurgia dell'Azienda Ospedaliera Pugliese - Ciaccio di Catanzaro, situato in Viale Pio X, ha come Direttore il Dott. Claudio Ceccotti. Il reparto, dotato di 19 posti letto di degenza ordinaria e 1 di day hospital, eroga prestazioni di Neurochirurgia neoplastica, vascolare, malformativa, pediatrica, spinale e traumatologica, svolgendo inoltre attività di Monitoraggio pressione intracranica e di Neurosonologia. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici Dott. Alfonso Iannello, Dott. Domenico Iaconantonio, Dott. Giuseppe Mauro, Dott. Cesare Migliaccio, Dott. Francesco Beniamino Nicoletti, Dott. Massimiliano Pellegrino, Dott. Antonio Veraldi, Dott. Francesco Vitalone.

Recensioni dei pazienti

11 recensioni

 
(9)
 
(1)
3 stelle
 
(0)
 
(1)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.3
 
4.6  (11)
 
4.5  (11)
 
4.2  (11)
 
4.1  (11)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Asportazione neoformazione cerebrale

Professionalità medica, molta umanità ed infermieri eccezionali.

Patologia trattata
Neoformazione cerebrale.



Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Professionalità

Ottimo reparto, eccellenti professionisti, gentilezza e competenza.

Patologia trattata
Cisti aneurismatica.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Ernia del disco lombare

Sono una paziente operata ben due volte nel giro di 9 mesi al reparto di Neurochirurgia presso l'ospedale Pugliese di Catanzaro, per ernia del disco L4-L5.
Purtroppo per negligenza, mancanza di professionalità, competenza e soprattutto UMANITÀ, sono costretta a sottopormi per la terza volta, per lo stesso intervento ed anche fuori regione, per ovviare ai danni causati da questi due interventi...

Patologia trattata
Ernia del disco L4-L5.

Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ottima assistenza

Si parla spesso di malasanità in meridione. Ritengo doveroso parlare di casi di ottima assistenza, di personale competente e soprattutto dotato di straordinaria umanità.. dote che per chi si trova in un momento di difficoltà è di grande conforto. Ringrazio il personale medico ed infermieristico del reparto di neurochirurgia, che si sono presi cura di mia madre.

Patologia trattata
Trauma cranico da caduta.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Zia operata per idrocefalo

Un'operazione delicata eseguita senz'altro con grande professionalitá. Mia zia non vedente ha subìto l'operazione di terzo ventricolostomia per idrocefalo in data 18/06/2015. L'operazione delicata è andata bene e ad un anno l'ultima tac non sembra riportare affatto effetti collaterali dopo l'operazione. A mio avviso un ottimo reparto, e un grandissimo Professore Ceccotti.

Patologia trattata
Idrocefalo.
Terzo-ventricolostomia endoscopica.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Dr. Ceccotti: un medico come pochi

Questa recensione viene dal cuore, da parte di Ninarello Vincenzo (marito della paziente) e di Agostino Mimmo (nipote) di Crotone.
Volevamo esprimere tutta la nostra gratitudine al Dr. Ceccotti, che ha operato mia moglie Brugnano Rita, ed alla sua equipe, che con grande professionalità ed umanità ha dato sostegno e delucidazioni riguardo il susseguirsi dell'operazione - piuttosto delicata ma perfettamente riuscita - a prescindere dalla sua evoluzione. Pertanto la famiglia rimane per sempre grata e che possa con il suo impegno salvare tante vite che si affidano alla sua professionalità e alla sua grande missione. Non abbiamo MAI conosciuto un medico speciale come il Dr. Ceccotti.
Non finiremo mai di Ringraziarla.
Grazie ancora dalla famiglia Ninarello e D 'Agostino

Patologia trattata
Rimozione edema cerebrale.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Neurochirurgia Dott. Claudio Ceccotti

Napoletano trapiantato in provincia di Catanzaro, ricovero mia madre di anni 76 il 12 Agosto 2014 con un meningioma del diametro di 6 cm. attaccato alla massa cerebrale, scoperto a maggio dello stesso anno. Mia madre entra in questo reparto totalmente scompensata con emiparesi che aveva paralizzato al 90% gli arti superiori ed inferiori del lato sinistro. Qui conosciamo il Dottor Claudio Ceccotti, mi riceve immediatamente alle ore 8,00 del giorno successivo e, oltre a rassicurarmi nella riuscita dell'intervento (dove a Napoli diversi pareri risultano totalmente negativi e con poche speranze di riuscita), manifesta immediatamente una grande umanita' e un'eccellente preparazione in materia, senza pero' mai illuderci. Nel corso delle terapie ed accertamenti, ci illustra con la sua enorme gentilezza i pro e i contro (sempre disponibile e rintracciabile) a tal punto che cresce una forte fiducia da parte mia e dei miei fratelli nei suoi confronti, e ancor di più da parte di mia madre, la quale giorno dopo giorno viene rassicurata dalla sua giornaliera visita. La degenza in questo reparto fino al 25 agosto (data dell'intervento) è ottima grazie alla professionalità e l'assistenza del personale. Mia madre entra in sala operatoria alle ore 8,30 e ne esce alle ore 17,00. Il dr. Ceccotti ci riceve poco dopo comunicandoci la perfetta riuscita e la totale rimozione del tumore. L'avessimo conosciuto un mese prima, probabilmente mia madre avrebbe evitato la successiva riabilitazione che ancor oggi 8 novembre 2014 effettua in un centro. Il recupero è in normale evoluzione. Grazie Dr. Ceccotti e.. che dire: "SANTO SUBITO".

