Ospedale Molinette Torino

 
3.5 (14)
Scrivi Recensione

Giudizio dei pazienti

Voto ospedale
 
3.5 (14)
Voto reparti
 
4.4 (619)
Indirizzo
corso Bramante 88, Torino
L'Ospedale San Giovanni Battista Molinette, situato a Torino in Corso Bramante 88, fa parte dell'Azienda Sanitaria Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino, che comprende anche i seguenti Presidi Ospedalieri: Ospedale Dermatologico San Lazzaro, Ospedale San Vito. L'Ospedale dispone di 1481 posti letto ordinari e 161 posti letto di Day Hospital ed eroga servizi di rilevanza regionale per le seguenti specialità: Allergologia, Alzheimer, Cardiologia Invasiva, Cardiochirurgia, Centro Cefalee, Centro per lo Studio e la Chirurgia del Rachide Cervicale, Centro per i Disturbi del comportamento alimentare, Chirurgia mininvasiva, Chirurgia vascolare, Cura del Piede Diabetico, Ematologia (Trapianto di midollo adulti), Epidemiologia e prevenzione dei Tumori, Malattie Metaboliche dell'osso, Neurochirurgia, Neuropatia diabetica, Neuroradiologia, Odontostomatologia, Oncologia, Trapianti di Organi e Tessuti, Trattamento d'urgenza delle Sindromi Mediastiniche, Radioterapia, Retinopatie Diabetiche, Centro per le Sordità Pre e Post Linguale, Unità di valutazione Alzheimer.

Recensioni dei pazienti

14 recensioni

 
(6)
 
(1)
 
(2)
 
(5)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.5
 
3.4  (14)
 
3.2  (14)
 
4.2  (14)
 
3.3  (14)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Intervento chirurgico ernia iatale

Sono rimasto positivamente stupito dalla competenza e professionalità del personale tutto, oltre che dalla pulizia maniacale, dall'assistenza, dalla comunicazione ed umanità. Un esempio da prendere in considerazione da parte di altre strutture.
Esprimo vivo compiacimento.

Patologia trattata
Ernia iatale.


Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Anoressia portami via

Sono stata curata presso il Centro dei Disturbi del Comportamento Alimentare per circa tre anni (anche se la psichiatra mi disse in seguito di aver sbagliato e che avrebbe dovuto concludere il percorso prima!) usufruendo solo del servizio ambulatoriale con visite psichiatriche mensili (gli altri specialisti come la psicologa, il dietologo, la dietista li ho consultati con visite private). Il mio giudizio, nonostante io mi possa, in questo momento, definire uscita dal tunnel dell’anoressia, è comunque negativo: la psichiatra (dalla quale non ho mai accettato un supporto farmacologico) inizialmente mi sembrava comprensiva, ma con il tempo ho cominciato ad essere davvero irritata dal suo atteggiamento, dai suoi commenti che spesso trovavo non consoni al suo ruolo e alla mia posizione di paziente... Penso di aver vissuto una fase di transfert positivo nella prima parte della relazione terapeutica che, non essendo riconosciuto dalla “specialista” (lei stessa, quando la resi partecipe dei miei sospetti, ammise di non essersene accorta), si è evoluto in un transfert negativo. Con il senno di poi, avrei voluto terminare il percorso molto tempo prima di quanto abbia fatto. Mi sento molto arrabbiata e amareggiata verso la dottoressa e verso il sistema stesso, che non permette in alcun modo ai pazienti di valutare l’operato dei medici, dal momento che sono consapevole che questo breve estrapolato del mio vissuto e del malessere che provo ora a nessuno importerà mai. Io esco da quel reparto davvero insoddisfatta del trattamento ricevuto.

Patologia trattata
Anoressia restrittiva.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ipotensione liquorale spontanea

Ho 24 anni e per circa 4 mesi ho sofferto di ipotensione liquorale senza saperlo. Ho fatto una risonanza con contrasto e mi è stata diagnosticata immediatamente. Sono stata ricoverata il giorno dopo d'urgenza. Dopo 9 giorni di "ripristino" e preparazione con caffeina e flebo, hanno effettuato il patch lombare con sangue e colla tramite RX. L'intervento è durato circa un'ora perché ho avuto dei problemi di coagulazione di sangue. Sono stata sdraiata per 24 ore e il giorno dopo stavo benissimo, come non succedeva da mesi.
Staff molto professionale e dottori davvero attenti. Non potevo desiderare di meglio!

Patologia trattata
Ipotensione liquorale spontanea.


Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Reparto Chirurgia

Reparto Chirurgia: in 7 giorni di degenza post chirurgia di ernioplastica complicata e operazione alla vescica, non mi hanno mai visitato e non hanno mai controllato la ferita.
Menefreghismo assoluto sulla mia ritenzione urinaria.
Ho avuto una ostruzione del catetere vescicale e mi hanno lasciato 14 ore con la vescica piena e forti contrazioni dolorose prima di chiamare l'urologo, mettendo a rischio la ferita, i punti di sutura alla vescica e la tenuta dell'ernioplastica.

Patologia trattata
Ernia inguinale e ritenzione urinaria per prostatite.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Operato di adenoma pleomorfo alla parotide

Operato 7 anni fa, la mia esperienza è stata pessima. Riaperto pochi dopo giorni perché avevano sbagliato ad inserire troppo innesto cutaneo nella parte operata, ho riscontrato poco tatto nel trattare il tutto. Ad oggi ho una recidiva, ma i medici ogni volta che vado per far presente il tutto, se ne "lavano le mani" dicendo che posso stare così fino a che non diventa serio il problema.
Staff segreteria del reparto molto scontroso e scocciato ogni volta e per prenotare passano sempre mesi...

Patologia trattata
Adenoma pleomorfo alla parotide.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Trapianto di fegato

A mio marito nel dicembre 2015 è stato diagnosticato un tumore al fegato a seguito di epatite C, che ha degenerato in cirrosi. Il centro trapianti delle Molinette si è immediatamente attivato per effettuare tutte le analisi per poter inserire in lista mio marito e il 23 di febbraio u.s. ha subìto il trapianto effettuato dall'equipe del Prof. Salizzoni e dal Prof. Romagnoli. Tutto il personale medico ed infermieristico segue pazienti con grande umanità, gentilezza e competenza. Perfetta anche la gestione post operatoria sia in sala intensiva che in semi-intensiva. A tutti va la nostra riconoscenza e il nostro grazie per tutte le cure prestate.

Patologia trattata
Carcinoma al fegato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Adenoma pleomorfo parotideo

Sono stata operata il 18 novembre 2015 dal dott. Riva. Ad ormai quasi due mesi dall'intervento (perfettamente riuscito in quanto l'eventuale paresi prospettata non si è assolutamente verificata), voglio ringraziare oltre tutto il personale gentile e premuroso di questo Ospedale. Il mio infinito grazie è rivolto al dott. Riva, un medico competente, attento e soprattutto gentile e disponibile!! GRAZIE.

Patologia trattata
Adenoma pleomorfo parotide.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Esperienza negativa

Mi sono trovata malissimo sia nel reparto di medicina interna, sia al COES.
Ho trovato scarsa organizzazione, arroganza di alcuni medici e, soprattutto, non sono stati in grado di farmi una diagnosi (nonostante gli esami parlassero chiaro).

Patologia trattata
Patologia surrenalica.
Punti deboli
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Indignazione totale...

Ho 34 anni e sono alle 19esima settimana di gravidanza. Da circa un mese ho cominciato ad avvertire un fastidioso dolore ai denti. Spesso si dice che in gravidanza può accadere di avere purtroppo tale fastidio.
Poichè a distanza di una settimana il dolore (in quel momento ancora tollerabile) non passava, ho preso appuntamento in uno studio dentistico.
Lo studio è CEMISA che si trova in Via San Donato 96 a Torino. Sono stata visitata da un dottore, di cui non so neanche il nome in quanto la visita, poichè di controllo, era gratuita pertanto non mi è stato comunicato neanche il nome dell'inesperto dottore.
Scrivo inesperto perchè dopo avermi fatto una visita di 3 minuti al massimo, ha deliberato che da un primo controllo escludeva problemi dentistici e che probabilmente era semplicemente un'infiammazione delle gengive appunto derivante dallo stato interessante in cui mi trovavo.
Continuo a sopportare per altri 20 giorni questo dolore, confidando nelle parole del dentista e sperando di avere un sollievo maggiore andando avanti con la gravidanza.
All'ora di pranzo del giorno 31 ottobre (dopo 3 giorni di dolore intenso e altri 2 pronto soccorso da me visitati senza risoluzione), non sopportando più la situazione, mi reco al pronto soccorso Molinette di Torino dove spero di trovare il reparto giusto che possa darmi una mano.
All'accettazione inizialmente mi liquidano dicendo di prendere una tachipirina da 1000 mg., io piangendo e dichiarando il mio stato di gravidanza li supplico di farmi visitare da un dentista o da qualsiasi altro medico che potesse trovare una forma di sollievo al mio dolore. Ero esausta al minimo delle forze, dopo giorni senza neanche riposare.
Dopo circa mezz'ora mi ricevono e parlo con un chirurgo, il quale, non essendo sua materia, mi rimbalza al reparto Maxillo Facciale.
Dopo aver percorso a piedi un corridoio infinito, arrivo in questo reparto dove una serie di dottori stavano facendo la pausa pranzo e mi chiedono se avevo voglia di aspettare in sala d'attesa. Aspetto, aspetto e aspetto. Dopo 15 minuti non resisto più e dolorante e piangente mi reco nella stanza dove si trovavano chiedendo per favore di essere visitata perchè non resistevo più.
Mi visitano, mi guardano i denti, mi toccano le gengive e diagnosticano che il mio non è un problema di denti ma molto più probabile una nevralgia!
Mi rispediscono pertanto giù al pronto soccorso, al reparto di Neurologia, e dopo un'altra attesa di mezz'ora chiedo aiuto ad un infermiere per farmi visitare. Mi fanno entrare nella stanza, la dottoressa mi guarda quasi come fossi un povero diavolo e mi dice: "mi scusi, ma avanti a lei c'è ancora una persona!". Ormai sconsolata e senza più forze giro i tacchi e mi vado a sedere in sala d'aspetto. Dopo 10 minuti vengo chiamata e solita frase: "ma noi cosa possiamo farle?".
Mi misurano la febbre, avevo 37.3, il dolore era sempre più lancinante quindi mi fanno un flebo che purtroppo non ha alcun effetto. Dopo un'altra mezz'ora mi somministrano per via orale 10 gocce del famoso CONTRAMAL e dopo 1h e mezza dall'assunzione comincio ad avere un minimo di sollievo. La cura: 10 gocce al mattino e 10 alla sera.
Vado avanti per 3 giorni con queste gocce finchè nel frattempo mi reco a Roma perchè avevo prenotato l'amniocentesi in un centro privato.
Nei giorni a seguire, vado dal mio vecchio dentista che avevo a Roma prima di trasferirmi a Torino e, senza dovermi fare neanche la radiografia, controllando con un apposito strumento i denti mi dice: "Qui c'è una carie sul dente del giudizio. O la curiamo o lo togliamo".
Decido di togliere il dente, vi allegherei foto per farvi comprendere quanto la carie fosse profonda e ormai degenerata!
Ho patito le pene dell'inferno e tra dentisti ed ospedali nessuno, e dico NESSUNO, è stato in grado di vederla! Nessuno si è messo nei panni di una donna incinta con i dolori assurdi che può provocare un male ai denti! La sofferenza che ho provato non la posso dimenticare.

Patologia trattata
Mal di denti in gravidanza.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Valutazione chirurgia vascolare prof. RISPOLI

Voglio ringraziare tutto il reparto di chirurgia vascolare del prof. RISPOLI dell'ospedale MOLINETTE di Torino. La preparazione e l'indagine svolta prima della operazione, sono state fatte con competenza e professionalità; tutto questo ha generato in me una grande serenità e l'operazione è andata bene. Nei giorni di permanenza dopo l'intervento mi sono trovata benissimo per la disponibilità e la cortesia di tutto il personale, in modo particolare dei dottori G. VARETTO e C. CASTAGNO.

Patologia trattata
Intervento chirurgico alla carotide.
Punti di forza
Competenza e professionalità insieme a cortesia e rispetto.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

AMBULATORIO DCA

Stamattina alle 10:30 ho appuntamento con l'ambulatorio dei disturbi del comportamento alimentare.
Nel 1994 mi rivolsi all'ABA di Torino per l'insorgere di disturbi del comportamento alimentare. Già all'epoca le sedute psicoterapiche, psichiatriche e con il nutrizionista costavano parecchio. E dire che la fondatrice Fabiola de Clerq aveva inteso l'ABA come associazione senza scopo di lucro.
All'ABA incontrai appunto un nutrizionista, il Dott. Giuseppe Malfi, che nel privato mi trattava con i guanti bianchi.
L'ho ritrovato alle Molinette. Nonostante la competenza, nel pubblico trattava le pazienti con sufficienza.

Patologia trattata
Disturbi del comportamento alimentare.
Punti di forza
Competenza degli psichiatri e delle dietiste.
Punti deboli
Talvolta nutrizionisti strafottenti.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Neurologia (Parkinson)

Gli orari di visita vengono raramente rispettati con ritardi che possono superare l'ora, creando non pochi problemi ad un malato, specie se anziano. Ma il problema più grave riguarda la difficoltà a mettersi in contatto con il medico curante in caso di necessità. Può capitare che al telefono non risponda nessuno, oppure che, nonostante le comunicazioni lasciate all'operatore, il medico non vi richiami. Trattandosi di malattie gravi come il Parkinson, una tale carenza è semplicemente inaccettabile. Non vengono forniti consigli o aiuti di qualche tipo alle famiglie, che si trovano così ad affrontare da sole tutte le problematiche che il Parkinson comporta.

Patologia trattata
Parkinson.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Chirurgia vascolare 2 (Rispoli)

Un grazie di cuore al dott. Zan, un medico d'altri tempi che si è preso cura di me nel vero senso della parola: oltre a spiegare in termini comprensibili il mio problema fisico e ad intervenire con competenza per risolverlo, ha saputo interpretare anche le mie difficoltà pratiche a muovermi nella struttura ospedaliera.
Questo non è poco!! Muoversi all'interno delle Molinette non è semplicissimo per chi conosce solo ospedali di provincia.
Ancora grazie!!

Patologia trattata
Ischemia arto inferiore.
Punti di forza
Oltre alla competenza e professionalità, è da evidenziare secondo me la grande umanità del dottor Zan.
Gentili e premurosi tutti gli operatori con cui sono entrato in contatto.
Ottima la pulizia
Punti deboli
Unico neo: la mancanza di impianto di condizionamento nelle camere (e a luglio 2012 a Torino il caldo non era da poco).
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

CHIRURGIA VASCOLARE 2 (prof. Rispoli) - D-H

Grande disponibilità e competenza del dr. Zan. Ha spiegato bene ogni riscontro della visita. Risponde alle domande del paziente in modo esaustivo e chiaro. Dimostra sensibilità e professionalità. Non affretta soluzioni radicali ma lascia, potendo, il tempo per riflettera al paziente. La struttura è decisamente brutta ma si sa che il Molinette è uno degli ospedali più vecchi (inaugurato ancora dal re!).

Patologia trattata
Visita ambulatoriale di chirurgia vascolare per varici arti inferiori.
Punti di forza
Competenza del medico, disponibilità a spiegare chiaramente ogni dettaglio.
Punti deboli
Struttura fatiscente, avvisi mal collocati ovunque, spazi mal gestiti fra reparti diversi.


Altri contenuti interessanti su QSalute