Villa Adriana Arignano

 
2.9 (16)
Scrivi Recensione
Indirizzo
via Antonio Robiola 9, Arignano (TO)
Telefono
011 9462415
La Casa di Cura privata Villa Adriana è situata in via Robiola 9 ad Arignano in provincia di Torino. Attiva dal 1994, la casa di cura è specializzata in lungodegenza e riabilitazione ortopedica, cardiologica e neurologica. La struttura si attiene ad un Progetto Riabilitativo Individuale formulato in sede di équipe, messo in atto durante la degenza con sedute quotidiane e verificato secondo rigorosi indicatori di qualità nella fase intermedia del trattamento e prima delle dimissioni. Le attività riabilitative sono finalizzate al recupero della disabilità neuromotorie, cognitive e comunicative e richiedono un elevato livello di impegno globale.

Recensioni dei pazienti

16 recensioni

 
(4)
 
(1)
 
(3)
 
(8)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
2.9
 
2.3  (16)
 
2.5  (16)
 
4.1  (16)
 
2.6  (16)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Ricovero di ieri

Mio padre è arrivato ieri in dimissioni dall'ospedale GRADENIGO, per la riabilitazione dopo l'intervento avvenuto venerdì scorso per la frattura scomposta del femore sinistro.
Purtroppo siamo in emergenza per questo maledetto CORONA VIRUS, e comprendo tutte le difficoltà di gestire con poco personale una struttura del genere.
Però è da ieri pomeriggio che tento di contattare telefonicamente mio padre ricoverato nella stanza 83 letto 26, visto che giustamente a causa dell'ordinanza regionale, non ci è stato permesso l'ingresso in struttura per almeno sistemare le cose del babbo negli armadietti con l'assicurazione che qualcuno di certo avrebbe provveduto.
Dopo innumerevoli telefonate al centralino, e dopo aver parlato con un'altra ospite di Villa Adriana (avendo chiesto su indicazione del centralino dell'interno 367), siamo riuscite a parlare con mio padre solo oggi nel primo pomeriggio. Tutta la sua roba giace a terra a fianco al letto perchè nessuno l'ha sistemata ed il suo telefonino suona ogni volta che chiamiamo all'interno del borsone, senza che lui possa arrivare a prenderlo. A chi posso rivolgermi, perchè si possa almeno collocare il cellulare di mio padre 87enne sul suo comodino e che lui possa almeno rispondere alle nostre chiamate? e per la possibilità di avere una badante al suo fianco che possa accedere senza problemi alla struttura e faccia le nostre veci?

Patologia trattata
Riabilitazione frattura femore.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Emorragie cerebrali recidive

Mio marito è ricoverato presso Villa Adriana dal 17 dicembre 2019: il mio giudizio è ampiamente positivo sotto tutti i punti di vista. Un particolare ringraziamento alla dottoressa Marchese per la sua ineguagliabile gentilezza e competenza e a tutto il personale del reparto unità funzionale 4. Mio marito, purtroppo in condizioni di salute molto compromesse (è anche portatore di Peg per l'alimentazione), all'arrivo nella struttura aveva una grande sofferenza al braccio sinistro, ma ora non si lamenta più per il dolore, anche grazie all'attività di fisioterapia che gli viene praticata compatibilmente con le sue condizioni fisiche.
Un grazie di cuore per quanto state facendo per questo paziente.

Patologia trattata
Emorragie cerebrali recidive.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Il minimo indispensabile

Nessun medico di riferimento, cambiano ogni giorno. Personale OSS sgarbato e, se si suona il campanello, bisogna aspettare almeno 30 minuti per avere assistenza. Nessuna attenzione per il paziente. Necessità di mobilizzare il paziente e attesa fino alle 10.30, nonostante le indicazioni del CTO che imponevano la necessità di alzare presto la persona. Dopo aver pagato 61 € al giorno per la camera singola, ho dovuto ricoverare nuovamente mia madre in ospedale. Una vergogna!

Patologia trattata
Riabilitazione post trauma, 5 costole rotte e versamento polmonare.

Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

FRATTURA FEMORE

Mia mamma è stata operata per frattura del femore e trasferita presso Villa Adriana in giugno per la riabilitazione. Riabilitazione che è stata fatta pochissimo, in quanto ha cominciato a non star bene. Non mangiava, non beveva, non si alzava dal letto per giramenti di testa e per 20 giorni ha avuto una dissenteria continua. Tanto è vero che abbiamo parlato con un medico per trasferirla altrove. Il medico ci ha detto, controllando il diario medico, che non c'erano problemi, di aspettare. Talmente non c'erano problemi che qualche giorno dopo ci hanno chiamato che per forte anemia la portavano all'ospedale di Chieri perchè necessitava di trasfusioni. Fortunatamente a Chieri l'hanno rivoltata dalla testa ai piedi. Talmente andava bene che è stata un mese e mezzo in quell'ospedale, dove devo dire sono stati bravissimi. Adesso è a casa, ma talmente era messa male che è ritornata per ben due volte al pronto soccorso di altro ospedale.

Patologia trattata
Esiti di frattura del femore.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Ricovero post frattura femore

Siamo alle prese con la nonna che è caduta e si è rotta il femore. Come gentilezza delle infermiere niente da dire, ma essendo lei non autosufficiente e non in grado di gestirsi, con ieri 25 giugno è la seconda volta che la troviamo completamente addormentata e non in grado nemmeno di parlare.. Non essendo da lei, ci siamo preoccupati. La dottoressa intervenuta ci ha detto che probabilmente ha avuto un brutto calo di pressione. Ora mi chiedo, ma se non arrivavo io chi le dava da mangiare che non era in grado nemmeno di alzare il cucchiaio?? Sudava freddo ed era pallidissima e nessuno che si è accorto.. Ba bhè che era sabato, ma è stata portata da Chieri molto in forma e ora la trovo malissimo.

Patologia trattata
Frattura femore.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie

Vorrei ringraziare pubblicamente tutto il personale medico e paramedico operante in questa struttura.
In occasione del ricovero per riabilitazione di mia suocera (Chiarle Nella) posso affermare che la sensibilità, l'umanità e la competenza siano una vostra peculiarità.
La possibilità di ricevere qualsiasi risposta con un sorriso sulle labbra riempe il cuore a chi lo riceve.
Le OSS sono di una gentilezza che non è comune.. in particolar modo Esperanza.
Un plauso va alla dottoressa Morabito, che non esita nell'esporre con facile comprensione le problematiche esistenti.
Non vorrei dimenticare le fisioterapiste e riconoscere loro la loro professionalità.
Chi non si e trovato bene nella vostra struttura, è perchè non ha abbastanza sensibilità nel recepire il vostro lavoro. Mille grazie a voi tutti.

Patologia trattata
Frattura femore.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ESPERIENZA MOLTO POSITIVA

Dopo aver letto le recensioni negative di altre persone, ero seriamente preoccupata quando, dopo l'ennesimo ricovero all'Ospedale Mauriziano di Torino per bronchite cronica, mi era stato detto che mia madre sarebbe stata inviata nella casa di cura Villa Adriana per un periodo di riabilitazione.
Le condizioni di mia madre all'ingresso nella casa non erano di una paziente in grado di effettuare nessun percorso di riabilitazione, bronchi sempre peggio, ossigeno quasi 24 ore al giorno, gastrite dovuta ad intossicazione da farmaci (assunti durante la degenza al Mauriziano).. in poche parole in condizioni pessime. Nel mese di degenza alla villa ho potuto constatare un cambiamento enorme... cura nel cercare di capire il motivo di questo stato permanente molto grave, dedizione del medico verso la paziente e i parenti anche con un lungo primo colloquio servito per conoscere meglio la situazione che avrebbe dovuto affrontare. Nel corso delle settimane ho potuto vedere continui e costanti miglioramenti, sempre seguiti con attenzione cercando di diminuire sensibilmente l'assunzione di farmaci e curando anche l'aspetto psicologico della situazione. Al termine dell'esperienza mia madre è uscita con le sue gambe, sicuramente non avrei scommesso nulla nel momento del ricovero. Pertanto CONSIGLIO VIVAMENTE la casa di cura VILLA ADRIANA per il fattore medico, oltre che per la pulizia e la presenza costante di personale infermieristico mai sopra le righe ma sempre disponibile.

