Casa di Cura L'Eremo di Miazzina

 
2.8 (13)
Scrivi Recensione
Indirizzo
Via per Miazzina 16, Cambiasca (VB)
Telefono
0323 553700
La Casa di Cura privata L'Eremo di Miazzina è situata in Via per Miazzina a Cambiasca in provincia di Verbano Cusio Ossola. La Casa di cura si compone di tre edifici inseriti in un ampio parco ed offre una splendida vista panoramica sul Lago Maggiore. La struttura è sorta nel 1924 come struttura sanatoriale, per la cura medica e climatica della malattia tubercolare. L'ubicazione del complesso ne ha consentito la graduale trasformazione nel tempo, con un'evoluzione parallela e conseguente al mutamento che andava configurandosi nel campo della patologia pleuropolmonare. Attualmente la Casa di cura si è organizzata per affrontare i problemi relativi alla diagnosi e cura della patologia respiratoria emergente, curando particolarmente l'istituzione di due importanti servizi di broncoscopia e broncografia, e di fisiopatologia respiratoria. In stretta collaborazione con il servizio di fisiopatologia respiratoria, lavora il servizio di fisioterapia, con un'attività che nel tempo è andata potenziandosi dall'ambito respiratorio verso il neuromotorio.

Recensioni dei pazienti

13 recensioni

 
(3)
 
(2)
 
(1)
 
(6)
 
(1)
Voto medio 
 
2.8
 
3.0  (13)
 
2.9  (13)
 
2.9  (13)
 
2.5  (13)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

Pazienza e cura

Il personale - infermieri, oss e medici - è molto gentile e efficiente. Il posto ha una vista bellissima che compensa qualche "pecca" dovuta alla anzianità della struttura.
Ci vuole pazienza nella riabilitazione, nessuno può fare miracoli, però quello che conta è il clima generale e l'attenzione che viene data. Qui c'è attenzione alle persone da parte di tutti. La gentilezza è già di per sè una forma di cura.

Patologia trattata
Deficit di deambulazione.



Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Ricovero di mia madre

Dopo aver ricoverato mia mamma (io abito a 150 km. di distanza e tutti i sabati e le domeniche andavo a trovarla) ho lasciato passare qualche settimana in modo che la visitassero e iniziassero a farle le dovute cure per le patologie segnalate dal dottore di base di mia mamma. Ho chiesto di parlare telefonicamente con la dottoressa che aveva in cura mia mamma, in quanto al sabato e alla domenica non era operativa. Per 2 settimane e mezzo o provato a contattarla telefonicamente senza mai riuscir a parlarle, il telefono del suo studio suonava perennemente libero e non rispondeva mai, e non venivo richiamato anche se avevo lasciato il mio numero. Quando mi facevo passare il reparto, mi dicevano che era in visita, o già uscita, anche se telefonavo nelle ore che mi venivano indicate dalle infermiere. Dopo 2 settimane e mezzo di continue telefonate, ho dovuto dire che avevo bisogno di parlare con la dottoressa per una cosa urgentissima e finalmente me l'hanno passata. In questa telefonata ho saputo che la fisiatra che le doveva prestare le cure (a quanto mi hanno detto dopo l'unica fisiatra dell'ospedale, che lavora mezza giornata con centinaia di pazienti ricoverati) ha stabilito che le cure non andassero effettuate. Mentre il medico di base le aveva indicate e, una volta riportata a casa, altri medici hanno ritenuto che le cure si potevano fare, anche perche' mia madre ha un decadimento cognitivo ma e' collaborante. Quindi, per tutto il tempo che e' stata ricoverata (quasi un mese e mezzo) non e' stato possibile sapere che non le facevano i trattamenti fisiatrici per la cura dell'osteoporosi e per i deficit di deambulazione in poliartrosi i responsabili non rispondevano al telefono e non ci avvisavano che secondo loro non poteva effettuare i trattamenti fisiatrici. Quando siamo venuti a conoscenza della cosa siamo andati a ritirare mia madre dall'ospedale e, anche se richieste, non ci hanno rilasciato le eventuali altre cure effettuate. Non capisco come un ospedale di 270 posti specializzato in riabilitazione motoria, possa avere un fisiatra che lavora mezza giornata.

