Oncologia Ospedale Como

 
3.2 (14)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia dell'Ospedale Sant'Anna di Como, situato nella nuova sede di San Fermo della Battaglia in via Ravona, ha come Direttore responsabile la dottoressa Monica Giordano. L'Unità Operativa cerca di garantire le migliori cure possibili nell'ambito della patologia neoplastica solida ed ematologia, utilizzando le più aggiornate tecniche diagnostiche e terapeutiche. Il ricovero in degenza ordinaria è finalizzato alla gestione del paziente neoplastico che non può ricevere cure efficaci ed efficienti in regime di Day Hospital ed ambulatoriale, a causa delle complessità ed intensità delle procedure terapeutiche, delle condizioni cliniche e patologiche. Il Day Hospital è dotato di 5 poltrone, utilizzate per le terapie più brevi, e 6 posti letto, utilizzate per le terapie più lunghe e per i pazienti clinicamente più compromessi. Fanno parte dell'equipe medica dell'unità operativa i dottori Bianchi Raffaella, Bolzacchini Elena, Epifani Raffaella, Gini Gigliola, Luchena Giovanna, Marussi Desirè, Pugliese Palma.

Recensioni dei pazienti

14 recensioni

 
(2)
 
(5)
 
(4)
 
(3)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.2
 
2.7  (14)
 
2.6  (14)
 
4.4  (14)
 
3.2  (14)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Ricovero per grave malattia

Mio figlio è stato ricoverato in oncologia per qualche giorno. Abbiamo avuto a che fare soprattutto con la dott.ssa Pugliese, per la quale vocaboli come disponibilità, empatia e comprensione paiono pressoché sconosciuti. Addirittura infastidita alla richiesta legittima di ulteriori spiegazioni.
Ci siamo inaspettatamente trovati a dover gestire una situazione gravissima, ma non abbiamo trovato alcun tipo di supporto morale.
Con il trasferimento in Medicina, perlomeno abbiamo avuto la possibilità di chiedere e di essere ascoltati.
Personale infermieristico e non, e tirocinanti sempre disponibili.
Mi assumo la piena responsabilità di quanto sopra esposto.

Patologia trattata
HCC.


Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Chemioterapia adiuvante K mammella

Oncologhe un po' frettolose nelle visite e di poche parole per quanto riguarda le spiegazioni sugli effetti collaterali della chemio.
Molta rigidità nell'applicazione del protocollo di cura e valutazione degli esami per effettuare la terapia, diversa a seconda del medico.
Empatia per il paziente pari a zero.
All'opposto, il personale infermieristico è stupendo, disponibile, gentile e molto presente, da lodare per l'impegno costante.

Patologia trattata
Carcinoma mammella.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

GRAZIE

Mia madre è in cura in questo reparto ed è stata accolta fin dal principio con professionalità, dolcezza e rispetto. Ogni persona dell'entourage sembra abbia un ruolo preciso e molteplice: i volontari danno gran sostegno ed esempio di coraggio; le impiegate dell'amministrazione sempre molto gentili; le infermiere persone meravigliose che incoraggiano mia madre con parole e molti gesti professionali e teneri, ci sono sempre, instancabilmente presenti, coordinate da una donna che è un portento, una caposala sempre accogliente che ha parole di conforto per mia madre esattamente come i componenti del suo gruppo. Sempre pronte a supportare e comprendere mia madre ed in realtà anche me.
Arrivo alle dottoresse, che sono sempre centrate su mia madre, sulla sua salute fisica in primis e sulla sua salute mentale, sono disponibili all'ascolto con la capacità anche di fare battute per strappare un sorriso a mia madre anche quando il loro sguardo emana tristezza; sono sempre in grado, nonostante i tanti pazienti, di ritrovare quella centratura per concentrarsi sul paziente di fronte a loro... E' proprio vero quello che ha detto UNA di loro, che "è proprio difficile e faticoso tornare a casa con tutta la sofferenza che vivono nella giornata".. e ne vivono tanta, e forse il loro apparente distacco non è altro che un modo per proteggersi rimanendo comunque molto presenti professionalmente e, per l'esperienza di mia madre, anche emotivamente. il reparto è guidato da un primario che, al di là del suo ruolo e della sua professionalità, è una donna umana e sensibile che coordina, per quanto ci riguarda, in maniera ineccepibile il tutto e anche qualora possono esserci ritardi nell'organizzazione, e a noi raramente è accaduto, è triste e spaventoso realizzare che la lungaggine è soprattutto dovuta alla presenza di tanti, troppi pazienti. Mia madre è la priorità per ogni oncologa che l'ha visitata e questo è per me e per tutta la mia famiglia un aspetto fondamentale. Ritengo importante inoltre segnalare anche che sia per mia madre che per me/noi famigliari è previsto, qualora si voglia, un sostegno psicologico, così che io e i miei familiari possiamo essere sostenuti nelle nostre ansie paure e impotenza, perché mia madre deve rimanere la priorità per le dottoresse e delle infermiere. Grazie.

Patologia trattata
Tumore al colon, metastasi a fegato e polmoni.


Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Figlio di paziente

Prima di dare i farmaci per la terapia domiciliare, le infermiere dovrebbero leggere attentamente le istruzioni della dottoressa di turno; fortuna che a me arriva tutto via internet, così via telefono posso avvertire mia mamma su cosa devono darle. Poi la dottoressa ti dice una cosa, l'infermiera un'altra. Va bene che la verità sta sempre nel mezzo, ma per una ammalata di tumore in chemioterapia un po' più di attenzione dovrebbe essere la parola d'ordine.
Un saluto a tutte le donne che operano nel reparto oncologico.

Patologia trattata
Tumore.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Non lo consiglio

Equipe medica fredda e scostante.
Il paziente è un numero, nessun contatto umano, i parenti sono invisibili, meglio non chiedere perché fanno fatica a rispondere. Applicano il protocollo e basta, nulla a che vedere con una professione che, soprattutto in questo campo, merita dedizione, rispetto e comprensione.

Patologia trattata
K gastrico.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Reparto da dimenticare

Mio marito è stato in cura presso questa struttura per più di tre anni. Fino a quando tutto è andato bene, sembrava fosse in mano a gente competente, ma quando si sono manifestati i primi problemi, ho potuto constatare (sono dottoressa anch'io, ma nessuno lo sapeva) la superficialità con cui veniva curato. Non parliamo della mancanza di umanità e dell'abbandono a sè stesso nei 20 giorni che intercorrevano tra una chemio e l'altra. A una mia telefonata di richiesta di parlare con una dottoressa, era sempre l'infermiera che rispondeva e negava qualunque contatto con le dottoresse, nonostante io dicessi che stava male. Dieci giorni fa ho dovuto ricoverarlo in ospedale (non a Como) ed è stato trovato in condizioni gravissime: esami sballati, proteina C reattiva altissima (valore da loro mai richiesto!), infezione polmonare, ritenzione di liquidi che le dottoresse risolvevano dicendogli di tenere le gambe alzate! Tengo a sottolineare che era stato visitato da questo meraviglioso staff solo 15 giorni prima e la primaria aveva detto che era tutto ok e che se avesse voluto, avrebbe anche potuto smettere la chemioterapia visto che era estate e magari voleva andare in vacanza! Domani ci sarà il suo funerale.

Patologia trattata
Tumore osseo.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0

Non lo consiglierei

Hanno atteso 10 giorni prima di trasferire mio marito al San Gerardo, sapendo già di non essere in grado di curarlo... Di conseguenza è arrivato con insufficienza renale e respiratoria.
Le dottoresse molto fredde e maleducate, umanità zero.. Controlli pochi e tempistica lunga.
Niente da dire invece sulle infermiere, molto gentili.
Questo reparto personalmente non lo consiglierei a nessuno.

