Oncologia San Giovanni Addolorata Roma

 
4.1 (13)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia Medica dell'Ospedale San Giovanni - Addolorata di Roma, situato in Via dell'Amba Aradam 9, ha come Direttore il Dott. Mauro Minelli. Il reparto è un'Unità Operativa Complessa che fa parte del Dipartimento di Oncoematologia. L'accesso ai visitatori è concesso tutti i giorni dalle 8.00 alle 19.00 (tranne durante visite e terapie). Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici C. Altobelli, Olivia Bacciu, Vincenzo Bellini, Anna Maria D'Ottavio, Maurizio Lalle, Antonio Luigini, Olga Martelli, Maria Mauri, F. Pellegrini, Rosalinda Rossi, Paola Scavina, Paola Tarantini, Angela Torsello, Cristina Zannori.

Recensioni dei pazienti

13 recensioni

 
(7)
 
(2)
 
(3)
 
(1)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.1
 
3.7  (13)
 
4.0  (13)
 
4.7  (13)
 
4.0  (13)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ANGELI

Sono in cura in questo reparto e posso confermare sia al top. Gli infermieri del reparto day hospital e degenza sono veri e propri ANGELI, sempre molto disponibili, scherzosi e professionali. I Medici sono molto professionali e UMANI e ti documentano su tutto il percorso che c'è da fare.
Ce dire.. 10 stelle!

Patologia trattata
Tumore gastrico.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Oncologia San Giovanni Addolorata

Il dott. Altobelli mi è sembrato abbastanza umano, e l'infermiera Francesca prudente e coscienziosa. Tutto il resto è noia, come cantava un noto cantante.

Patologia trattata
Carcinoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Semplicemente UMANI

Faccio i complimenti al Dott. Mauro Minelli per essersi contornato di medici UMANI e competenti; non faccio nomi, ma in tutte le visite che ho fatto ho trovato un medico diverso ma sempre competente ed attento alle mie richieste.
Gli infermieri, che sono Angeli, hanno tutti professionalità e competenze per svolgere al meglio il loro operato. Fino ad ora ho trovato (e ringrazio DIO) persone squisite. GRAZIE, continuate così.

Patologia trattata
Tumore gastrico.

Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

FANTASTICI

Ho finito la chemioterapia una settimana fa per carcinoma alla mammella e ora sono in attesa di intervento chirurgico. Voglio ringraziare tutto il reparto per aver reso questo duro percorso meno faticoso... Un GRAZIE SPECIALE alla dr.ssa Scavina, alla dr.ssa Rossi ed al dr. Lalle. Poi agli angeli che mi hanno assistita durante le terapie: Francesca, Cristina e Domenico.
GRAZIE GRAZIE GRAZIE!!!
PS: devo solo far notare un punto a sfavore del reparto: le lunghe attese.

Patologia trattata
Carcinoma alla mammella.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Perchè non sceglierlo

Scarsa sensibilità verso i pazienti più gravi e i loro familiari da parte dei medici; freddezza e indifferenza da parte degli infermieri e del caposala nonostante lo scarso lavoro (solo pochi posti da letto da gestire e tanta noia a farlo).

Patologia trattata
Carcinoma.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Morte prematura

Se potessi tornare indietro, non farei curare mio marito dai medici dello staff dell'oncologia dell'Addolorata.. ma ormai è tardi!


Patologia trattata
Neoplasia polmonare.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Perchè scegliere il Polo Oncologico

Ho iniziato in day hospital le terapie oncologiche nell'aprile del 2015, sono passata alle visite ambulatoriali, ho avuto bisogno di un ricovero urgente. Ora sono nuovamente in day hospital e credo di poter avere un panorama completo di tutta la struttura. Ho trovato competenza, professionalità e cortesia a tutti i livelli: medico, infermieristico e di tutto il personale che mi hanno dato forza, fatto sentire in buone mani e sicura di trovare risposte immediate (vedi ricovero urgente).
E quindi mai abbandonata.
Certamente ora la struttura "scoppia" (siamo in tanti) e talvolta abbiamo tempi lunghi di attesa ma mai mancano le soluzioni. Ho 81 anni ma non mi sono mai sentita una paziente di serie "B".
Quindi ringrazio tutti di cuore,
Lucia Maria Gentile

Patologia trattata
Carcinoma peritoneale.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Perchè non scegliere il polo oncologico

Visite frettolose e non accurate. Mancanza di sensibilità verso pazienti particolarmente sofferenti fisicamente e psicologicamente. Ore ed per di attesa in sala. Mancanza di parcheggio (che con questa tipologia di malati e' indispensabile). I medici cambiano ogni volta e quindi non si riesce a stabilire rapporto umano. Impossibile comunicare coi medici in caso di problematiche. Indifferenti. Buono lo staff degli infermieri. Nel complesso esperienza negativa.

