Dettagli Recensione

 
Farmaci
Voto medio 
 
4.0
Efficacia 
 
5.0
Assenza di effetti collaterali 
 
3.0

Ottimo per addormentarsi

A me è stato prescritto per farmi dormire, dato che l'antidepressivo assunto la mattina, della classe del citalopram, ha come effetto collaterale un'attivazione, che mi faceva stare sveglio la sera. Quindi, ho iniziato con il Remeron da 15 mg., che ha iniziato subito a lavorare come si deve: nel giro di un'oretta o meno, dormivo già profondamente. Dopo che il 15 mg. aveva terminato il suo effetto, sono passato al 30 mg., e anche questo funziona perfettamente (è quello che assumo anche ora). Quasi tutte le sere mi fa addormentare benissimo, e dopo qualche ora ha già concluso la sua efficacia e si può tornare in attività (anzi, qualche giorno fa addirittura dopo quattro ore mi sentivo più riposato e mi sono alzato dal letto senza problemi): a me non ha mai dato alcun effetto sedativo il giorno dopo. Molto raramente, come ho accennato, non da l'effetto sperato ma perché, magari, quella giornata o serata particolare, ho esagerato col caffè, ma tutto qui. A mio parere, almeno per me, è parso più che un antidepressivo un ottimo rimedio per addormentarsi ( non per dormire, per cui agisce, dopo, il citalopram), ma credo abbia un effetto molto soggettivo: ho provato, infatti, a dare a mia mamma una sola volta la dose da 15 mg. per farla dormire, e il giorno dopo non si svegliava mai! Io, invece, lo uso da almeno sei anni con ottimi risultati. Io lo prendo quasi ogni sera, e non ho notato alcun effetto collaterale strano per questa assunzione: in ogni caso, non prenderlo affatto non permette di passare una notte riposata, e non vedo, quindi, il motivo per cui interromperlo. Forse, ma sottolineo forse, mi sta facendo mettere su peso, ma è una cosa che sto valutando da poco col medico: in ogni caso, ci si rivolge a un servizio nutrizionale in ospedale e si risolve il problema.

Fascia di età
Da 40 a 60 anni
Sesso
Uomo
Malattia trattata
Depressione ansiosa, insonnia collegata.

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute