Pronto Soccorso S. Eugenio

 
2.6 (65)
Scrivi Recensione
Il reparto di Medicina d'Urgenza e Pronto Soccorso dell'Ospedale Sant'Eugenio di Roma, situato in piazzale dell'Umanesimo 10, ha come Direttore il Dott. Enrico Mirante. L'accoglienza del paziente avviene nell'area Triage, dove personale infermieristico formato e dedicato valuta il paziente per la corretta attribuzione del codice di priorità per l'accesso alla sala visita. La valutazione clinica ed il trattamento avviene nelle sale visita: la Sala Codici Rossi è riservata ai pazienti in condizioni critiche, la Sala 1 ai pazienti che necessitano di monitoraggio continuo dei parametri vitali. Presso la Sala 2 viene effettuata la valutazione ed il trattamento dei pazienti non urgenti. Fa parte dell'equipe medica la Dott.ssa Paola Barletta (responsabile UOS Medicina d'Urgenza).

Recensioni dei pazienti

65 recensioni

 
(15)
 
(7)
 
(4)
 
(25)
 
(14)
Voto medio 
 
2.6
 
2.8  (65)
 
2.4  (65)
 
2.8  (65)
 
2.4  (65)
Visualizza tutte le recensioni

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pessima esperienza

Desidero segnalare la pessima esperienza avuta al Pronto soccorso del Sant'Eugenio il 1 Gennaio 2020. 

Ho portato mia mamma di 83 anni per una sospetta frattura alla spalla destra.
Le hanno assegnato codice arancione, ma dopo molte ore di attesa nessuno l'ha chiamata, tanto che lei, stremata dal freddo e dalla tensione, è svenuta nella sala d'aspetto.
Abbiamo chiesto aiuto, ma nella sala d'aspetto non c'erano infermieri, né barelle disponibili. 
Si è offerto di aiutarci un operatore del 118 che ha procurato una poltrona a rotelle e portato mia mamma, come da indicazioni dell'operatore del triage che ci è venuto incontro, in sala 2. 
Qui, visto che mia mamma era  ancora quasi priva di sensi e non c'era personale che le poteva prestare soccorso, l'ho accompagnata ed ho potuto constatare la seguente situazione:

A) Pazienti con sospette malattie infettive messi accanto a pazienti con scarse difese immunitarie senza alcuno strumento di protezione o isolamento (es. c'era una signora affetta da leucemia che ha dovuto richiedere la mascherina per proteggersi perché era sdraiata accanto ad un signore con sospetta broncopolmonite).

B) Personale infermieristico aggressivo, scortese che alla mia richiesta di aiuto (ripeto: mia mamma stava riprendendo i sensi in quel momento) reagiva con fare scocciato e mi minacciava che non avrebbe trattato mia mamma se non fossi andata in sala di attesa, mentre nella stessa sala 2 era tollerata la presenza di altri parenti in condizioni di salute decisamente meno gravi.

In particolare un'infermiera ha dato le seguenti risposte:

-Ad un paziente che si sentiva male, e che non aveva risposto immediatamente ad una sua domanda, ha detto testualmente: rispondete alle domande c...o?

-Ad una persona che chiedeva una coperta perché la sala 2 era freddissima, ha detto: non abbiamo le lenzuola, figuriamoci le coperte.

- A me che le chiedevo, dopo 2 ore di attesa, solo informazioni generiche sulle condizioni psicologiche di mia mamma: Lei mi sta facendo perdere tempo. E quando le ho chiesto di darmi il suo nominativo o un suo numero di matricola, si è rifiutata.

Quando ad un certo punto sono riuscita ad intravedere mia mamma, ho potuto constatare che stava tremando dal freddo, era spaventata e disorientata. Mi sono infilata nella sala e le ho messo addosso la sua giacca. 

Sarebbe bastato che almeno ogni tanto avessero consentito il mio ingresso, anche solo per 1 minuto, perché io potessi coprirla e tranquillizzarla un  minimo.

Quando finalmente ho parlato con l'ortopedico (gentilissimo) che le ha fatto applicare il tutore, ho parlato con la dottoressa responsabile della sala 2 ed ho deciso di firmare per portare via mia mamma, nonostante fosse necessario fare un accertamento fondamentale (Tac torace per sospetta embolia polmonare) perché le condizioni di mia mamma, che è una donna forte e coraggiosa, erano diventate critiche (non le era più chiaro neanche dove si trovasse).
La TAC pertanto l'abbiamo dovuta effettuare a spese nostre il giorno successivo nella prima struttura disponibile.

Devo dire, per correttezza, che il personale medico incontrato è stato serio e professionale, ma non poneva in alcun modo un limite alla gestione surreale e sgradevole del personale infermieristico della sala 2.

Devo dire inoltre che entrambi gli operatori del triage incontrati sono stati estremamente seri, cortesi e professionali (ora del triage 18.32)

Conosco bene il Sant'Eugenio e so quanti reparti di eccellenza abbia, è un vero peccato che il pronto soccorso sia così poco all'altezza del resto della struttura. 
Ritengo inoltre, da contribuente, che la qualità del servizio riscontrata, il trattamento subìto, la maleducazione affrontata, la mancanza di rispetto dei diritti del malato, siano del tutto inaccettabili.

