Pronto Soccorso San Giovanni Addolorata Roma

Pronto Soccorso San Giovanni Addolorata Roma

 
3.9 (23)
Scrivi Recensione
Il reparto di Pronto Soccorso Polifunzionale dell'Ospedale San Giovanni - Addolorata di Roma, situato in Via dell'Amba Aradam 9, ha come Direttore la Dott.ssa Maria Pia Ruggieri. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Francesca Ancarani, Nicola Bollea, Gianluca Borgonuovo, Maria Antonietta Colaiacomo, Paolo De Gregorio, Francesca De Marco, Fabio De Pascalis, Annamaria Della Corte, Michela Delli Castelli, Carla Di Castri, Marco Di Giovannandrea, Simona Dionisi, Diego Leo, Francesca Nicolao, Caterina Pandolfi, Maria Elena Pompeo, Anna Romito, Mariarita Russo, Giovanna Santangelo, Zaira Stendardo Carandante, Donatella Santini Muratori, Stefania Traldi, Valentina Tretola, Gabriele Valli, Cristiana Verrelli, Arianna Violo. Responsabile UOS Pronto Soccorso: Carlo Ancona. Responsabile Reparto Breve Osservazione: Claudio Martinoli. Responsabile reparto Holding BO: Marzia Palma.

Recensioni dei pazienti

23 recensioni

 
(13)
 
(4)
 
(1)
 
(4)
 
(1)
Voto medio 
 
3.9
 
4.1  (23)
 
3.9  (23)
 
4.0  (23)
 
3.7  (23)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Inaccettabile

A seguito di un incidente che mi ha causato un edema esteso con gonfiore rilevante alla coscia destra, molto doloroso e che mi impediva di camminare, mi hanno accompagnato al PS. Entrato alle 16.00 circa, alle 18.30 mi visita un medico che si lamentava del fatto che non mi avessero inviato dall'ortopedico. Comunque mi invia a fare una ecografia. Mi riportano al PS alle 19.15. Da quell'ora fino alle 22.30, ora in cui sono andato via, il medico ha visitato una sola persona per 10 minuti. È sacrosanto che le situazioni più gravi abbiano la precedenza. Quello che è inaccettabile è che il medico presente in più di due ore abbia visitato un solo paziente (gli ha sentito il cuore nel corridoio e basta). Giudicate voi.

Patologia trattata
A seguito di incidente, edema esteso. Versamento. Impossibilita di deambulazione.



Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Che tristezza

9.50 ore. Sì: nove ore e 50 minuti di attesa.
Questa è la situazione vergognosa del pronto soccorso - e siamo ancora qui-

Patologia trattata
Malessere al lavoro, ipertensione.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Eccellente

Grazie al dottor Tullio Piconi, medico competente, disponibile e molto professionale.
Ha ricucito la mia ferita al labbro in maniera perfetta e a distanza di soli 20 giorni non si vede già nulla.

Patologia trattata
Ferita labbro superiore che necessitava punto di sutura.

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grandissima efficienza e capacità

Ho avuto due esperienze nell'arco di un mese. Sono rimasto colpito dall'efficienza e dalla professionalità di tutto il personale, sia dai medici che dagli infermieri.
Spesso si esce dall'ospedale con la sensazione di non aver avuto sufficienti attenzioni. In questo caso invece mi sono sentito sostenuto da questa struttura che, oltre ad avermi dato tutte le info necessarie in dimissione, mi ha dimostrato grande umanità.

Patologia trattata
Patologia cardiaca.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Professionalità

Grande professionalità da parte sia dei dottori che delle infermiere. Sono stata assistita con molta scrupolosità.

Patologia trattata
Sincope.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Efficiente

Sono stata ieri sera al pronto soccorso del San Giovanni per accompagnare mio marito per un problema urologico.
Velocità e prontezza nel gestire l'urgenza. Grazie di tutto.

Patologia trattata
Difficoltà urinaria.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Complimenti allo staff pronto soccorso

Mi chiamo Vincenzo Pilone, purtroppo mi è capitato di transitare la scorsa domenica con mio figlio Alessandro per contusioni a mano e piede causa partita di calcio, ed oggi con mia moglie Patrizia causa sospetta polmonite.
Devo dire che in tutte due occasioni ho trovato persone competenti, veloci, cordiali e tempi giusti per i referti. Detto questo, vorrei che la mia testimonianza arrivasse alle persone del pronto soccorso, che ringrazio e cui dico di continuare sempre così .
Grazie e buon lavoro.

