Ginecologia Ospedale Ascoli Piceno

 
3.5 (19)
Scrivi Recensione
Il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell'Ospedale C. e G. Mazzoni di Ascoli Piceno, situato in Via degli Iris 1, ha come Direttore F.F. il Dott. Giampiero Di Camillo (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Il reparto fa parte del Dipartimento Materno infantile e si distingue per l'eccellenza nell'ambito della ginecologia oncologica. Prestazioni ambulatoriali: Ambulatorio Divisionale, Servizio di Ecografia, Servizio di Flussimetria Ostetrico– Ginecologica, Servizio di Medicina Prenatale (amniocentesi), Servizio di Menopausa, Servizio di Sterilità, Servizio di Oncologia Ginecologica, Servizio di Isteroscopia, Servizio di Cardiotocografia, Centro di Prevenzione Oncologica Femminile, Servizio di Uro-Ginecologia, Corsi di Preparazione alla Nascita. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici Dott. Bruno Bruni, Dr.ssa M.Grazia Bernardini, Dr.ssa Brutti Eleonora, Dott. Giovanna Calvieri, Dr.ssa. Natascia Collevecchio, Dr.ssa. Valentina De Lellis, Dott. Marco Grassi, Dr.ssa. Sara Lorenzi, Dr.ssa. Paola Manieri, Dott. Daniela Stacchiotti, Dr.ssa Paola Vitali, Dr. Stefano Morini.

Recensioni dei pazienti

19 recensioni

 
(6)
 
(4)
 
(5)
 
(4)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.5
 
3.3  (19)
 
3.3  (19)
 
4.0  (19)
 
3.3  (19)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie al dr. Grassi per il parto naturale

Ringrazio pubblicamente il dott. Marco Grassi per la sua immensa bravura, ne avevo solo sentito parlare ma ho avuto la fortuna di incontrarlo e posso confermare che è davvero il MIGLIORE. Se non ci fosse stato lui non so come sarebbe andata a finire... La situazione in sala parto si stava complicando perché la testa del feto si era incastrata, non scendeva, il battito del suo cuoricino iniziava a decelerare e non si poteva perdere tempo. Il dr. Marco Grassi era in sala operatoria e l’hanno chiamato perché non sapevano più cosa fare..
Lui e SOLO LUI, con l’ausilio della ventosa, è riuscito a farmi partorire spontaneamente, contro il parere di ostetriche e altri colleghi medici presenti, per i quali l’unica soluzione era il cesareo. Grazie dottore per tutto, l'ho sentita l’ostetrica quando le ha detto:” di medici come lei qui ne servirebbero altri dieci”.
Per noi donne sapere che nel nostro ospedale c'è un medico del suo calibro, non può che rincuorarci. Per me lei è stato un vero angelo custode!

Patologia trattata
Parto con ventosa.


Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

Isteroscopia

Per un sospetto di polipo endometriale, mi sono affidata al Dott. Marco Grassi, che mi ha prima sottoposta ad una isteroscopia diagnostica (è stato super delicato e scrupoloso) e poi mi ha operata. L'intervento è andato benissimo, nonostante le grandi dimensioni del polipo.
Grazie infinite dottore per la sua grande competenza, mi avevano detto che era un bravo medico ma non credevo a tali livelli, ma anche per la vicinanza emotiva a me e ai miei familiari, visto che ha saputo rassicurarci nonostante fossimo molto preoccupati, soprattutto mamma.
Un grazie va anche a tutto il reparto, mi sono trovata molto bene.

Patologia trattata
Polipo endometriale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Intervento in laparoscopia

Prima di essere ricoverata per un intervento in laparoscopia, ho letto le recensioni di questo reparto perché non sono mai stata in questo ospedale (visto che è a quasi 1 ora e mezza da casa mia) e volevo avere un idea dalle esperienze già passate da qualcuno, ma ad oggi posso solo dire che non rispecchiano per niente la realtà!!! Personalmente qui ho trovato un'aria familiare e molto amorevole... a partire dalla preospedalizzazione con la dolce Maria Rita (dalla prima telefonata con lei ho capito di che meravigliosa donna fosse... e infatti non mi sbagliavo), ma anche le dottoresse, le infermiere e le ragazze che tutti i giorni puliscono la stanza e portano i pasti. È vero, càpita l'infermiera che non gliene va neanche di ascoltarti (in 4 giorni ne ho vista solo una spazientita), ma anche in quel caso è bastato darle il buongiorno per addolcirla. Per il resto ho incontrato uno staff di una grazia, gentilezza e dolcezza disarmanti!! Hanno reso veramente piacevole la mia permanenza!! Ragazze continuate così, perché rimarrete nel cuore di chi passa da questo reparto e io di sicuro non vi dimenticherò mai. Infine il mio ringraziamento più grande va al dottore più in gamba (e anche più bello) che conosca, il dott. Andrea Chiari, che è stato il mio angelo e la cosa più bella che mi potesse capitare. Grazie di cuore a tutti.
Fiorellino (cit. M.Rita)

Patologia trattata
Formazione cistica non chiara.


Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Cisti ovarica

Mia mamma è stata operata per una cisti ovarica ed è andato tutto benissimo. L'operazione è stata eseguita dal ginecologo dr. Marco Grassi, che ha seguito ed operato mamma e si è dimostrato una grande professionista, disponibile ed umano. Dopo l'intervento è venuto in stanza per valutare personalmente la situazione. Ci siamo trovati davvero bene, tutto il personale è molto cortese, ricordo in particolare l'ostetrica Simona (simpatica e molto brava) e la dottoressa Manieri, anche lei molto dolce.
Grazie di cuore a tutti, reparto fantastico.

Patologia trattata
Cisti ovarica.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Reparto meraviglioso

Un reparto unico, sono stata ricoverata 2 volte, la prima volta per delle coliche renali, l'altra per partorire. Dottori sempre disponibili, staff gentile e sempre attivo. Se potessi, darei 10 a tutto.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Parto naturale

Dopo tante tante ore di travaglio, con un'ostetrica praticamente assente, ho avuto un parto che è stato un incubo e nel momento di mettere i punti, perchè mi ero lacerata, la dottoressa di turno (e non faccio nomi, ma la conoscono tutti) per mettere due punti ha dovuto chiamare un collega, perchè diceva che non ci riusciva. Ma se ci fosse stata una vera e propria urgenza, cosa sarebbe accaduto? Mio marito, che era presente, era incredulo a quello che stava avvenendo.

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Primo ed ultimo parto in questo ospedale

