Casa di Cura Santa Maria del Pozzo Somma Vesuviana

Casa di Cura Santa Maria del Pozzo Somma Vesuviana

 
2.6 (13)
Scrivi Recensione
Indirizzo
Via Pomigliano 40, Somma Vesuviana (NA)
Telefono
081 5310111
La Casa di Cura Santa Maria del Pozzo è situata in Via Pomigliano 40 a Somma Vesuviana in provincia di Napoli, in località Santa Maria del Pozzo. Si tratta di una modernissima Casa di Cura (10.000 mq. coperti) composta da quattro piani, con 170 posti letto di cui 100 accreditati con il Servizio Sanitario Nazionale per le degenze di neuroriabilitazione post-acuti - Alta Specialità. Uno dei maggiori punti di distinzione del centro è il trattamento delle disabilità affrontate da equipe multidisciplinari che prendono in carico non solo pazienti adulti con patologie neurologiche in fase post-acuta, ma anche neonati, bambini e adolescenti, di cui curano ambulatorialmente tutti i disturbi neurologici e psichiatrici sia congeniti che acquisiti (traumi da parto, esiti di traumi cranici e spinali, meningiti, ritardo dello sviluppo psicomotorio, disturbi del comportamento, disturbi dello spettro autistico, disturbi dell’apprendimento, disturbi del comportamento alimentare, tumori cerebrali, etc.). La clinica utilizza le tecniche più all'avanguardia, anche di non comune attenzione, come la Pet Therapy, la Neuropsicomotricità in acqua, la Musicoterapia, per ottenere i migliori risultati. La struttura è così articolata: 2 posti letto per assistenza sub-intensiva; 100 posti letto per pazienti con patologie di Alta Specialità Neuroriabilitazione, di cui 20 monitorizzati destinati a Zona Risveglio per pazienti in stato vegetativo; 70 posti letto per Riabilitazione Intensiva Polispecialistica.

Recensioni dei pazienti

13 recensioni

 
(2)
 
(3)
 
(2)
 
(1)
 
(5)
Voto medio 
 
2.6
 
2.5  (13)
 
2.5  (13)
 
2.9  (13)
 
2.6  (13)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Da non tornarci assolutamente

Ho inviato una segnalazione a tutti gli organismi competenti nazionali e locali per denunciare che la consegna di un referto radiografico è avvenuta dopo ben 8 GIORNI, dopo nonostante all'arto radiografato risultasse una frattura.
L'incuria dimostrata con questa esperienza, mi fa chiedere in base a quali valutazioni tale centro sia stato autorizzato ed accreditato proprio dai suddetti organismi competenti.

Patologia trattata
RX anca.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Casa di Cura Santa Maria del Pozzo vera eccellenza

Capita di dover guardare l'erba dalla parte delle radici.. e ci si trova, da operatore del settore, ad essere fruitore di servizi.
E' questa l'esperienza nostra, durata più di un mese, essendo degente, presso la Clinica S. Maria del Pozzo, la paziente V.R., sorella di medici, madre di medico.
E' consolante aver scoperto una struttura sanitaria riabilitativa dove tutto il sistema è funzionalmente efficace ed è doveroso, insieme ad un ringraziamento,consegnare qualche favorevole impressione:
1. -La modernità del complesso, elegante e luminoso, in cui anche i colori e gli spazi contribuiscono a creare accoglienza.
2. - Il personale, dal direttore sanitario ai medici, caposala e infermieri, tecnici della riabilitazione, operatori socio sanitari e addetti ai servizi, capace di profondere professione e umanità per alleviare i disagi e le frustrazioni di chi vive una vulnerabilità nell'esistenza.
3. - La dirigenza discreta e presente, manageriale attenta e familiare.
Auguriamo alla grande famiglia della Clinica di perseverare sempre su questa strada non solo a favore di chi soffre, ma anche per tenere alto il nome della struttura, si da onorare la memoria e l'operato di donna Vittoria e del Professore Salvatore che per realizzare tale sogno che, grazie a Dio, è divenuto realtà concreta e dinamica, moderna ed efficace, hanno speso la loro esistenza...

Grazie di tutto.

Patologia trattata
ESITI DI ICTUS.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Ricoverato

Mi avevano detto fosse la struttura migliore per quanto riguarda l'equipe medica, ma se la dovessi consigliare, non la metterei tra i primi posti..
La terapia veniva data in modo superficiale (molte volte venivano sbagliati i farmaci, nel senso che il paziente assumevana farmaci che non gli erano stati prescritti).
Dagli armadietti sono stati trafugati beni.
Nel complesso non la consiglierei, a parte che per i fisioterapisti, che svolgono il loro dovere con piena efficienza.

Patologia trattata
ESITI di ICTUS.

Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Non è un hotel a 5 stelle ma il rispetto..