Patologia trattata
Frattura della spalla.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Pronto soccorso S. Eugenio

Personale a tutti i livelli disponibile, professionale e gentilissimo. Ottimo anche il reparto di medicina d'urgenza. Assistenza attenta e scrupolosa.

Patologia trattata
Emorragia al colon per pregressa polipectomia in paziente cardiologicamente delicato e scoagulato.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Vergognosa attesa

Ore e ore di attesa. Arrivato con Codice verde, ero terzo. Dopo 2 ore e mezza sono ora secondo. Giustamente i codici gialli e rossi hanno la priorità, ma da quando sono qui ne sarà arrivato uno al massimo.

Patologia trattata
Sospetta frattura.

Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Di Pronto non c'è nulla

Non c'è molto da dire, sono arrivato con mio suocero non deambulante per una caduta (con probabile frattura di femore o bacino, detto dallo stesso infermiere del triage) alle 19.00 del 14 novembre ed ho lasciato il pronto soccorso alle 05:15 del 15 novembre. Gli è stato assegnato un codice verde (sul quale non posso entrare nel merito). Nonostante la massima correttezza e gentilezza, totale indifferenza da parte del personale in servizio sia quello della sera, sia di chi ha fatto la notte. La mano destra non sa quello che fa la sinistra purtroppo. Dalle 7.00 di sera, la radiografia è stata fatta più o meno verso le 03.30 ed alle 5.00, solo dopo l'ennesima preghiera di conoscere cosa stesse succedendo, abbiamo saputo della frattura. Sottolineando che sia io che mia moglie dopo 10 ore dovevamo necessariamente rientrare a casa, l'infermiera di turno mi ha detto: vada pure e torni verso le 9.00 che ci sarà stato il consulto con l'ortopedico. Abbiamo chiesto di salutare il papà e ci hanno fatto entrare. Sorpresa, abbiamo incontrato il medico di turno che ci ha finalmente illustrato che cosa era successo e che probabilmente lo avremmo riportato a casa; ci ha consigliato di andare a riposarci qualche ora e di tornare verso le ore 12.00. Tornati a casa alle 6.00, ci siamo infilati nel letto esausti ed alle 8.00 ci hanno chiamato per andare a riprendere mio suocero. Si ha la netta sensazione di un apparato sottodimensionato di personale e quel poco che ci lavora (almeno per l'arco temporale relativo al mio caso) risulta scocciato, supponente, arrogante, menefreghista e privo di quella necessaria sensibilità che questo lavoro impone, trattandosi di persone che si trovano in momenti di sofferenza. A mio suocero alla fine è stata accertata una frattura al bacino. Scherzando con lui gli ho detto la mattina dopo: la prossima volta ti porto in un'altra provincia (Rieti, Terni, Latina, Frosinone) che facciamo sicuramente più presto.

Patologia trattata
Trauma da caduta, probabile frattura femore o bacino.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Recensione

Sono arrivata al PS con dolore al petto, nausea e sudori freddi... Dopo 15 minuti mi hanno fatto l'elettrocardiogramma, nel quale risultava una piccolissima anomalia, ma non mi hanno fatto alcun prelievo! Dopo 2 ore sono stata finalmente chiamata.

Patologia trattata
Dolore al petto, nausea, sudorazione fredda.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie dott.ssa Barletta

Medicina d'urgenza è un ottimo reparto, ben gestito e con grande disponibilità di chi ci lavora.
Un ringraziamento alla dott.ssa pAOLA Barletta: competente, disponibile, con grande umanità e con la passione per la sua professione che dimostra costantemente.
Mio figlio è stato ricoverato da loro e l'attenzione dei medici e infermieri è stata lodevole.

Patologia trattata
Lussazione vertebre cervicali.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Reparto svizzero

Sono stato ricoverato per 6 giorni nel reparto di medicina d'urgenza per un incidente che mi ha causato 4 costole fratturate e un pneumotorace. Mi è stato inserito un drenaggio nel polmone per evitare che collassasse e per consentire al polmone di "tornare a parete".
L'assistenza e l'umanità con cui sono stato trattato nel reparto della dott.ssa Paola Barletta è stato veramente eccezionale. Con uno slogan lo definirei "un reparto svizzero".

