Pronto soccorso Ospedale Parma

 
3.4 (17)
Scrivi Recensione
Il reparto di Pronto soccorso e medicina d'urgenza dell'Ospedale Maggiore di Parma, situato in viale Gramsci 14, ha come Direttore il Dott. Gianfranco Cervellin. Responsabile Medicina d'urgenza A: Dott. Francesco Scioscioli. Responsabile Medicina d'urgenza B: Dott. Gianluigi Mossini. Il reparto è struttura complessa del dipartimento Emergenza-urgenza ed il trasferimento in Medicina d'urgenza, destinato ai soggetti che necessitano di un'osservazione prolungata, avviene direttamente dal Pronto soccorso. Fanno parte dell'equipe medica i dottori Giuditta Adorni, Carlotta Bellini, Mario Benatti, Laura Bonfanti,Valentina Campana, Andrea Carbucicchio, Laura Chioni, Francesca Cobianchi, Ivan Comelli, Gianluca Costantino, Emmanuela Courlios, Michele Creta, Attilio De Blasio, Nicola Fabiano, Ida Filice, Patricia Granauro, Raffaella Margapuoti, Maria Franca Merli, Francesco Mineo (responsabile OBI), Gianluigi Mossini, Giampaolo Neri, Filippo Numeroso, Federica Pigna, Caterina Pizzigoni, Carlotta Saccenti, Francesco Scioscioli, Antonietta Storelli, Elena Strada, Sara Tarasconi, Enrico Tateo, Riccardo Vassallo, Stavroula Vourna.

Recensioni dei pazienti

17 recensioni

 
(7)
4 stelle
 
(0)
 
(5)
 
(5)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.4
 
3.2  (17)
 
2.8  (17)
 
4.2  (17)
 
3.5  (17)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Polmonite e dispnea

Entrato alle ore 20.30, premetto che era quasi vuoto il pronto soccorso, alle ore 23.00 non mi avevano ancora visitato.
Organizzazione scadente.

Patologia trattata
Polmonite con mancanza di respiro.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Sincope persona anziana

Mia madre ottantenne, colpita da un improvviso svenimento, cade a terra, batte la testa e rimane così per diversi minuti. Chiamo il 118 e, portata al p.s., dopo il triage rimane in barella per 3- 4 O FORSE PIU' ore, senza che nessuno si occupi di lei.
Grazie a DIO si riprende bene. La riporto a casa.
Ho conosciuto pazienti che aspettavano da 8- 10 ore.
E' evidente che qualche cosa non funzioni.
PREGHERO' IL SIGNORE DI NON AVER PIU' BISOGNO DI LORO.

Patologia trattata
Sincope.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Esperienza da dimenticare

Personale giovane inesperto e maleducato.
Mio padre per 2 ore è stato lasciato sul una barella e lì dimenticato, al freddo perché gli avevano messo solo un lenzuolino.
Chiedo informazioni ad un medico della TAC, non solo non saluta, ma continua a camminare facendo finta di non sentire... dopo la TAC viene riportato in PS, il tutto senza che ci/gli venga data informazione alcuna; lì abbiamo visto i peggiori infermieri che un ospedale possa avere: non un sorriso, non una visita ad un paziente, non una attenzione, ridacchiavano tra loro spostandosi in tempi biblici e le poche risposte date ai parenti erano: "non abbiamo tempo, non lo sappiamo, siamo solo infermieri, aspettate la dottoressa".
L'unico sorriso e spiegazione l'abbiamo ricevuta dalla sola dottoressa del PS, cordiale, esaustiva e professionale, che tra l'altro ha visitato mio papà dietro mie richieste ed insistenze.
Dimenticavo, il tutto è successo al PS di Parma, il 26/12/2018, dalle h 12.15 circa alle h 21.00, orario in cui mio padre ha firmato per essere dimesso.
Silvia

Patologia trattata
Trauma cranico.

Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Esperienza pessima

Sono entrato alle 23.30 dopo una caduta in moto, lamentando forte dolore alla spalla, ma in accettazione si sono limitati a darmi il codice verde e mettermi in attesa per la visita. Davanti a me c'erano una decina di codici verdi e i codici gialli. Ho aspettato 4 ore per la visita che, in cui per forza il dottore mi ha fatto fare una lastra (che potevano già farmi fare in accettazione). Dopo un'altra ora di attesa fermo il radiologo e gli chiedo come mai ci volesse così tanto per un responso, ma lui mi dice che lo aveva consegnato al dottore dopo appena 10 minuti dall'esame.. Nel frattempo passa l'infermiera di turno che mi vede spazientito che parlo col radiologo e subito dopo entra nell'ambulatorio del medico di guardia e, guarda caso, vengo chiamato, ma visto l'orario e le fratture di poco conto, non hanno un ortopedico disponibile e mi dicono di aspettare fino alle 8.00 del mattino. Io sono andato via perché altrimenti avrei messo le mani addosso a qualcuno. Alla fine sono uscito alle 5.30 del mattino, per poi tornare alle 8.00, ditemi voi se un pronto soccorso di città può avere in notturna un solo ambulatorio e una organizzazione di questo genere.