Patologia trattata
Cancro laringe.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Chemioterapia per recidiva

Sono la figlia di una paziente trattata con chemioterapia per una recidiva. Sono molto amareggiata perché non c'è alcuna disponibilità da parte del personale medico nel rispondere ai dubbi e preoccupazioni legittime che noi familiari abbiamo. Inoltre ho riscontrato più di una volta da una dottoressa in particolare superficialità e maleducazione.
È veramente vergognoso che non si possano avere informazioni esaustive circa la validità e l'efficacia della terapia. Tutto sempre molto vago...
È anche capitato che non abbiano fatto i marker prima della chemioterapia perché si erano dimenticati e hanno chiesto a mia madre di ricordarlo la volta successiva all'infermiera... È ASSURDO.

Patologia trattata
Recidiva neoplasia.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie!

Sono in cura in questo reparto da settembre 2012. Come dico sempre, nella grande sfortuna di una malattia come la mia, sono stata fortunata, perché ho conosciuto e sono curata da medici ed infermiere competenti e che tutti i giorni lavorano con coscienza e con grande umanità, senza mai far mancare un sorriso ed una parola di conforto a tutti noi. Un grazie particolare alla Dott.ssa Olga Martelli, sempre presente.

Patologia trattata
Adenocarcinoma polmonare.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Abbandonati...

2 parole per dire che l'assistenza infermieristica è ad altissimo livello di preparazione e umanità, mentre il personale medico l'ho trovato veramente pessimo. Per fortuna che l'equipe in sito si è arricchita di medici del S.Eugenio.
Lamento soprattutto il fatto che il malato è abbandonato e deviato da 1000 pareri discordanti e confusionari.

Patologia trattata
Cancro metastatico.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Personale ottimo, umano, preparato

UN REPARTO ECCEZIONALE: C'E' TANTA GENTE IN CURA PER IL PERSONALE CHE CI LAVORA; NONOSTANTE CIò, TUTTI CERCANO DI RENDERE IL MOMENTO DIFFICILE CALDO E SERENO IL PIù POSSIBILE. PROFESSIONALISSIME E COMPETENTI LE DOTTORESSE, TUTTE, NESSUNA ESCLUSA, UNA PIù BRAVA DELL'ALTRA. COMPLIMENTI, UN REPARTO CHE CONSIGLIEREI VIVAMENTE.

Patologia trattata
MALATTIA ONCOLOGICA- CHEMIOTERAPIA.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grande competenza, Umanità, Semplicità di rapporto

Invio copia di un articolo che ho inviato alla redazione di Prima pagina di Radio3. Gentile Direttore
Le inoltro copia di un mio intervento inviato alla redazione di Prima Pagina della Rai, radio3. In esso esprimo il mio rammarico per la messa in mora globale e senza appello dello Stato italiano, concepito come nemico e argomento il mio convincimento sulla straordinaria importanza dello Stato amico, basandomi sull’esperienza diretta da me maturata, in rapporto all’Ospedale San Giovanni di Roma, nei reparti di Urologia 2 e Oncologia medica che frequento da due anni per combattere un carcinoma che mi affligge.
Ho già avuto modo di esprimere la mia gratitudine a questi meravigliosi operatori sanitari, che non dispensano solo scienza, ma accoglienza, conforto, accompagnamento. Doti umane rare e straordinariamente importanti per chi deve affrontare una fase così delicata della vita.
Mi auguro che la Direzione sanitaria, la Regione Lazio e la stampa sappiano essere orgogliosi di questi collaboratori cui va la mia sincera e profonda gratitudine.

(Alla c.a. dott. Paolo Bracalini conduttore attuale redazione di Prima Pagina, Rai radio3).
Lo Stato ‘nemico’
Non passa giorno che alla radio o in televisione si ripeta più volte che in Italia lo stato è nemico. E’ presentato come un luogo comune, come un’ovvietà, anche da un’informazione che sarebbe ‘colta’.
Proditorio, persecutorio, contorto, vessatorio perfino lo Stato si presenta e si è presentato spesso a tutti. Ma di un ospedale avete mai avuto bisogno? Di una scuola? Di un pompiere o un poliziotto?
Da due anni combatto contro un carcinoma. Senza la perizia, l’accoglienza, l’amabilità del reparto di oncologia e del II di urologia dell’ospedale S.Giovanni non sarei qui a raccontare un bel nulla e men che meno avrei trovato la forza di reagire e crederci. A quegli operatori devo una gratitudine sconfinata. Penso che quando parliamo di Stato, parliamo anche di loro, persone straordinarie, a volte mal pagate o maltrattate, cui si abbatte quotidianamente questa giaculatoria fatua e ripetuta come una chiacchiera da salotto.
Anche quando sono colpevoli, e ciò nel caso dei medici con tragiche conseguenze, vanno senz’altro denunciati e allontanati. Ma non confusi nel mucchio delle cartelle esattoriali o nei labirinti procedurali.
Chi ha concepito lo Stato costruendo gli ospedali, le scuole, la sicurezza aveva una magnanimità, una lungimiranza, una civiltà ben lontane da questo dire e parlare e pontificare.
Maria Mencarelli

Patologia trattata
Carcinoma della vescica.


Altri contenuti interessanti su QSalute