Sono arrivata in ospedale la domenica sera con delle contrazioni, l'ostetrica Fulvia gentilissima mi ha fatto il monitoraggio ed effettivamente si stava preparando, ma non era ancora ora... Torniamo a casa, durante la notte le contrazioni sono aumentate, così il lunedì alle ore 12:30/13:00 decidiamo di tornare in ospedale (alle 6:00 avevo espulso il tappo). Le contrazioni erano dolorose ma non insopportabili, suoniamo il campanello e un'ostetrica ci apre la porta chiedendo cosa succedesse, ma ci invita ad attendere fuori perché i monitor erano momentaneamente occupati e, senza neanche accertarsi della mia dilatazione, mi lasciano con le contrazioni per mezz'ora nel corridoio. Alchè il mio compagno bussa insistentemente e apre una dottoressa, che ci invita ad avere calma ed appena liberati i monitor mi avrebbero fatta entrare. Passa un'altra mezz'ora circa e finalmente monitor. Dopo 45 minuti torna l'ostetrica dicendo che non risultavano contrazioni "per partorire"; addirittura mi chiede se le avessi contate e quante erano... Finalmente una dottoressa mi visita, essendo a 3 cm. mi dice che va tutto bene ma che potevo tornare a casa perché ancora mancava. Io mi rifiuto e chiedo di essere ricoverata. Quasi scocciata mi dice che mi ricoverava per farmi stare tranquilla, ma che dovevo stare calma e tranquilla (quasi a dire, non ci scocciare). Tutto questo alle ore 15.00. Alle 17.0 chiamo l'ostetrica, Romina, bravissima e gentilissima, che mi ha seguito per tutto il travaglio massaggiando la schiena e tranquillizzandomi. Entriamo in sala travaglio alle 17.30 e verso le 20.00 inizio a sentire il bimbo spingere con la testa, la ragazza si assenta 5 minuti lasciandomi con un'altra ostetrica che è stata pessima, non mi ha rivolto parola, prendeva solo il battito senza dire "a". Le dico a quel punto "mi brucia, sento spingere la testa", la sua risposta è stata " si mo vedi quando esce la testa come ti brucia, questo non è niente"... Io chiedo cosa devo fare e lei risponde "niente vedi tu". Vedi tu cosa ?! Torna l'altra ostetrica e chiede se mi avesse controllato la dilatazione e io, che nel frattempo stavo già spingendo, le dico che non aveva fatto assolutamente nulla! Ero a 10 cm., mi portano con il letto in sala parto e per ben due volte la testa del mio piccolo si è affacciata per poi rientrare, un dolore atroce, nessun aiuto. Mi fanno mettere in piedi appoggiata al letto e dopo qualche spinta finalmente nasce il mio piccolo, immediatamente preso e portato a pulire... Torna e lo appoggia sotto la lampada termica senza neanche avvicinarsi, io lo guardavo da lontano non avendo la forza di muovere un solo muscolo... La signora ostetrica, e non faccio nomi, se ne va perché erano le 21.30 e alle 22.00 c'era il cambio turno, passando davanti ai miei genitori senza dire nulla e andandosene! Nel frattempo mi stendo e il dottore mi mette i punti, tanti punti senza che io abbia ancora avuto modo di abbracciare mio figlio! Nel frattempo si accorgono che non avevo l'ago canula, quindi in caso di emorragia non oso immaginare cosa sarebbe potuto succedere e come avrebbero potuto salvarmi, visto che in quel caso prendere la vena senza che si rompa è alquanto improbabile (informata da un cardiologo).. Comunque io piangevo non per il dolore, perché ero sconvolta da tutto ciò, alchè il mio compagno chiede se può prendere il bambino per farmelo vedere, il dottore risponde "ah sì sì puoi appoggiarglielo lì"... mentre continuava con i punti.. Da quel momento mi sono tranquillizzata, ma mai e poi mai dimenticherò queste cose che mi hanno profondamente segnata! Romina è rimasta con me fino alle 23.00, accompagnandoci fuori insieme alle due ostetriche del turno successivo, tutte gentilissime - dovrebbero essere tutte così umane le persone che hanno a che fare con un momento così delicato e indelebile per ogni neomamma!
Ringrazio Romina e Annarita (che mi ha aiutata con l'allattamento nei giorni successivi) per la gentilezza e professionalità, ma per il resto, a parte 3- 4 persone, è NO COMMENT... Io ho chiuso con questo reparto! PESSIMA ESPERIENZA.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Parto cesareo

Durante l'ecografia morfologica presso il reparto di ginecologia la dottoressa mi ha consigliato un'ecografia 3d per approfondimenti perchè lei sospettava che il feto avesse il labbro leporino. Ho prenotato, a pagamento, l'ecografia 3d al "centro le palme" e la dottoressa che ha fatto l'ecografia (completa di flussimetrie ed ecocardio fetale) ha smentito e mi ha detto che queste semplici malformazioni si vedono con una normalissima eco di 1° livello, ma bisogna avere occhio.... Però il dramma come dicevo è avvenuto in sala parto. Sono stata ricoverata sabato mattina 7 maggio (2016) verso le 8.30. Per fortuna la domenica mattina in sala parto c'era un'ostetrica bravissima, che con grande professionalità, dopo che erano passate 24 ore, si è accorta che il travaglio non andava avanti e il battito della mia bimba era molto basso, ha preso di petto la dottoressa (la stessa dell'ecografia) che quel giorno era di guardia che, invece di rassicurarmi, si è dimostrata ansiosa, diceva che la situazione era troppo critica, si stava mettendo male e bisognava chiamare il primario. Invece l'ostetrica ha avuto il coraggio e la lucidità di dire che la bambina doveva essere tirata fuori immediatamente col cesareo. Per fortuna che c'era l'ostetrica, perchè se avessero aspettato ancora la mia bambina non ce l'avrebbe fatta, perchè quando è stata tirata fuori aveva un giro stretto di cordone al collo.
Ringrazio l'ostetrica che è stata il nostro angelo.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Ostetricia