Patologia trattata
Sospetta polmonite.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie

Giovedi 24/11/2016 sono arrivata al Pronto Soccorso San Giovanni Addolorata alle ore 22.00 con una ferita da taglio al pollice della mano sinistra (onicectomia parziale e sub-amputazione cutanea della falange). Ero da sola e, soprattutto, molto spaventata (sono tra l'altro una pianista ed ho particolarmente a cuore l'integrità delle mie mani..). Desidero ringraziare pubblicamente l'èquipe che mi ha accolto quella sera: l'infermiera che ha compilato la cartella clinica, colei che ha assistito alla medicazione, il dott. Pao (che ha effettuato la radiografia) e, in particolare, il dr. Tullio Picconi che si è preso cura di me con competenza, calore e grande professionalità.
Siete stati una parentesi di bellezza in un momento di vulnerabilità.. Complimenti perché svolgete un lavoro impegnativo e importante e ci mettete tanta passione. Grazie!

Patologia trattata
Ferita I dito mano sx con onicectomia parziale e sub-amputazione cutanea falange.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Pronto soccorso inefficiente

Ieri sera è giunta mia madre lamentando dolori lancinanti per rottura tendini della spalla e dopo 5 ore di attesa è stata dimessa e fatta tornare a casa per mancanza di posti letto.
Quindi non esiste più un soccorso di urgenza, soprattutto dopo che il problema è stato da voi diagnosticato con precedente screening e dopo una preospedalizzazione fatta a giugno. Da allora è ancora in lista di attesa per l'intervento, intanto il tendine ha finito di rompersi e non può assumere antidolorifici in quanto segue la terapia anticoagulante per sostituzione di valvola aortica.
Vergognatevi tutti, soprattutto la dottoressa che l'ha "visitata", le voleva fare manovre per capire cosa lamentava...: con tutta la documentazione che ha portato???
Spero non eliminiate questo mio messaggio, esiste anche il modo di acquisire più competenza, soprattutto umana, per migliorare!

Patologia trattata
Rottura tendini della spalla.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Trauma da caduta domestica

Immensa professionalità e gentilezza. Grazie di cuore per aver accolto la mia piccolina con tanta dolcezza e disponibilità.

Patologia trattata
Trauma da caduta domestica.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Intervento Pronto soccorso

Esprimo tutta la mia gratitudine per la competenza e l'umanità con cui sono stata assistita, nella tarda mattinata del 25 giugno 2016, al Pronto Soccorso dell'Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma in seguito a una caduta che mi ha procurato una ferita e una frattura al naso. Ringrazio in particolare il dottor Tullio Picconi che mi ha medicato con grande professionalità e gentilezza. Unico neo: il mancato intervento del reparto Maxillo Facciale, inutilmente chiamato più volte.

Patologia trattata
Ferita e frattura al naso in seguito a caduta.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Ottimo servizio

Causa dolore improvviso al basso torace, lato sinistro, mi sono recato in questo pronto soccorso, ove ho trovato grande disponibilitá e comprensione, con ovviamente elevata competenza.

Patologia trattata
Dolore toracico.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

NATALE 2015

Un sentito ringraziamento a tutto il il personale infermieristico e medico del reparto di Pronto Soccorso Polifunzionale dell'Ospedale S. Giovanni Addolorata.
Arrivato nella notte di Natale 2015 per una grave frattura nasale, il servizio si è adoperato con la massima professionalità e dopo accurati esami sono stato inviato al reparto di Chirurgia Maxillo Facciale per intervento urgente.
Tutto si è concluso nei migliori dei modi.
Emanuele 96

Patologia trattata
Frattura nasale.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Rifiuto di cure mediche

IL FATTO
In data 22.8.2015 sono stato trasportato al P.S. dell’Ospedale S .Giovanni di Roma per una caduta accidentale dalle scale, avendo riportato un trauma toracico destro e altre ferite lacero contuse agli arti, senza trauma cranico di alcun tipo.
Al Pronto Soccorso, mentre mi venivano prestate le cure del caso, ad un certo punto ho visto che del personale sanitario mi stava introducendo un catetere vescicale per via transuretrale.
A quel punto, essendo io perfettamente lucido e cosciente, ho espresso netto rifiuto a che mi introducessero il catetere.
Un medico mi ha risposto che io ero un politraumatizzato e che era necessario questo cateterismo, perche’ ci poteva essere un trauma renale.
Nonostante la mia inequivocabile opposizione, il catetere mi e’ stato introdotto.
Tale catetere, essendo io un prostatitico cronico, mi ha provocato un dolore lancinante, insopportabile, forse anche maggiore del dolore toracico.
Successivamente, a causa del fortissimo dolore in sede pelvica, E DELLA ASSOLUTA NONCURANZA DELLE MIE ESPRESSE VOLONTA’ DI NON ACCETTARE LE CURE MEDICHE, ho chiesto, anche se con fraseggio volgare (“levatemi questo c… di catetere”), che mi venisse tolto il catetere.
Per tutta risposta, si è presentato un medico che, urlando a squarciagola davanti a tutta l’equipe, ha gridato: ”Stai zitto”.
Dopodiche ho chiesto ad un medico che stava nella sala: ”Per favore, ti prego in ginocchio, toglimi questo catetere”. E questo medico ha detto che non era possibile al momento.
Questi sono, sinteticamente, i fatti.
LE DOGLIANZE
Ora, esposti i fatti, io ritengo molto grave quanto accaduto, in quanto mi sono sentito privato parzialmente della mia liberta’ personale, leso nel diritto di autodeterminazione individuale, offeso nella mia dignita’ personale.
In questo specifico caso, non viene messa in discussione la necessita’ o meno di mettere in atto la manovra del cateterismo in situazioni di urgenza.
In questo specifico caso, anche se si trattava di un trauma toracico, quindi una cosa potenzialmente seria, io ero perfettamente lucido e capace di intendere e di volere, non avendo subìto traumi cranici ne’ avendo altre cose che potessero prospettare un obnubilamento del sensorio e della psiche, ed ero perfettamente consapevole delle conseguenze in ordine al rifiuto delle cure mediche che mi stavano prestando, in questo caso il cateterismo vescicale.
A testimonianza di cio’, riporto una frase dell’infermiera che, rispondendo al medico del reparto di radiologia dove sarei dovuto essere trasportato, ha detto espressamente: ”Il paziente è piu’ che lucido”.
Il problema giuridico-deontologico che io Le sottopongo è che, nel mio caso, è stato calpestato il diritto al diniego alle cure mediche che si stanno attuando sulla persona, ANCHE IN SITUAZIONI DI URGENZA, purche’ la persona sia in grado di intendere e di volere; questo diritto è indipendente dai protocolli medici d’urgenza,che in questa sede non vengono assolutamente messi in discussione.
Diritto suggellato da recenti normative giuridiche.
RIFERIMENTI NORMATIVI
Premesso che l’art. 13 della Costituzione italiana recita che “ la liberta’ personale e’ inviolabile”
Premesso che l’art. 32 della Costituzione recita:”Nessuno puo’ essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario,se non per disposizione di legge.La legge non puo’ in alcun caso violare i limiti imposti dal rispetto per la dignita’ umana”.
Premesso che l’art. 5 della Convenzione di Oviedo del 2001 stabilisce che il rifiuto alle cure mediche è un diritto inviolabile dell’individuo.
Premesso che il codice deontologico medico,all’art. 36,cosi’ recita:
“Art. 36 Assistenza di urgenza e di emergenza
Il medico assicura l’assistenza indispensabile, in condizioni d’urgenza e di emergenza, nel rispetto delle volontà se espresse o tenendo conto delle dichiarazioni anticipate di trattamento se manifestate”.
Premesso che la sentenza della Cassazione civile sez. III n° 23676/2008 cosi’ si esprime:
“Il paziente ha sempre il diritto di rifiutare le cure mediche che gli vengono somministrate, anche quando tale rifiuto possa causarne la morte; tuttavia, il dissenso alle cure mediche, per essere valido ed esonerare cosi’ il medico dal potere-dovere di intervenire, deve essere espresso, inequivoco, informato, attuale: non è sufficiente, dunque, una generica manifestazione di dissenso formulata “ex ante” ed in un momento in cui il paziente non era in pericolo di vita, ma è necessario che il dissenso sia manifestato “ex post”, ovvero dopo che il paziente sia stato pienamente informato sulla gravita’ della propria situazione e sui rischi derivanti dal rifiuto delle cure”.
Ora, il mio dissenso è stato “ex ante” ed “ex post”.