Patologia trattata
Frattura di 4 vertebre e pneumotorace.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Profonda insoddisfazione

Venerdì 23 agosto 2019 sono stata accettata al pronto soccorso del Sant'Eugenio tra le ore 10.00 e le ore 10.30 a.m. per una cosa in sé banale ma che non viene trattata dalla sanità privata, in particolare una ferita profonda da taglio all'indice della mano destra, causata da un coltello da cucina (incidente domestico) due giorni prima, e curata male a casa, sicché il taglio era aperto e infetto, e vi era sospetta lesione di un legamento. Preciso che non mi sono recata al pronto soccorso di mia iniziativa (avevo curato da sola il taglio) ma su indicazione del medico a cui avevo chiesto consiglio.
Mi è stato assegnato il codice verde con il n. 74, in un pronto soccorso piuttosto tranquillo e con pochi pazienti.
Ho atteso invano fino alle 20.30, quindi quasi undici ore, ricevendo pochissime informazioni sui tempi di attesa, e vedendo passare davanti a me non solo i codici rossi e gialli come da prassi, ma anche vari codici verdi (p. es. i numeri 76 e 100).
A fine giornata, sconfortata, ho rinunciato a farmi visitare, dato che i tempi di attesa restavano del tutto incerti e il personale a cui ho chiesto informazioni è stato piuttosto vago.
Il giorno successivo ho dovuto rivolgermi ad un amico medico in altro ospedale, dove sono stata medicata con immobilizzazione del dito, dato che il taglio profondo aveva raggiunto la capsula, e terapia antibiotica per prevenire infezioni.
In sintesi, ho atteso invano per quasi undici ore una prestazione sanitaria che potevo conseguire solo in ambito ospedaliero (dato che i centri medici privati non mettono punti di sutura né fanno questo tipo di medicazioni), non lo ha ottenuta da una struttura pubblica come da diritto costituzionale di cittadino italiano che paga le imposte, e ho dovuto mio malgrado ricorrere, more italico, al favore e all'amicizia.
Mi riservo di formulare una istanza di accesso agli atti per comprendere appieno le ragioni di una attesa così lunga e vana e i criteri di priorità con cui vengono trattati i codici verdi.

Patologia trattata
Ferita non rimarginata, infezione, gonfiore del dito, difficoltà a muoverlo.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Medicina d'urgenza

Un particolare encomio alla Dott.ssa Barletta Paola per la sua professionalità e umanità nella cura dei pazienti e nel supporto morale ai parenti.

Patologia trattata
Ictus.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

SE POTETE RECATEVI ALTROVE

Se si potesse, darei meno di una stella. Al di là delle carenze strutturali che credo siano visibili in tutti i PS della Capitale, salvo solo la gentilezza del personale infermieristico, per cui dò un 2 sull'assistenza. Per il resto il medico di turno non aveva voglia di visitarmi perchè a suo dire non avevo nulla (tamponata da altra auto). Ciononostante mi fa una RX e mi dà 3 giorni (infortunio sul lavoro che non verrà trattato da Inail in quanto troppo breve). Peccato che non si sia accorta che due dischi erano leggermente schiacciati, nonostante le avessi detto uno) che non avevo equilibrio, due) che avevo la parte destra del corpo dolorante.
Risultato: tre visite ortopediche private, risonanza magnetica sempre eseguita in regime privato, due mesi di farmaci, dopo quasi tre mesi mi attende ancora la fisioterapia e forse una visita dall'otorino.
Scrivo una segnalazione al primario, rimasta senza risposta.

Patologia trattata
TRAUMA DA INCIDENTE STRADALE.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Figlia di paziente

Ieri mattina mio padre, affetto da Demenza Senile degenerativa, morbo di parkinson vascolare e diabete, è stato portato al pronto soccorso. Noi familiari siamo stati con lui dalle 10.00 di mattina alle 20.00 di sera, quando dal medico di turno ci è stato riferito che lo avrebbero tenuto lì almeno per la notte (logicamente sedato perchè delirante e in preda ad allucinazioni). Allora abbiamo consegnato, così come richiesto da loro, tutte le medicine, ma CON MIA SORPRESA, arrivata a casa alle 21.00, ricevo una chiamata dall'Ospedale: una dottoressa tutta esterrefatta mi chiede se fossimo già andati via. Alla dottoressa ho fatto presente che il medico precedente ci aveva riferito che potevamo andare via e che per stasera lo tenevano lì! Mio padre ha bisogno di ricovero, ma per loro lo devo portare a casa, dove dai familiari non è gestibile. QUESTO è LA NOSTRA SANITA', le persone lasciate SENZA AIUTO. E' QUESTA E' LA SANITA' CHE PAGHIAMO? COMPLIMENTI.

Patologia trattata
Demenza senile degenerativa, Parkinson, diabete.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Vergogna

Una degrado senza fine legato a cattiva organizzazione e pessima educazione di personale paramedico e ausiliario...
Ore ed ore senza ricevere notizie nè assistenza e NESSUNA TRASPARENZA sul procedere delle chiamate in base al codice assegnato e relativi tempi d’attesa. Luogo NON DEGNO di un paese civile.