Patologia trattata
Meningioma al cervello.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Grati per sempre al dott.Ceccotti

Mia madre Elena Helzel il 4 ottobre 2013 è stata operata dal Dott. Ceccotti e dalla sua equipe per un meningioma al cervello. Siamo di Crotone. Inutile dire che ci eravamo rivolti a vari specialisti per capire cosa avesse mia madre che camminava tutta storta, non riusciva più a scrivere, aveva la pupilla dell'occhio sinistro sempre fissa, una guancia la sentiva rigida e cosa importante aveva modificato il carattere. A pagamento l'ho portata da un neurologo, un dentista, un oculista ma nessuno ha riscontrato qualcosa. Su mia insistenza il medico curante le ha prescritto una tac al cervello. C'era una massa molto grande al cervello e il radiologo del laboratorio ci ha indirizzati a catanzaro dal dott. Ceccotti, che devo dire ci ha ricevuti subito e ci ha detto immediatamente che si trattava di un meningioma al 95% di tipo benigno. Ci ha consigliato di fare tutti gli accertamenti a Crotone e una cura prima dell'intervento. Ci ha spiegato che la riuscita dell'intervento dipendeva da molti fattori. Mia mamma è ipertesa, in sovrappeso e ha 69 anni. Il 4 ottobre è entrata in sala operatoria alle otto del mattino ed è uscita alle otto di sera. Le 12 ore più lunghe della mia vita. Ha fatto una notte in rianimazione e 5 giorni in terapia intensiva. È rimasta ricoverata un mese. Il dott. Ceccotti passava ogni giorno. Sempre disponibile. Mai si è negato al telefono. Anche di sera per una complicanza. Mia madre ha avuto un trombo e ha smosso mari e monti. Io, mio padre, mio fratello gli saremo grati per tutta la vita.

Patologia trattata
Meningioma al cervello.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Professionalità, cortesia, eccezionale umanità

Per vari motivi sia io che mio padre e mia madre abbiamo "usufruito" della S.O.S.- Ambulatorio di Neurochirurgia. Fin dalla prima visita, per mia madre, a seguito di un incidente stradale, il dr. Mauro si è mostrato essere un grandissimo professionista, per quanto ne possiamo capire da pazienti, oltre che un medico "alla mano", nel senso più alto del termine. Sempre disponibile, scrupoloso ma essenziale nel modo di porsi con i pazienti.
Dà l'idea di un chirurgo che ama il suo lavoro e lo fa, a differenza di molti altri, per passione e dedizione, che traspare dal suo modo di fare...
Anche durante la visita a mio padre, un controllo per un intervento chirurgico fatto altrove, prima di essere indirizzati da lui, è stato efficientissimo, professionale ed "umano", caratteristica quest'ultima spesso troppo trascurata da altri suoi colleghi.
Abbiamo dovuto, per vari motivi, "visitare" molti ospedali in vari punti d'Italia, ma questo ambulatorio (del resto della struttura-degenza non ne abbiamo avuto bisogno, per ora), specie per quanto riguarda il responsabile dr. Mauro, non ha nulla da "invidiargli"...

Patologia trattata
Trauma cervicale post-incidente stradale; Schwannoma cervicale intradurale extramidollare; Ernia del disco cervicale, protrusione lombare, cervicobrachialgia.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Scrupolosità eccezionale- dott. Giuseppe Mauro

Ad aprile del 2011, senza che mai ne avessi sofferto prima, rimango totalmente incapace di alzarmi in piedi a causa di un'ernia del disco L5/S1 estrusa paramediana sinistra che impronta il sacco durale.
A Vibo non sanno che dirmi. Tramite passa parola vengo indirizzata dal dott. Giuseppe Mauro, all'Ospedale Pugliese di Catanzaro.
Il dottore dimostra una umanità e umiltà ormai rara nel campo medico.
Il reparto lascia a desiderare, ma sia gli infermieri che il personale medico si danno da fare per assistere i degenti al meglio.
Vengo operata dal dott. Mauro e, dopo quasi un mese di paralisi a letto, finalmente, nell'arco di poche ore, riprendo l'uso delle gambe.
Devo aggiungere che, durante le visite di rito, viene evidenziata un'altra patologia. Il dott. Mauro mi fa rivoltare come un calzino! Scrupolosissimo, per scongiurare il peggio.
Ora so cosa devo controllare e se lui non fosse stato cosi' serio e scrupoloso, io non avrei mai saputo come salvaguardare la mia salute (o l'avrei saputo troppo tardi...).

Patologia trattata
Ernia del disco L5/S1 estrusa paramediana sx che impronta il sacco durale.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Dr. Ceccotti mi ha riportato in vita

grazie prima di tutto al dott. Ceccotti, a tutta l'equipe e a tutti del reparto di neurochirurgia...
sono di reggio, nel 2002 sono stato colto da emorragia cerebrale; premetto che all'epoca avevo 32 anni, a reggio mi davano 2-3 ore di vita e si diceva che non c'era nulla da fare e non c'erano posti letto, e se voleva mia moglie mi poteva portare a Catanzaro- cosa che fece subito con la speranza di arrivare in vita (cosa riuscita). Lì il dott. Ceccotti prese subito visione della mia situazione e dopodiche informò mia moglie che probabilmente non avrei vissuto più di 2 ore, ma si poteva tentare di evitare la morte con un intervento chirurgico, naturalmente sotto la responsabilità di mia moglie che accetto' e firmo' subito perche c'era una sola possibilità su 100. il dottor Ceccotti inizio' subito l'indagine e i preparativi per l'intervento, intervento che duro' 11 ore, mi fu aperta la testa parte sx. in poche parole, dopo una settimana mi sentivo nato per la seconda volta grazie al dott. Ceccotti e al signore che mi mise nelle sue mani; fui doppiamente miracolato, in un mese ritornai al 70 x 100 e fui dimesso con varie raccomandazioni da seguire, cioe' una terapia e visite mensili. purtroppo fui un po' leggero e dopo un anno ebbi una ricaduta nel problema. fui portato e ricoverato di nuovo dal dott. Ceccotti, avevo braccio e gamba che non li sentivo piu, mi fu fatto un primo esame e mi fu diagnosticata una leggera dilatazione dell'aneurisma nell'arteria media silviana di sx, nonchè seconda diagnosi di emiparesi di dx. nel primo caso mi fu fatta l'embolizzazione, mentre nel secondo mi aspettsva una lunga fisioterapia. niente.. dopo 15 giorni fui dimesso e iniziai una lunghissima fisioterapia che pian piano mi portava sempre bene. arrivai al punto di alzarmi dalla sedia a rotelle e camminare con le stampelle, che nel giro di un anno buttai perchè camminavo discretamente. mi sentivo bene. bè, diciamo bene perchè ogni tanto mi prendono crisi convulsive, ma ormai so come trattarle e nel giro di pochi minuti mi riprendo. passano gli anni, faccio i controlli ma nel 2010 vado a fare l'ultimo controllo e.. brutta sorpresa: mi si riscontra un altro aneurisma attaccato al precedente, diagnosi: riabitazione parziale di aneurisma cerebrale di 10 mm. Mi si consiglia un altro intervernto tramite angiografia, ma c'è il rischio dell'80x100 di riuscita. la paura mi porta a rinunciare all'intervento, mi assumo le responsabilità se mi accade qualcosa e mi faccio dimettere. continuo le visite, ma nel finire del 2010 decido di farmi operare. Ne parlo con il dottore, ma purtroppo devo aspettare perche il professore che mi doveva fare l'intervento tramite angiografia è impossibilitato per problemi personali e devo aspettare. Non sento problemi di salute a parte qualche crisi, passano i mesi e purtroppo a marzo 2011 vengo colto da un ictus cerebrale. mi portano in ospedale a reggio, non mi sento piu di nuovo braccio e gamba dx, in ospedale dopo un controllo angiotac mi si dice che si è formato un altro aneurisma dietro il collo, domando di che spessore sia e mi viene detto che non sanno.. A quel punto mi meraviglio, per 13 giorni rimango ricoverato, rifiuto l'intervento che mi vogliono fare e cosi dopo 13 giorni mi faccio dimettere. nel frattempo il dott. Ceccotti contatta 2 suoi amici colleghi dell'ospedale Careggi di firenze, cui spiega tutta la mia situazione, mi fissa un appuntamento e a giugno vado a Firenze e incontro i 2 dottori. mi fanno il ricovero e mi iniziano una serie di accertamenti; per ultimo mi fanno l'angiografia, ma prima gli firmo l'autorizzazione e responsabilità perl'angiografia ed eventuale anestesia totale e intervento. Cosi mi fanno l'angiografia e dopo si consultano fra di loro e la decisione è: no all'intervento perchè è troppo rischioso.. Me lo comunicano, mi spiegano il motivo e dopodichè con tanti ringraziamenti e stima dopo 3 giorni mi dimettono. ora dico, a reggio mi volevano operare solo con un'angiotac, a firenze dopo vari accertamenti hanno deciso di non fare l'intervento perchè troppo rischioso.. Io ringrazio eternamente il dott. Ceccotti, lui si chiama Claudio ma io lo chiamo santo perchè se non fosse stato per lui e tutta la sua equipe, compreso tutto il reparto neurochirurgia, oggi non sarei qui. un grazie di cuore a tutti, siete una squadra molto molto eccellente.
da pino mittica con stima e a presto per una visita.

Patologia trattata
Emorragia cerebrale.


Altri contenuti interessanti su QSalute