Patologia trattata
Bronchite cronica in paziente cardiologica con gastrite da intossicazione da farmaci.
Punti di forza
Devo dire TUTTO.
Punti deboli
Gli orari di visita, per noi discretamente distanti, non compatibili con gli orari di lavoro.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

ESPERIENZA NEGATIVA

Un mio parente, dopo qualche giorno dal ricovero a Villa Adriana, è stato trasferito all'ospedale più vicino perché ha contratto una bronchite all'interno della struttura (ritengo per scarsa attenzione circa la circolazione dell'aria all'interno della camera ed anche perché lasciato con la maglia sudata per diverso tempo).
Le infermiere, da ciò che ho potuto constatare durante l'orario di visita, hanno la tendenza ad essere molto sbrigative con i degenti (es. se il paziente, magari perché non del tutto lucido, non capisce subito che deve tendere il braccio per agevolare l'applicazione di una flebo, viene strattonato nervosamente dall'infermiera. L'ho visto personalmente e mi chiedo come sia il comportamento del personale in assenza di parenti in visita...).
Un degente assolutamente non lucido aveva la tendenza a volersi buttare letteralmente giù dal letto, pur non essendo in grado di deambulare. La parente di un paziente del vicino letto ha segnalato ciò all'infermiera la quale, in mia presenza, ha testualmente riferito alla signora: "se vuole buttarsi che si butti".
Ho visto degenti non lucidi, vicini di letto del mio parente, senza parenti in visita, lasciati con la maglietta fradicia di sudore o il pannolone stracolmo per ore, nonostante le segnalazioni di parenti di altri ricoverati.
Ritengo che nelle strutture convenzionate ci dovrebbero essere controlli più seri da parte delle Autorità.
Il consiglio è di evitare di portare le persone care in questa struttura o, se proprio non si può evitare, cercare di fare frequentemente visita al parente in modo da dare l'idea al personale che persiste un minimo di controllo esterno sul degente.

Patologia trattata
Riabilitazione dopo intervento chirurgico per frattura del femore.
Punti di forza
Pulizia.
Punti deboli
Personale infermieristico di scarsa preparazione con difficoltà ad esprimersi in italiano (il personale è quasi al 100% straniero...) e poco incline ad un approccio umano con i degenti.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Esperienze negative

Mio padre è stato ricoverato nella struttura di Villa Adriana per due volte, la prima volta per motivi di denutrizione e, quando sono stato a fare visita il parente di un altro paziente, mi ha riferito che mio padre era stato male manifestando gravi segni di allergia, ma i medici non sapevano per quale motivo.
La seconda volta a causa di una caduta è stato nuovamente portato a Villa Adriana, dove al momento delle dimissioni il medico responsabile compilava le scale di valutazione con dati sbagliati in quanto dichiarava che mio padre pesava 70 KG., mentre non arriva a 50 (!!!! cosa che ho fatto correggere). Inoltre lo valutava capace di deambulare, mentre aveva bisogno di essere assistito (difatti nella struttura dove si trova ora lo hanno dotato di carrozzina), nonchè valutato capace di orientamento, mentre non sa che giorno sia e dove si trovi... Tutto questo per il semplice motivo di ridurre il punteggio per l'assegnazione di un ricovero permanente in una struttura.
Dove si trova adesso, il primario mi ha confidato che la ASL OBBLIGA i medici ad effettuare valutazioni basse per questioni economiche e il medico di Villa Adriana con il suo giudizio ha fatto in modo che da un totale di 19 punti di valutazione si passasse a 6, mentre mio padre era in peggioramento. Difatti dopo qualche giorno dalle sue dimissioni è stato al pronto soccorso per una caduta e ci è tornato dopo una settimana con una costola fratturata. Ora con l'ausilio di medici SERI e assistente sociale del CTO, mio padre si trova in un ambiente sicuro e totalmente assistito. Villa Adriana non è affidabile e non ha la serietà necessaria per tutelare la salute dei pazienti.

Patologia trattata
Stato di deperimento e caduta.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Sconsigliata!

Nella casa di cura è stata ricoverata la nostra nonna per una lunga degenza in seguito ad una frattura del femore (non grave) riscontrata all'ospedale Mauriziano di Torino. Al momento della frattura e successivamente, la nonna era in condizioni generali di salute soddisfacenti (lucida, reattiva e allegra). Al ricovero a Villa Adriana era stato segnalata dal medico di missionario dell'ospedale Mauriziano la necessità di un materasso anti decubito. Io, arrivata in reparto, vista l'assenza del materasso, ne segnalo la mancanza e successivamente viene messo. Il letto, solo fornito di lenzuolo (senza coperta), è posizionato in zona di corrente davanti a portafinestra (lasciata sempre aperta!!!). Inoltre dopo alcuni giorni, la nonna comincia a rifiutare il cibo che gli viene proposto a pranzo e a cena in quanto PESSIMO (da noi provato). Provvediamo noi stessi a portare alla nonna omogeneizzati ed ad imboccarla in quanto affetta da maculopatia (disturbo importante agli occhi), quindi non in grado di nutrirsi agevolmente da sola (questo all'ora di pranzo... non sappiamo minimamente come andasse la sera in quanto non assistita da noi). Successivamente, ad una mia richiesta riguardo chiarimenti sullo stato di salute generale ed eventuale futuro trasferimento, il medico di reparto irritato dalle continue richieste, e dovendo andare in ferie il giorno successivo, mi dice di rivolgermi al sostituto. Inoltre lo stesso MEDICO, due giorni prima aveva apostrofato a male parole mia mamma intimandole di portare a casa la nonna se non ci andava bene la dieta proposta (!!!!!). L'indomani il nuovo medico (incaricato per una giornata in attesa del sostituto ufficiale) chiamato dalla nostra badante, che in quelle ore ci stava sostituendo, visita la nonna e si rende conto dell'aggravamento delle condizioni di salute e di una possibile polmonite. Ordina quindi una immediata somministrazione di antibiotici e ossigeno. Il giorno successivo subentra il medico ufficiale, visita la nonna che nel frattempo era peggiorata, e criticando la diagnosi del collega, sospende l'antibiotico e rinvia la nonna all'ospedale dove era stato inserito il pacemaker 2 anni prima, affermando il malfunzionamento del suddetto. Al reparto di cardiologia d'urgenza dell'ospedale Maria Vittoria viene stabilito il corretto funzionamento del pacemaker e il buon stato cardiaco e confermata la diagnosi di polmonite. Dopo pochi giorni la nonna è mancata. Sicuramente l'assistenza a Villa Adriana è stata scandalosa, sia dal punto di vista medico che infermieristico. Elogio comunque il giovane medico che ha sostituito per un giorno i colleghi incaricati, che ha fatto una diagnosi corretta.
Monica Pogliano, nipote di Brida Giovanna

Patologia trattata
Lunga degenza per frattura femore.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Sconsigliata, veramente

In questa struttura e' stata ricoverata mia nonna a maggio di quest'anno.
Motivo: mia nonna era stata dimessa da un ospedale per una caduta a terra in casa sua, ma senza esiti di trauma.
Non potendo vivere da sola, era stato consigliato il ricovero per un certo periodo di tempo in una "struttura protetta" (che avrebbe dovuto, appunto, "proteggerla" da cadute, quantomeno).
Nel giro di pochi giorni mia nonna e' caduta, all'interno della struttura, DUE volte.
La prima senza conseguenze, la seconda (per farla breve...) ha compromesso seriamente il suo assetto coagulativo (gia' precario, ma sempre tenuto sotto controllo da farmaci), al punto che... a giugno mia nonna decede.
Gli ultimi esami del sangue (che in una paziente in terapia con anticoagulanti ed in situazione "critica" dovrebbe essere tenuti d'occhio ogni due giorni almeno...) risalivano a una settimana prima (ed erano gia' infausti).
Tutto cio' scoperto dopo il ritiro della cartella clinica (peraltro, come cartella clinica e' loro consuetudine consegnare solo fotocopia dei "diari clinici".. non di tutti gli accertamenti ed esami svolti, che ho recuperato diversamente).
Poca capacita' di gestire bene le emergenze, quindi, e forse poca trasparenza nella consegna (parziale) della cartella clinica.
Altra nota: il cibo era pessimo, servito sì in confezioni igienicamente sigillate, ma gusto pessimo (ho visto servire omogeneizzati alle pazienti... e passati di verdure dall'odore e dal gusto identico a quelli nelle bustine dei supermercati...).
Molte anziane, infatti (fra cui mia nonna) rifiutavano di cibarsi o si cibavano pochissimo.
Sconsiglio il ricovero a parenti cari.
Mi rammarico di non aver insistito con i miei familiari per toglierla dalla struttura.. subito.
Saluti.

Patologia trattata
Ricovero in "struttura protetta" per evitare cadute e per assistenza alle attività quotidiane.
Punti di forza
Pulizia (ma purtroppo non e' sufficiente per curare i pazienti...).
Punti deboli
Scarsita' di personale (mia nonna mi riportava che in assenza di parenti in visita le infermiere "discutevano animatamente" fra di loro, perchè "gli scadevano i contratti e non glieli rinnovavano"..).

Nel nostro caso, problemi nel dosare correttamente i farmaci di una paziente in TAO.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0

Non consiglio di portarci i propri cari

La paziente è entrata per riabilitazione ed è uscita in velocità per disidratazione totale; con lei altre 4 pazienti sono state portate d'urgenza all'ospedale di Chieri per lo stesso motivo..

Patologia trattata
Riabilitazione.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Valutazione generale

Devo dire che ho constatato molta professionalità da parte di tutto lo staff, sia medico, sia infermieristico; a ciò si aggiungono pulizia e gentilezza, che fanno di villa Adriana un ottimo biglietto da visita. Avevo letto precedenti commenti ed ero abbastanza scettico sulla struttura, ma non so dove pensassero di essere, forse esigevano un trattamento da hotel di lusso.. Comunque ribadisco serietà e professionalità da parte di tutta la struttura. Grazie e continuate così.

Patologia trattata
Riabilitazione logopedia post operazione.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Assistenza medica

La mia esperienza presso villa Adriana è stata oltremodo negativa. In breve: mia madre, 88 anni, dopo il ricovero al Mauriziano per rottura polso destro -ingessato- e microfratture al bacino, è stata inviata a Villa Adriana il 17/12/2012 per riabilitazione motoria. In conseguenza della caduta e della ospedalizzazione, mia madre era in leggero stato confusionale, da alcuni giorni rifiutava il cibo e non beveva. Più volte segnalato quanto sopra al medico del reparto, soltanto il 24 questi ha prescritto fleboclisi per idratazione. Nella stessa notte è stata portata al P.S. ospedale di Chieri per grave insufficienza renale: il medico del P.S., al ricevimento, mi ha detto testualmente che mia madre "era disidrata come una prugna secca". Il personale medico e paramedico commentava che nel corso dei tempi avevano ricevuto da Villa Adriana pazienti anziani in condizioni simili. Nonostante le terapie messe in atto immediatamente, mia madre decedeva per insufficienza renale grave il 26/12. A mio avviso il medico responsabile di Villa Adriana ha dimostrato scarsa professionalità, trascurando in modo grave le segnalazioni ricevute giornalmente dai familiari relative all’alimentazione e all’idratazione.

Patologia trattata
Riabilitazione motoria (non effettuata causa decesso).
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Scarsità di interesse

la mia esperienza invece non è stata affatto positiva. Più che un centro riabilitativo spesso dà l'idea di essere un "posteggio" per gli anziani... dovuto molto allo scarso interesse verso il paziente da parte degli infermieri.

Patologia trattata
riabilitazione motoria.
Punti deboli
scarsità di personale.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

ottima struttura

ho trovato personale medico competente e disponibile e personale infermieristico con grandi doti di umanità!

Patologia trattata
riabilitazione motoria
Punti di forza
competenza medica e disponibilità
Punti deboli
orari visita poco flessibili


Altri contenuti interessanti su QSalute