Patologia trattata
Sospetta appendicite.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Pessima esperienza

Il giorno 3 luglio 2018 giungo al pronto soccorso con mio figlio di 14 anni in lacrime per trauma sportivo alla gamba (dopo il triage, codice giallo). Attendiamo per più di un'ora e 12 prima che ci venga fatta la Rx. Dopo piu' di 2 ore compare la radiologa che mi assicura sull'integrità della gamba di mio figlio; la faccio avvicinare e le faccio vedere l'arto interessato, con una caviglia ormai molto gonfia e dolente. Mi dice: "forse andava fatta anche una Rx al piede?! probabilmente l'hanno fatta ma non mi e' ancora arrivata!". Basita faccio presente tutto questo ad una dottoressa in divisa bordeaux (molto professionale e gentile). Grazie a lei, finalmente, viene richiesta una consulenza ortopedica. Il mio ragazzo viene visitato (nel corridoio) da una dottoressa che si allontana un attimo per revisionare la rx e torna rassicurandomi: "niente fratture, solo una forte distorsione con diastasi tibiale". Viene fatta una fasciatura con colla zincata, divieto di carico e appuntamento in sala gessi per doccia gessata due giorni dopo. Non convinta, il giorno dopo, porto mio figlio in un altro ospedale per nuova Rx. Risultato? Una frattura con compromissione della cartilagine di accrescimento. Che dire?! Sono molto arrabbiata, se non fossi un parasanitario non sarei stata in grado di percepire la gravita' dell'infortunio e mio figlio ne avrebbe subìto le gravi conseguenze.

Patologia trattata
Trauma gamba sx.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Infezione da puntura d'insetto

Sono la bellezza di quattro ore e non si vede giorno, è uno scandalo, li trovo veramente male organizzati (e mi fermo qui..).

Patologia trattata
Infezione da puntura d'insetto.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Anziana al pronto soccorso

Mia madre 87enne con 7 di emoglobina, non riusciva a stare in piedi ed è entrata in PS con codice giallo alle 8.30 di mattina. Ebbene, è stata trasfusa alle 19.30. Non è vergognoso? Quali commenti fare? Solo uno: perchè non si impara dal PS del Villa S. Pietro FbF via Cassia - per esempio - dove per lo stesso problema mia madre è entrata alle 9.00, il tempo di scongelare il sangue e trasfusa immediatamente, con attesa all'interno del PS su di un letto e non su una sedia? Mi limito a dire VERGOGNOSO.

Patologia trattata
ANEMIA CRONICA.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Grazie!

Per mia sfortuna e a causa delle mie patologie, vado spesso al PS del S.Eugenio e sinceramente mi sono trovata sempre bene. Sono gentili e professionali anche quando sono solo in due infermieri, un medico e una marea di barelle. Iniziando dal triage, dove si viene accolti alle sale di sosta, ci sono veramente degli angeli, uno di questi è Gigi, l'unico che riesce a farmi l'emogas senza farmi piangere; ma tutti sono gentili, tutti sono professionali e tutti fanno quello che possono. Il Responsabile del PS, giovane e brillante, è sempre attento che tutto si svolga correttamente. Tutti ma veramente tutti meritano un grazie da noi per quello che fanno. Bravi ragazzi e, anche se c'è ancora da migliorare, siete sulla buona strada.
Antonella

Patologia trattata
Embolia, infarto.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Giudizio

Nonostante il caos al pronto soccorso, c'è stata attenzione verso il paziente (che era un minore) e professionalità.

Patologia trattata
Trauma cranico da investimento stradale.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

GRAVI CARENZE ORGANIZZATIVE

Mia madre, cardiopatica grave con blocco intestinale, è stata tenuta in pronto soccorso misto per 4 giorni in attesa di un letto al reparto Medicina. I dati sugli accertamenti del pronto soccorso e tra reparti non viaggiano in rete, viaggiano su cartaceo. Esisterebbe un monitor in sala d'aspetto per informare i parenti, ma non funziona. Difficile seguire il corso degli eventi ed avere informazioni. La sensazione è di essere lasciati soli in balia del caso. Si è costretti a forzare i divieti. I medici e gli infermieri sembrano preparati, ma non si domandano come migliorare. Sembrano vittime di una ineluttabile "rassegnazione organizzativa".
Ottobre 2016.

Patologia trattata
Blocco intestinale in paziente cardiopatico.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pessima organizzazione

Ho raggiunto al PS mio figlio (31 anni) trasportato in ambulanza con forti dolori alla vescica a causa di postumi da intervento di uretrotomia.
Dopo oltre mezz'ora durante la quale ci hanno detto che dovevamo aspettare fuori, ovviamente senza notizie, dalla posizione in cui mi trovavo seduta in sala d'attesa, lo intravedo dal vetro dello sportello dell'accettazione.
Io e mio marito ci siamo precipitati. L'abbiamo raggiunto incuranti dei divieti e chiesto immediatamente perché fosse stato abbandonato in quello stato.
La scena è stata raccapricciante: lui era solo, in piedi, appoggiato al muro, con il dolore al limite del collasso, al punto da non riuscire nè a parlare nè a trattenere le lacrime.
Ci è stato risposto che doveva essere registrato. Solo a quel punto lo hanno fatto sedere su una sedia a rotelle, gli hanno chiesto i dati anagrafici e preso in carico per il trattamento.
Se possibile, da evitare!

Patologia trattata
Postumi da intervento chirurgico.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Ringraziamenti al Pronto Soccorso

Ringrazio il personale del 118 e tutti gli addetti al pronto soccorso per la professionalità e la gentilezza dimostrate nel soccorrermi per un attacco notturno di dolori fortissimi allo stomaco. L'intervento è stato veloce e sicuramente efficace. Mi hanno fatto tutti i controlli sanitari in breve tempo e mi hanno rimesso in sesto e rimandata a casa alle 8.00 di mattina. Operatori impeccabili. Ringrazio la Dott.ssa Baldini e tutti gli addetti.

Patologia trattata
Epigastralgia.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

C'è qualcosa che NON VA!

Mio marito si è recato alle ore 16.00 presso il pronto soccorso per una probabile frattura alla mano. Registrato, gli hanno dato codice verde perchè "NON IN FIN DI VITA", così dicono loro - aveva 5 persone davanti a lui. Alle 20.00 aveva ancora 5 persone avanti a lui.. Si è allontanato al bar nelle vicinanze per un panino per una decina di minuti. Improvvisamente avevano chiamato tutte quelle 5 persone! Che strano, in soli 10 minuti erano riusciti a chiamare tutte quelle persone che in 4 ore non avevano chiamato... Strano vero? MA c'è di più: l'infermiera all'accettazione gli ha strappato la vecchia prenotazione costringendolo a ricompilare nuovamente una prenotazione! Aveva ora 9 persone davanti a lui! e si ricomincia daccapo... Ore 4.00 di notte finalmente gli fanno una lastra.. Premetto che a quell'ora, io ho telefonato al pronto soccorso, non potendomi allontanare da casa con i bimbi piccoli e non rispondendomi mio marito al cellulare, per sapere se fosse finalmente entrato... ma per la PRIVACY non mi hanno voluto dire neppure questo! Vi sembra normale?

Patologia trattata
Frattura alla mano.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Scene dell'altro mondo

Porto mio padre 84 in ambulanza con ricovero urgente, dopo 6 ore durante le quali non riesco ad avere nessuna notizia, lo intravedo esattamente dove l'avevano lasciato: su una sedia a rotelle in corridoio. Vado in escandescenze al triage (personale estremamente menefreghista) e improvvisamente lo portano in sala visite. La mattina dopo (e sono passate 24 ore), mi dicono che lo devono trasferire con urgenza al Campus Biomedico: non aveva ricevuto nemmeno una goccia di acqua o sostentamento alcuno. Pessimo pronto soccorso e pessima assistenza. Chi può, lo eviti.

Patologia trattata
Addome acuto.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
2.0

MALEDUCAZIONE E DISSERVIZIO

MI SONO RECATA CON MIA MADRE DI 84 ANNI IN PRONTO SOCCORSO VERSO LE 15.00 TRAMITE AMBULANZA. MI MADRE ERA STATA COLPITA DA ICTUS CON DEFICIT NELLA PAROLA, E NELLA PARTE DESTRA NON TOTALE. ENTRATA CON LA BARELLA, NON HO PIù AVUTO SUE NOTIZIE PER ORE, MALGRADO IO CONTINUASSI A CHIEDERE DI ENTRARE PERCHè, SOFFRENDO ANCHE DI DEMENZA AVANZATA, SI SENTIVA SPAVENTATA E DISORIENTATA. FINALMENTE DOPO ALCUNE ORE VERSO LE 20.00 MI CHIAMA UN DOTTORE CHE MI DICE "Sì HA AVUTO UN ICTUS, DOMANI LA TRASFERIAMO IN NEUROLOGIA". PREMETTO CHE DALL'ARRIVO NON LE ERA STATO DATO UN PO' D'ACQUA Nè BAGNATE LE LABBRA, Nè FLEBO.. NIENTE DI NIENTE. TORNO LA MATTINA DOPO ALLE 8.00 E CHIEDO SE FOSSE POSSIBILE VEDERLA, ME LO NEGANO E QUANDO CHIEDO COME MI AVREBBERO AVVERTITO PER FARMI SAPERE DEL TRASFERIMENTO, MI DICONO DEI NUMERI DI TELEFONO NON APPARTENENTI ALLA MIA FAMIGLIA. A QUEL PUNTO MI ARRABBIO E CHIEDO DI PARLARE CON QUALCUNO, MA NIENTE, VIETATO L'ACCESSO. ATTENDO Lì FINO A QUANDO PASSANDO IL CODICE A BARRE MI ACCORGO CHE NON ERA PIù IN CARICO AL PS. COSì ALLE 18.30 CIRCA VIENE TRASFERITA IN MEDICINA 1. E Lì INIZIA LA VERA ODISSEA.

Patologia trattata
ICTUS.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Professionali nella grande confusione

Ho trovato persone nel pronto soccorso del Sant'Eugenio che sono molto dedicate e professionali. Sono arrivata con forti dolori addominali in una giornata di grande affluenza, però sono stata trattata nel modo migliore.

Patologia trattata
Cisti ovarica maligna.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Trauma da incidente automobilistico

Inammissibile attendere 8 ore in un pronto soccorso dopo un trauma da incidente automobilistico.

Patologia trattata
Trauma da incidente automobilistico.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Una giornata al pronto soccorso

Siamo entrati all'ospedale alle 10.40 circa per andarcene alle 16.40.
Piu' di tre ore per fare una tac ed un prelievo e per aspettare un neurologo che non si e' degnato di scendere.
Mio figlio ha firmato e ce ne siamo andati. Fara' la visita da un'altra parte.
Che poi se la tac e' negativa cosa c'entra aspettare questo neurologo?
Senza parole.

Patologia trattata
Amaurosi - cecità monoculare transitoria.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Giornata complicata al pronto soccorso

In una giornata complicata, praticamente passata al pronto soccorso per polmonite di un familiare, hanno spiccato la serietà, competenza ma soprattutto grande disponibilità e sensibilità di due dottoresse, Rosa Anna Schiavone e Politano (non sono a conoscenza del nome).
Fanno un lavoro difficilissimo ed ho capito che tutte le mie arrabbiature di lavoro amministrativo e commerciale sono veramente ridicole.
Un grazie di cuore.

Patologia trattata
Polmonite e confusioni legate a malattia di diversi giorni.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Una Domenica al pronto soccorso

Ho dovuto passare una domenica all'interno del pronto soccorso del S. Eugenio. Entrato in sala visite alle 6:30, dopo una prima serie di esami ho dovuto aspettare fino alle 20:00 circa per la seconda serie di esami confermativi dei primi.
Volevo dimostrare pubblicamente apprezzamenti per la Dott.ssa F. Silvestri, non solo per la sua competenza, ma anche per la professionalità, calma e capacità organizzativa, con cui ha saputo gestire per un'intera giornata un flusso ininterrotto di pazienti nel reparto 'verde' del pronto soccorso. Grazie.

Patologia trattata
Sospetta pancreatite.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

9 ore per un vecchietto 95 enne

Ho girato il mondo in lungo ed in largo e posso assicurarvi che quello visto in due emergenze per mio padre 95enne non ha precedenti. Non mi dilungo ad elencare le attese esageratamente lunghe (un solo medico in servizio) e le 6 ambulanze ferme fuori in attesa di vedersi riconsegnata la barella!!! Personale al Triage inefficiente e maleducato. Donne incinte a fine gravidanza e bambini piccoli in attesa come gli altri pazienti.. e sto parlando di PARECCHIE ORE!!! Se questa e' civiltà, se questa e' sanità, se questa e' Italia, allora non mi sento e non voglio più essere italiano.
Una volta ho dovuto ricorrere al direttore sanitario in persona per mio padre che non si trovava: era stato trasferito in altro ospedale da 24 ore senza darmene notizia alcuna.

Patologia trattata
Infezione intestinale acuta e vomito.


Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Pessima opinione

Il pronto soccorso ed il triage sono ASSOLUTAMENTE VERGOGNOSI.
Nonostante il sottoscritto comprenda l'abitudine al sovraffollamento, provocato da chi utilizza male il servizio e vi ricorra inutilmente, non è tollerabile che medici/infermieri presenti siano totalmente incapaci di ascoltare e capire i pazienti che possono essere a serio rischio e vengono fatti aspettare per ore. Io sono stato in attesa 7 ore fuori, ed altre 12 dentro, prima di tagliarmi per un'appendicite già infetta e pericolosa.

Patologia trattata
Appendicite acuta flemmonosa.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Non soddisfacente

Il giorno 11 maggio ci siamo recati al pronto soccorso a mia madre cardiopatica e con osteoporosi (ha purtroppo le ossa a pezzi); questa volta era dovuto soprattutto al grande dolore che provocavano le ossa.
Siamo arrivati verso mezzogiorno e in codice verde (abbiamo chiesto più volte perchè codice verde, visto che sulla sedia a rotelle non poteva stare per il grande dolore al fianco), è entrata al pronto soccorso verso le 17.30.
Alle ore 21.00 le praticavano una flebo per i dolori (dopo numerosi richieste da parte nostra), alle ore 2.00 circa della notte è andata in coma farmacologico quasi senza utili spiegazioni da parte dei dottori. Nelle 14 ore di attesa ne abbiamo viste di tutti i colori, servizio inqualificabile.

Patologia trattata
Dolore alle ossa.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Reparto al collasso

Innanzitutto segnalo la presenza di ratti nella sala accettazione del pronto soccorso. Potrei eventualmente produrre anche dei testimoni, per quanto fossero presenti numerosi agenti di polizia che l'hanno presa con filosofia.
L'attesa estenuante per i codici verdi, è dovuta alla presenza di un solo coraggioso medico sia per i Verdi che per i gialli (la mia esperienza è di sabato notte, e i codici gialli erano per lo più ragazzini ubriachi).
Al triage totale incompetenza, ho dovuto bussare con forza al bancone già solo per farmi "annunciare", l'infermiera ha sbagliato l'80% di ciò che voleva riportare in cartella, fortunatamente passava di lì un infermiere esperto che l'ha aiutata.
All'1:00 a.m. sono entrato, alle 7:00 a.m. sono uscito. Sottolineo che eravamo in 3 in attesa.
Ho notato un solo altro medico farsi lunghe passeggiate per il corridoio, incrociando lo sguardo con qualcuno. Altrettante passeggiate per il reparto facevano diversi operatori, che evidentemente non volevano farsi trovare, causando un disagio ai paramedici dell'ambulanza che hanno dovuto trasbordare un paziente per conto loro senza l'assistenza necessaria.
L'igiene per i pazienti e per gli operatori stessi è assente. Non posso che mettere 1 come voto, ma 1 è già un qualcosa nel nulla cosmico rappresentato dalla "pulizia" del reparto.
In ultimo, sono rimasto particolarmente indispettito dal "priority pass" garantito ad una signora che ha portato il figlio diciottenne in p.s. perché ubriaco, cui è stata concessa la presenza accanto al figlio, non ammessa quando maggiorenni, e la visita istantanea, solo perché guarda caso la c.d. "Sig.ra" non ha perso tempo a qualificarsi come "medico".
Credo che neanche l'intervento divino possa fare qualcosa per salvare quell'ospedale.

