Cardiochirurgia Campus Bio Medico Roma

 
4.6 (8)
Scrivi Recensione
Il reparto di Cardiochirurgia dell'Ospedale Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, situato in Via Alvaro del Portillo 200, ha come Direttore il Prof. Massimo Chello. Il reparto si occupa in particolare del trattamento di cardiopatie ischemiche con rivascolarizzazione miocardica mediante bypass, valvulopatie mitraliche e aortiche con sostituzione valvolare o valvuloplastica (intervento conservativo), aneurismi aortici con sostituzione o trattamento endovascolare. In campo vascolare, l’Unità Operativa utilizza tecniche mini invasive e conservative per la terapia chirurgica ed endovascolare delle arteriopatie diabetiche e periferiche, coinvolgenti l’intero asse iliaco-femorale-popliteo-tibiale. Ambulatori generici e specialistici: Ambulatorio cardiaco e vascolare, Ambulatorio per il controllo dei pazienti elettrostimolati, Ambulatorio per il trattamento delle ectasie venose. Dirigenti medici di reparto: Dott. Raffaele Barbato, Dott. Filippo Barberi, Dott.ssa Adele Casacalenda, Dott. Carmelo Dominici, Dott. Omar Giacinto, Dott. Mario Lusini,Dott. Ciro Mastroianni, Dott. Giuseppe Pugliese.

Recensioni dei pazienti

8 recensioni

 
(7)
4 stelle
 
(0)
 
(1)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.6
 
5.0  (8)
 
4.5  (8)
 
4.6  (8)
 
4.3  (8)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Grandi cardiochirurghi, pessime infermiere

Squisiti ed eccezionalmente competenti il Prof. Gian Paolo Ussia (che ha eseguito la coronarografia) e il Prof. Massimo Chello. Personale del "Heart Team" in sala operatoria parimenti molto competente e cortese. L'assai grave problema del reparto di cardiochirurgia e' che, finito l'intervento, inizia la degenza che logicamente necessita di ASSISTENZA INFERMIERISTICA, e questa personalmente l'ho trovata di PESSIMA QUALITA', E PRESTATA CON SCARSE, PRESSOCHE' INESISTENTI CORTESIA ED EDUCAZIONE. Una volta giunto nella camera di degenza subito dopo un grande intervento, ho trovato infermiere di scarsa preparazione, brusche in ogni manovra di assistenza, anche la piu' semplice, oltre che pochissimo disponibili. A fronte di cio', sono molto supponenti, spesso dal tono arrogante. Ritengono di avere un grande potere negoziale nell'ospedale, di essere le padrone del reparto, ed, incredibilmente, i pochissimi medici del reparto, e anche i chirurghi, ed evidentemente la Direzione Sanitaria, accettano questo stato di cose come ineluttabili. Sono un medico in pensione, e non ho mai visto nulla del genere in nessun ospedale in Italia e all'estero. E' una situazione grottesca e vergognosa, che rovina la reputazione dell'ospedale, che altrimenti meriterebbe la qualifica di centro di eccellenza. Non tutte le infermiere si comportano cosi', ma la maggioranza. Sono gentili e disponibili invece gli studenti tirocinanti, che in pratica eseguono alcuni dei compiti di assistenza infermieristica, i piu' semplici. Queste infermiere mi hanno causato un grave danno. Maneggiavano il catetere che mi era stato posto durante l'intervento in sala operatoria, strattonandolo con grandi movimenti bruschi, e il tutto per l'ottuso motivo di volere calcolare non solo l'urina che finiva nel sacco, ma anche quella piccola quantita' presente nel tubicino, per cui tiravano e sollevavano il catetere per fare defluire interamente l'urina nel sacco per gravita'. Non sono nefropatico, non c'era bisogno di una precisione al millilitro in questi casi, e se proprio per motivi discutibili dovevano calcolare anche i pochi millilitri presenti nel tubicino, potevano calcolare il suo volume (e' un cilindro piccolo e lungo), senza dovere tirare il catetere in alto come se non fosse messo dentro una parte delicata di un corpo umano. Sono stato costretto a lottare affinche' desistessero oppure facessero meno danni. Sono giunto a legare il catetere con un cerotto alla coscia, cosi' non avrebbero tirato la parte del catetere situata nell'uretra. Dopo alcuni giorni di queste dannose procedure, mi hanno causato una infezione batterica delle vie urinarie, per cui quando sono giunto nella clinica di riabilitazione post-intervento (procedura classica), il focus e' stato debellare questa infezione, piu' che la riabilitazione cardiaca stessa. Per farlo ho dovuto ritardare di una settimana la dimissione. Ritornato a casa dopo questa avventura, in cui avevo anticipato di subire un grande intervento al cuore e che alla fine e' divenuta una battaglia per non subire danni uretrali, ho scoperto che il giorno prima del mio ritorno la mia amatissima gatta, per me come una figlia, era stata rapita. Sono stato contattato quindi da un delinquente che mi ha estorto una grossa somma in denaro per riavere la gatta, non restituendola, e che svaligiato la casa (gioielli, altri oggetti) e tutti i nostri risparmi nel mio studio. E' stato un gravissimo danno economico, ma soprattutto affettivo, in quanto la gatta non ci e' stata restituita, e a distanza di mesi siamo ancora in stato di shock e profondamente addolorati. Se le infermiere avessero evitato le manovre dannose con il catetere, sarei ritornato a casa diversi giorni prima e non sarebbe successo nulla alla nostra gatta e alla nostra casa. Non trovo le parole per esprimere il mio rammarico e insoddisfazione per quanto successo. E' stato trasformato un intervento al cuore altrimenti coronato di successo, per cui ero felice, in una tragedia, di cui le infermiere neanche sanno ne' si renderebbero mai conto delle loro responsabilita'. Ho presentato un reclamo scritto dettagliato alla Direzione del Campus, ma dubito che faranno qualcosa.

