Ginecologia Ospedale Reggio Calabria

 
2.7 (8)
Scrivi Recensione
Il reparto di Ostetricia e Ginecologia degli Ospedali Riuniti Bianchi - Melacrino di Reggio Calabria, ha come Direttore responsabile il Dott. Stefano Palomba. Il reparto si occupa dell'assistenza alla donna in gravidanza, erogando inoltre prestazioni di chirurgia ginecologica. Tutti i sanitari, a turno, svolgono attività ambulatoriale (visite ostetriche e ginecologiche, ecografie in gravidanza, ecografie pelviche e trans vaginali) il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 08.30 alle 12.30. Gli esami di II livello (amniocentesi, ecografia morfologica, isteroscopia) devono essere eseguiti in periodi particolari, pertanto è necessario siano prenotati direttamente attraverso la segreteria dell’UOC dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 11.00 (tel. 0965.397209).

Recensioni dei pazienti

8 recensioni

 
(1)
 
(1)
 
(3)
 
(3)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
2.7
 
4.1  (8)
 
2.4  (8)
 
2.5  (8)
 
1.9  (8)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Parto

Ho avuto 12 ore di travaglio, ma una assistenza eccezionale tra le ostetriche di turno, il mio ginecologo dott. Vincenzo Bognoni (che consiglio vivamente perché è una persona competente e dolce) e la mia ostetrica Mariangela. Il parto è durato 2 ore e, nonostante la paura ed i dolori, è andato tutto benissimo grazie al mio ginecologo e alla ostetrica. Ora sono qui con il mio piccolo amore.

Patologia trattata
Parto naturale.



Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Totale delusione!

Ho partorito a settembre del 2013. La nascita di mia figlia si è trasformata in un incubo per me,.
Ringrazio l'ostetrico che mi ha seguita durante il parto, invece il nome del ginecologo che mi ha assistita non l'ho voluto mai sapere..
Il personale è poco umano e disponibile, non informano riguardo alle loro intenzioni, la situazione e le possibilità che ci sono; alla mia richiesta di aiutarmi ad attaccare correttamente al seno mia figlia, l'infermiera si è presentata dopo 2 ore.
Per me è stata un'esperienza negativa che ho superato difficilmente e ora che sono di nuovo incinta non tornerò a partorire in questo reparto.

Patologia trattata
Parto spontaneo.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Ricovero per perdite liquido amniotico

Sono stata ricoverata in questo reparto nel lontano Luglio 1999 e purtroppo mi ritrovo ancora oggi a leggere recensioni negative che risvegliano il trauma subito presso questo reparto.
Premetto che, se pur in assenza di contrazioni, fui giustamente ricoverata a scopo precauzionale per perdite di liquido amniotico, dato che mancavano solo un paio di settimane alla fine del periodo di gestazione.
Fui ricoverata in una stanza con altri 3 posti letto, occupati da altrettante mamme che avevano già partorito, cui si aggiungevano tre culle con rispettivi neonati a cui si aggiungeva un elevato numero di parenti, noncuranti del mio bisogno di riposo in quanto provata da continui monitoraggi del feto in pericolo per via delle perdite.
Dopo aver passato 10 estenuanti giorni in una stanza poco aerata (ricordo era Luglio!!!) piena di gente e senza poter mai dormire, fui dimessa dallo stesso ginecologo che mi aveva seguito a suon di visite private per tutta la gravidanza, con la seguente giustificazione: insufficienza di posti letto. Lo stesso ginecologo che il giorno prima non aveva accettato le mie dimissioni perche' dovevo essere continuamente monitorata.
Al momento del travaglio non si e' reso disponibile e mio figlio e' venuto alla luce grazie all'accoglienza trovata presso l'Ospedale di Polistena, dove un ginecologo, il Dott. Brancatisano, mi assistette senza chiedermi nulla.

Patologia trattata
Ultimo mese di gravidanza, continue perdite di liquido amniotico.

Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Soddisfatta in pieno!!

Dopo la mia esperienza consiglio a tutti di partorire al Riuniti di Reggio Calabria... Io ho avuto un parto difficile (ho rotto le acque la domenica e ho partorito il martedi... non dilatavo piu' di 6 cm.), ma nonostante tutto sono stata seguita da un personale molto professionale e competente e tutto è andato bene! Le ostetriche sono brave e molto dolci e il mio dottore.. un grande!!! Ringrazio ancora di cuore le signore STRATI- GIRASOLE-GANGEMI e il dottore SORACE, che oltre ad avermi seguita durante i 9 mesi di gravidanza è stato presente anche quel giorno!!! Grazie per aver contribuito alla nascita del mio piccolo Emanuele il 06 maggio 2014!!