Sono stata seguita durante la gravidanza dalla dr.ssa Bernardini e mi sono trovata bene, lei è brava, poi anche l'ostetrica che c'era durante il parto è stata molto capace. La mia è stata un'esperienza positiva, forse sono stata anche fortunata, la bambina è nata senza il minimo problema. Però penso che in questo lavoro, come in molti altri, la cosa che fa la differenza sia l'esperienza: sei bravo in base all'esperienza che hai, questa è la regola un po' per tutti i lavori, ma soprattutto per chi fa il medico. Poi quello che dice la gente è un'altra cosa, che sceglie un medico in base alla simpatia. Mia cugina fa da poco l'infermiera in ospedale e me ne racconta di cose e, mi dispiace dirlo, ma in ginecologia ad Ascoli di medici bravi ed esperti ce ne sono troppo pochi. A parte i dottori più anziani, ma le altre hanno sempre e solo lavorato ad Ascoli, essendo così giovani, quindi l'esperienza dove l'hanno fatta? Non è una critica, però mi piacerebbe che il mio ospedale avesse persone più preparate.

Patologia trattata
Parto.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

La mia esperienza

Una domenica pomeriggio di qualche mese fa ho accusato un grande dolore lancinante all'altezza dell'ovaio sinistro, mio marito mi ha subito accompagnata al pronto soccorso e da lì ci hanno mandato in ginecologia. Quella domenica sono stata visitata da una dottoressa giovane (vorrei fare il nome ma va a finire che mi becco una denuncia per diffamazione) maleducata e scocciata, mi ha fatto una visita-ecografia approssimativa senza capire minimamente cosa avessi e mi ha mandata a casa dicendomi che non avevo niente, e se il dolore continuava di prendere un Ibruprofene. Qualche giorno dopo sono stata vista in ambulatorio dal dott. Grassi, che mi ha diagnosticato una cisti endometriosica - confermata anche dalla mia ginecologa, la dr.ssa Corradetti, che lavora al Salesi ma riceve anche ad Ascoli. Ringrazio sia il dr. Grassi che la dr.ssa Corradetti, che con estrema gentilezza e professionalità hanno saputo individuare da subito il problema. Un appunto invece per la GIOVANE GINECOLOGA che mi ha vista quella domenica pomeriggio: cara dottoressa, che vai dicendo in giro per Ascoli di essere una brava ecografista, dovresti imparare un po' di umiltà e trarre insegnamento da chi ha più esperienza di te.

Patologia trattata
Cisti endometriosica.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Parto naturale

Sono stata seguita alla prima gravidanza dalla dott.ssa Stacchiotti. Alla 38esima settimana il mio medico di base mi prescrive i monitor; lei era in vacanza e non aveva lasciato un sostituto! Mi presento in reparto a fare il monitor a 38+3 giorni e il Dott. Belli (con aria presuntuosa) mi rimanda a casa dicendomi di tornare dopo una settimana perchè era troppo presto! Quindi niente monitor! A 39+2 mi si rompono le acque, vado in reparto e trovo di nuovo lui, il Dott. Belli, che con la sua solita arroganza (prima gravidanza e avevo 23 anni) con tono scorbutico mi dice di tornarmene a casa. Fortunatamente passa di lì il Dott. Bruni, che con gentilezza mi chiede cosa avessi, mi visita, appura la dilatazione dell'utero e mi ricovera! E' iniziato il travaglio! Ho fatto 24h di travaglio, dolori forti, sono arrivata in sala parto senza più le acque e senza quasi nessun dolore. Dicevano che essendo il primo figlio dovevo aspettare e che il bambino era troppo grande! Fortunatamente quella notte di turno vi era ancora il Dott. Bruni, che decide di un eventuale cesareo se non fossi riuscita naturalmente, ma l'ostetrica di turno con aria superficiale fa notare che dopo tutte quelle ore dovevo partorire naturalmente punto e basta! La mattina la Dott.ssa Stacchiotti passa in camera e nemmeno mi riconosce, dopo 8 mesi di visite e bei pagamenti!
Le ostetriche dei turni seguenti, a differenza di colei che mi ero ritrovata la notte, sono state gentilissime e dolcissime. I miei genitori che erano rimasti fuori tutta la notte nell'attesa hanno elogiato il Dott. Bruni per la sua sua tranquillità e del fatto che li andasse ad informare dell'andamento ogni tot di tempo. Ora sono alla seconda gravidanza ed ho scelto il Dott. Bruni, alquanto scrupoloso in tutto e per tutto, e mi ci trovo bene. Il secondo parto non è avvenuto ancora, vi faro sapere anno nuovo!