Ho letto in qualche commento che questo non è un albergo 5 stelle e che è già tanto quello che si fa per i pazienti nelle condizioni di lavoro in cui sono messi gli operatori socio sanitari. Non concordo assolutamente.
Il rispetto per il malato è imprescindibile e, se le condizioni di lavoro sono inaccettabili, non è il paziente che deve farne le spese.
Mia suocera era al secondo ricovero. Ci avevano parlato di questa struttura come dell'Eden, ma noi potevamo fare paragoni con il Toiano, in cui era stata ricoverata 4 anni fa in condizioni critiche e da cui è uscita quasi autosufficiente. Al primo ingresso abbiamo subito notato una puzza persistente di urina, puzza che non ti togli dal naso per ore.
Le bottiglie d'acqua che portavamo erano sempre piene e ci raccontavano che mia suocera si rifiutava di bere, ma stranamente la sete le tornava quando eravamo lì noi!
A terra sempre sporco, a qualsiasi ora. Pezzi di pannolino intrisi di urina che occupavano la stanza sempre.
E gli OSS... che dire! Chiaramente non possiamo parlare di tutta la categoria, ce n'erano di gentilissimi, ma stranamente sparivano tutti durante l'orario delle visite, quando un parente poteva chiedere un cambio di pannolone perché pieno di escrementi. L'ora del "giro" non era mai quella giusta. Un giorno ho dovuto interrompere una OSS che chiacchierava a voce altissima con un'infermiera, mentre mia suocera aspettava a bocca aperta di essere imboccata. Apriti cielo! Che maleducazione interromperla mentre stava facendo raffreddare la minestrina! Come mi ero permessa! Maleducata, stia zitta...(erano gli improperi rivolti a me, naturalmente). E così via per circa un quarto d'ora, mentre mia suocera finiva di mangiare imboccata da me e non da lei una zuppa ancora calda e un pollo ormai indurito dall'attesa.
Mia suocera ha versato lacrime di gioia quando è andata via, nelle stesse condizioni in cui è entrata due mesi fa, ma sporca da far paura. Ci dicevano che non collaborava nella fisioterapia e non si faceva mettere sulla sedia a rotelle. Appena tornata nella casa di riposo, sentito il persistente odore di pipì, hanno subito predisposto tutto per lavarla. È stata messa sulla sedia a rotelle davanti a noi e le hanno fatto una doccia. Era (stranamente?) collaborativa. Finalmente pulita ha mangiato un pasto caldo imboccata da un'assistente fattiva. Per una persona anziana e malata l'umanità (perché di questo si tratta) è essere trattati con rispetto mantenendo la dignità della persona... Considerate voi se questa è una donna con le mani sempre sporche e i capelli incollati in testa.
Alla OSS in questione vorrei dire che lei, nel momento in cui lavora, non rappresenta solo sè stessa, ma tutta la sua categoria ed è per questo che tutti gli altri dovrebbero provare ad insegnarle non l'educazione, a quello avrebbe dovuto provvedere la sua mamma, ma la dignità e il rispetto per il lavoro.

Patologia trattata
Neuroriabilitazione.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Neuroriabilitazione

Sono ormai tre mesi che mi trovo in questa struttura per assistere mio nonno e devo dire che si tratta di una clinica dove lavora personale molto competente. Mio nonno ha ottenuto miglioramenti inaspettati grazie alla dedizione dei professionisti della riabilitazione che operano in questa struttura. Noto con piacere che negli ultimi tempi, da un mese a questa parte, sia migliorato tanto anche il cibo: la varietà dei menu e la qualità del cibo cucinato, fanno sì che per i pazienti risulti meno stressante il ricovero.

Patologia trattata
Esiti da ictus.
Punti di forza
medici, terapisti, infermieri, OSS, qualità del vitto.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Neuroriabilitazione

La mia esperienza presso la struttura è stata molto positiva. Il ricovero è avvenuto per neuroriabilitazione e devo dire abbiano fatto veramente un ottimo lavoro. Grazie.

Patologia trattata
Neuroriabilitazione.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Commento negativo

Medici che hanno curato come un mal di pancia una problematica cardiaca, nonostante avessimo portato il cardiologo dall'esterno, salvo a chiamarci in piena notte per chiederci di portare il paziente in ospedale, quando era ormai tardi..

Patologia trattata
Esiti da ictus.
Punti deboli
Campanelli nelle stanze che non funzionano.
Roba che sparisce dagli armadietti.
Scarsità di personale nei giorni festivi.
Difficoltà di comunicazione con i medici.
Necessità per il familiari di controllo costante e continuo sulla terapie, sull'alimentazione e igiene dei pazienti.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Commento

Posso solo dire che grazie a questa struttura, ove i pazienti hanno un luogo dove possono essere assistiti con amore da tutto il personale...
Ho avuto modo di leggere commenti negativi.. e posso assicurarvi che io non ho notato niente di cio... anzi: la questione è che se credete che sia una clinica dove, con tanti tagli della sanità e con il coraggio dei proprietari di non mollare e andare avanti, si assicuri sempre tutto al paziente, bene, ricoverate i pazienti. Ma se credete che sia un hotel a cinque stelle dove non volete regole e pensate che tutto vi sia permesso, allora andate da un'altra parte...
Saluti.

Patologia trattata
Riabilitazione.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Ricovero in riabilitazione post ictus

Nella sfortuna di una malattia gravissima ed inaspettata che ha colpito un mio caro, dopo un ricovero in un noto ospedale napoletano dove ho preso coscienza dei tremendi danni che porta con sè questo mostro chiamato ICTUS, ho avuto la fortuna di affidare mio zio alle cure del personale della casa di cura "SANTA MARIA DEL POZZO", dove ho trovato personale medico, infermieristico, socio-sanitario e terapisti di ottimo livello professionale e soprattutto umano. Non nascondo i dubbi che avevo, siamo arrivati in questa strutture senza molte speranze, ma pian piano confortati dai miglioramenti che mio zio ha avuto e dalla competenza del personale, che ci ha assistito in tutto il percorso -durato 4 mesi- e che ancora continua a domicilio. Posso ritenermi soddisfatto del trattamento ricevuto.

Patologia trattata
Esiti da ictus.
Punti di forza
personale;
molto verde attorno alla struttura.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Riabilitazione post ictus cerebrale

Oggi in data 11 agosto 2014 ero andato a informarmi delle condizioni di mio padre e neanche mi sto accingendo a salutare all'entrata dell'ufficio medico, quando sono stato letteralmente allontanato dal prof. De Laurentiis, liquidandomi con la scusa che non aveva tempo perché c'era un nuovo ricovero da fare... E alla domanda "ci possiamo rivedere venerdì?" (che sono i giorni prestabiliti dalle loro regole), mi viene risposto "io venerdi non ci sono". Io insisto spiegando "guardi che mio padre dovrebbe essere dimesso il 24 agosto prossimo" - Risposta: vada in amministrazione per queste cose.
In più, lamentandomi in quanto mio padre aveva un braccio gonfio e gli doveva essere cambiato il pannolone, avevamo premuto il pulsante per il richiamo di qualche infermiere. Ebbene: NON è MAI VENUTO NESSUNO PER PIù DI UN'ORA E MEZZA.
E se mi ho Padre avesse avuto un malore? Ditemi, è normale tutto ciò?
Sconsiglio vivamente di portare pazienti in questa struttura che, aggiungo, oltre alla scortesia, si distingue anche per una pessima carenza igienica sanitaria; senza contare dell'odore sgradevole di escrementi appena si cerca l'entrata principale!

Patologia trattata
Riabilitazione causata da ictus cerebrale.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Esperienza negativa

Ho avuto modo di seguire un paziente per circa quattro mesi e ho assistito a delle cose che sfiorano l'assurdo, tipo: infermieri che danno farmaci a malati non in orario, o con posologia diversa, da quanto prescritto dal medico (o addirittura fanno assumere, per sbaglio, farmaci a pazienti che non dovrebbero); cassonetti per la raccolta differenziata disposti nelle corsie che vengono riempiti di pannoloni dei malati; medici che avvisano i parenti in nottata per avvisarli che il loro congiunto è praticamente "spacciato" e che quindi farebbero bene a portarselo a casa, sbagliandosi (fortunatamente..), vista l'insistenza dei parenti a farlo rimanere in clinica, o quanto meno a mandarlo in ospedale.

Patologia trattata
Riabilitazione arti inferiori.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Sanità privata? Dio te ne guardi bene.

E' davvero drammmatica la vita dei pazienti che gli ospedali della provincia di Napoli inviano alla casa di cura di Santa Maria del Pozzo.
Per prima cosa la struttura non fornisce l'acqua ai pazienti.
Il personale è sempre preso da questioni lavorative e poco si preoccupa dei pazienti. I medici non ne parliamo: non si degnano di dare spiegazioni. I fisioterapisti fanno il minimo indispensabile ("non possiamo fare di più perchè il paziente non collabora", ma stiamo parlando di malati colpiti da ictus, cioè con ridotte capacità cognitive).
Invito l'assessorato alla sanità della regione Campania a prendere dei provvedimenti.

Patologia trattata
ICTUS.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Terapia motoria degli arti inferiori

La casa di cura riceve dalla regione campania circa 900 euro al giorno per la riabilitazione del paziente.
Un paziente mediamente resta in clinica 120 giorni (il rimborso sarà superiore ai 100.000,00 euro).
A fronte di questo rimborso la clinica offre:
- 3 infermieri a turno per oltre 100 pazienti ammassati in stanze da tre letti (quando invece ne possono ospitare 2)
- medici spocchiosi e quasi sempre assenti nei reparti;
- un manipolo di OSS che si lamentano di continuo (e che fanno tutto loro).
- igiene pessima
- fisioterapia per un massimo di 30 minuti al giorno; per le restanti 23 ore e 30, i pazienti vegetano nei letti o si lasciano trascinare su vecchie e inadeguate sedie a rotelle.

Patologia trattata
Terapia motoria degli arti inferiori.
Punti di forza
Forse gli O.S.S.
Punti deboli
Medici e infermieri.


Altri contenuti interessanti su QSalute