Oncologia Ospedale Novara

 
4.0 (8)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia medica a Direzione Universitaria dell'Ospedale Maggiore della Carità di Novara, situato in Corso Giuseppe Mazzini, ha come Direttore responsabile la Prof.ssa Alessandra Gennari. Il reparto è una Struttura Complessa che svolge attività in regime di degenza ordinaria, di D-H ed ambulatoriale. Per quanto riguarda la Degenza, l'équipe infermieristica è quella stessa che è dedicata alla Struttura Complessa di Radioterapia e alla Struttura Complessa di Ematologia, tutte quante inserite nel Dipartimento Oncologico dell'Azienda Ospedaliero - Universitaria. Presso il day hospital vengono effettuati prevalentemente trattamenti chemioterapici endovenosi (anche in infusione continua) ed intrarteriosi, terapie di supporto e nutrizionali. Presso l'ambulatorio si effttuano la prima visita specialistica ed i successivi follow up, il controllo del paziente in trattamento chemioterapico e tutte le indagini strumentali e procedure che non necessitano di sorveglianza o monitoraggio clinico. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Gloria Borra, Roberta Buosi, Laura Giovanna Forti, Alice Gatti, Alessandra Mosca, Maria Emanuela Negru, David Rondonotti, Valentina Rossi, Chiara Saggia, Andrea Pietro Sponghini.

Recensioni dei pazienti

8 recensioni

 
(4)
 
(2)
 
(1)
2 stelle
 
(0)
 
(1)
Voto medio 
 
4.0
 
3.8  (8)
 
4.1  (8)
 
4.3  (8)
 
3.8  (8)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Ringraziamento polo oncologico

Un grazie di cuore alla dott.ssa Valentina Rossi ed alla dott.ssa Chiara Saggia per la loro professionalità. Personale sanitario ottimo (tranne un'infermiera un po' scortese con me).
Ci vorrebbe più colloquio con i medici. Ora li vedi solo il giorno delle visite prenotate. In altri momenti irreperibili. Ci vuole più organizzazione. Troppe ore di attesa.
Grazie di nuovo alle dottoresse, miei angeli custodi per 7 mesi..

Patologia trattata
Carcinoma seno.



Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Gravi infezioni e ritardo nei trattamenti

Mio padre attende 10 giorni per la risonanza, di cui si sono dimenticati di preparare il referto - vitale per inizio della terapia. Un mese di cortisone e immediata immobilizzazione a letto. Dopo 1 mese poche sedute di radioterapia. E poi attese infinite. Ma questa benedetta chemio quando la iniziamo??? Risposta: vediamo. Vediamo cosa?? Tumore maligno, metastasi alle ossa e aspettiamo? Sì, di prendere una doppia infezione a polmoni e apparato urinario, abbiamo 2 shock setticemici dai quali Dio sa come mio padre sia riuscito a superarli. Ma nel frattempo sono passati 2 mesi e grazie a un'igiene superficiale, sottovalutazione dei problemi e incompetenza degli specializzandi, la chemioterapia non si riesce a fare. Anzi, si affrettano a trasferire un paziente debole in un Hospice. Zero umanità, competenza, tempestività.

Patologia trattata
Tumore uretere.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Ringrazio infermieri e Dott. Rondonotti

E' da molto tempo che volevo ringraziare tutti gli infermieri del reparto oncologia dell'Ospedale Maggiore di Novara per le cure e la pazienza prestate nei confronti di mio marito... In particolare Alessandro, Eddy e... non mi ricordo più i nomi. Volevo ringraziare anche il Dott. Rondonotti per la sua sincerità e aiuto nei momenti difficili di mio marito, l'unico dottore sempre disponibile.
Una nota di critica: infermieri bravissimi ma dottori disorganizzati. Mio marito pendeva dalle labbra della Dott.ssa Buosi, peccato che in 40 giorni si è presentata da lui solo 3 volte.. Vi prego di parlare di più con i pazienti, gli infermieri lo fanno.... grazie.

Patologia trattata
Tumore del polmone.

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Tumore al polmone

Sono in cura presso l'Ospedale Maggiore di Novara per un tumore al polmone (diagnosticato presso il reparto di pneumologia). Sono poi stato operato presso la chirurgia toracica ed infine sono stato seguito dalla dottoressa Roberta Buosi presso il centro oncologico per un ciclo di chemioterapia cautelativa.
Ho avuto modo di apprezzare l'accoglienza, la competenza, la disponibilità verso gli ammalati del personale medico tutto nei 3 reparti dove sono stato accolto. Ho inoltre apprezzato la gentilezza, la pazienza e la cortesia di tutto il personale infermieristico.
Sono stati precisi e dettagliati nelle proposte di intervento in modo da dare al paziente la possibilità di accogliere consapevolmente il percorso di recupero.
Voglio pertanto ringraziare tutti quanti.
Rogate Vallone Giovanni

Patologia trattata
Adenocarcinoma papillare al polmone destro.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Dr.ssa Laura Forti

Tutto é perfetto, un reparto ottimo sotto ogni aspetto, dalla competenza dei medici alla efficienza del personale infermieristico. In particolare desidero elogiare l'operato e la professionalità della dottoressa Laura Forti.

Patologia trattata
Neoplasia.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

UMANITA'

Il reparto è piccolo e di pazienti ce ne sono davvero tanti.

Impossibile dire che non esistano piccoli disguidi dovuti proprio a queste due caratteristiche. Lunghe attese, connessione internet che ogni tanto va a farsi benedire e attese che si prolungano, TAC che vengono smarrite... me ne sono capitate un po' di tutti i colori, ma tutte cose di poco conto alla fine e non serie.

Però, se c'è una cosa che non manca, è l'umanità. All'ultimo incontro, quando abbiamo deciso di passare mia madre alle cure palliative, il dottor Sponghini si è congedato da me con un forte abbraccio. Credo che non potrò mai dimenticare questo episodio.

Non posso fare altro che ringraziare lui e il suo staff, infermiere comprese, per aver dato la possibilità a mia madre di vivere in modo più che decente e dignitoso, oserei dire in modo quasi normale, gli ultimi tre anni della sua vita.

Non so come siano altre realtà ospedaliere, come ad esempio quelle di Milano, ma posso sicuramente consigliare a chiunque questo reparto, per quanto riguarda i tumori testa/collo.

Patologia trattata
Tumore laringe.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ottimo

Ringrazio per la competenza e la professionalità del personale infermieristico e medico. Nonostante il momento difficile, percepisci di non essere solo ma di avere saldi punti di riferimento e comprensione. Grazie.

Patologia trattata
Tumore del colon.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Tumori testa collo

I due dottori sono giovani e volenterosi, ma non all'altezza. Per mia sfortuna ho avuto a che fare con questo reparto per mio padre.
Il dottore più giovane (credo uno specializzando universitario) è incapace di gestire il paziente. Comunica mezze verità che puntualmente vengono smentite e/o dette per intero dal dottore di ruolo la volta successiva. Se entrate nello studio per la classica visita pre-chemio e vedete solo lui... avrete la certezza di aver atteso ore, ore ed ore per una visita del tutto inutile.
Il dottore di ruolo riesce ad essere estremamente gentile e comprensivo, e la volta successiva maleducato e irrispettoso. È capace di dirti di chiedere a lui per la pomata che allevia i problemi alla pelle causati dall'anticorpo monoclonale, e quando gliela chiedi, ti domanda perché non te la vai a comprare in farmacia..
Molto soddisfatto per una metastasi che si è fermata/rimpicciolita, poi va avanti per settimane a dirti che i dolori alla schiena che senti sono dovuti a neavralgie... e solo dopo ripetute richieste di ulteriori esami, scopri di avere una metastasi ossea grossa quanto un buco nero. Capisco che una scintigrafia per un vecchietto in fase terminale possa essere una spesa inutile per un dottore... ma almeno date subito dei farmaci in grado di contrastare quel tipo di dolore.
Quando sei dentro a quello studio, hai la sensazione che ti stiano visitando solo perché va fatto, ma che in realtà non si interessano di te, solo perché sei un paziente incurabile e hai bisogno di una terapia SOLAMENTE palliativa.
Ora io sono in cura per lo stesso male a Milano. Tutt'altra storia.
Nota di merito invece al reparto in generale. Infermiere e assistenti volontarie (signore che fanno compagnia ai pazienti durante le ore di attesa) molto gentili e disponibili. A parte la caposala. Ci mette un secolo per scrivere due robe al computer, e finché non ha finito non degna di attenzione nessuno, creando delle code assurde all'accettazione.

Patologia trattata
Carcinoma papillare della tiroide.


Altri contenuti interessanti su QSalute