Patologia trattata
Trauma toracico con frattura composta della scapola e 2 fratture di costole.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Non so perché, ma mi aspettavo di più

Infermieri gentili, anche se ben 9 buchi per un prelievo e lo sfigmomanometro lato fistola ben evidente.
Medici competenti e gentili.
Nessun supporto per poter chiedere aiuto.

Patologia trattata
Febbre molto alta e difficoltà respiratoria.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Meglio non finire al P.S. di Parma

Dopo un'ora di attesa in condizione di estremo dolore (e sia stare seduta, sia stare in piedi peggiora solo la gravità del dolore), il dottore di turno mi riceve, e senza prestare la minima attenzione al mio esporgli i sintomi, mi fa una superficialissima visita in cui diagnostica una lombosciatalgia. Mi prescrive antinfiammatori di tipo FANS che sono stati del tutto inutili, e mi manda via. Quando la mia dottoressa di base è tornata dalle vacanze e mi ha visitato, mi ha chiesto: "ma il medico del PS non ti ha fatto fare nemmeno una lastra???". A voi le conclusioni...

Patologia trattata
Lombosciatalgia.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Reparto OBI Ospedale Maggiore

Siete fantastici, umani, cordiali, educati, organizzatissimi e fate sentire le persone a proprio agio. Grazie per la disponibilità dimostrata da tutto il personale, ho trovato veramente un servizio eccellente e delle persone di cuore, sempre disponibili e sorridenti. Siete un orgoglio per noi cittadini e pazienti.

Patologia trattata
Reazione allergica e tachicardia.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

L'infinita attesa

Accedo al PS alle 21.30 per fastidio al petto e senso di sfarfallio; il triage in accettazione è ineccepibile: in pochi minuti mi fanno elettrocardiogramma, misurazione della pressione, misurazione del polso. Gli esami sono perfetti, il cuore sembra non presentare scompensi, l'infermiera mi raccomanda però di aspettare per la visita medica, dandomi un codice verde. Tranquillizzata, aspetto pazientemente il mio turno. Il monitor evidenzia 22 codici verdi e 2 gialli, nessun codice rosso. La fila non sembra scorrere, i pazienti sono chiamati in un solo ambulatorio e tra un paziente ed il successivo può passare anche quasi un'ora. Alcune persone in trattamento, entrano più volte, sempre nello stesso unico ambulatorio. Alle 00.35 stremata dall'attesa chiedo all'infermiera alla reception quante persone ci siano ancora avanti a me (il tabellone evidenzia ora 20 codici verdi e 2 gialli, non è arrivato nessun codice rosso).
L'infermiera mi informa di averne 15... ma il numero non è indicativo.
Con il mio fastidio al torace rimasto senza una diagnosi, dopo 3 ore e 30 minuti di attesa, torno a casa.
Non necessitando di un intervento tempestivo (ma al mio accesso al PS non potevo saperlo!), sarebbe bastato un medico al triage che, rilevando la mancanza di urgenza per l'esito positivo degli esami cardiaci, mi consigliasse di rivolgermi con calma il mattino dopo ad altro specialista o al medico curante, invece di lasciarmi in attesa con un codice che non lasciava nemmeno lontanamente comprendere quando potesse essere il mio turno. Il PS non dovrebbe essere un servizio a cui rivolgersi solo in casi di gravità estrema, altrimenti non si spiegherebbe la presenza dei codici verdi e bianchi. Un solo ambulatorio funzionante (oltre a quello ortopedico), visto il numero di accessi è totalmente insufficiente.

Patologia trattata
Visita non eseguita.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Valutazione pronto soccorso

Assistenza sanitaria buona. Le attese a volte sono lunghe. Esperienza degli ultimi 15 anni.

Patologia trattata
Malattia psichiatrica.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Pronto soccordo pediatrico inesistente

Pronto soccorso inesistente! Giunti al triage devi lottare e dare mille motivazioni per far visitare il bambino e ti invitano ripetutamente ad andare dal pediatra, anche se è sabato o domenica. Riusciti nell'ardua impresa di farti visitare il figlio, l'unica cosa che sanno fare, a prescindere dal problema del piccolo, sono esami del sangue e delle urine. Non sono in grado di darti nessuna terapia e ti rimandano a esami e a visite specialistiche a distanza anche di due tre settimane. Inutili e soprattutto superficiali, si ha l'impressione che loro facciano di tutto per rimandarti a casa il prima possibile "infischiandosene del problema", quasi come tu non avessi niente di meglio da fare che stare lì con loro. Vi prego cambiate atteggiamento e abbiate rispetto per i bimbi e il loro sacrosanto diritto alla salute.