Patologia trattata
Parto spontaneo.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Non ci metterò piede mai più

Salve, oggi vi voglio raccontare la pessima esperienza in cui sono incappata nel mese di Luglio. Premetto che ero alla prima gravidanza e non ho avuto problemi di salute per cui andarmi a ricoverare prima del parto. Mi si sono rotte le acque a casa, quindi mi sono apprestata a recarmi presso l'ospedale Riuniti dove opera il mio ex ginecologo. Il mio ginecologo è uno dei più giovani che fa parte dell'equipe, ho provveduto a telefonare per informarlo e lui non ha mai risposto. Arrivo in ospedale e, dopo aver compilato le normali procedure, mi fanno sedere su una sedia a rotelle e mi portano nel reparto. Continuo a chiamare inutilmente il mio dottore. Alla visita ostetrica mi informano che ero dilatata di un solo centimetro e quindi avrei partorito dopo minimo 24 ore; nel frattempo vengo informata che il mio dottore quella sera sarebbe stato di turno, quindi non vi descrivo la gioia nel sapere che sarei stata in buone mani. Mi portano in camera nel corridoio, incontro il mio ginecologo che mi rassicura e mi invita a seguire un'infermiera che mi averebbe accompagnata in camera. La camera si trovava nel vecchio reparto, o meglio in un ex ripostiglio, vi erano due letti sporchi e senza cuscini! Nella stanza si trovava anche un piccolo lavandino! Ho chiesto un cuscino e mi è stato spiegato che potevo restare senza visto che in tutto l'ospedale non se ne trovavano. Alle prime contrazioni ero molto tranquilla, anche perchè avevo fatto qualche settimana prima la visita per l'epidurale.
Inizio a stare malissimo, le contrazioni dopo 4 ore di ricovero erano diventate fortissime e, essendo molto debole, chiedo a mia madre, che è rimasta con me, di informare qualcuno. Mia madre si è ritrovata spaesata perchè nell'intero e strapieno reparto vi era una sola infermiera, quest'ultima ha chiesto a mia madre di farmi alzare se volevo assistenza e raggiungerla. Io mi sentivo svenire e, dopo un breve consulto con l'ostetrica, mi viene iniettata della spasmex. Nelle ore successive sto sempre peggio, mi rialzo e faticosamente raggiungo l'ostetrica, che visitandomi dice che la dilatazione è di pochi cm., il collo dell'utero non era pronto e che il dolore era lancinante per via del bambino che era troppo basso. Mi mettono il monitoraggio, io sto sempre peggio e decido di telefonare al mio dottore. Chiamo e richiamo e non ricevo risposta, dopo aver partorito scopro che stava dormendo!
La ginecologa di turno è quella che definiscono la più preparata e che il mio dottore mi ha consigliato anche da chiamare privatamente, affinchè al momento del parto ci fosse. Vero l'01:00 di notte non sopportavo più il dolore e nel frattempo chiedevo qualcosa in cui vomitare e mi veniva negato. Supplico l'ostetrica ad aiutarmi perchè ero senza forze (ho vomitato per tutta la gravidanza), mi viene iniettata una flebo, alla richiesta di spiegazioni circa il medicinale, l'ostetrica spiega a mia madre che erano delle vitamine. Da qui in poi inizia l'inferno, dopo pochi minuti l'effetto del medicinale entra in circolo nel mio corpo, non riconosco mia madre, non sapevo più dove mi trovassi e non riuscivo a parlare, il bambino si muoveva strano e mia madre mia madre chiede all'ostetrica di visitarmi per vedere se fossi arrivata alla dilatazione necessaria per l'epidurale, prontamente mi viene a visitare e mi viene detto che ero dilatata nemmeno tre centimetri. Io ricordo poco di quanto accadeva intorno a me e le contrazioni dopo la flebo erano molto meno frequenti. Dopo circa mezz'ora l'ostetrica ritorna a visitarmi, fa uscire i miei familiari e mi chiede di dir loro quando avessi avuto la contrazione. Ha praticato lo scollamento delle membrane. Non vi descrivo il dolore... e alla richiesta di spiegazione mi viene detto che con la sua manovra ero passata da 3 a 9 centimetri di dilatazione. In sala parto ha finito di rovinarmi, non sto a raccontare quanto successo perchè è troppo cruento e per me, che sono una ragazza molto forte, è difficile da dimenticare. Il mio dottore si è presentato sbadigliando solo per i punti di sutura.
Dopo il parto mi hanno fatto andare in camera, nel reparto nuovo! Il personale è scorbutico, i bambini erano in camera con noi mamme. Se latte nel seno i bambini non ne trovavano, li lasciavano piangere, a nessuno era concessa l'aggiunta! Durante il giorno in tutto il reparto si sentivano bambini che piangevano per la fame e gente che litigava. Per chi restava a fare la notte era una tragedia, non c'era una poltrona in cui riposarsi e la temperatura dei condizionatori era lasciata sul freddo! Ci chiamavano per vestirci i bambini dopo il lavaggio, ed è assurdo! La cosa peggiore era che le stesse infermiere di notte alle dieci gridavano nel corridoio di andarci a prendere l'aggiunta e poi dovevamo ritornare alle 3.00, come se a un neonato bastasse mangiare due volte al giorno....!!!!! Alle dimissioni ho avuto una visita molto frettolosa da parte di un ginecologo e il bambino è stato visitato ancora più velocemente. In reparto non sono concessi fiori, spumante e dolci e vi è un rigido orario di visita! Ma dovrebbe essere applicato per tutti e non solo per i comuni mortali!!!!!

Patologia trattata
Parto spontaneo.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Comportamenti

Il reparto e' stato ristrutturato ed è tutto molto bello, ma come gestione all'interno va male, ad esempio: aria condizionata troppo alta nella notte, quindi per intenderci.. con bambini appena nati e un cesareo appena fatto, non mi sembra il massimo; per il familiare che assiste la notte non ci sono neanche delle poltrone adeguate.
D'accordissimo con le regole rigide verso i familiari che si recano a fare visita, ma si dovrebbero mettere delle regole al personale che lavora nel reparto.. Una capo sala che si atteggia con modi prepotenti rivolgendosi in un modo poco professionale e molto maleducato (forse perche' ha un livello, pensa di potersi permettere tutto ciò?). Poi non si possono fare delle domande che sono molto freddi e scocciati.. io capisco che avendo contatto con molta gente, si sia snervati e stanchi, ma ci sono modi e modi nel porsi con la gente comune a loro, con differenza di professione lavorativa. Non dico debbano essere "succubi" dei pazienti, ma essere umani umili nella semplicità di essere tutti uguali.. uomini di passaggio in questa vita terrena. Basterebbe poco per far funzionare tutto al meglio.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Sporco sporco sporco

Ho assistito mia figlia in questo ospedale; il personale medico lo ritengo molto competente e preparato, niente da dire, anzi, da ringraziare il medico che ha fatto d'urgenza il taglio cesaro ed ha salvato il bimbo e la mamma.
Ma il personale paramedico è quasi inesistente, per non parlare del nido, col bimbo in camera 24 ore su 24: i parenti delle degenti si presentavano alle 6.00 del mattino ed andavano via alle undici di sera, con il cartello visite dall'una alle tre e mezza e si prega di non insistere... Mah..
Stanze piccolissime con tre letti e solo due bagni nel corridoio sporchissimi; la pulizia, se così si puo chiamare, veniva fatta solo una volta al mattino. Ho assistito alla scena di una mamma di una paziente che si è permessa di dire che non aveva lavato il bagno e l'addetta alle pulizie le ha dato il detersivo e le ha risposto "se lo pulisca lei". Un giorno i bagni erano guasti entrambi e le pazienti dovevano andare nell'altro reparto.. pensate chi, come mia figlia, aveva un cesareo e non poteva camminare..
Ripeto, medici preparati che fanno il loro lavoro col cuore, ma troppe cose negative. Mai più un'esperienza del genere.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Gravidanza e parto- dott. Sorace

Il personale medico è veramente competente, le ostretiche dolci e rassicuranti. Sanno fare il proprio mestiere... Le infermiere del reparto ostetricia sono stressate e non prestano un'assistenza adeguata, si scocciano per qualunque cosa!! I bagni sono sporchi e l'ambiente non è accogliente, ad eccezione della "CASA DEL PARTO", molto confortevole e carina. Il miglior ginecologo per me è il dott. Massimo Sorace, oltre ad essere molto preparato è sempre disponibile, ottimista ma al tempo stesso concreto e, cosa molto importante, riesce ad ad ascoltare la paziente senza aggredirla.. Una rarità, ce ne fossero medici come lui!!
Angela

Patologia trattata
Parto naturale con epidurale.


Altri contenuti interessanti su QSalute