CONCLUSIONI
Il fatto, apparentemente “banale” nelle sue modalita’ esecutive, in realta’ e’ altamente significativo di come ancora oggi, nonostante un’elevata evoluzione sociale, in ambito medico non si tenga in debita considerazione la volonta’ espressa dalla persona, in particolar modo nelle urgenze, anzi, a volte c’è quasi un disprezzo della volonta’ espressa dalla persona.
Dall’atteggiamento “paternalistico” di memoria ippocratica da parte del medico, oggi si e’ arrivati ad una piena autodeterminazione dell’individuo nella scelta delle cure mediche e alla “cultura” di un medico pienamente cosciente della sua natura di puro esecutore di atti medici che, seppur attuati secondo scienza e coscienza, non determinano mai, in nessuna circostanza, una sopraffazione della volonta’ dell’individuo.
Affinchè tali atti di grave violazione dei diritti umani non si verifichino piu’.

Patologia trattata
Trauma toracico.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

La buona sanità

La notte del 13 maggio mia madre ha accusato il malore.
Gli operatori del 118 rapidi e scrupolosi hanno trattato la paziente con estrema delicatezza ed hanno preallertato il pronto soccorso, dove siamo arrivati alle ore 23.45 ca.
Immediatamente sono stati eseguiti gli esami necessari a diagnosticare un infarto importante in corso. Dopo un'ora veniva effettuato un intervento di angioplastica.
Un grazie a tutti coloro che hanno operato con grande professionalità e gentilezza, dimostrando che esiste anche LA BUONA SANITÀ.
Una nota di merito al medico che ci ha informato sullo stato di salute di mia madre e comunicato il trasferimento all'U.T.I.C..

Patologia trattata
Infarto.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Caos e competenza

Sono arrivato al P.S. del San Giovanni verso le 22.30 di giovedì. Dopo un po' di disorientamento mi hanno fatto un ECG e portato in codice giallo alle sale visita. In tempi rapidi mi hanno ripetuto l'elettrocardiogramma e fatto il primo prelievo per la curva enzimatica. Il personale infermieristico e medico è molto efficiente pur operando tra problemi di sovraffollamento e persone che bivaccano all'interno della struttura, scambiandola per un ricovero notturno.. Anche il personale ausiliario e della radiologia si è dimostrato gentile e competente. Grazie a Eleonora e alla sua collega e alla dottoressa Verrelli.
Certo è che la direzione dovrebbe aiutarle a lavorare in modo più sereno.

Patologia trattata
Cardiaca.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti

Un grandissimo ringraziamento a tutti i medici ed operatori del pronto soccorso e dell'OBI per la competenza, capacità ed umanità. Sono stato visitato e dopo Tac e Rmn, fattemi celermente, è stata emessa una diagnosi certa e subito impostata una terapia. Spero che tali reparti siano sempre tenuti in grande considerazione.

Patologia trattata
Vertigini, ischemia, arteria labirintica.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Povera sanità pubblica!!

La sera del 6 gennaio 2014 ho accompagnato mio cognato per uno stato soporoso insorto nella giornata. Pur avendo 93 anni, si tratta di un ex sportivo che ha sempre prestato molta cura per il suo stato di salute, ma per una caduta accidentale e una conseguente frattura di bacino ad inizio dicembre, la situazione è piuttosto precipitata.
Nonostante sia stato classificato come codice giallo, l'attesa nei corridoi è stata piuttosto lunga e su una sedia. Uno dei medici di turno, a cui ho mostrato mio cognato che si accasciava sulla sedia chiudendo gli occhi, ha risposto frettolosamente: "e dove lo mettiamo? sdraiato per terra? mica ce le abbiamo le barelle, e poi ci saranno 20-25 persone prima di lui"... Poco dopo è stato necessario trasportarlo d'urgenza come codice rosso nella sala d'emergenza. A quel punto la barella c'era ma... il cuscino era un suo maglione sporco del suo vomito e la coperta il mio cappotto perché.. "abbiamo finito coperte e cuscini!"... E lì è rimasto un paio d'ore perché .."non abbiamo letti". Verso mezzanotte, nudo con sopra un lenzuolino, è stato trasportato in Breve Osservazione lungo corridoi gelidi, da due portantini che provvidenzialmente indossavano calde giacche a vento.
In Breve Osservazione è stato parcheggiato "a spina di pesce" lungo il corridoio già affollato da numerosissime barelle.. "non abbiamo letti" e in barella è rimasto "brevemente" due giorni, finché nottetempo è stato trasferito in altro ospedale, senza che qualcuno dei familiari tra cui la sottoscritta medico fosse avvisato, nonostante le esplicite richieste e raccomandazioni in proposito.
Ringrazio invece la Dott.ssa Romito e la sua infermiera che sono state molto efficienti dal punto di vista professionale e molto cortesi e umane. Almeno qualcuno si salva. Per il resto, povera sanità pubblica.