Patologia trattata
Diverse.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Per gli operatori del reparto OBI pronto soccorso

Desidero ringraziare infinitamente tutto il personale del pronto soccorso OBI che nella settimana dal 25 ottobre al 1 novembre si sono prodigati per fare in modo potessi superare questo brutto momento. Mi hanno fatto sentire a casa i bravissimi infermieri, tutti con pazienza infinita nei miei confronti...
E poi ringrazio LA DOTT.SSA MERLI MARIA, LA DOTT.SSA STORELLI ANTONIETTA, IL DOTT. MINEO FRANCESCO, IL DOTT. BIANCONCINI: persone fantastiche che lavorano con passione infinita.
Grazie dal profondo del cuore.
PUMA ROSELLA

Patologia trattata
FIBRILLAZIONE ATRIALE.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

NUMERO UNO

NON HO NULLA DA DIRE, TUTTO OTTIMO, SEMBRA UN'OSPEDALE D'ECCELLENZA DEL NORD EUROPA, CON MEDICI ED INFERMIERI PREPARATISSIMI. UN GRAZIE PARTICOLARE AL TEAM DEL REPARTO O.B.I. E DELLA MEDICINA D'URGENZA. GRAZIE, SIETE STATI GRANDI!

Patologia trattata
IPERTENSIONE.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Reparto medicina d'urgenza

La mamma, reduce da una brutta caduta, è stata curata e seguita con attenzione.
Eccezionale la disponibilità del dottor Carbucicchio, capace di comprendere i pazienti e i famigliari.
Reparto molto migliorato da 3 anni fa.
Disponibilità dei medici esemplare, pulizia curata, collaborazione gentile ed attenta da chi distribuisce i pasti.

Patologia trattata
Brutta caduta.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Salvare le persone NON è sempre facile..

Dall'esemplare lavoro di tutto il personale del team 118 elicottero ed ambulanza, alla sede operativa Dipartimento Emergenza - Urgenza. Gradirei ringraziare il personale, medico e infermieristico del reparto per l'impegno, la gentilezza, professionalità disponibilità e cortesia dimostrati. Un particolare ringraziamento ai dottori Granauro Patricia, Alesci Massimiliano, Carlo Bocchi, Drago Giuseppe e tutti i loro collaboratori. Un plauso per un correttissimo e fondamentale primario approccio umano medico-paziente. Complimenti quindi a tutti per l'impegno e la volontà che mettete nel vostro lavoro; e che rimanga inalterata con il passare del tempo. Grazie ancora.

Patologia trattata
Incidente stradale: visita internistica con consulenza ortopedica e diagnosi finale di Policontusione con edemi in varie articolazioni.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Tanto di cappello- dr. Numeroso e staff

Vorrei ringraziare tutto il personale, medico e infermieristico, del reparto di Medicina d''urgenza per la professionalitá e la cortesia che mi hanno dimostrato. Un particolare ringraziamento al dott. Numeroso che mi ha seguito, a mio modo di vedere, con estrema attenzione e con un approccio medico che ho particolarmente apprezzato e che ritengo abbia dato quel tipo di risposte che un paziente desidera sentirsi dare. Complimenti quindi a tutti per l'impegno e la volontà che mettete nel vostro lavoro; e che rimanga inalterata con il passare del tempo.
Grazie ancora.

Patologia trattata
Problema Cardiaco.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

ricovero di mia madre

Purtroppo mia madre di 86 anni è morta il 22/4/10 in un ospedale in Germania, con la diagnosi di trombosi dell'Arteria mes. sup. dopo esser stata prima ricoverata per 5 giorni all'ospedale di Parma. Essendo medico con larga esperienza ho suggerito la diagnosi di ischemia intestinale, poi confermato solo in Germania, a diversi medici del pronto soccorso di Parma ed altri senza trovare riscontro (non voglio aggiungere altro).
Purtroppo per questa patologia anche un iter diagnostico piu fortunato e celere a Parma con ogni probabilità non avrebbe cambiato l'esito. Però rimane il dubbio.

Patologia trattata
diarrea e scompenso cardiaco (secondo la diagnosi del pronto soccorso)
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

errore diagnostico

Mia madre, accusando un forte dolore al piede sinistro con presenza di lesioni, è stata prontamente dimessa con invito a procedere con cure dermatologiche, quando invece si trattava di occlusione completa alle arterie della gamba sinistra.
Il successivo tardivo ricovero in chirurgia vascolare non ha peremesso di salvare l'arto.

Patologia trattata
ischemia arteria arto inferiore sinistro


Altri contenuti interessanti su QSalute