Patologia trattata
DEFICIT DI DEAMBULAZIONE IN POLIARTROSI e OSTEOPOROSI.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Frattura femore in paziente anziano

Non so come sarebbe stato in un altro ospedale, ma l'anziano che ho seguito io è uscito da qui disidratato e pieno di piaghe, a nessun parente era stato detto.
La prima cosa che ti fanno è metterti un bel pannolone, anche se non sei incontinente ma non ti puoi alzare da solo..
Mi sento in dovere di scrivere perché se avessi letto io una cosa del genere un mese fa avrei risparmiato tanta sofferenza a qualcuno che, una volta qui, magari non ha più voce per gridare. Peccato che il nostro futuro sarà essere anziani..

Patologia trattata
Esiti da frattura femore in paziente anziano.

Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

DELUSA E AMAREGGIATA

Volevo solo dire che mio padre è anni che viene in questa struttura e fino all'anno scorso si è sempre trovato bene. Quest'anno per quanto riguarda il medico che l'aveva in cura, è come sempre disponibilissimo e molto attento, ma per il resto.. non ho parole. Struttura sporca, malandato e con NESSUNA ATTENZIONE PER I MALATI. L'igiene non sanno più dove sia, dita di polvere ovunque... Mio padre, che non è completamente autosufficiente, ha fatto la doccia dopo 20 giorni e a oggi dopo 15 giorni si è fatto dimettere senza che nessuno l'abbia aiutato a lavarsi. Quello che vorrei far presente è che le persone come lui saremo noi un domani, e non trovo giusto che vengano trattate con tale NON CURANZA. MA SOPRATTUTTO L'IGIENE IN UN OSPEDALE DEVE ESSERE PRIORITARIA..
Quindi, tolti i medici, il NOSTRO VOTO è zero.

Patologia trattata
Riabilitazione motoria e respiratoria.
Punti di forza
I medici (che curano i pazienti molto bene ma purtroppo non possono fare molto, ma soprattutto non sta a loro lavare i malati o pulire).
Punti deboli
IGIENE -PULIZIE -CORTESIA.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Ambulatorio distaccato di Pallanza dell'Eremo

Questa recensione riguarda l'Ambulatorio distaccato di Pallanza, esami, analisi e radiologia (Verbania Pallanza - Via Cadorna 12) e non va confuso con la struttura madre “Eremo di Miazzina”, situata nel Comune montano di Cambiasca, fraz. Miazzina.

Recensione del tutto positiva:

Collaboratori gentilissimi (sia le impiegate che il personale sanitario), orario continuato fino alle ore 19, analisi sangue senza appuntamento fino alle ore 9,15, esiti esami rapidissimi (quello del sangue nel pomeriggio stesso), radiografie con la mutua con appuntamento di pochissimi giorni, esito delle radiografie dopo pochi minuti.

L'unico appunto negativo è che la struttura, situata in una piccola via del centro storico di Pallanza, è assai scomoda per il posteggio e per i portatori di handicaps; questo spiega il voto 3 per i Servizi.

Paolo Denari

Patologia trattata
Analisi e radiografie di controllo.
Punti di forza
cortesia; velocità di appuntamento e dei risultati dei referti.
Punti deboli
posizione scomoda per posteggio e handicaps.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Eremo Miazzina - visita pneumologica

RECENSIONE SCRITTA IL 16 FEBBRAIO 2014 PER IL SITO QSALUTE.IT, Casa di Cura Eremo di Miazzina - Cambiasca

Riporto la mia esperienza, del tutto negativa, di una visita pneumologica fine 2013, in regime di SSN, presso l'Eremo di Miazzina, Cambiasca, effettuata dalla Dott.ssa N.