Patologia trattata
Gastroenterite batterica.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pessima opinione

ASSOLUTAMENTE VERGONOSO, il pronto soccorso del Sant'Eugenio è alla deriva, al triage il personale è sempre più scortese, penso che sia il peggior pronto soccorso. Alcuni medici o infermiere forse si dovrebbe ricordare che magari anche loro potrebbe trovarsi nelle stesse condizioni sia dei pazienti e sia dei parenti, che aspettano ore senza avere notizie. Viene anche pagato il SSN per avere questo tipo di trattamento .

Patologia trattata
Persona sofferente di Parkinson vascolare, ischemie transitorie e ictus due anni fa.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Infezione

Lunga l'attesa, ma in seguito si sono dimostrati super competenti e cordiali.
Sono stato ricoverato e mi hanno trattato da vero Principe.

Patologia trattata
Infezione alle tonsille. Afte.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Mai più!

Assolutamente vergognoso. La dottoressa non pensava ad altro che alla burocrazia piuttosto che visitare e ascoltare i pazienti! Attesa di ore senza sapere che esami mi stessero facendo e quale fosse la mia situazione! Non lo consiglio a nessuno.

Patologia trattata
Tachicardia.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

VERGOGNA

2 medici, 5 infermieri, 10 persone in codice rosso. 30 persone in codice giallo e 150 persone tra dentro e fuori ad aspettare!!! Mia madre (malata oncologica con tumore polmonare e metastasi al fegato fortemente disidratata) a causa di uno svenimento è stata portata immediatamente nella sala codice rosso. E' stata lì per circa un'ora e poi portata nella sala codice giallo. E' rimasta lì per 36 ore in stato comatoso senza una flebo attaccata, senza coperta visto che è rimasta tutta la notte solo con un lenzuolo sopra ed è arrivata al pronto soccorso con febbre e tosse. Appena salita al reparto (di CHIRURGIA PLASTICA?!!? perchè non c'erano posti letto!) le hanno attaccato IMMEDIATAMENTE una flebo. Se fosse rimasta altri giorni al pronto soccorso sarebbe sicuramente morta. Non volevo assolutamente una pronta guarigione dal tumore, ma almeno attaccarle la flebo per farla riprendere, mi sembra il minimo. La struttura ovviamente lascia molto a desiderare. La mia esperienza in questo pronto soccorso è stata un inferno. Lo specchio di un paese alla deriva.

Patologia trattata
Disidratazione, stato comatoso, svenimenti, ipoglicemia, malessere.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

L'infermiera Lina: il nostro angelo

Il 4 settembre mio figlio Michele, insieme ad altri amici, e' stato vittima di un gravissimo incidente dove purtroppo ha perso la vita una ragazza, loro amica. Giungendo al pronto soccorso un'infermiera di nome Lina ci ha subito accolto e tranquillizzato. E'stata efficiente e nel contempo estremamente dolce con lui e con tutti i pazienti che stavano li'. Sempre paziente, mai nervosa o scocciata, è stata per noi IL NOSTRO ANGELO. E' grazie a persone come lei, sempre più rare purtroppo, che ogni tanto ci ricordiamo dell'esistenza di un'anima, riconciliandoci così con il genere umano. Grazie Lina.

Patologia trattata
Traumi da incidente stradale.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Il pronto soccorso peggiore di Roma e dintorni