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Dott. Grassi eccellente

Io sono stata seguita dal dr. Marco Grassi e sono rimasta davvero soddisfatta. Considerando che venivo già da due aborti spontanei, ero piena di dubbi, paure e perplessità, ma lui è stato sempre disponibile e puntuale nelle risposte! Il giorno in cui ho partorito (era un sabato pomeriggio) non era di turno, ma quando l'ho avvisato che era arrivato il momento, è venuto lo stesso in ospedale e mi ha assistita in sala parto fino a quanto non è nata la mia bimba, Giada. Grazie ancora dr. Grassi per la professionalità e lo spesso umano, qualità rare di questi tempi!

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Esperienza positiva

Anche io come Ilaria ho avuto 2 parti cesarei eseguiti dal Dott. Bruni, che mi aveva seguita in entrambe le gravidanze.
Il primo cesareo era programmato, il secondo no e, nonostante il Dott. Bruni fosse in ferie per motivi familiari, ha risposto alla mia telefonata e si è precipitato in ospedale, visto che i medici in servizio non se la sentivano di operarmi poiché temevano complicazioni. L'operazione è durata pochissimo e tutto è filato liscio. Raccomando a tutti il Dott. Bruni, medico professionale, scrupoloso e umano.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Reparto ottimo

Ho partorito 2 volte con parto cesareo in questo reparto (a distanza di 14 mesi) e mi sono trovata benissimo; sono stata seguita e operata entrambe le volte dal Dott. Bruni in modo eccezionale e scrupolosissimo. La prima volta il dottore ha capito subito che la bimba stava entrando in sofferenza fetale e mi ha operata di notte d'urgenza, mentre la seconda volta ho rotto le acque di notte e il dottore è rientrato in ospedale per operarmi personalmente.
Il resto del personale (medici, ostetriche e infermiere) mi è sembrato anche molto preparato e sempre disponibile.
Volevo ricordare le due puericultrici, la signora Liana e Annamaria (mi pare), due persone meravigliose e molto pazienti.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Scandaloso

Due giorni di pronto soccorso al ritorno da un viaggio, con ritorno fatto in condizioni pietose.
Il primo giorno in cui sono arrivata al pronto soccorso di ritorno dal viaggio, mi hanno sballottata da chirurgia a ginecologia senza capire cosa avessi. fatte due ecografie transvaginali, niente di anomalo. A chirurgia mi dicono che non sembrerebbe appendicite. Mi mandano a casa. Sono tornata la notte con dolori lancinanti, mio padre ha chiamato l'ambulanza, loro hanno chiesto quanti anni avessi, alla risposta 35 anni, hanno detto a mio padre che a 35 anni potevo essere in grado di andare con le mie gambe per dei dolori addominali. Mio padre si è arrabbiato, sono venuti a prendermi, io non avevo la forza neanche di parlare dopo tre giorni di dolori fortissimi. Mi hanno ricoverato d'urgenza per operarmi d'appendicite. Per fortuna avevo mangiato due fette biscottate e thè, sperando di migliorare la situazione, visto che erano due giorni che non mangiavo, e quindi hanno aspettato il giorno successivo. Il giorno successivo tre chirurghi sono venuti a visitare l'anomalo caso, uno dei quali ha ribadito che non era appendicite. Mi riportano a ginecologia, dove ho visto davanti ai miei occhi, ormai stremata, una stanza piena di gente, 4 medici e due infermiere. Un'altra ecografia tranvaginale, dove 4 incompetenti emettono la diagnosi: infiammazione delle tube e cura antibiotica. Successiva valutazione per asportazione tuba, diagnosi annunciata da un medico con superbia, freddezza e con tono soddisfatto. Allora me ne vado dall'ospedale con ambulanza, pagata privatamente, e vado a Bologna al Sant'Orsola, dove tre anni prima mi avevano operato per endometriosi con ottimi risultati; tra l'altro l'endometriosi mi fu diagnosticata a Bologna, perché ad Ascoli non avevano mai visto nulla, nonostante ogni anno mi sottoponessi a controlli e manifestassi fastidi. Arrivata a Bologna mi ricoverano, alla prima ecografia transvaginale il dottore diagnostica emorragia interna per rottura di una cisti ovarica. Cinque giorni di ricovero, antibiotici e le tube restano però al posto loro. Il dottore di Bologna, quando ha saputo la diagnosi fatta ad Ascoli, ha riso ironicamente coinvolgendo le sue collaboratrici stagiste, di cui mi fiderei più dei medici di Ascoli, presuntuosi e incompetenti. Volevo denunciarli, ma ho lasciato stare, quando passa la malattia e va a buon fine tutto, poi hai voglia di pensare ad altro.