Patologia trattata
Sostituzione protesica di valvola aortica.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie di cuore

Ringrazio tutto il personale medico, gli infermieri, il personale ausiliario per l'alta competenza e professionalità, nonché per le doti di grande umanità dimostrate nei confronti di mia madre. Una struttura magnifica, pulitissima e ottimo cibo. Grazie, tutti gli ospedali dovrebbero offrire questo standard.

Patologia trattata
Bypass coronarici.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Doppiamente grazie!!!

Avrei dovuto scrivere questo commento esattamente due anni fa, quando un UOMO di nome Francesco Musumeci mi ha restituito la vita salvando quella di mia Madre. Aspettavo un bambino, ero incinta di otto mesi e mai dimenticheró la cortesia di quel professore che avevo tanto sentito decantare per le sue competenze professionali, che mi strinse la mano e mi disse che mia mamma ce l'aveva fatta. Grazie prof. Musumeci, grazie perchè mi ha ricordato che quando si è grandi professionisti si è spesso e soprattutto grandi uomini. In quel momento fui cosi presa dalla guarigione che mi dimenticai di inserire questo commento. Tuttavia la vita mi ha di nuovo ricondotto qui in questa struttura, questa volta per mio papà. Stessa equipe del prof. Musumeci, questa volta coordinata dal dott. Bergonzini che ha eseguito l'intervento in maniera perfetta, restituendomi anche mio papà. Grazie anche al dott. Bergonzini che non ha fatto sentire la mancanza del prof. Musumeci ed ha svolto le sue funzioni in maniera eccellente, mostrando anch'egli rara umanità! Ringrazio tutta la struttura perchè ha accompagnato queste tristi esperienze mostrando competenza e massima disponibilità. Prima credevo negli angeli, ora sono certa di averli incontrati almeno due volte!!

Patologia trattata
Aneurisma arco aortico ascendente con sostituzione di valvola bicuspide.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Complimenti, ottimo reparto

Con questa recensione desidero fare i complimenti a tutto il reparto per la perfetta gestione del paziente ammalato, compreso l'aspetto psicologico. Infermieri e medici estremamente preparati. Un grazie particolare al prof. Chello che dal primo momento si è preso a cuore la mia situazione e ha saputo trovare la soluzione al mio problema. Ringrazio poi il dott. Prestipino, una marcia in più rispetto agli altri, per la sua professionalità e disponibilità. Raccomando vivamente questo reparto a chi ahimè dovesse averne bisogno.

Patologia trattata
Valvola aortica sostituita e bypass alle coronarie.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Cardiochirurgia CAMPUS

Mio padre è stato operato per un By-pass coronarico x4 l'11 Dicembre 2014, nonostante qualche complicazione post-operatoria, che purtroppo è dipesa da patologie pregresse. Devo fare i complimenti a tutta l'equipe di cardiochirurghi e infermieri/infermiere del reparto di cardiochirurgia, ho trovato professionalità e presenza continua; anche la trasparenza delle informazioni ed il lato umano dei medici ed infermiere/infermieri sono veramente ad alti livelli. Le parole di conforto il giorno dell'operazione del dott. Giacinto Omar hanno fatto la differenza. Complimenti, continuate così.

Patologia trattata
Occlusione di 4 vasi coronarici.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Musumeci, straordinario

Nel luglio 2014 mia madre è stata operata dal prof. Musumeci, tramite cardiochirurgia robotica, presso il Campus Biomedico. Le sono state riparate le valvole tricuspide e mitralica. Il professor Musumeci ha dimostrato di essere persino migliore della fama che lo circonda: oltre alla grande perizia medica, lodata da chiunque abbia in seguito visitato mia madre, voglio citare l'umanità e la disponibilità rivolta alla paziente e a noi famigliari.
Bellissimo, pulito e all'avanguardia il Campus biomedico, ringrazio tutto il personale per le cure e la professionalità.

Patologia trattata
Ricostruzione valvole tricuspide e mitralica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie prof. Musumeci

Dopo 54 anni di vita condizionata da insufficienza mitrale di origine reumatica, ho deciso a fine 2012 per l'operazione al Campus BioMedico di Roma (vivo a Mantova).
Il prof. Musumeci ha risposto adeguatamente ad ogni mia aspettativa, conquistando anche la fiducia dei miei familiari con serietà, cortesia e professionalità.
Dopo un mese di rodaggio, ho ripreso una migliore vita normale.
Ringrazio vivamente il prof. Musumeci, i Suoi collaboratori e l'ottimo personale del Campus.

Patologia trattata
Valvuloplastica mitralica in minitoracotomia.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Ottimo reparto

Ottima struttura sotto ogni punto di vista.
Piccola nota negativa, l'abuso del cellulare: dare più ascolto a chi si ha davanti rispetto a chi ti chiama al cellulare, sarebbe buona cosa..

Patologia trattata
Sostituzione valvola e tratto aorta (aneurisma).


Altri contenuti interessanti su QSalute