Purtroppo, a seguito di incidente stradale nelle vicinanze, decido di recarmi al PS del Sant'Eugenio. Riferisco trauma schiena e rachide cervicale e di un precedente trauma identico avvenuto meno di due anni prima con esito di lesioni permanenti alla colonna. A parte la valutazione del TRIAGE da dietro uno sportello (mai capitato in altri ospedali), mi fanno entrare anche parecchio presto, riferisco al medico la situazione e non vengo nemmeno visitata perchè, come dice l'infermiere, "che ti frega l'assicurazione tanto non ti paga". Lo stesso infermiere mi dice di riciclare per sette giorni il collare del trauma precedente ed il medico mi segna sul referto alcuni antinfiammatori e miorilassanti, senza chiedermi neanche se ho allergie (oltretutto sì al lattosio, e il farmaco che mi ha segnato ne contiene!!!). Alla mia insistenza sul fatto che ho avuto trauma precedente e che ci potrebbero essere eventualmente problemi, mi rispondono che se sto ancora male posso tornare dopo qualche giorno LI' e mi faranno la radiografia. Passano un paio di giorni e mi faccio visitare dal curante. Torno per la radiografia e l'infermiera che dà il triage mi risponde che non devo andare lì, ma devo passare per il CUP e fissare l'appuntamento; insisto dicendo che è il medico che mi ha detto così, le mostro il foglio (il primo triage fra l'altro me lo ha dato lei) e mi risponde che non mi può cacciare, che la colpa è del medico ma al massimo mi dà il codice bianco e devo aspettare che prima passino tutti gli altri, oltre a pagare 25 euro... Aggiungo che porto il collare e le lesioni della colonna sono ancora attualmente in atto, per cui anche a lei deve essere evidente che dieci ore di fila in piedi non le posso fare... Alla fine torno a casa ed eseguirò la radiografia privatamente nel caso; ma vorrei che chi dirige il reparto leggesse questa storia.

Patologia trattata
TRAUMA DA INCIDENTE STRADALE.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Gonalgia

Bravi tutti. Ho solo un commento da fare nei confronti di una radiografa, che ho trovato molto stressata e con tanto bisogno di aiuto. Inveiva nei confronti dell'Ospedale che riteneva sporco ed invitava noi pazienti a stare a casa.

Patologia trattata
Gonartrosi.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Per fortuna che c'è

Come in ogni struttura sia pubblica che privata, la differenza la fa il personale che vi lavora.
Un ringraziamento sincero è doveroso.

Patologia trattata
Frattura dello zigomo.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
5.0

Grazie infermiere "Gigigno"

Ho avuto un malore e sono stata trasportata in ambulanza al pronto soccorso dell'ospedale Sant'Eugenio. Devo dire che sono stata seguita da persone premurose e dal dott.ssa Canale, che ho trovato molto competente e professionale. MA un elogio particolare lo rivolgo all'infermiere della sala in cui mi trovavo (giallo verde), che simpaticamente i suoi colleghi chiamano Gigigno, un napoletano la cui professionalità, esperienza e calma mi hanno colpita, facendomi tranquillizzare nel mio momento di sofferenza..

Patologia trattata
Malore (arrivo in ambulanza).
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Accoglienza al pronto soccorso

Al primario dott. Gregori Maurizio:
vorrei segnalare la professionalita', la cortesia e la sensibilita' nello svolgere il proprio lavoro dell'infermiera di pronto soccorso Minnucci Elisabetta, che ho avuto l'opportunità di conoscere durante la mia permanenza al PS. Complimenti e grazie!

Patologia trattata
Forte sindrome ansiosa.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pronto soccorso

Questa mattina è stata chiamata ambulanza per mio padre, portato PURTROPPO al Sant'Eugenio alle 9:45. Durante tutto l'arco della giornata ho chiesto svariate volte al personale del triage notizie e mi è stato risposto che noi prendiamo le ambulanze come TAXI e che io stressavo in quanto chiedevo notizie.. Alle 24:00 sono andata via senza avere riscontro con mio padre ricoverato al PS! Durante orario di visita al PS mio padre doveva andare in bagno, ho chiesto gentilmente ad una studentessa futura infermiera se poteva accompagnarlo e la sua risposta è stata che LO DEVO FARE IO! Certe persone dovrebbe cambiare mestiere, e capire o mettersi nei panni delle persone.. si è rifiutata anche di cambiarlo e in tutta risposta ci è stato riferito che "deve fare come fa sempre...." E' QUESTO è IL SERVIZIO SANITARIO CHE PAGHIAMO??
Per fortuna ora è ricoverato presso il FATEBENEFRATELLI, dove l'assistenza è ottima e gli infermieri sono gentili, educati e professionali.

Patologia trattata
Possibile ictus o ischemia.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Il peggior pronto soccorso d'Italia

Accompagnata al S.Eugenio per un brutto e profondo taglio alla mano, dopo l'accettazione sono rimasta in attesa 4 ore per essere cucita la ferita. Il mio turno non arrivava mai perché il sig. alla ricezione, nonostante avesse constatato la necessità di punti di sutura, mi aveva dato il codice verde. L'ambiente? sudicio. Le persone che lavorano (infermieri) maleducate ed insensibili. Nell'attesa ho visto di tutto, alla fine ho dovuto ricorrere ad un medico a pagamento.

Patologia trattata
Taglio alla mano sinistra.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Incidente stradale

Non lo consiglio, pessimo servizio a cominciare dall'assistenza per finire ad alcuni medici che giocano al solitario sul cellulare.. Ci sono finito casualmente, dato un incidente fatto sulla Cristoforo Colombo, e non mi hanno neanche saputo bloccare la clavicola fratturata... Senza aggiungere nulla sull'igiene e il cattivo odore!

Patologia trattata
Clavicola fratturata e traumi post incidente.
Guarda tutte le opinioni degli utenti


Altri contenuti interessanti su QSalute