Patologia trattata
Dolori addominali acuti.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0

Morte alla 40esima settimana

Otto mesi fa ho perso il mio bambino dopo una gravidanza normalissima di nove mesi vissuti meravigliosamente. Il ginecologo una settimana prima della data presunta mi fece un ultimo controllo {superficiale, frettoloso e distratto come al solito}, mi disse che andava tutto bene, anche se io feci presente che da qualche giorno il bambino si muoveva meno spesso e con un po' meno forza... É NORMALE!!! PIÙ CRESCE E PIÙ HA MENO SPAZIO PER MUOVERSI, mi disse.
Ho 27 anni ed era la mia prima gravidanza, mi fidai di quelle parole e tornai a casa felice, anche perchè fisicamente stavo benissimo. Qualche giorno dopo una mattina mi svegliai con un forte dolore alla parte bassa della schiena, cercai invano di contattarlo e alla fine corsi in ospedale credendo che di li a poco il mio angioletto sarebbe nato.. Invece in reparto quasi quasi mi cacciavano via... pensando che fossi la solita donna incinta lagnosa e ansiosa che si agitava inutilmente per un comune mal di schiena.. Alla fine mio marito alzò la voce e così ci fecero entrare con aria di sufficienza. Io nel frattempo mi piegavo dai dolori. Mi attaccano al monitor e mi danno la notizia... niente più battito fetale! Immediatamente Mi indussero il parto e quella notte ho partorito il mio piccolino nato-morto. Il ginecologo ancora irraggiungibile si presentò con un ritardo vergognoso.. e non si era mai accorto di niente.. che il bimbo soffriva, che aveva smesso di crescere da tempo e che la mia placenta si fosse rovinata, impedendo la nutrizione e la corretta ossigenazione.

Patologia trattata
Morte endouterina.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Ostetricia ginecologia

Mia sorella si era affidata alle cure della dottoressa Stacchiotti (dottoressa del reparto ginecologia dell'ospedale di Ascoli). Una settimana prima della constatazione della morte intrauterina, alla 39a+4 era andata ad una visita dicendo che era tutto ok, che la bimba era pronta e che tutto procedeva per il meglio. Ma non era così perchè la settimana seguente non ha più sentito i movimenti ed è stata constatata la morte della bimba.. la dottoressa non era di servizio, ma è stata subito chiamata cercando di avere una spiegazione e anche un appoggio morale, ma ci ha detto che non sarebbe venuta fino alla mattinata seguente, quando mia sorella sarebbe stata già in travaglio... quindi quella sera non si è fatta vedere in reparto per controllare di persona la situazione o per dare conforto ad una ragazza di 25 anni che, alla prima gravidanza, si trova davanti questa tragedia... Comunque ci hanno detto che è una cosa che poteva succedere. Io però mi chiedo, siamo sicuri che una settimana prima non si potesse fare qualcosa? che la dottoressa non sia riuscita a capire qualche problema della bambina?

Patologia trattata
Morte intrauterina.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Ecografia primo trimestre

aspettato 3 ore, nonostante avessi appuntamento da mesi, per poi vedermi fare un'ecografia in 2 minuti nemmeno, senza nemmeno aver la possibilità di ascoltare il cuore... Ho chiesto come avrei potuto fare la translucenza nucale, mi è stata presa allora una unica misurazione che attesta che la plica nucale era spessa 0,8 ed il bambino lungo 5 cm. da testa a coccige. Due giorni dopo sono andata a pagamento, ci hanno messo 45 minuti a farla, il bimbo risultava di 8 cm. e la plica nucale era 2,5... in più ero più di una settimana avanti, cosa che in 2 minuti al Mazzoni nessuno aveva notato. Lo stesso ginecologo ASL ha dato per buona l'ecografia a pagamento invalidando quella ASL che è stata solo uno spreco di tempo per me e di soldi per lo stato!

Patologia trattata
ecografia primo trimestre.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Eccellente reparto

In questo reparto ho partorito mia figlia 5 anni fa e mi sono trovata benissimo. Non solo ho trovato personale competente, ma anche tutti sorridenti e disponibili.

Patologia trattata
Parto cesareo.