Patologia trattata
Linfoma di Burkitt.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

SEI UN NUMERO E SUPERFICIALITA'

Da luglio sono presso questa struttura, provengo dall'INT di Milano. Al primo incontro tutto sorrisi e buona impressione (150€), poi cominciano i problemi la terapia è stata consigliata dall'Istituto, ne prendono atto e mi fanno cominciare, non si degnano di guardare una tac, cominciano degli effetti collaterali al farmaco e capisco che non riescono a gestire la situazione. Ricontatto io l'istituto che so mette in contatto con Como, ricado a fine novembre in un altro problema, sospendono la terapia ed ho un'infezione ad una cicatrice al ginocchio; durante le medicazioni una volta alla settimana la caposala chiama per diverse volte i "medici" per visionare la guarigione, ma NESSUNA si è mai degnata di venire a vederla. Umanità zero completo, competenza (almeno nel mio caso) zero, professionalità zero. Cari pazienti, se qualcosa non va come deve andare, alzate la voc,e non abbiate paura e ditegli che anche loro non sono esenti dall'ammalarsi e, una volta che si dovessero trovare dalla nostra parte, allora capirebbero come si comportano.
Quanto ho scritto è sotto la mia piena responsabilità.

Patologia trattata
Metastasi a polmoni e fegato, legato ad una nefrectomia del rene destro, inoltre intervento ad un sarcoma al ginocchio destro.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Non soddisfatta

Approccio umano direi inesistente, soprattutto da parte delle oncologhe!!!!

Patologia trattata
Tumore mammella.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Mancanza di umanità

Non sono in grado di giudicare dal punto di vista professionale, ma dal punto di vista umano proprio zero, ti guardano ma non ti vedono. Mi sono rivolta a un'altra struttura, dove ho trovato un altro approccio verso il paziente.

Patologia trattata
Leucemia.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ringraziamento

Sono stata appena operata per la terza volta ad un tumore alla mammella, vorrei ringraziare tutti i medici ed il reparto di Chirurgia 3 dell’Ospedale Sant’Anna di Como che hanno permesso un buon esito del mio intervento ed una splendida guarigione!!!
Vorrei ringraziare in particolare i Dottori: Monica Giordano, Aldo Battaini (chirurgia), Tommaso Guzzetti (chirurgia plastica) e Stefano Di Giulio che mi hanno accompagnata in questo doloroso e difficile percorso, con affetto, competenza, estrema professionalità ed umanità che raramente ho avuto modo di incontrare.
Grazie, grazie di cuore
Como, 28.09.2012 un mese dalla operazione.

Patologia trattata
Neoplasia ai quadranti superiori mammella sx (1989).
Recidiva K mammario dx: intervento di mastectomia dx (settembre 2012).
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Poca umanità

Le dottoresse, senza dubbio molto competenti, si sono dimostrate però distanti e fredde nei confronti del paziente e dei familiari... non ci eravamo mai sentiti cosi' soli e abbandonati...
Mentre il personale di reparto e' gentilissimo.

Patologia trattata
tumore al fegato.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

esperienza molto negativa

Mio suocero e' morto dopo un solo anno e mezzo dalla diagnosi. Le dottoresse del reparto hanno tentato di curare il mieloma con terapie vecchie di anni, mentre oggi esistono farmaci molto piu' efficaci gia' in uso in molti ospedali. Inoltre le dottoresse si sono dimostrate distanti e fredde nei confronti del paziente e dei familiari, mentre il personale di reparto e' gentilissimo.

Patologia trattata
Mieloma multiplo.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

esperienza negativa

Abbiamo avuto una pessima esperienza presso l'Ospedale S. Anna di Como. Per quanto riguarda la Dottoressa che mi ha preso in cura, non so che dire, a livello personale è una donna gentile e ben educata, a livello medico non mi è invece sembrata molto sicura nell'affrontare le situazioni; a me ha risposto piu' volte IO NON SO COSA FARE.. Cara Dottoressa, se non sa lei cosa fare, tenga presente che in altra struttura hanno fatto eccome!

Patologia trattata
tumore alla vescica.


Altri contenuti interessanti su QSalute