Patologia trattata
Rallentamento psicomotorio, stato acidosico, recente frattura bacino.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Super efficienza

Siamo state trattate molto bene e con rapidità nel portare al pronto soccorso una persona anziana.

Patologia trattata
Frattura braccio.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Lo sfascio (voluto...) della sanità pubblica

Ebbene sì, la sanità pubblica è ridotta ad uno sfascio totale.
La mia è una affermazione provata proprio in questi giorni in prima persona.
Vi racconto brevemente la vicenda.
Nel mese di dicembre sono stato operato, da buon sessantenne, alla prostata presso una struttura privata, con la copertura della mia assicurazione aziendale. Tutto bene con un decorso regolare per questo tipo di intervento fino alla notte del 9 gennaio alle 3.00. Quella notte, appunto, a seguito di emorragia si è creato un grosso coagulo in vescica che impediva la minzione, con tutte le conseguenze immaginabili. Preso dal panico ho chiamato il 118 che, intervenendo in tempi rapidissimi, mi ha trasportato al pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni. E qui è cominciato il calvario. In preda ai dolori, anche se sono stato visitato in tempi rapidi, sono stato sbattuto alle 5.30 su di un sedia nel corridoio con una flebo di buscopan in attesa dell'urologo, che sarebbe arrivato, udite udite, alle ore 8.00. Un calvario insopportabile lungo due ore e trenta. Ho firmato, ho chiamato un taxi e il mio urologo che ha risolto il tutto dopo neanche mezz'ora nella stessa struttura dove mi aveva operato. Ebbene sì, anche se al San Giovanni sono presenti due reparti di urologia con una cinquantina di posti letto, non c'è un urologo di guardia. Eppure in questi reparti viene praticata una urologia robotica d'avanguardia. Inammissibile sotto ogni aspetto. La ragione di questo disservizio sono i soliti sbandierati risparmi di spesa effettuati sulla pelle di noi poveri cittadini. Ma basterebbe molto poco per offrire dei servizi efficienti. Basterebbe, ad esempio, che il 118 trasportasse un paziente che necessita di cure urologiche urgenti, in una struttura ospedaliera che dispone di un servizio di guardia medica urologia h24, anziché "sbatterlo" nel primo ospedale che capita. Si potrebbe efficientare il sistema solo migliorando l'organizzatore senza aumentare le spese. Ma forse è troppo semplice?

Patologia trattata
Ritenzione urinaria - Ematuria - Coagulo vescicale successivo a TURP.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Un doveroso riconoscimento

Sono Maurizio De Santis e sabato 9-2-2013 sono stato ricoverato d'urgenza presso le vostre strutture nel reparto di neurologia.
Con questa doverosa recensione intendo ringraziarvi per l'efficienza, la professionalità, l'attenzione, la competenza, la gentilezza di tutti, senza nessuno escludere!
Quanto vissuto e constatato mi rende orgoglioso di essere Italiano!
Grazie ancora,
Maurizio De Santis

Patologia trattata
Transitorio disturbo di circolo in ambito vertebro-basilare 435.3.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Rapidità ed efficienza

ricoverato al pronto soccorso del S. Giovanni per un sospetto infarto, in 5 minuti ho avuto la misurazione della pressione, il prelievo, l'anamnesi, l'ECG e la visita generale; dopo pochi minuti avevo fatto anche il torace. Appena pronti gli enzimi, ho avuto la visita cardiologica ed Ecocardio. Impressionante la rapidità, l'efficienza e la simpatia. Sono del mestiere, anche se dirigo una struttura privata, quindi so quello che dico.
Grazie per questa ottima sanità.
Gabriele Peruzzi

Patologia trattata
Sospetto infarto.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
5.0

ottimo trattamento

Egregi Signori, voglio ringraziare l'ottimo servizio che ho ricevuto presso il pronto soccorso dell'azienda, il 2012/11/02, Cartella clinica 2012-007682. Tutti, senza eccezione, hanno reso un grande servizio, assistenti, infermieri e medici. Congratulazioni a tutti! Ero in viaggio, vengo dal Brasile, Sao Paulo. Robson Angotti.

Patologia trattata
Urologica.


Altri contenuti interessanti su QSalute