Fin dall'inizio, sono stato colpito dall'atteggiamento scortese e a tratti sconcertante di questa Dottoressa (fra l'altro ha chiesto a me, con tono aggressivo, dove fossero tutti gli altri pazienti che a lei risultavano prenotati alla sua visita in base ad una lista che lei aveva in mano, e io che ne so?? Mica li avevo cacciati via io, eh!).
Visita frettolosa e con atteggiamenti scostanti, spirometria e diffusione alveolo-capillare senza i tests con la metacolina, di cui avevo bisogno per distinguere e comprendere se BPCO o asma; liquidato senza alcuna cura (nonostante lamentassi dispnea, tosse e catarro, e nonostante che la spirometria effettuata evidenziasse sensibile riduzione della capacità respiratoria), referto con imprecisioni ed errori; ho dovuto poi andare in visita privata da un altro pneumologo, fuori zona, che mi ha dato subito terapia con broncodilatatori.
Non consiglio, in base alla mia esperienza, la struttura, fra l'altro scomoda da raggiungere, fatta di vecchi edifici pieni di barriere architettoniche e di salite ripidissime, senza posteggio interno per i pazienti. Apprezzabile invece la cortesia del personale impiegatizio e infermieristico al momento dell'accettazione.

Patologia trattata
Dispnea, tosse, catarro, sospette asma o BPCO.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Casa di cura EREMO DI MIAZZINA a livello europeo

Dopo i primi soccorsi al DEA di Pallanza, è seguito il trasferimento al Department di Ortopedia - Domodossola- ed in data 26/12/2012 fui ricoverata all'EREMO DI MIAZZINA. E' stata la mia "salvezza", le mie condizioni fisiche erano pietose, solo grazie alla grande competenza dello Staff Medico e Paramedico del 2° Padiglione RIABILITAZIONE - NEUROMOTORIA sono sopravvissuta ed ho superata la fase più critica durante la mia degenza. Essendo di origine tedesca, posso permettermi un giudizio su Assistenza, Servizi e Pulizia... e tranquillamente posso affermare che il Sistema Sanitario Italiano supera in molti aspetti quello tedesco! A questo proposito ho l'onore ed il grande piacere di esprimere i miei più sentiti ringraziamenti ai Dottori CUGGIA, FRANCIONI e SCARFONE, nonchè alla grande competenza della Caposala BARBARA, che con affetto e professionalità coordina il suo difficile lavoro e si dedica ai "suoi" pazienti, insieme al suo validissimo Staff di Infermiere/i , una straordinaria collaborazione a favore di tutti i pazienti. Non posso citare tutti i nomi tra CARLO, CHRISTINA, SINA, MARLENE, LUCIANA e, last but not least, la bravissima ANTONIETTA VENTURA, che viene da fuori a prestare la sua opera.
Sono commossa e posso solo dire GRAZIE A VOI TUTTI della CASA DI CURA "EREMO DI MIAZZINA".
Hilde Muehlbauer

Patologia trattata
Frattura di una vertebra, politraumati, versamento pleurico, ematomi eccetera, causa gravissimo incidente stradale.
Punti di forza
Gentilezza, bontà, professionalità.
Punti deboli
NESSUNO!
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

Terzo piano Reparto Lungodegenza

Un mio cugino si ricoverava nel Reparto Lungodegenza della Struttura per patologie croniche cardiache e respiratorie. Vorrei segnalare prima di tutto l'alta professionalità del primario Dott. Crepaldi, dei suoi collaboratori Dott. Cotroneo e Dott.ssa Togna (questo mio parente era ricoverato al terzo piano del Reparto di Lungodegenza, dove appunto operano questi sanitari). Ancora devo segnalare il senso del dovere e l'abnegazione di buona parte dei paramedici, infermieri ed operatori socio-assistenziali che operano nel Reparto, in special modo la capacità organizzativa della Caposala Signora Silvana.
Tutto bene quindi sembra, ma devo segnalare, con dolore ed angoscia, quanto capitato a questo mio parente sfortunato in precarie condizioni di salute e sociali; una notte del mese di Dicembre presentava improvviso malore con nausea e tachicardia e sensazione di svenimento. L'infermiera di turno correttamente avvisava il medico di guardia, Dott.ssa Fausta Falciola, che presta servizio nel Reparto comi. Dopo varie chiamate telefoniche senza risposta, data l'urgenza, la stessa infermiera si recava al secondo piano dove è ubicata la stanza del medico di guardia e bussava ripetutamente alla porta della stessa; dopo svariati minuti finalmente la Dottoressa apriva ma appariva subito all'infermiera in pieno stato confusionale, proferiva parole offensive nei riguardi dell'infermiera ed emanava un intenso odore di alcool, essendo completamente UBRIACA.
Si recava su insistenza dell'operatrice al terzo piano, continuando a gridare tra i fumi dell'alcool e, cosa ancor più grave, assaliva il povero malcapitato paziente in precarissime condizioni di salute con schiaffi e parole terribili.
Ridiscendeva tra lo sconforto e lo stupore totale dell'infermiera al secondo piano, senza aver dato assistenza al mio parente! L'infermiera tra le lacrime, sentendosi profondamente offesa e colpita dall'atteggiamento del medico, telefonava nel cuore della notte (erano circa l'una) al Primario Dott. Crepaldi il quale, con totale senso di responsabilità ed abnegazione, si precipitava nella struttura da Verbania, dove risiede. Arrivato sul posto si prodigava a visitare questo mio parente distrutto nel fisico ed ancor più nell'animo dal comportamento della Dottoressa; non pago, visitava i degenti del piano cercando di tranquillizzare tutti e tornando a casa dopo più di due ore passate nel Reparto.
La mattina dopo il Primario segnalava il gravissimo accaduto, passibile di licenziamento in tronco, al Direttore generale Dott. Mario Vannini ed al Direttore Sanitario Dott. Dario Pagani. Gli stessi convocavano la stessa Falciola ma il tutto, almeno fino ad ora, veniva messo a tacere con stupore di tutti gli operatori della Struttura.
Da notare che la stessa Dottoressa Falciola, continuiamo a definirla con tutto il RISPETTO PER I VERI OPERATORI SANITARI, SIANO ESSI MEDICI O PARAMEDICI, nel passato era stata sorpresa spesso in servizio completamente ubriaca. E' incredibile che mai siano stati presi seri e definitivi provvedimenti nei riguardi della stessa da parte dei Responsabili!
Come cittadino e nello stesso tempo come parente, ho già segnalato la vicenda alla Direzione del Gruppo Garofalo nella persona dell'AD Avv. Maria Laura Garofalo. Tale gruppo, un'eccellenza nello sconfortante quadro sanitario pubblico e privato italiano, detiene la proprietà della struttura. Pensavo di avere una risposta celere, data la gravità del fatto, nelle parole e nelle azioni da parte dell'AD, ma ad oggi niente si è mosso.

Patologia trattata
Lungodegenza.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

NON ANDATECI

Mia madre è stata ricoverata nel mese di settembre 2012 per effettuare la riabilitazione fisioterapica a seguito di un intervento di protesi d'anca. E' stata sistemata in una camera insieme ad altre tre persone, anche loro non autosufficienti. Il bagno non era assolutamente adeguato per l'utilizzo da parte di persone disabili, neanche una maniglia per attaccarsi e non c'era modo di entrare con la sedia a rotelle. Anche lo spazio della camera certamente non consentiva a quattro persone su sedia a rotelle di muoversi agevolmente. La cosa più assurda è che mia madre ha dovuto farsi cambiare ben 4 volte la sedia a rotelle perchè tutte vecchie, rotte e logore ma, soprattutto, con I FRENI NON FUNZIONANTI!!!....
Inaccettabile inoltre che fuori dalla porta della camera ci fosse una RAMPA da percorrere per raggiungere il corridoio del reparto, impraticabile per una persona in sedia a rotelle se non con l'aiuto di qualcuno dotato di buona pazienza....
L'assistenza infermieristica è decisamente scarsa, la caposala non esiste e ho visto con i miei occhi persone anziane e non autosufficienti chiamare più volte per un aiuto senza nessun intervento, oppure arrivava qualcuno, ma solo per dire scortesemente che quello non era il momento!
Ho visto persone anziane PIANGERE perchè sgridate dal personale...
Ho visto 4 infermiere fare una pausa-sigaretta in un bagno del reparto al piano sottostante, dove fuori dalla porta avevano scritto e sottolineato che era vietato fumare.
L'assistenza di base (pulizia del corpo e alimentazione) è INESISTENTE, confermo che occorre pagare delle badanti esterne (alcune tra l'altro maleducate).
La pulizia degli ambienti è scarsa, anche l'esterno è poco curato, direi lasciato al degrado.
Nulla da dire invece sul personale medico, gentile e competente (in particolare una dottoressa molto carina e disponibile).
Noi ce ne siamo andati.

Patologia trattata
Protesi d'anca.
Punti deboli
Assistenza e attrezzature.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

complimenti

Nostra madre ha soggiornato presso questo centro dal 28/6 al 17/7, quando è mancata. Vogliamo esprimere tutta la nostra gratitudine al personale medico e infermieristico per le doti professionali e il senso di umanità dimostratoci. In particolare i dott.ri Novo, Cinardo e Cotugno l'hanno seguita con competenza e attenzione dandoci la tranquillità e la consapevolezza che nostra madre fosse curata nel miglior modo possibile. Per quanto abbiamo avuto modo di vedere, le attrezzature mediche sono adeguate per far fronte anche alle emergenze quanto quelle di un ospedale. Siamo grate anche alle infermiere per l'affettuosa assistenza.
La casa di cura è, inoltre, situata in un posto bellissimo.

Patologia trattata
BPCO PATOLOGIA RESPIRATORIA GRAVE - EDEMA POLMONARE - ASMA
Punti di forza
PROFESSIONALITA' DEL PERSONALE MEDICO E INFERMIERISTICO.
ASSISTENZA AFFETTUOSA DA PARTE DI TUTTO IL PERSONALE.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

OTTIMA STRUTTURA

un mio zio è stato ricoverato all'eremo da un ospedale lombardo, nel quale aveva subito un operazione al bacino in seguito ad un incidente in bicicletta. Non sapevamo dove fosse ubicata la struttura dell'eremo, nè come fosse organizzato il ricovero. In sostanza, la degenza di mio zio è stata non solo gradevole, ma anche proficua dal punto di vista sanitario. Devo dire che dal lato riabilitativo del bacino i benefici sono stati rapidi e continui, tanto che oggi, a più di un anno dalla dimissione, nessun problema è sopravvenuto; anche dal lato respiratorio (lo zio da anni soffre di problemi polmonari)ci sono stati benefici. I medici della struttura hanno mostrato competenza in entrambi i problemi. Consiglierei (ed ho consigliato ad amici e conoscenti)il ricovero all'eremo per coloro che ne avessero bisogno.

Carlo.

Patologia trattata
Frattura del bacino in persona con problematiche respiratorie gravi.
Punti di forza
Ottima accoglienza, personale medico e di assistenza ben preparato, generalmente gentile e disponibile.
Punti deboli
posizione geografica incantevole ma difficoltosa da raggiungere.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Si potrebbe fare di meglio

Mia mamma era malata di tumore al polmone ed aveva metastasi alle vertebre che la costringevano a letto.
E' stata ricoverata per i primi giorni in una camera a 4 letti: come un girone infernale, letti a un metro l'uno dall'altra, persone che si lamentavano per il dolore...
Poi e' stata spostata in una stanza singola, a pagamento, e quindi era relativamente privilegiata: comunque l'assistenza infermieristica era scarsa, nel senso che erano in pochi, e bisognava stare attenti a non protestare troppo, perchè (alcune, non tutte) infermiere facevano pesare ancora di piu' la loro importanza facendosi attendere. Questo mentre mia mamma attendeva una "dose" di morfina, per calmare il dolore che si faceva insopportabile.
L'assistenza di base (pulizia del corpo, alimentazione) ai malati veniva fatta da badanti (pagate come extra anche queste) o dai parenti per tutti i pazienti, perchè comunque era disponibile sempre solo una infermiera per una ventina di persone, che quindi non poteva dedicarsi a questo.
I medici non sono stati per niente disponibili a richieste i chiarimenti, ed in alcuni momenti "di emergenza" = dolore insopportabile, hanno dato l'impressione di non esserci proprio (era domenica, o la mattina presto), o almeno si sono fatti attendere per ore.
Devo dire che in tutto questo ho trovato anche qualche infermiera ed un dottore (non mi ricordo i loro nomi) che mi hanno dimostrato umanità e fatto con coscienza il loro lavoro, e di questo li ringrazio. Deve essere duro per loro lavorare in questo ambiente.

Patologia trattata
Tumore al polmone con metastasi vertebrali
Punti di forza
Il paesaggio intorno all'ospedale è molto bello e tranquillo
Punti deboli
I medici non danno informazioni sulle condizioni della paziente (mia madre) se non "bloccati" da noi e pazientemente attesi.
Le terapie antidolorifiche andavano anche queste "attese pazientemente" anche per 4 ore.
L'assistenza infermieristica è scarsissima (una infermiera ogni 20 persone e perlopiu' anziani invalidi): è necessaria ulteriore assistenza pagata dai pazienti (badanti).
Le camere "comuni" gratuite sono una bolgia, quelle a pagamento decisamente migliori.


Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

impatto

e' la prima volta che mi trovo in questa struttura, e' ricoverata mia madre, che dovrebbe fare fisioterapia dopo un mese e mezzo di ospedale a verbania. devo dire che come primo impatto e' stato molto scioccante, ci siamo trovate con le mie sorelle in un reparto dove le infermiere urlavano in mezzo ai corridoi, risa e schiamazzi. mia mamma e' stata messa in una camera con altre tre pazienti, le e' venuto anche il mal di testa dal caos che c'era nei corridoi; senza considerare l'odore di pipi' e quant'altro che aleggiava nell'aria, non so.. io ho sempre pensato che nelle strutture ospedaliere l'odore che dovrebbe prevalere e' quello dei disinfettanti e detergenti anti batterici. Durante la mattinata i medici decidono che deve essere spostata in un'altra camera singola perche immunodepressa. Sarebbe dovuta venire un'ambulanza a prenderla per potere fare un breve tragitto da una struttura all'altra, le infermiere continuano a passare ogni mezz'ora dicendo che l'ambulanza sta arrivando, e cosi' passano quattro ore, e siamo ancora la'... alla fine l'ambulanza non e' mai arrivata e si e' deciso che la mammma si facesse la notte in quel caos.... alle sei e mezza di mattina inizia l'altro trambusto di infermieri che arrivano e quelli che se ne vanno.... inizia un'altra giornata, con dei pazienti che avrebbero bisogno di riposo e solo di attenzioni e cure. Finalmente durante la mattina mia mamma viene spostata con un furgoncino, perche' dell'ambulanza nemmeno l'ombra. in camera mia madre si rilassa e si addormenta, perlomeno qui non c'e' caos e rumore. adesso staremo a vedere.



Altri contenuti interessanti su QSalute