Dettagli Recensione

 
Ospedali e case di cura a Milano
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Blood patch per ipotensione liquorale

Dopo essere stato ricoverato 2 mesi in un altro ospedale, dove si è arrivati alla diagnosi di ipotensione liquorale spontanea, l'unica terapia prevista era l'idratazione e il clinostatismo. Vista l'inefficacia della terapia, dopo essermi messo in contatto con i neurologi del Besta, ho subìto il blood patch con un notevole miglioramento immediato.
Tuttavia ad oggi, ad una settimana dall'intervento, sono ancora presenti i mal di testa quotidiani, anche se riesco a tenerli sotto controllo con gli antidolorifici (cosa che prima del blood patch era impossibile).
Volevo però chiedere a chi avesse fatto lo stesso tipo di intervento, o a dei dottori: dopo quanto tempo dovrebbero sparire completamente i mal di testa?

Patologia trattata
Ipotensione liquorale spontanea.

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4  
 
Per Ordine 
 
Inviato da andrea
11 Novembre, 2019
Pure io sono stato al Besta la settimana dopo di te... Non mi è stato effettuato il blood patch perchè la RM era negativa; tuttavia hanno trovato una pressione in epidurale lievemente inferiore al normale. Tra un mese dovrò tornare, al momento ho cura con cortisone e riposo. Trovo poco beneficio, anche se i mal di testa sono più di tipo costrittivo a livello nucale e pressione alle orecchie.
In risposta ad un earlier comment

Inviato da carlo
20 Gennaio, 2020
Buongiorno, volevo sapere: come hanno fatto a misurare la pressione?
Grazie.
Inviato da Michele Trotta
28 Marzo, 2020
Ho avuto una ipotensione liquorale nel 2013. Mi è stato fatto, dopo l'asportazione di un ematoma (all'ospedale di Cuneo), un blood patch (al Niguarda), dopo di che sono scomparsi i sintomi.
Chiedo quali antidolorifici posso prendere per altre patologie, visto che nel 2013 mi avevano consigliato di usare solo Efferalgan come antidolorifico.
Grazie.
Inviato da Francesca
19 Mag, 2020
Anche a me hanno fatto il blood patch al Besta a Ottobre 2019, dopo essere stata ricoverata la prima volta a Cremona a Novembre 2018 senza alcuna cura, e a Brescia a maggio e luglio 2019, dove mi è stato fatto un blood patch inutile che non aveva nulla a che vedere con quello del Besta.
Gli attacchi potenti di mal di testa sono sicuramente migliorati, ma persistono, seppur in forma più leggera, quando starnutisco, sbadiglio o faccio qualche sforzo.
Dall'ultima visita di controllo che ho fatto a dicembre 2019, il medico mi ha detto che il male che ho adesso è dovuto alla cervicale che si è raddrizzata. Questo perché l'ipotensione non è stata tempestivamente curata. Di fatti, quando mi venivano i forti mal di testa, mi si irrigidiva tantissimo il collo e di conseguenza assumevo involontariamente una postura sbagliata che mi facesse sentire meno male.
Nei mesi di gennaio e febbraio ho fatto dei massaggi cervicali, ma sono stati troppo pochi per capire se mi hanno dato beneficio.
Ad oggi, maggio 2020, sono in attesa che riaprano le strutture per poter rifare l'ennesima risonanza e la visita al Besta.
Dopo un anno e mezzo di sofferenza e di una bustina di Aulin al giorno, mi sembra di essere ancora punto e a capo, sul mio divano, a guardare il soffitto.
Spero di leggere prima o poi testimonianze positive e risolutive su questo problema che ci accomuna!
4 risultati - visualizzati 1 - 4  
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute