Ostetricia Policlinico Modena

 
3.7 (57)
Scrivi Recensione
Il reparto di Ostetricia dell'Ospedale Policlinico di Modena, situato in via del Pozzo 71, ha come Direttore il Prof. Fabio Facchinetti. Il reparto opera in particolar modo in pronto soccorso, nelle sale parto, nella sale operatorie, nel reparto di Ostetricia, nel Centro di Fisiopatologia della riproduzione, nel day hospital e nei diversi ambulatori. Di particolare rilevanza è l'attività svolta dalla sala parto che si qualifica come il secondo punto nascita della Regione per numero di nascite. A questa si affianca il Centro Nascita, primo esempio regionale di assistenza al parto a basso rischio. Gli ambulatori di reparto sono i seguenti: Ecografia e screening prenatale; Controllo della gravidanza a termine; Maternità sicura; Interruzione volontaria di gravidanza; Corsi di preparazione al parto; Ambulatorio sanguinamento anomalo; Ambulatorio colposcopia. Nell'ambito della ricerca sono invece eccellenze la fisiopatologia della riproduzione, l'endocrinologia ginecologica e la medicina dell'età prenatale. Fanno parte dell'equipe medica: dott. Simone Giulini (responsabile Centro di Medicina della Riproduzione), dott. Carlo Alboni, dott. Francesco Baldassari, dott.ssa Marianna Cannoletta, dott.ssa Ilaria Di Monte, dott.ssa Anna Grasso, dott.ssa Isabella Neri, dott.ssa Alessandra Tirelli, dott.ssa Giannina Contu, dott. Antonio La Marca, dott.ssa Emma Bertucci, dott.ssa Claudia Re, dott.ssa Francesca Monari, dott.ssa Maria Angela Ferrari, dott.ssa Elisabetta Petrella, prof. Alessandro Genazzani, dott. Giovanni Grandi, dott.ssa Giovanna Sighinolfi, dott.ssa Cindy Argento, dott. Giuseppe Matonti.

Recensioni dei pazienti

57 recensioni

 
(25)
 
(10)
 
(7)
 
(14)
 
(1)
Voto medio 
 
3.7
 
3.9  (57)
 
3.4  (57)
 
3.9  (57)
 
3.5  (57)
Visualizza tutte le recensioni

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

PROFONDA GRATITUDINE

Livello ottimo, attenzione costante, preparazione elevata e grande esperienza unita a passione e sensibilità. Esprimo profonda gratitudine allo staff dell’ambulatorio patologie ostetricia, con le splendide Francesca Danza, Pina, Cristina e tutte le altre.
Un sentito grazie alle dottoresse che mi hanno seguita: dott.ssa Sara Lazzarin, dott.ssa Francesca Monari, dott.ssa Anna Grasso.
Un ringraziamento anche alla caposala, a tutte le ostetriche/i e al personale infermieristico che si è preso cura di me dopo il tanto difficile parto.

Patologia trattata
Parto cesareo.


Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Centro PMA

I medici sono competenti, ma prima di tutto forse dovrebbero spiegare passo passo anche ogni singolo "medicinale" da assumere dall'inizio alla fine della procedura, e i loro costi (visto che una parte delle punture non sono mutuabili e hanno un costo d 50€ CAD...), invece di rispondere alle domande con un "lei fa troppe domande, le spiegheremo di volta in volta".
Seconda cosa: magari non guasterebbe un minimo di flessibilità per gli appuntamenti e un minimo di tatto, perché è già un percorso complesso di per sé, e non tenere conto delle situazioni personali delle pazienti non è d'aiuto.

Patologia trattata
Difficoltà procreazione - stimolazione ovarica.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Ctg pessimo

Sono alla mia terza gravidanza, la bambina per tutto il tempo di gestazione si è presentata podalica. Sono stata seguita per tutti i nove mesi dal consultorio di Castelvetro e dal dottor Vincenzo Mazza dal punto di vista ecografico, e su questo medico non posso fare altro che elogi in quanto è una persona estremamente brava, professionale e meticolosa nel suo lavoro.
Sono alla 32° settimana e durante l'ecografia la bambina è ancora podalica e vengo consigliata dal medico nel comunicare al Ctg la cosa, affinché ne fossero a conoscenza e decidessero se era il caso di procedere con agopuntura moxa o altro per vedere se la bambina si fosse girata. Chiamo e mi dicono "non si preoccupi, ci vediamo come da appuntamento alla 36 +3 settimana per apertura cartella". Rifaccio una nuova ecografia 3 settimane dopo perché la bimba alla precedente era un po' piccolina ed è ancora podalica - ed io sto per entrare nella 36 settimana. Richiamo il Ctg sotto consiglio del ginecologo, il quale mi dice contatti il policlinico e si faccia dare l'appuntamento per il cesareo... Gli chiedo "ma nel caso nemmeno la manovra è da prendere in considerazione?" e lui, come la mia ostetrica, mi dice che essendo che la bambina era ormai da mesi sempre ferma in quella posizione senza mai cambiare, probabilmente era perché ne traeva un beneficio e quindi fare la manovra secondo loro non era il caso, in quanto si sarebbe andata a modificare una situazione che la bambina trovava idonea per lei... Chiamo comunque il Ctg per chiedere di anticipare l'appuntamento, ma lasciano invariata la data e mi dicono "quando ci vediamo parleremo della manovra".
Nei giorni a seguire penso alla manovra, guardo video, leggo gli eventuali rischi ecc. e con il mio compagno, visto che per farla bisogna firmare, decidiamo di non farla perché non ci sentiamo tranquilli.
Il giorno dell'appuntamento mi reco al Ctg e dopo l'apertura della cartella mi parlano della manovra (le altre tecniche non invasive moxa e agopuntura non sono più in tempo per farle e, nonostante le mie chiamate, non me le hanno mai proposte); io dico che non intendo procedere in tal senso e la dottoressa mi dice che è assurdo, che non accetta un mio no quella mattina, che devo andare a casa a parlarne di nuovo con il mio compagno e propendere per farla e che così... un giorno potrò dire a mia figlia che ho fatto tutto il possibile per farla nascere con un parto naturale ,colpa tua se ho fatto un cesareo nel caso la manovra non vada a buon fine.
Mi dice che devo credere a lei, che i rischi sono quasi in esistenti ( però ti fanno firmare e ti preparano per un eventuale operatorio) e che è assurdo che non intenda farla; tutto come se io non vedessi l'ora di fare un cesareo (io che ho fatto due parti naturali e il secondo l'ho fatto in 5 minuti!).
Torno a casa scossa e agitata, dopo che mi viene dato un appuntamento per la settimana successiva, nonostante io faccia presente che sono al 3° parto, che il primo l'ho fatto in 3 ore e il secondo in piedi all'entrata dell'ospedale.
Arrivata a casa parlo dell'accaduto al mio compagno e, fermi sulla nostra posizione, richiamo il Ctg per dire che la manovra non la faccio e loro mi dicono "ok ci vediamo il giorno dell'appuntamento che le abbiamo dato (37+4)".
Mi reco all'appuntamento mi ricevono dopo 2 ore rispetto all'orario che avevo. Stando a sedere così tanto ho i piedi gonfi, la pressione alle stelle, la dottoressa della volta prima appena entrata alle sue sottoposte riferisce "questa è quella che ha rifiutato la manovra pensateci voi".
Mi danno la procedura di preparazione al cesareo, mi fanno fare il colloquio con l'anestesista e mi dicono che farò l'intervento il 27/10 39+2.
Gli dico: ma non è possibile averlo prima? sono praticamente a termine, nessuno fa il cesareo così avanti, il secondo l'ho fatto in piedi davanti all'ospedale, va a finire che vado in travaglio prima e dopo bisogna fare un cesareo d'urgenza.
Mi dicono che prima non hanno posto, e mi congedano.
Esco dall'ospedale, dopo un'ora mi arriva una telefonata e mi dicono che devono sistemare le sale operatorie e quindi per disposizione del direttore il cesareo è spostato al 29/10, a 39+4, praticamente a termine, cosa assurda.
Dovevo entrare alle 7.00 di mattina del 29, alle 3.50 mi iniziano delle contrazioni e poco dopo si rompono le acque. Chiamo in pronto soccorso, spiego la cosa, mi dicono di andare là urgentemente essendo podalica. Parto e mi fiondo in ospedale, anche se da dove abito dista 35 minuti. Quando arrivo ho il piede della bimba in vagina, allarme generale perché se fosse scesa ancora un po' non potevano farmi il cesareo e avrebbero dovuto tirare con l'alta possibilità che succedesse il peggio.
Vengo portata in sala operatoria in fretta e furia, il ginecologo continua ad esortare tutta l'equipe all'urgenza, la bimba è bradicardica/ 50 di battiti, rischiamo di perderla.
Ringrazio il ginecologo che mi ha operata perché ha fatto un miracolo, salvando me e la bambina. A lui andrà sempre un gran elogio e la mia più profonda gratitudine, ma il Ctg è un comparto del policlinico assurdo... A loro va il mio consiglio di cambiare mestiere perché avere a che fare con vite umane deve essere una vocazione e io ho visto solo superficialità e mancanza di tatto. E fortunatamente, grazie ad un vostro collega che si è rivelato un angelo, mia figlia è oggi tra le mie braccia e mi limito solo a una cattiva recensione del centro gravidanze a termine, perché se fosse successo il peggio non mi sarei di certo fermata qui, perché la colpa di un cesareo d'urgenza non è altro che vostra. Se il cesareo fosse stato disposto prima, senza arrivare a termine, mia figlia non sarebbe stata bradicardica. Nel 2021 ,dove dovremmo essere super avanzati a livello medico, questi errori li reputo inaccettabili.

Patologia trattata
Cesareo d'urgenza.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Parto naturale

Ringraziamo dal cuore la dottoressa Isabella Neri e tutte le ostetriche del Centro Nascita - Svetlana, Alice e Elisa - per la loro assistenza e competenza durante la gravidanza e il parto. Ci siamo sentiti nelle mani di vere professionisti che ci hanno trasmesso positività e tranquillità in un’atmosfera amichevole. Ci sentiamo di consigliare il Centro Nascita a tutti i futuri genitori.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Partorire in tempo di Covid

Ringrazio con tutto il cuore l'ostetrica Francesca Danza, il suo lato umano e l'incoraggiamento mi hanno fatto sentire all'altezza nonostante il mio periodo davvero delicato. Senza non so davvero come avrei affrontato quest'esperienza.
Ringrazio il dottor Giovanni Grandi e tutta la squadra che la notte del 21 Marzo mi hanno sostenuta per dare alla luce il mio primo bimbo. In particolare la giovane e preparatissima ostetrica Silvia Pollastri, Che Dio benedica quelle mani. Ne parlerò per tutta la vita. Grazie di cuore.
Un'esperienza unica.

Patologia trattata
Parto naturale 1° figlio.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Ottimo staff, competenti, sorridenti, disponibili

Sono stata ricoverata 2 volte di fila, per il parto e successivamente per sopraggiunta febbre dopo il parto. In entrambi i casi mi sono trovata benissimo: lo staff, oltre a rimetterti in sesto, sa farti sentire come a casa.

Patologia trattata
Parto e infezione post parto.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Parto naturale meraviglioso

Il 5 dicembre ho partorito la mia seconda bimba al Centro Nascita, assistita da due ostetriche meravigliose, Svitlana e Alice. L'atmosfera era intima, l'assistenza attenta ma discreta e tutto questo ha contribuito a rendere questo momento davvero intimo e sacro.
Grazie per averci regalato questa nascita meravigliosa.

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Parto naturale velocissimo

Lunedì sera 04/11/2019 verso mezzanotte sono arrivata in PS ostetrico con le contrazioni a meno di 4 minuti (la prima contrazione e’ iniziata alle 19.00). Alla visita mi dicono che sono già molto dilatata e corriamo in sala parto. In sala parto ho incontrato il mio angelo custode, un’ostetrica fantastica, Bianca, dolce e decisa. Sono stata fortunata perché il mio travaglio e’ stato velocissimo (1 ora e 15 minuti di spinte), ma al momento delle ultime spinte la forza e la carica che mi ha dato Bianca sono state decisive. Non finirò mai di ringraziarla. La placenta non si staccava e dopo 40 minuti ha deciso di portarmi in sala operatoria, e’ stata tolta e sono stati messi i punti. Quando siamo tornate in sala parto mi ha dato un sacco di ottimi consigli di cui sto facendo tesoro. Io e la piccola Sophie, nata il 05/11/19 alle 01.48, stiamo bene grazie a Bianca. In reparto poi le ostetriche che ci hanno seguito sono state tutte gentilissime e pazienti. Un’esperienza fantastica grazie a questi angeli. Io non finirò mai di dirvi GRAZIE.
Silvia e Sophie

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Grazie a Stefania e Rita e a tutto il personale

Dopo una gravidanza travagliata e l'ultimo ingresso in PS a Sassuolo per una brutta perdita di sangue a 34 settimane, dovuta ad una nuova formazione di polipi cervicali (8 ingressi in tutto da settembre 2018, nonostante una colposcopia in gravidanza e urgente) mi fu consigliato il parto con epidurale o peridurale che si fa qui. Ero scettica, forse non del tutto consapevole dei rischi di una anestesia del genere vista la mia enorme ansia e la voglia di vedere Beatrice. A dire il vero l'ansia era dovuta anche ad una minaccia di aborto, seppur lieve, trovata al secondo ingresso (7 settimane di gestazione), ma rientrata e ridimensionata dalla mia ginecologa del consultorio (Sassuolo, tutto benone). Ho aperto qui la mia cartella e devo dire il personale è umano e devono gestire una mole di lavoro che è tripla a Sassuolo, quindi ci sta che a volte trovi qualcuno stanco e scoglionato e non tutti apprezzano di avere studentesse durante visite e percorsi e non tutti sopportano i ritardi per cose da pochi minuti. Però mi metto anche nei panni di chi ci lavora ore e ore e ha tanta responsabilità. Il giorno dell'apertura dopo quasi due ore di attesa ho aperto finalmente la cartella e mi hanno dato appuntamento per tracciato e visita. Si fa prima apertura, tampone e prelievo e poi tracciato e visita a una settimana dalla dpp, a me almeno gli appuntamenti erano così. Bea doveva nascere il 22 maggio, invece il tracciato, il giorno della visita non era piaciuto troppo. Ho trovato personale gentile e disponibile anche se a tratti spiccio, ma comunque comprensivo in quel momento. Mi ha eseguito lo scollamento e non ho sentito male (il solito fastidio delle visite, dicono che fa male, ma io soglia dolore zero mi ha dato il solito fastidio di quelle visite) e vista la sospetta rottura delle acque mi hanno tenuta 10 ore sotto controllo. Dieci ore sono lunghissime sotto tracciato con donne a inizio travaglio nella stessa stanza, astanteria e lì sì, il personale di turno era talmente frenetico e meccanico da essere persino freddo. Non è piaciuto tanto. Mi hanno mandata a casa che però ho iniziato a perdere il tappo e verso sera le prime contrazioni serie che credevo peggio. Mi aspettavo un dolore peggiore e poi si sono calmate e verso le 3.00 di nuovo frequenti e a volte molto intense ma sopportabili e ancora niente acque (per fortuna!). Siamo partiti verso le 5 che albeggiava e siamo arrivati che ero un po' nel panico, me lo sentivo che c'eravamo. Di nuovo la trafila del tracciato e il PS ginecologico da priorità subito in questi casi, poi apriti pazienza perchè ce ne vuole tanta. Al momento delle presunte "torna se...", si sono accorti che si erano rotte le acque in alto e li ho avuta una reazione di panico ed emozione e ansia che il personale di turno in ps ginecologico non ha gradito. Mi hanno ricoverata venendo a controllare e li ecco, ho trovato dottoresse e personale carino e gentile, disponibile e comprensivo. Grazie alla dott. ssa Alessia (?) per la pazienza anche se il momento della rottura delle acque ti ho assordato il reparto! Mi hanno controllato fino a sera e andavo avanti pochino e le acque goccino per goccino, quindi mi hanno rotto loro il polo inferiore e li è arrivata Bea! Altrimenti si rischia la sofferenza fetale, quindi io nella mia ignoranza medica da paziente devo dire che ho trovato ottima professionalità. Lo scollamento dicono tutti tortura, non me ne sono accorta anche se mi hanno detto "ti diamo una mano perchè la bimba, pur stando bene, dorme troppo". Quando ti rompono le acque ed eseguono lo scollamento IN CONTRAZIONE, fa male perchè è normale. Ho reclamato la mia parto analgesia perchè avevo il terrore che quelle contrazioni di dilatazione peggiorassero il dolore e ne sono bastate 3. ma in 3 minuti non mi hanno fatto in tempo a fare la puntura, Bea era già pronta. Tempo di capire come spingere e Rita e Stefania hanno fatto nascere Bea. Il post parto è stato più traumatico per me perchè come succede, mi sono un po' rotta e non riuscivano a cucire bene perchè non stavo ferma, non riuscivo, quindi un bell'anestesista (Emanuele) e mi hanno rimesso quasi a nuovo. Il parto è un evento unico e chi vi assiste sa cosa sta facendo e io ho avuto una grande fortuna, dopo il calvario della gravidanza in PS. Non posso dire male di chi mi ha assistito tra medici e ostetriche nei giorni della degenza. Ho trovato tanto amore e mi dispiace leggere storie opposte. Bea purtroppo si è fatta la degenza in nido, perchè io ero distrutta e lei doveva farsi le lampade, avendo un ittero molto alto da bilirubina che non voleva mollare e avevo paura mi mandassero a casa senza di lei (2,8 kg.!). Non ho potuto attaccarla e non era facile, ma non ho trovato talebani dell'allattamento, credo che ogni camera ha la sua idea li al policlinico! L'unico neo della degenza (per cui ho messo basso voto ai servizi), dopo due giorni da DIO in solitudine per fronteggiare il post parto, è stata la compagna di camera di cui ho dovuto lamentarmi. 8 parenti in camera di continuo, invadenza della madre della ragazza continua, non potevo mangiare, dormire che partoriva il cellulare dopo le suonerie angoscianti, ma l'ospedale in quei giorni era al collasso che a momenti partorivano in corridoio e non è colpa del personale. Per cui niente stanza singola ahimè. Ho visto ostetriche distrutte uscire dalle sale parto come zombie per reggere la mole di lavoro e io ero policlinico non centro nascite dove chi lo sceglie, sa cosa sceglie. L'ostetrica della sala parto è venuta a trovarmi e spero di incontrarvi presto ragazze, ma fuori eh dalla sala parto, è ancora prestino per un bis! Auguro a tutte di avere la mia esperienza, ma CAMERE SINGOLE e/o compagne di camera normali! ma è stato un caso e non ero l'unica degente con questo disagio, il giorno dopo i corridoi urlavano che c'era troppa gente nelle camere!!!! Grazie al personale, anche del nido per l'assistenza e la comprensione.

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Disorganizzazione

Esperienza estremamente negativa. Mia figlia stava per essere immolata sull'altare del parto naturale. Al terzo giorno di supplizio, ha invocato il cesareo.
In reparto le cose non sono andate meglio. Dulcis in fundo, le hanno dato una stanza senza aria condizionata e col bagno fuori. Centro di eccellenza? Non credo proprio. Esperienza da non ripetere.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Esperienza da dimenticare

Ho partorito al policlinico di Modena. Imputo alla poca professionalità del personale ostetrico e soprattutto alle sbagliate manovre eseguite dalla ginecologa, il danno al plesso brachiale riportato dal mio bimbo.
Le decisioni non sono state prese in modo tempestivo nonostante io abbia chiesto all'ostetrica del centro nascita di essere visitata da un ginecologo. Sì è intervenuti solo quando si è presentata l'emergenza nella disorganizzazione più totale. Per disincastrare il bambino si è usata ventosa e pressione con pugno sulla pancia.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Parto naturale

Ottima assistenza infermieristica e medica. Il 12 settembre era la data presunta per il parto. Già seguita dal Consultorio gratuitamente, ho iniziato il travaglio il 15 mattina, perso il tappo mucotico, le doglie le ho avute ogni mezz'ora, sopportabili; poi il 16 sera hanno cominciato i dolori con più frequenza ogni 3/5 minuti e sono andata in ospedale.
Mi hanno fatto una ecografia e monitorato il battito del bimbo. Ho aspettato dalle 7.00 di sera fino alle 3.00 del mattino per entrare in sala operatoria, ma ancora non ero abbastanza dilatata; ho richiesto l'analgesia epidurale, che mi è stata fatta un paio di volte fino alla dilatazione di 9 cm. e alle 6.30 del mattino ho partorito con parto naturale un bellissimo maschietto di 2,6 kg., che ho chiamato Cristian. Mio figlio è nato con il doppio giro di cordone ombelicale intorno al collo, che subito gli è stato tolto.
Non ho avuto punti perché il bimbo non era molto grande.
Grazie a tutte le ragazze tirocinanti universitarie e le ostetriche per l'assistenza straordinaria, davvero sono state tutte di grande competenza e gentilezza.

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Primo parto 4 gennaio 2018

Ho partorito il mio primo figlio con taglio cesareo programmato al Policlinico di Modena. L'intervento è andato benissimo ed il personale è stato eccellente, gentilissimo, premuroso ed attento a farmi trovare a mio agio.
Il disagio è iniziato quando sono andata in reparto con il mio bimbo.... Ostetriche maleducate e senza voglia di lavorare. Nessuno ti segue o ti aiuta per l'allattamento e per qualsiasi altra cosa, ti abbandonano completamente a te stessa rispondendo in modo sgarbato e scocciato. Sono stata ricoverata 3 giorni e non c'è stata una ostetrica con un minimo di umanità. Sconsiglio a tutti il policlinico di Modena e consiglio a chi di dovere (in caso ci sia qualcuno addetto a questo) di controllare il lavoro delle ostetriche perché una maleducazione e non curanza del genere non le trovo giustificabili. Tra 5 mesi diventerò mamma per la seconda volta e starò ben lontana dal policlinico.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

GRAZIE

Sono arrivata in ambulanza da altro ospedale per mancanza di incubatrici e sono rimasta nel reparto di ostetricia più di un mese. Personale umano a 360 gradi. La dottoressa Bertucci ci rimarrà sempre nel cuore. La mia bimba è nata il 2 gennaio e siamo state coccolatissime. Molto bello inoltre che il familiare possa rimanere tante ore in reparto.

Patologia trattata
Diagnosi prenatale.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Esperienza assolutamente positiva

La mia era una gravidanza a rischio per via della placenta previa centrale, motivo per cui sono stata sottoposta ad intervento di taglio cesareo programmato a tre settimane prima del termine.
Non posso che parlare bene del personale e dell'assistenza ricevuta sia in sala operatoria che in reparto. Ho letto diverse recensioni che lamentavano personale di reparto distaccato e incompetente, ma personalmente in 4 giorni di ricovero ho avuto a che fare solo con persone gentili e disponibili, oltre che preparate. Bravissime anche le ostetriche più giovani.

Patologia trattata
Parto cesareo programmato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Reparto ostetricia ottimo

Ho partorito al policlinico di Modena. Il reparto è a dir poco fantastico, mi sono trovata benissimo e sia io che la mia bimba siamo state trattate benissimo. Le ostetriche che mi hanno seguita dal termine gravidanza (per rialzi pressori) fino al parto naturale, sono state bravissime e le considero le altre mamme di mia figlia! Consigliatissimo!

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Primo parto

Ho partorito naturalmente la mia prima bimba circa 3 settimane fa, e non posso che dire che tutto il personale del reparto sono state FANTASTICHE... dal pre ricovero al parto, alla degenza post parto. Ostetriche bravissime, competenti e sempre pronte a dare supporto. Non posso far altro che consigliare a tutte la struttura! Ottima!!

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Primo parto

Bruttissima esperienza nel reparto di Ostetricia.
Investite di più nel rapporto umano cari medici ed ostetriche ed in competenza (risutura episiotomia 2 volte)!
La donna nel post partum va tutelata, aiutata, supportata con terapie appropriate ed educazione. Aspettiamo 9 mesi.. investiamo i nostri sogni per goderci i nostri figli!
Cambiate, migliorate... Questo non è il vostro giuramento?
Altre donne non devono rivivere la mia esperienza.

Patologia trattata
Primo parto.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Tutto è bene quel che finisce bene...

Sono arrivata al pronto soccorso alle 06:00, avevo rotto le acque a casa. Subito dopo mi visitano, mi ricoverano e mi danno una stanza. Da lì a poco partono le contrazioni, vicine, frequenti e dolorose.. Vengono molti medici a visitarmi, mi dicono che sono entrata in travaglio. Una infermiera mi propone una doccia calda.. io accetto! Le contrazioni si sentono molto meno nonostante ci siano...! Ricorderò quella doccia durata più di mezz'ora per tutta la mia vita.. Una volta uscita dalla doccia e ritornata in stanza, mi rivisitano e decidono di portarmi in sala parto, dove conosco degli angeli, uno staff meraviglioso.. Mi ricorderò a vita di due tirocinanti, Elisa e Alessandra, che mi hanno aiutata in tutto e per tutto: massaggi, parole di conforto, posizioni più comode. Insomma, sostegno sia fisico che morale. Ma la mia bambina di nascere proprio non ne voleva sapere..
Al cambio turno conosco altri medici e altre infermiere, ma il tempo trascorso con loro fortunatamente è stato minore. Dopo varie visite decidono per il cesareo.. così dalle sei del mattino il mio dolore finisce solo alle 23:40, quando la mia bambina è venuta al mondo.. e solo allora si sono accorti che aveva tre giri di cordone ombellicale attorno al piedino..
Anche in sala parto tutti molto carini, gentili e disponibili.
Alle 2:00 di notte mi riportano nella vecchia stanza dove avevo passato tutto il pomeriggio, mi lasciano lì una oretta con la bambina e mio marito, poi mi assegnano una stanza. Da lì il mio ricovero di tre giorni e posso parlare bene dei medici della sala parto, non posso dire lo stesso di quelli del reparto: tutti freddi, scostanti e, ad eccezione di qualcuno, nessuno mi ha dato una mano con la bambina (neanche se stai male, neanche se hai fatto un cesareo.. te la devi cavare tu e solo tu..).
La mia esperienza del ricovero è totalmente da dimenticare.. a questo punto la notte potrebbero anche far rimanere qualche parente, così da avere una mano d'aiuto visto che di aiuto non se ne ha proprio...

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

CENTRO NASCITA MODENA

Ringrazio il Centro Nascita di Modena e l'ostetrica Giulia.
Dopo aver avuto un'assistenza ostetrica privata (a pagamento) non idonea, ho scelto di intraprendere il percorso del parto totalmente naturale, contrariamente a quanto mi era stato indicato.
Ho partorito con poco dolore, nessun punto in sole 2 ore dall'arrivo al policlinco.
Grazie all'ostetrica Giulia per il supporto psicologico e per aver fatto fare tutto a "me".
Contenta di non aver fatto un parto sul "lattino d'ospedale", lo ricorderò sempre come uno dei giorni più belli della mia vita.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Parto cesareo

Pessima l'assistenza medica, infermieristica ed ostetrica, con personale maleducato, poco professionale e spesso in contraddizione l'uno con l'altro. Spesso si viene lasciati in mano a specializzandi senza supervisione alcuna. Personalmente non mi sono trovata bene.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Parto Indotto - Sala parto e reparto eccellenti

Non posso che parlare bene del Reparto di Ostetricia e Ginecologia del Policlinico di Modena. Ho avuto un parto indotto (il bimbo non voleva nascere ed ero una settimana oltre il termine) e nonostante fosse Agosto 2016, in giornate di ferie del personale e di altissimo numero di partorienti - sono entrata alle 7.00 del mattino e mi hanno indotto alle 19.00 perchè tutte le sale parto erano occupate - non posso davvero lamentarmi, anzi!
Le sale parto sono tante e hanno dentro tutto quello che serve: il bagno, ad esempio, poi ci sono palla, sgabello olandese, anche stereo per la musica e bruciatore di essenze se si vuole. Di fianco alle sale parto ci sono le sale operatorie, al piano superiore c'è la neonatologia... insomma: è un ospedale di terzo livello pulito, equipaggiato, con il massimo disponibile per una nascita sicura e per un intervento rapido per ogni complicazione. Il reparto è pulito, con arredi nuovi - le camere sono da 1, 2, 3 e 4 persone, praticamente tutte con bagno all'interno (per dire, i sanitari sono sospesi - l'arredo è decisamente nuovo) e tutto il personale, nonostante ci fosse il pienone, ha fatto il possibile per esaudire ogni mia richiesta. Ad esempio le ostetriche di notte mi hanno insegnato ad usare il tiralatte e ad alimentare il mio bimbo con dito e siringa, visto che non riusciva a prendere il capezzolo. A volte alcune ostetriche erano stanche e un po' veloci... ma chi non lo sarebbe con tante donne da gestire in pieno marasma estivo? Bisogna essere realisti e oggettivi: non siamo in una SPA o in un hotel, ma in un ospedale.
Non sono però mancati anche i momenti di chiacchiere con pediatri o ostetriche, che entravano in camera e chiedevano "Come stai, mamma?". E quel "Come stai?" era vero, e non riguardava soltanto il dolore dei punti post parto. Infatti una sera ho anche fatto 5 minuti di chiacchiere con un'ostetrica confidandole alcuni miei timori (ero in pieno calo ormonale) e mi sono fatta un bel pianto, e lei mi consolava.. Decisamente devo dire che il personale cerca di fare del suo meglio, sempre, e di trattare le donne e i bambini come PERSONE e non come pazienti.
Voglio ringraziare in particolare le ostetriche Grazia Lanni e Ramona Infante della sala parto: nonostante io fossi totalmente fuori di me dal dolore, loro mi hanno aiutato e guidato con fermezza, competenza e senza mai fare mancare il sorriso e l'umanità. Mi sono sentita sicura, in ottime mani e soprattutto in mani gentili e rispettose.
Consiglio fortemente il Policlinico a tutte le future mamme - se potete fate anche il corso preparto con le ostetriche del policlinico, che vi porteranno anche a vedere reparto, sala parto...

Patologia trattata
Parto fisiologico indotto.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

P.S. OSTETRICO

Mi sono recata al p.s. ostetrico per delle perdite continue che avevo da diversi giorni. All'accettazione mi guardano dicendo in modo scocciato che si deve venire solo in presenza di perdite ematiche abbondanti e dolori addominali (sì, in pratica quando abortisci!). Mi hanno fatta aspettare oltre due ore per dare priorità ai parti e, quando mi hanno chiamata per la visita, c'era una dottoressa che si vedeva che ne sapeva ben poco.. infatti mi faceva domande assurde tipo "hai l'utero retroverso?"- questo perché faceva fatica a capire da dove venisse il sanguinamento. Mi inserisce lo speculum e dice che è tutto ok.. utero chiuso.. tutto bene. Estrae lo speculum (pieno di sangue rosso vivo) e mi dice che è normale perché ho una piaghetta e sanguina così, mi rimanda a casa e mi fa pure pagare il ticket della prestazione perché il sangue non veniva dall'utero. La sera, a casa, avverto dei dolori costanti al fianco sinistro accompagnati da sanguinamento e la mattina dopo mi sveglio con altrettanti sintomi, alchè la sera decido di recarmi ad un altro p.s., dove visitandomi ero in piena emorragia per aborto incompleto (ma comunque avevo già espulso gran parte del materiale a casa) e i medici che mi hanno assistita erano increduli perche' sicuramente l'aborto era già in atto da prima e loro non lo hanno visto!
Grazie alla loro bravura ora ho abortito.

Patologia trattata
Perdite di sangue in gravidanza.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Solo fortuna

Sono stata ricoverata domenica 6 marzo verso le 7 di mattina. Siamo usciti e la mia bimba sta bene solo per fortuna. Per fortuna lunedì mattina in turno nella sala parto è arrivata un'ostetrica con ESPERIENZA, perché essendo passate 24 ore il travaglio non andava avanti e il battito della mia bimba era molto basso. Per fortuna quest'ostetrica ha avuto le palle a dire alla giovane dottoressa che dovevano tirare fuori la mia bimba subito. Per fortuna c'era l’ostetrica "nonna", perché la mia bimba era più legata di un salame e non sarebbe mai venuta fuori senza un intervento, un cesareo.
Serve l’esperienza per capire quando si può e non si può aspettare. Non si può affidarsi solo sulla fortuna.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Straordinario centro nascite

Voglio ringraziare tutte le ostetriche del centro nascite per avermi permesso di fare un parto naturale indipendentemente dal mio protocollo di appartenenza. Grazie Simona per l'accoglienza, grazie Giulia per l'ASSISTENZA durante le spinte. È un percorso che consiglio a tutte le mamme seriamente motivate e predisposte al parto naturale, perché le ostetriche sono molto disponibili e competenti.

Patologia trattata
Parto fisiologico naturale.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Esperienza 100% positiva

Ho partorito qui il mio primo figlio a 42 anni in data 26/09/2015.
All'Ostetrica ANNA della Sala parto un enorme GRAZIE per la sua professionalità e cura con la quale mi ha guidato durante il travaglio. Grazie a lei è stato un parto veloce e senza problemi. Ha assecondato tutte le mie richieste e mi ha fatto vivere questa esperienza meravigliosa nel modo più naturale possibile.
Tutto lo staff della Ostetrica dopo era attento è disponibile. Mi sono trovata bene e mi sono sentita seguita.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Pessimo pronto soccorso ostetrico

Ho avuto 3 figli al Policlinico di Modena, l'ultimo 11 anni fa e fin lì tutto bene!!!
Sono ritornata sabato al p.s. di ostetricia perchè mi sono accorta di essere incinta e con tante perdite di sangue e grumi... Sono arrivata alle 11.38 e alle 16.30 ancora non sono stata visitata da nessuno! Quando ho chiesto, mi è stato dello che le gravide avevano la priorità e che avevo ancora 3 codici verdi d'avanti, quindi il mio turno non sarebbe ami arrivato visto che le donne col pancione continuavano ad arrivare.
Sono andata via dopo aver litigato con la dottoressa.
Lunedì sono andata dalla mia ginecologa, ma era in ferie, allora sono andata al consultorio dove mi hanno detto che manco mi guardavano e che nelle mie condizioni (quasi 7 settimane) dovevo andare al pronto soccorso per accertare se avevo un aborto in atto, o se avevo già abortito e c'era bisogno del raschiamento. E così ho fatto: arrivata alle 16.30, alle 20.30 ancora nulla e quando le gravide erano esaurite, la dottoressa si dileguava; arrivavano le gravide e mi passavano d'avanti. Un INCUBO! Alle ore 21.30, grazie ad un occhio di riguardo, mi hanno visitata - 10 minuti in tutto - mi ha visitato la dottoressa di turno non la specializzanda, direi competente e gentile. Hanno impiegato 10 minuti del loro tempo per dirmi "aborto parziale e fare l'indomani dosaggio betahcg".
Ecco fatto, una persona in meno che aspetta!!

Patologia trattata
Aborto.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Partorire al centro nascita

Ho partorito ad ottobre del 2014 il mio terzo figlio e sono tornata al centro nascita (era nato lì' anche il mio secondogenito). Mi sono trovata molto bene, Serena - l'ostetrica di turno - mi ha davvero coccolata, rassicurata e fatta sentire come a casa. Consiglio a tutte le future mamme di partorire al Centro Nascita.

Patologia trattata
Parto naturale terzo figlio.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Parto cesareo

Ho scelto di partorire al policlinico di Modena nonostante sia distante più di un'ora da dove vivo. Ho partorito il 1/07/2015 con parto cesareo e devo dire che lo rifarei.
Seguita dalla dottoressa Bertucci (super brava e professionale) durante il parto mi rassicurava e mi "spiegava cosa stava facendo", mentre l'anestesista e' stato bravissimo: epidurale nemmeno sentita! Successivamente in camera ad ogni necessita' le ostetriche son pronte ad intervenire e sono tutte gentili - ovviamente in quanto essere umani anche loro possono avere attimi di stanchezza proprio per il tipo di professione e di responsabilità che hanno ogni giorno.
La ripresa dopo il cesareo è stata rapida, la sera stessa dell'intervento camminavo avanti e indietro nei corridoi. Lo rifarei senz'altro.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Parto cesareo

Ho partorito venerdì scorso con un cesareo programmato al Policlinico. L'equipe in sala parto è stata impeccabile, hanno gestito il mio picco di tachicardia e pressione diventati poi quasi collasso senza dover ricorrere alla anestesia totale. L'anestesista mi ha tenuto la mano e raccontato il parto passo dopo passo, quando è nata la mia bambina mi hanno subito informata sul suo stato di salute. Il papà ha assistito alla prima profilassi ed ha avuto la possibilità di assisterla nelle prime ore al nido. Le ostetriche sono preparatissime, non ricordo i loro nomi ma non dimenticherò mai la ragazza che in piena notte mi ha dato consigli sull'allattamento. Medici giovani e umani, che spesso conta più questo in un medico. Certo, la mia ripresa sarà ancora lunga e il cesareo è un intervento a tutti gli effetti e non è giusto sparare a zero su tutti.
Se avessi seguito i consigli della gente, non ci avrei mai messo piede!

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Viva il Sud!

Ho partorito nel 2012 (per la precisione il 10 marzo di quell'anno) una bambina meravigliosa, fortunatamente nata sana. Ho solo un'espressione ricordando tutto... SCHIFO! E poi si lamentano degli ospedali del Sud!? Mi sono ritrovata, subito dopo la nascita della bambina (nata di 4 chili) in sala operatoria per una lacerazione al collo dell'utero. Avrei dovuto denunciarli, ma non l'ho fatto.
Qualche giorno fa, per un aborto interno (cosa non piacevole per una donna), mi sono ritrovata nuovamente ad avere a che fare con loro. Siamo entrati, io e mio marito, alle 7:30 di mattina e siamo usciti all'una di notte del giorno dopo. Non mi hanno considerata per niente! Per dimettermi mi hanno mandata al pronto soccorso ginecologico e anche lì non ho avuto un trattamento migliore. E poi vi vantate tanto? Di che cosa? Inoltre l'ospedale è sporco e fatiscente...

Patologia trattata
Aborto.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grande professionalità, ottimo reparto

Ho passato mesi a leggere commenti negativi sul Policlinico come reparto di ostetricia e ginecologia. Alla fine però mi sono convinta a partorire qui perché ogni parto e ogni esperienza è a sè. Con il senno di poi devo dire che lo rifarei altre 100 volte! Il reparto è nuovo di zecca, le camere sono grandi luminose e pulite. Alessandro è nato il 05.09.2014 con un parto naturale nel reparto "normale" di ginecologia. Credo di essere stata anche abbastanza fortunata, perché dall'effetto o ricovero ci sono volute 6 ore, ma non so come avrei fatto senza la Signora Silvia, ostetrica formidabile e di esperienza.
Anche i giorni successivi devo dire di essere stata seguita molto bene da tutte le ostetriche incontrate nei due giorni di degenza. Tutte molto gentili e competenti. Grazie a loro posso allattare naturalmente il mio cucciolo, che all'inizio sembrava non volerne sapere. C'è all'interno del reparto un'area dedicata al l'allattamento dove poter essere seguita 24 ore su 24. Ottimo! Ringrazio davvero tutto il personale per avere reso questa esperienza indimenticabile!

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Le ostetriche dovrebbero cambiare mestiere

Ho partorito al Policlinico di Modena all'inizio di quest'anno con cesareo programmato. La dottoressa presente in sala è stata molto brava (essendo programmato però ho potuto definire prima chi mi avrebbe operata, altre non sono state così fortunate). Le ostetriche invece dovrebbero cambiare mestiere per il bene delle pazienti ricoverate in quel reparto: scostanti, superficiali, maleducate.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Assolutamente sì

Ho partorito naturalmente a inizio gennaio. Le contrazioni sono iniziate il sabato e sono stata in costante contatto con le ostetriche del centro nascite, tutte disponibilissime. Al lunedì avevo la visita di controllo (l'ultimo termine 41+5 era mercoledì) e da lì hanno deciso di tenermi dentro ed eventualmente di indurmi il parto il giorno dopo. Alle 19.30 si rompono le acque. Perciò vengo accompagnata nella stanza del centro nascite e tenuta in costante monitoraggio sia dalle ostetriche del centro nascite, che dalla ginecologa di turno (per vedere che il bimbo non avesse problemi dovuti alla perdita delle acque). Ho visto penso tutte le ostetriche del reparto, perchè dal lunedì ho partorito il martedì pomeriggio alle 17.00. Ma devo dire che ognuna di esse a modo suo è stata fantastica e mi ha sempre sostenuto in tutto il travaglio. Quando siamo andati in reparto, per ogni minima cosa di cui avessi bisogno, anche se non era presente mio marito, le ostetriche e infermiere del reparto c'erano, a qualsiasi ora della notte. Bisogna solo avere pazienza e provare a mettersi nei panni di chi ha tante persone da gestire. Io tornerei lì e a tutte coloro che me lo chiedono consiglio questo reparto.

Patologia trattata
Parto naturale al centro nascite.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Reparto di Ostetricia Policlinico di Modena

Ho partorito con parto naturale il 3/07/2014 e posso dire di aver avuto una assistenza meravigliosa e assidua, durante il parto e anche dopo. Le ostetriche, tutte gentili e disponibili, hanno saputo sostenermi anche nei momenti di sconforto durante il travaglio. Ringrazio in particolar modo una studentessa del terzo anno di nome Laura, che ha dato ulteriore valore aggiunto a tutta la meravigliosa esperienza. Unico neo, la camera in reparto, piccola, senza bagno e fasciatoio dentro.

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Buona assistenza ma un po' disorganizzati

Cominciamo con il dire che ho fatto il corso pre parto con un'ostetrica del policlinico e mi è piaciuta tantissimo, esperta, schietta, competente, utile, consigli pratici che ho seguito con successo, insomma: lo rifarei subito.
Ho partorito il 21 agosto un po' in anticipo, quindi sono stata un po' in patologia con ostetriche e dottoresse (tutte molto carine e disponibili) e lì mi faccio la prima parte di travaglio (grande fortuna, ero da sola in tutto il reparto! Quindi doccia tutta per me, camera tutta per me ecc. ecc.). Poi mi trasferiscono in sala travaglio parto, sono stata lì tutta la notte perchè ho partorito la mattina dopo, quindi ho visto due turni. Personalmente davvero sono stata soddisfatta, e anche la tanto temuta tirocinante era gentilissima, prima di fare medicinali di ogni genere mi è stato chiesto, ho tenuto la posizione che volevo io, insomma: ero arrivata piena di paure rivelatesi infondate.
Altra storia il reparto, tantissime mamme e poche ostetriche super impegnate, però anche qui ci sono le eccezioni, alcune molto carine che mi hanno spiegato tutto e sono state lì a cercare di fare attaccare mia figlia al seno, altre molto più sbrigative... Direi complessivamente una buona esperienza, ma penso di avere capito che dipende un po' da chi trovi, e dipende molto da quello che vuoi te. Io per esempio dovevo dare il latte a mia figlia con il tira latte, una ostetrica mi ha dato il biberon subito, un'altra mi ha consigliato il metodo siringa per non abituarla al biberon se no ciao tetta, insomma: secondo me il reparto è buono ma come tutti i grandi ospedali hanno molto da fare e non sempre le ostetriche e i medici di reparto seguono tutti in reparto la stessa linea...
Ma per la mia esperienza ci tornerei e, se avessero la piscina per il parto in acqua, ancora più volentieri!

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Tutto bene sino a quando non arrivi in reparto

Purtroppo seconda esperienza negativa.
Il primo figlio 2 anni fa. tTutto bene in sala parto, per vie naturali. Quando arriviamo alle 21.00 in reparto, l'ostetrica che ci prende in carico dice a mia moglie "quello è il letto, adesso prendi la bimba, lavala, cambiala e allattala" e va via... personalmente non sapevamo da dove iniziare, e devo ringraziare la vicina di letto che ci ha dato assistenza. Il giorno successivo il bambino non ne voleva sapere di attaccarsi, e l'unica opzione fornitaci era quella di andare al tiralatte e allungare con l'artificiale. Ci siamo autodimessi e abbiamo richiesto un aiuto privato per insegnarci le manovre di allattamento (e se uno te le spiega con calma ci metti due ore ad imparare). Da notare che nella stanza da 4 in cui eravamo, tutte tranne mia moglie sono passate all'artificiale. La mia ha retto perchè le dicevo di fregarsene dei consigli vessatori delle ostetriche, che dicevano che il bimbo non mangiava a sufficienza dal seno e quindi di dare una integrazione con l'artificiale.
Per il secondo figlio ritorniamo al policlinico, anche per problematiche del bimbo, e il trattamento non cambia. Poca assistenza, il personale che ti si rivolge come se fossi uno scocciatore a priori e con aria seccata. Bisogna augurarsi di non avere bisogno di loro, e di essere dotati di taaanta tranquillità propria, anche perchè loro te la levano con le loro indicazioni contrastanti.

Se potete andate a partorire da un'altra parte, io non ho mai visto un cosi basso livello di professionalità nel personale.... avranno anche le competenze, ma non hanno voglia di esprimerle. Evidentemente il reparto di degenza non è gestito a livello apicale, ma è lasciato in mano a ostetriche- infermiere.
P.S.: io sono un medico.

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Trauma da parto

Dopo una gravidanza fisiologica, quasi 40ENNE, ho partorito 2 anni fa (2011) il mio primo e unico figlio in questo ospedale senza la partoanalgesia, proprio per non complicare e allungare il periodo espulsivo, o rendere difficile l’interpretazione del tracciato a causa dei farmaci anestetici. Il bimbo aveva 2 giri di cordone, uno al collo e uno a bandoliera, che determinava una deflessione della testa che gli impediva di impegnarsi nel canale del parto, rimanendo alto nella pelvi. Non mi hanno informato di questo (cioè che il bambino non scendeva nonostante la dilatazione completa), né del fatto che già da parecchio tempo anche il tracciato non era normale e hanno aspettato che arrivasse una bradicardia (tra l'altro trascurata per 20 minuti) per poi piazzarmi frettolosamente una ventosa alta con annessa ampia e profonda episiotomia e spinte sulla pancia.. Il bimbo è sano per miracolo (perchè poi si è ripreso), io ho perso 1,2 litri di sangue e mi ritrovo con una doppia incontinenza (urinaria e anale) e ho avuto un disturbo post traumatico da stress per il quale sto facendo terapia con psicofarmaci e psicoterapia. E perchè mai un parto del genere? Non si poteva fare un cesareo? Credo che ci fossero le indicazioni, il tempo e i mezzi per effettuarlo. In quel reparto si ha una specie di ossessione per la riduzione dei tagli cesarei. Per me un’assistenza da terzo mondo.
Il dato oggettivo (si vedano i CeDAP, o certificati di assistenza al parto, regionali) è il fatto che al diminuire della frequenza dei tagli cesarei, soprattutto al Nord, aumentano di pari passo i parti strumentali vaginali (con ventose e forcipi) che tanto danno fanno alla salute psico-fisica della donna a breve e a lungo termine, senza che la donna ne venga informata e di cui nessuno parla.
Per ciò che riguarda l’assistenza in reparto, essa rispecchia la superficialità e l’incompetenza della sala parto.
Più che di bollini rosa, io parlerei di bollini neri.
Saluti, Jean do-

Patologia trattata
Primo parto.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Il mio parto? Indimenticabile

Ho partorito al policlinico di Modena il 12 giugno 2013. Sì, qualche disagio c'è stato con il personale medico, ma tutto abbastanza regolare; solo il medico che mi ha fatto la prima visita è stato un po' brusco nei modi di visitare e nel parlare (l'ho però rivisto all'ultima visita, prima del rientro, e i suoi modi erano completamente cambiati: forse la mia tensione, o forse per lui un giorno no). Sono entrata in ospedale nel primo pomeriggio, le acque si erano rotte la mattina alle 8.00... Ma io ero molto tranquilla e mi sono preparata con calma perché non avevo contrazioni, che sono cominciate verso le 15.00 e dopo tante...... sono riuscita a fare epidurale che avevo prenotato con il corso al policlinico. Speravo di partorire in modo naturale, ma dopo 18 ore ho fatto taglio cesareo di emergenza. Sembra che in gravidanza io abbia preso troppo ferro e l'utero si sia così contratto, quindi sono rimasta dilata solo di 4 cm.... Sembrava sempre che dovevo partorire da un momento all'altro, invece... forse anche per l'epidurale (che però non era stata inserita bene) ho frenato completamente il parto! Io mi sono trovata molto bene con il personale della sala parto, sala molto accogliente ed organizzata, ed anche con le ragazze che ti assistono, non le dimenticherò mai!!! Dolcissime e sempre pronte a sostenermi!!
Nonostante il cesareo, se dovessi tornare a partorire, tornerò a Modena.. Grazie a tutte per la mia bellissima Camilla.

Patologia trattata
Parto naturale, poi diventato cesareo di emergenza.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
3.0

Il mio parto è stato un incubo..

Il mio parto è stato la trasformazione in realtà di tutti i miei incubi. Innanzitutto sono arrivata al PS per un controllo ed ho rotto le acque durante un tracciato. Quindi subito ricoverata e partenza immediata delle contrazioni ogni 3 minuti. In mezz'ora ero già dilatata di 3 cm. Ho chiesto immediatamente l'anestesista per l'epidurale, ma non solo sono stata trattata malissimo, ma non l'hanno chiamato (l'ostetrica ha fatto chiaramente capire che "col cavolo che te lo chiamo adesso"). Non è valsa a niente l'insistenza mia e di mio marito per chiamarlo, sono passate più di due ore, quando è arrivato ero già di 8 cm. e si è rifiutato di farla, quindi sono stata costretta a fare un parto naturale!!! È assurdo che ti garantiscano l'epidurale (io ho partorito a Modena solo per questo motivo) se poi fanno di tutto per non fartela. Il mese prima alla visita anestesiologica mi disse proprio una anestesista di insistere, perché le ostetriche tergiversano molto quando è il momento di chiamarli, sono convinte sul parto naturale e, come fanno ampiamente capire durante il corso pre-arto, se non sentì dolore sei una madre di serie B!!!
Dopo un'ora e mezza di spinte in cui imploravo dicendo che non ce la facevo più e venivo puntualmente ignorata, finalmente è nata la mia bambina.. 45 minuti di punti interni.. la macchina per controllare se la bimba aveva avuto sofferenza fetale rotta.
In reparto il commento delle ostetriche al primo controllo è stato una osservazione sul colore naturale dei miei capelli (spero di essermi spiegata senza entrare nel dettaglio sulla dinamica dell'osservazione).
Bagno fuori dalla camera alla portata di parenti esterni, sporchi, senza sapone e soprattutto con acqua fredda sia per me che nel fasciatoio per la bambina!
Ho ripetuto per due giorni le mie allergie alimentari e per due giorni mi hanno portato praticamente tutto a base di quegli alimenti..
Di notte le ostetriche scocciatissime quando le chiamavi, il bambino dal momento della nascita ti viene dato e te la devi vedere da sola per tutto, senza contare che dopo un parto una mamma può essere in difficoltà fisicamente.
Insomma, a distanza di due mesi il ricordo del mio parto è un incubo, mi sono sentita umiliata e impotente. Hanno rovinato il giorno più importante della mia vita e ringraziare il cielo che sia io che la mia bambina stiamo bene, perché non è certo grazie a loro.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Ecografia prenatale

Io sono quasi al nono mese di gravidanza e già da un po' vengo a Modena per farmi dei controlli perché hanno scoperto che mia figlia ha una cisti ovarica.... Devo fare una semplice ecografia di cinque minuti e basta, l'unica cosa che non capisco è perché farmi aspettare più di due ore se debbo fare un semplice controllo... Non è la prima volta che succede, questa è la quinta volta che mi fanno aspettare così tanto.. E in più il dottore arriva quando pare a lui...

Patologia trattata
Cisti ovarica.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
3.0

Molto bene

Il mio parto è stato fantastico e l'approccio all'allattamento molto naturale. Le ostetriche della sala parto sono tutte molto carine; le ostetriche del reparto gentili e presenti. Io sono stata bene! Ho trovato più maleducata la mia compagna di stanza..

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Trauma che non dimenticherò mai

Partiamo male già in gravidanza; a 5 mesi mi reco al pronto soccorso diverse volte lamentando un dolore atroce tra le scapole (circa) e affanno fortissimo... puntualmente mi attaccano una flebo di tachipirina, mi rispondono che sono in ansia per il parto (???) e che il dolore alla schiena è dovuto dalla pancia e mi rimandano a casa... Ad ogni modo, dopo 1 settimana di "visite" al pronto soccorso, trovo gente competente che non mi scambia per una pazza e mi trovano un focolaio al polmone; così mi faccio 12 giorni di antibiotico...
A gennaio 2007 mi si rompono le acque alle 7.00 del mattino e corro al policlinico... già all'accettazione rabbrividisco dalla poca voglia di dialogo... e da lì inizia il mio incubo peggiore... sempre collegata a quella macchina infernale che non ti fa muovere e poi mai nessuno in stanza. Poco dopo pranzo iniziano le contrazioni forti, sempre più forti, sempre più vicine. Nessuno resta in stanza con me... in corridoio non passa mai nessuno, il medico di turno quel giorno è stato scortese ed indifferente, mi visita dopo praticamente averlo pregato (erano àgia' passate una decina di ore da quando mi si erano rotte le acque, la dilatazione era a 9 cm., ma la creatura, come tante ore prima, dista ancora 2 cm... Inizio a chiedere il cesareo e il medico dal corridoio con la porta aperta guarda l'ora e dice "io stacco tra 15 minuti per cui non la opero"; vorrei prenderlo e metterlo al mio posto per fargli capire cosa si prova nell'impotenza totale... Ad ogni modo arriva il medico del turno successivo e, grazie a dio, senza troppi giri di parole mi dice ok, si va in sala operatoria... Io sono sola, giovane e terrorizzata... Ad ogni modo mi fanno il cesareo e da lì l'incubo continua... in reparto l'ostetrica dice che io non posso aver scelto di fare il cesareo... Presso il nido poco interesse e assistenza nell'allattamento zero... tanto che al momento delle dimissioni non si era ancora attaccata e, se non fosse stato per un angelo di ragazza che mi insegna a darle il biberon nella nursery, io sarei impazzita... Vado a casa con la montata lattea, il seno duro che credo mi scoppi... un dolore insopportabile, il latte non esce neanche col tiralatte e il giorno dopo, senza assistenza, rinuncio a poter allattare per cercare di stare meglio e la ginecologa mi prescrive delle pastiglie per mandare indietro il latte... In tutto ciò al mio rientro a casa, il cesareo mi fa infezione e dopo 6 mesi mi operano d'urgenza di appendicite... Detto ciò, la struttura sarà sicuramente nuova e attrezzata e qualche medico sicuramente bravo e volenteroso, ma qui c'e' una mentalità completamente sbagliata e le cose non cambieranno mai..

Patologia trattata
Primo parto.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Il mio parto è stato un incubo

Sono arrivata in ospedale alle 7.30, mi hanno confermato che si stava preparando il parto, avevo perso il tappo mucoso ed avevo una dilatazione di 2 cm... Mi hanno scollato le membrane e rimandata a casa. Alle 13.00 torno in ospedale, la dilatazione non è aumentata, ma mi dicono di rimanere nella sala d'aspetto e camminare... alle 19.30 il ricovero, ma la dilatazione procede lentamente. Di notte chiamo il medico che mi dice di prendermi una camomilla e farmi un giro, senza neanche visitarmi; alle 7.30 del mattino del 9/9 passa un medico, guarda il tracciato e dice di non staccare l'apparecchio, ma nessuno mi visita... Alle 13.00 finalmente qualcuno mi visita, ho 6 cm. di dilatazione, quindi aspetto pazientemente... Mi affidano ad un'ostetrica, che però nel giro di mezz'ora sparisce e.. chi l'ha più vista... Arriva un'altra ostetrica che si ferma lì con me e cerca di assistermi. Le dico che non ce la faccio più, che non ho chiuso occhio e sono tanto stanca. Arriva una dottoressa (specializzanda in formazione), alla quale faccio notare che nel tracciato del mio bimbo ci sono dei picchi che vanno verso il basso, mi dice di stare tranquilla, dopo poco le faccio vedere che è successo ancora... mi attaccano l'ossitocina, sono a 7 cm., entra un altro medico gli dico che non ce la faccio più e che mi sento svenire, ho freddo e non riesco a smettere di tremare... Un'ostetrica mi risponde "ma che avete oggi che state tutte a tremare", il medico esce dalla stanza e dica alla specializzanda di rimanere sempre con me, dopo poco la specializzanda esce dalla stanza con in mano il tracciato e subito dopo rientra il medico a dirmi che andiamo in sala operatoria subito, di stare attenta alle contrazioni, di "trattenerle". Mentre mi portano in sala operatoria, l'ostetrica mi dice "se ti viene da fare la cacca spingi". Io ho dato ascolto al medico. Alle 19.40 mio figlio è nato con taglio cesareo. Ci dimettono dopo tre giorni, dopo poche ore siamo di nuovo in ospedale, mio figlio resta in pediatria, con bambini di 11 anni, perchè ha sovraccarico ventricolare destro e sinistro causato molto probabilmente da un'ischemia cardiaca transitoria alla nascita (consulenza di cardiologia del Sant'Orsola) e nessuno se ne era accorto o ci aveva detto nulla.

Patologia trattata
Parto naturale divenuto cesareo d'urgenza.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
3.0

Bravissimi in sala parto - degenza da migliorare

Ho partorito il 9/12/2012 al Policlinico di Modena, in sala parto è tutto andato benissimo, ho trovato assistenza, professionalità e tanta umanità. Le ostetriche e i medici mi hanno dato assistenza continua per tutto il parto e nell'immediato post parto. Insomma, niente da dire, tutto perfetto!!!!
Il reparto purtroppo è arrangiato e i bagni in comune sono veramente pessimi, ma le ostetriche mi hanno riferito che finalmente il 14/12/12 avverrà il trasloco di nuovo al 6° piano e tutte si augurano un ritorno alla normalità. Comunque esperienza tutto sommato positiva!!!

Patologia trattata
Parto naturale.
Guarda tutte le opinioni degli utenti